Archivi del mese: febbraio 2013

Cure palliative-Preoccupata per i tagli. Necessarie più risorse

La preoccupazione  espressa ieri dalla Cgil in merito ai tagli alle cure palliative è condivisibile ed era già stata espressa nei mesi scorsi dalla Società  italiana di cure palliative che, in proposito, aveva scritto una lettera alla Regione. La società di cure palliative aveva espresso la preoccupazione che con la delibera del 28 dicembre scorso le risorse destinate alle cure palliative fossero fortemente ridotte.  Da parte mia avevo già espresso in occasione dell’approvazione del Piano sociosanitario regionale la necessità di sostenere la rete delle cure palliative e del dolore, in particolare l’assistenza domiciliare.L’osservazione era stata accolta ma ora la necessità è quella di  dare gambe a quell’impegno e la delibera del 28 dicembre non va in questa direzione.L’assessore Melazzini sostiene che  i tagli non ci sono ma sono solo un problema di ‘gestione contabile’. Se è così lo risolva in fretta.

Da parte mia non posso che ribadire il mio  ‘impegno  a sostenere la rete delle cure palliative nella prossima legislatura.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Rilanciare il sistema dei servizi per le dipendenze

 Rilanciare il sistema dei servizi per le dipendenze.   Questa uno degli impegni che si dovrà assumere la prossima giunta regionale   e che ho fatto mio nell’incontro con  gli operatori del settore presso la sede regionale del coordinamento nazionale delle comunità d’accoglienza  (Cnca) a Sesto san Giovanni. Il mondo delle dipendenze  sta cambiando e assumendo  forme  ancora più insidiose perché dirette verso sostanze lecite, alcool, farmaci e gioco d’azzardo.  La relazione  annuale al Parlamento del Dipartimento politiche antidroga evidenzia una  quadro preoccupante soprattutto per gli adolescenti.  Tra loro c’è una tendenza all’aumento dell’uso di cannabis, come di stimolanti, mentre diminuiscono i consumi di cocaina e allucinogeni.

Altro dato inquietante  è quello sul gioco d’azzardo patologico. In Lombardia sono 500 i gamblers in cura nei servizi  pubblici lombardi. Nella’area metropolitana milanese si stima che siano 50 mila gli studenti che giocano, circa il 40% del totale e  di questi circa il 30 per cento sono minorenni. Almeno  5000 studenti sono giocatori problematici.

La necessità è quella di attuare una riforma per dare continuità di risorse ai servizi pubblici e del privato sociale, che   stanno vivendo gravissime difficoltà economiche e  rischiano di non essere più in grado di rispondere ai bisogni dei pazienti.  Necessario anche sostenere le famiglie e gli operatori della scuola che sono disorientati da un fenomeno difficile  da capire nei suoi diversi aspetti attuando  un piano di formazione sulle dipendenze. Prioritaria anche l’approvazione di  un progetto di legge che abbiamo già presentato nella scorsa legislatura per la prevenzione, il contrasto e il trattamento delle dipendeze da gioco d’azzardo patologico.

Infine  è indispensabile che la legge nazionale sulle dipendenze venga riscritta, tenendo conto del totale cambio delle forme di dipendenze. Intervenire su quella esistente può essere del tutto inefficace se non addirittura controproducente.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Maugeri-E’ il crollo del sistema Formigoni. Ora regole nuove

 

Siamo di fronte al crollo definitivo del sistema Formigoni. Le accuse sono molto gravi e coinvolgono non solo l’ormai ex presidente ma anche le persone a lui più vicine nella gestione della sanità lombarda e della Regione. Occorre cambiare, togliere dalla sala di comando un gruppo di potere che ha governato molto a lungo e introdurre finalmente regole improntante alla massima trasparenza.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Maggiori garanzie per chi offre assistenza sociosanitaria in carcere

Maggiori garanzie per chi  fa assistenza sociosanitaria in carcere .  Questa la richiesta che gli operatori della salute che lavorano nelle carceri lombarde  mi hanno presentato questa mattina, nel corso di un incontro che si è tenuto presso il polo universitario dell’ospedale San Paolo a Milano. La maggior parte degli operatori socio sanitari  che operano nelle carceri lombarde lavorano da liberi professionisti, il che  rende difficile una continuità della cura e  della prevenzione e  lo sviluppo di una conoscenza  delle specificità dei bisogni di cura e assistenza  dei detenuti, in gran parte affetti da patologie croniche. Regioni  quali l’Emilia hanno già avviato la regolarizzazione di questi operatori. Io credo che anche la Lombardia, seguendo questo modello,nella prossima legislatura, debba adoperarsi per offrire loro maggiori garanzie. Questo  per migliorarne le condizioni di lavoro,  offrendo  così una migliore assistenza ai detenuti.

 

 Milano, 11 febbraio 2013

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Anche oggi a Milano due casi di stupro. Dare subito attuazione alla legge regionale di contrasto alla violenza sulle donne per fermarla

La violenza sulle donne va fermata. Anche oggi  le agenzie danno notizie di due denunce di stupro solo a Milano, una su una donna di 37 anni in casa e una su una studentessa di 19 anni in discoteca. Sembra un bollettino di guerra non è accettabile.

  La violenza sulle donne va  combattuta da subito.  Per questo è fondamentale  dare piena attuazione alla legge regionale di contrasto alla violenza sulle donne, di cui sono stata prima firmataria. Bisogna destinarle da subito i finanziamenti per poter attuare al più presto gli interventi  previsti: percorsi di formazione  per gli operatori, le  forze dell’ordine e tutti i soggetti che,  a vario titolo, si occupano di contrastare e prevenire la violenza sulle donne e  programmi educativi, sia per fornire strumenti atti ad individuare eventuali casi di violenza  o maltrattamento, sia  a  diffondere,  fin dall’infanzia, una cultura mirata al rispetto di genere. Il mio impegno è farlo nei primi 100 giorni della prossima legislatura.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Oggi in Procura ho dato conto di tutte le mie spese:600 euro di francobolli e 75 euro per un albergo a Mantova

 Questa mattina sono stata  ascoltata in Procura in qualità di ‘persona sottoposta ad indagini’. Ai magistrati  ho rendicontato   nel dettaglio tutte le spese su cui mi è stato chiesto  un chiarimento. La prima  è un pernottamento in un albergo di Mantova  del 28 ottobre 2008 del valore di 75 euro, in occasione di un incontro organizzato la sera stessa alle 21 dal Pd locale sui temi della scuola, dal titolo ‘Merito progetto futuro ‘, convegno conclusosi ad un orario in cui non era possibile tornare a Milano con i mezzi pubblici.  La seconda è la spesa per l’acquisto di 300 francobolli per un valore complessivo di 600 euro, per la spedizione degli atti del convegno “Una scuola di valore per tutti ”, organizzato dal gruppo regionale del Pd nel 2009, di cui sono stata relatrice. Scopo dell’invio era far conoscere  l’iniziativa  , oltre che ai partecipanti, agli operatori del settore.

Ho piena fiducia nella magistratura   e  sono certa di aver svolto il mio ruolo istituzionale con onore, così come sono sicura  che le spese che ho sostenuto sono conformi alla legge e consone al mio mandato.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento