Archivi tag: mozione

Accorpamenti forzati degli istituti scolastici: il Consiglio regionale lombardo dice “no”

Nei giorni scorsi il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la nostra mozione, di cui sono prima firmataria, che si opponeva agli accorpamenti forzati degli istituti scolastici comprensivi. Il documento invitava la Giunta a studiare un’applicazione graduale e con criteri meno rigidi delle disposizioni governative che prevedono l’autonomia scolastica ai plessi con almeno mille alunni. Aver approvato questa mozione è un grosso passo in avanti, coerente con ciò che ha già fatto la Regione stessa insieme a tutta la Conferenza Stato-Regioni. A questo punto ci aspettiamo una decisione chiara e definitiva del Ministero, che vada nella direzione richiesta.

Pubblicato in Scuola, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Sanità, saltano 85 interventi di ammodernamento degli ospedali lombardi

Dovevano essere lavori di ristrutturazione, bonifica, messa in sicurezza delle strutture ospedaliere, ma rimarranno fermi al palo. Sono in tutto 85 gli interventi negli ospedali lombardi previsti nel quarto accordo di programma del marzo 2010, che oggi sono rimasti senza finanziamento da parte del Governo. Si tratta di adeguamenti strutturali che riguardano ristrutturazioni attese da tempo, ma che non saranno realizzate. In particolare ricomprendono adeguamenti strutturali e impiantistici finalizzati all’accreditamento e volti al raggiungimento delle certificazioni di prevenzione incendio e sisma, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla bonifica per la presenza di amianto, alla messa in sicurezza degli impianti elettrici, all’umanizzazione degli spazi dedicati alla degenza. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

La riduzione delle istituzioni scolastiche in Lombardia sia graduale e sostenibile

La manovra finanziaria di quest’estate impone di attuare, entro il 31 dicembre prossimo, un dimensionamento degli istituti scolastici comprensivi in tutte le regioni. Secondo la legge, infatti, dovranno avere almeno mille studenti, ad esclusione di quelli dei comuni montani e delle piccole isole, per le quali il limite minimo sarà 300. Questo senza che sia stato possibile per i Comuni, data l’esiguità del tempo previsto dalla legge per l’attuazione, consultare i soggetti istituzionali coinvolti. Una norma troppo che rischia di essere insostenibile per tante realtà territoriali, creando una condizione di incertezza per le famiglie e il rischio per i Comuni, già allo stremo per i tagli subiti, di doversi accollare i costi aggiuntivi dell’operazione, quali quelli per i trasporti e la riorganizzazione degli spazi. Per questo in una mozione abbiamo sollecitato la giunta regionale a chiedere al ministero dell’Istruzione un’applicazione graduale della legge. La Conferenza delle Regioni ci ha dato ragione e ha chiesto al ministero che ci sia tempo fino all’anno scolastico 2014-2015 per l’applicazione della norma e che l’obiettivo dei mille alunni sia raggiunto seguendo una media di carattere regionale e con criteri non rigidi, che tengano conto delle particolari esigenze dei territori.

Pubblicato in Scuola, Territorio | Taggato , , , | 3 commenti

Tagli al personale scolastico: la Regione non stia a guardare

Ancora tagli all’organico delle nostre scuole. Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha comunicato poche settimane fa la dotazione degli organici del personale docente per il 2011/12. Le notizie non sono buone, poiché si prevede una riduzione rispetto all’attuale organico pari a 2.500 posti suddivisi tra scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. Riduzioni che si vanno ad aggiungere a quelle già indicate per il triennio 2009/2012 dal piano programmatico del 2008 dello stesso Ministero, d’intesa con il Ministero dell’Economia e Finanze. Nel piano per il prossimo anno scolastico si prevede una ulteriore riduzione di 1.900 posti per personale amministrativo, tecnico, ausiliario. Continua a leggere

Pubblicato in Scuola | Taggato , | Lascia un commento