Archivi del mese: gennaio 2014

Ampliare gli orari degli ospedali? Perchè Maroni non l’ha accolta quando a proporla è stato Il Pd?

Salvini è un genio a posteriori. Per diminuire le liste d’attesa Matteo Salvini propone di ampliare l’orario per gli esami negli ospedali pubblici, anche fino a mezzanotte, sul modello già applicato in Veneto. Una buona idea, che però non ci saremmo aspettati di ascoltare dal segretario federale del Carroccio. Il Pd lo aveva proposto da tempo e ribadito in una conferenza stampa, il 27 novembre scorso. Ma l’idea non è stata apprezzata dalla Giunta Maroni che ha preferito erogare 25 milioni di euro, finiti per lo più a strutture private, senza avere alcuna certezza che questi soldi servano effettivamente al loro scopo. L’assessore Mantovani, da parte sua, rispondendo a una nostra interrogazione in commissione Sanità, ha confermato l’intenzione di portare avanti il progetto.
Forse in Lombardia si preferisce ancora tutelare qualche vecchio amico, piuttosto che i cittadini che aspettano mesi per un esame?. A Salvini e Maroni l’onere della spiegazione.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento

La Regione sostenga il Museo della fotografia di Cinisello

La Regione sostenga il Museo della fotografia di Cinisello Balsamo. Questo quanto ho chiesto in un’interrogazione che ho presentato questa settimana insieme a Fabio Pizzul. Il Museo ospita 29 fondi fotografici di più di 600 autori, per un totale di oltre 2 milioni di pezzi, 800 mila dei quali di proprietà della Regione. La loro conservazione richiede ingenti risorse, che fino a oggi sono state stanziate dalla Provincia di Milano, dal Comune di Cinisello e, con donazioni, da privati ma che ora sono decisamente insufficienti alle reali necessità, tanto che la Fondazione che gestisce il museo versa in condizioni economiche davvero critiche. Per questo oltre 700 persone, (gli Amici del museo di fotografia) hanno lanciato un appello al ministero dei Beni culturali, alla Regione e al Comune di Milano per chiedere il riconoscimento di museo nazionale, un adeguato sostegno economico e uno spazio espositivo a Milano.
Le risorse necessarie sono ingenti. Per la sola gestione dei fondi appartenenti a Regione Lombardia si stima siano necessari 150 mila euro l’anno e questo a fronte del fatto che la voce “conservazione dei beni culturali” del bilancio regionale si è ridotta di molto.
La Regione dovrebbe intervenire. E questo, sia a tutela dei fondi di sua proprietà ospitati a Cinisello, sia in vista della possibile partecipazione del museo a Expo 2015. Per questo abbiamo chiesto all’assessore regionale alla Cultura se intende entrare a far parte della Fondazione che gestisce il museo e con quale quota.

Pubblicato in Blog Dem, Cultura e sport | Lascia un commento

La Regione si ostina a ignorare la legge 194. Partecipi subito al Tavolo tecnico del ministero della Salute

Regione Lombardia si ostina ad ignorare le criticità nell’applicazione della legge 194. E oggi ne ha dato l’ennesima prova. Il ministero della Salute ha attivato un Tavolo tecnico, a cui sono stati invitati tutti gli assessori regionali, per monitorare le strutture ospedaliere dove sono praticate le interruzioni volontarie di gravidanza (Ivg) e individuare le criticità nell’applicazione della 194, soprattutto in relazione all’obiezione di coscienza. Con un interrogazione discussa oggi in consiglio regionale abbiamo chiesto a Mantovani se la Regione avesse partecipato al tavolo e ci è stato risposto di no.
Il fatto è grave. Mantovani si ostina a sostenere che in Lombardia non c’è alcuna criticità nella raccolta dei dati relativi alle Ivg, ma questo non è affatto vero. Le informazioni riferite in Consiglio dall’assessore per rispondere alle nostre interrogazioni in materia sono sempre state parziali e tardive: i dati erano sempre riferiti a due anni indietro. L’assessorato non ha mai dato un quadro chiaro sull’applicazione della legge 194. Tanto che, per sanare il deficit di informazione, l’estate scorsa ho chiesto i dati sull’obiezione di coscienza direttamente alle singole strutture ospedaliere, facendo emergere un quadro sconfortante. Su 63 presidi ospedalieri 11 vedono una presenza di obiettori di coscienza del 100%. In altri 12 il numero di obiettori varia tra l’80 e il 99%, in 21 presidi oscilla tra il 60 e il 90% e in 13 tra il 40 e il 59%.
I numeri parlano chiaro. La legge 194 in Lombardia è disattesa. Forse anche per questo Mantovani preferisce non confrontarsi con le altre regioni. Io credo invece che dovrebbe farlo e partecipare da subito al Tavolo tecnico del ministero della Salute .
La condizione della Lombardia rispecchia purtroppo quella del Paese e dell’Europa, che vede da tempo sotto attacco il diritto al’aborto legale per le donne. Una controriforma che mette in discussione la libertà di scelta delle donne che va fermata. Per questo aderirò all’appello in difesa della 194, lanciato dalle donne di “Usciamo dal silenzio”, in occasione dell’anniversario della manifestazione nazionale del 14 gennaio 2006.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento

Necessario potenziare la rete delle cure palliative e della terapia del dolore

Necessario valorizzare e potenziare la rete delle cure palliative e della terapia del dolore. Questo quanto ho voluto sottolineare nel mio intervento al convegno “Sanità: cura palliative per i malati terminali”, che si è tenuto questa mattina a palazzo Pirelli, per presentare una ricerca di Eupolis Lombardia, promossa dall’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale.
Nella nostra regione le cure palliative interessano un numero considerevole di pazienti: le persone coinvolte, bisognose di terapie e sostegno, variano tra le 40 e le 55 mila. La Regione non ha ignorato il problema ma l’ha affrontato ancora prima dell’approvazione della legge nazionale. Ora la necessità è potenziare la rete delle cure palliative e della terapia del dolore, a partire da un’integrazione dei servizi sanitari e sociali. Questo per dare ai pazienti un unico punto di riferimento.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento