Archivi tag: nomine

Nomine Asl: qualcuno finalmente si dimette

foto: ernstl

Un atto dovuto, che se non altro interrompe una catena di nomine “inopportune”. Si commentano così le dimissioni del direttore sanitario dell’Asl Milano 1 Giovanni Materia. L’ormai ex manager dell’azienda sanitaria locale, non appena ottenuto l’incarico, ha dovuto rinunciare, incalzato dalle nostre proteste a vari livelli istituzionali. Su Materia pesa infatti un rinvio a giudizio per abuso d’ufficio. La sua nomina era stata decisa dal direttore generale dell’Asl Milano 1 Pietrogino Pezzano, già al centro di una dura polemica sfociata nella richiesta, respinta per un soffio dal Consiglio regionale, di farsi da parte. Una richiesta che abbiamo nuovamente rivolto a Pezzano stesso, che, a poche settimane dal suo nuovo incarico, non solo non pensa alle dimissioni ma effettua un’altra nomina che ha le stesse caratteristiche di inopportunità della sua e che non sembra rispettare certamente quel principio di prudenza chiesto dall’opposizione nella scelta dei dirigenti. Le modalità con cui sono stati scelti i direttori generali delle Asl e Ao lombarde si ripercuotono a cascata sulle nomine conseguenti. Aspettiamo, come da richiesta del Consiglio regionale passata attraverso un ordine del giorno bipartisan, che gli Assessori vengano in Commissione a spiegare la ratio che ha guidato le ultime scelte nel mondo sanitario lombardo.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , | Lascia un commento

Nomine sanità lombarda: per Bresciani giusto lottizzarle, alla faccia del merito e del rinnovamento

“No” a nomine che rispondano solo alla mera spartizione politica. (foto Tamurello, www.flickr.com)

Adesso Bresciani gioca a carte scoperte. L’assessore alla Sanità lombarda ha infatti dichiarato nei giorni scorsi alla stampa che la logica nella nomina dei direttori generali di Asl e ospedali è fondamentalmente legata al peso del voto espresso dalla popolazione. Una dichiarazione inaccettabile, che avviene a meno di due settimane dalla nomina delle poltrone della sanità lombarda. E il futuro dei 44 posti è sempre più nel segno della lottizzazione.

Il metodo Bresciani delinea uno scenario inquietante e di fatto sancisce che i primari degi ospedali saranno scelti a seconda dell’appartenenza politica. E’ scandaloso che un esponente di rilievo della Lega Nord, che ha così importanti responsabilità nel governo sanitario della nostra Regione e che continua a ingannare gli elettori presentandosi come una forza di rinnovamento e pulizia, arrivi a teorizzare una lottizzazione di tale portata. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento