Archivi del mese: aprile 2016

Sanità – In Lombardia la semplificazione è in grave ritardo

Sono 178milioni le prestazioni sanitarie ambulatoriali, tra visite ed esami, erogate in un anno dal sistema sanitario regionale lombardo, di cui il 41,5% nelle strutture private accreditate. Solo 3.576.280 sono prenotate tramite il call-center della Regione, 56.601 tramite internet (compresa l’app Salutile, ad oggi attiva solo per gli ospedali milanesi) e 146.015 effettuate direttamente in farmacia. È quanto si evince dalla relazione annuale sulla semplificazione della Regione Lombardia, in discussione in questi giorni nelle commissioni del Pirellone. Questa mattina la relazione è stata discussa a approvata a maggioranza in commissione sanità e bilancio.

La gestione delle prenotazioni, così come il fascicolo sanitario e la ricetta farmaceutica elettronica sono portati a esempio di semplificazione a vantaggio del cittadino.In realtà i dati non sono affatto lusinghieri. La Lombardia è molto in ritardo su questo fronte, come abbiamo già denunciato in altre occasioni. Il primo dato eclatante è che tutte le prestazioni effettuate nel privato convenzionato sono escluse dai sistemi di prenotazione più comodi ma anche sul fronte del pubblico la realtà è deludente. Di fatto gli utenti ancora oggi sono costretti a recarsi di persona o a telefonare nelle diverse strutture per prenotare una visita o un esame, con grande perdita di tempo. E se questo, secondo la giunta regionale, è l’esempio di semplificazione a vantaggio del cittadino, figuriamoci il resto.

Anche sul fascicolo elettronico il terreno da recuperare è molto: su 28.476.869 referti caricati nei 5.834.089 fascicoli elettronici compilati, solo 10.046.653 sono stati consultati dal medico di famiglia o dal paziente stesso nel 2015. Ciò significa che la gran parte dei referti viene ancora portata a mano dai pazienti a medici di base e specialisti.

Sulla ricetta farmaceutica dematerializzata la Lombardia ha recuperato il gap iniziale (erano solo il 2% a gennaio 2015) ed ha raggiunto il 70% delle ricette emesse a dicembre. Tuttavia i dati Promofarma, la società che monitora l’andamento della ricetta elettronica in tutta Italia, vedono la Lombardia ancora al dodicesimo posto in Italia dopo Veneto (88,5%) Campania (87,7%), Sicilia (87, 3%) e Piemonte (81,2%) e questo solo per citarne alcune. Ancora al palo è, invece, la ricetta dematerializzata per le prestazioni ambulatoriali, ferma al 4%.

Intanto, dall’entrata in funzione, 14 anni fa, della carta sanitaria regionale, la spesa per l’informatica sanitaria è arrivata a valere 2,1 miliardi di euro. Sembra evidente che verificare un corretto rapporto tra risorse impegnate e benefici reali per i cittadini in Lombardia sarebbe doveroso.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Giornata nazionale della salute della donna – L’impegno del Consiglio per la prevenzione e la cura al femminile

Speciale celebrazione, oggi in Consiglio regionale della prima giornata nazionale per la salute della donna, istituita nel giorno della nascita del Premio Nobel per la Medicina, Rita Levi Montalcini. Si è svolta questa mattina a Palazzo Pirelli la cerimonia dell’annullo del francobollo da 0,95 euro sulla cartolina dedicata, emesso oggi dal ministero dello Sviluppo Economico e distribuito da Poste Italiane con l’effige della grande scienziata.

Oggi abbiamo partecipato a un evento significativo La salute di genere si lega all’appropriatezza e alla personalizzazione delle cure ed ha quindi valore per tutti gli individui. Questa è una giornata simbolo e sappiamo che ai momenti simbolici devono seguire le azioni. Oggi si deve rinnovare l’impegno della Lombardia a mettere in campo politiche sanitarie di genere sempre più avanzate .

“Il fatto che la giornata della salute femminile si celebri nel giorno della nascita di zia Rita – ha fatto sapere la nipote Piera Levi Montalcini tramite un messaggio letto durante la cerimonia– è un commovente segno di attenzione della comunità scientifica e consegna a noi tutti la responsabilità di portare avanti ciò che una ‘piccola grande donna’ ha lasciato in eredità a tutti gli individui di una nazione democratica e solidale. “

Il francobollo e i prodotti filatelici collegati potranno essere acquistati allo Spazio Filatelia di via Cordusio 4 a Milano, per 60 giorni. In seguito gli esemplari saranno conservati al Museo Storico della Comunicazione di Roma.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Breast unit – Serve attenzione ai tempi di attesa e all’efficacia degli screening

Oggi, in Commissione sanità, il direttore generale dell’assessorato alla Sanità, ha annunciato che la delibera di Giunta che recepisce le linee guida nazionali per istituire la rete delle Breast Unit (BU) per la prevenzione e la cura dei tumori al seno dovrebbe finalmente concretizzarsi il prossimo 28 aprile. Bene la delibera, che attendiamo da tempo e che è stata sollecitata più volte in maniera bipartisan. Appare fondamentale che nel riconoscimento dei centri di BU il rapporto tra il numero delle prestazioni erogate e i tempi di attesa sia equilibrato. Infatti fra gli indicatori di qualità che dovranno essere utilizzati per l’individuazione dei centri di senologia vi è il numero delle prestazioni erogate (150 almeno) ma anche la tempestività dell’intervento chirurgico. Il rischio infatti è che le donne in questo particolare stato di fragilità ricorrano più frequentemente al pagamento delle prestazioni in regime di solvenza. Gli unici dati forniti rilevano che nella più importante delle strutture pubbliche milanesi il livello di ricorso al regime di solvenza causato dai tempi di attesa troppo lunghi è alto.

Nella risoluzione approvata all’unanimità dal Consiglio regionale era sottolineato anche un impegno specifico sul tema della prevenzione secondaria.I dati di Regione Lombardia sui livelli di adesione agli screening sono ancora disomogenei sui diversi territori. Per questo è necessario  tutelare le attività e prendere in considerazione la possibilità di abbassare l’età di accesso, come fatto da altre Regioni, perché in linea con l’incidenza della malattia che purtroppo riguarda sempre più spesso donne con meno di 50 anni. Ricordiamo che in Emilia Romagna l’accesso agli screening è proposto a partire dai 45 anni.

Pubblicato in Blog Dem | 1 commento

Giornata nazionale della salute della donna-L’impegno del Consiglio per la prevenzione e la cura al femminile

E’ dedicata al Premio Nobel Rita Levi Montalcini la cartolina celebrativa che il Consiglio Regionale propone in occasione della prima Giornata nazionale per la salute della donna del prossimo 22 aprile, 107° anniversario della nascita della scienziata. Sono mille le copie che saranno distribuite gratuitamente venerdì (dalle 8.30 alle 13.30) nel foyer di Palazzo Pirelli, dove sarà allestito uno stand di Poste Italiane e sarà anche possibile avere lo speciale annullo filatelico.

 L’iniziativa, presentata questa mattina a palazzo Pirelli si inserisce nel quadro degli eventi in calendario per la prima Giornata nazionale della salute della donna promosse da Poste Italiane e da l’Osservatorio nazionale per la salute della donna (Onda).

E’ importante che il Consiglio regionale aderisca alla Giornata nazionale. Si tratta di un’occasione per impegnare ancora di più Regione Lombardia nell’azione a sostegno dalla salute delle donne, soprattutto della prevenzione. Molto è stato fatto, in Lombardia gli ospedali con i bollini rosa, ossia improntati a modelli innovativi di presa in carico della donne sono già numerosi. Ma l’impegno deve essere quello a fare di più. La necessità è quella di potenziarli ulteriormente. Centrale inoltre, tra l’altro, incrementare la lotta ai tumori femminili,incentivare la salute sessuale.

Nello stand di Palazzo Pirelli, Poste Italiane distribuirà la cartolina dedicata su cui sarà apposto lo speciale timbro realizzato per l’occasione, che riproduce il logo del Consiglio Regione e la dicitura “Prima giornata nazionale della salute della donna”.

 

 

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Salute mentale – Sostegno alla battaglia di operatori e associazioni

A quando la salute mentale nella riforma del sistema sociosanitario lombardo? Questa la domanda posta al convegno-dibattito che si è svolto questa mattina a palazzo Pirelli con i protagonisti del mondo della salute mentale che hanno portato utili contributi alla riflessione.

Sosteniamo la battaglia degli operatori e delle associazioni che si occupano di salute mentale in Lombardia per una vera riforma del settore. Siamo però preoccupati per alcuni temi rimasti ancora aperti nell’ultima versione del testo di legge che la maggioranza porterà in Commissione  sanità mercoledì prossimo: va innanzitutto chiarito che la nuova Area salute mentale dovrà avere la forma e la dignità di Dipartimento e vanno assicurate risorse adeguate.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Domani sera a Milano una serata patrocinata dal Consiglio regionale per dire no alla sballo

Parte a Milano, dopo Padova, Roma e Torino, la campagna #Riprendiamociildivertimento, promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri contro l’abuso di alcool e sostanze, in particolare in relazione ai comportamenti alla guida. La tappa milanese è patrocinata dal Consiglio regionale proprio perchè il tema è molto attuale e coinvolge moltissimi giovani. Per questo è importante che anche il Consiglio regionale continui a sostenere le iniziative che, come questa agiscono efficacemente per la riduzione del danno. E’ essenziale dare unmessaggio che sia innanzitutto positivo.

L’evento prevede per domani, sabato 16 aprile, una serata al LimeLight di Milano (via Castelbarco 11), a ingresso libero dalle 22 alle 24, con un “percorso ebbrezza” controllato e studiato per far vivere le sensazioni dello sballo e della perdita di controllo senza le conseguenze che in condizioni normali ne derivano.

Alla serata parteciperà Dino Giarrusso de Le Iene. Questo proprio per far passare il messaggio da figure che possono essere dei modelli per i ragazzi e essere sentite affini, piuttosto che farlo cadere dall’alto, da genitori, insegnanti o istituzioni.

Il target principale della campagna è la fascia di età 18/35 anni, la più soggetta allo “sballo”. Si mira a scalzare quei modelli culturali e sociali che conducono a identificare il divertimento con la perdita di controllo e l’abuso di sostanze e di alcool. L’Associazione Giovani professionisti italiani, vincitrice del bando per l’intervento di sensibilizzazione, prevede che saranno raggiunte tre milioni di persone.

Tutti i materiali, le slide e i video possono essere scaricati dal sito http://www.riprendiamociildivertimento.it/

 

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Legge 194 – La Regione ne garantisca la piena applicazione

La Regione intervenga per garantire la piena applicazione della legge 194 in Lombardia. Oggi anche il Consiglio d’Europa ha affermato, accogliendo un ricorso della Cgil, che le donne in Italia continuano a incontrare “notevoli difficoltà” nell’accedere ai servizi di interruzione di gravidanza, vedendosi così leso ogni giorno il proprio diritto alla salute, mentre i medici non obiettori subiscono discriminazioni. Purtroppo  si tratta  dell’ennesima conferma di un quadro sconfortante che in Lombardia conosciamo bene. Alla fine dello scorso anno abbiamo condotto un’indagine sull’attuazione della 194, chiedendo a ogni presidio della regione i dati relativi alla sua attuazione. Dai dati è emerso che la percentuale dei ginecologi obiettori è del 69,4 %. In 7 ospedali lo è la totalità (Calcinate, Iseo, Gavardo, Oglio Po, Melzo, Broni-Stradella e Gallarate). In 12 ospedali la percentuale di obiezione è tra l’80% e il 99% (per esempio Fatebenefratelli e Niguarda di Milano) e solo in 8 strutture è inferiore al 50%. C’è una chiara pregiudiziale ideologica che  non riesce a essere superata. Da parte nostra, chiediamo ancora una volta, come facciamo inascoltati, da anni, di attuare la legge 194 in tutte le sue parti, imponendo la mobilità del personale nelle strutture pubbliche e obbligando quelle private accreditate a garantire la possibilità di effettuare l’ivg. Chiediamo, infine al Governo e al Parlamento di attuare progetti capaci di garantire la presenza di personale non obiettore in tutti i presidi ospedalieri.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Oggi in aula consiliare a dare il benvenuto ai ragazzi dell’elementare Pascoli di Sesto san Giovanni

visitascuolaprimariapascoli

Una delegazione di giovanissimi  sestesi in Consiglio. Oggi i ragazzi delle seconde A e C della Scuola elementare G. Pascoli di Sesto San Giovanni hanno visitato palazzo Pirelli. Ad accoglierli in aula consiliare, a illustrare loro l’attività dell’istituzione e rispondere alle loro domande una loro concittadina, la vicepresidente del Consiglio regionale, Sara Valmaggi.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento