Archivi del mese: gennaio 2012

Città della Salute, futuro ancora incerto

Sulla Città della salute permangono preoccupanti elementi d’incertezza. Ieri mattina il sottosegretario all’Attuazione del programma Paolo Alli ha risposto a una question time sulla Città della Salute di cui ero prima firmataria. Dopo le sue affermazioni, restano comunque le nostre perplessità e le nostre preoccupazioni sull’effettiva capacità di realizzare l’intervento. Questo soprattutto perché su localizzazione, finanziamenti e tempi di realizzazione la risposta data oggi in aula non è affatto rassicurante. Questo anche perché oggi Alli ha reso noto che è stato fissato un incontro del Tavolo tecnico per il 18 e il 19 gennaio per individuare soluzioni alle tantissime criticità emerse.

I dubbi maggiori riguardano gli interventi di riqualificazione dell’Ospedale Sacco. I fondi a cui è stato fatto riferimento, infatti, sono quelli del VI Accordo quadro, sul quale finalmente il Governo Monti ha riaperto il confronto con le Regioni, ma sul cui esito pesano ancora molte incertezze. Spero che i tempi per prendere decisioni siano ristretti, come annunciato.

Da parte nostra continueremo a incalzare la giunta. Abbiamo già chiesto un’audizione della direzione e dell’assessore alla Sanità in Terza commissione perché le criticità evidenziate sono legate a servizi ad alto rilievo sanitario e della ricerca e solo la Commissione appare la sede adeguata ad un confronto serrato con chi governa questa Regione.

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Ponzoni si dimetta e non si convochi l’Ufficio di presidenza finché non sarà ricomposto

La situazione in cui si è venuto a trovare l’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale della Lombardia con l’arresto dei due componenti del Pdl (Nicoli Cristiani e Ponzoni) ne rende impossibile il funzionamento. Perciò io e il consigliere segretario Carlo Spreafico riteniamo inopportuna la sua convocazione sino a quando i due componenti non saranno sostituiti. Peraltro è necessario che lo stesso Ponzoni rassegni le dimissioni dall’incarico, così come ha fatto a suo tempo l’ex vicepresidente Nicoli Cristiani.

È evidente come si sia creata una situazione molto grave che mette a repentaglio la credibilità della stessa istituzione. Riteniamo sia dovere della maggioranza assumersi totalmente la responsabilità di uscire da questa situazione. Per questo abbiamo chiesto al presidente Boni di convocare l’Ufficio di presidenza solo per gli atti strettamente necessari allo svolgimento delle attività istituzionali e del Consiglio.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , , | 2 commenti

Saviano cittadino onorario di Milano? Ne siamo orgogliosi e Boni parla per se stesso

Lo scrittore Roberto Saviano

Mi dissocio dalla presa di posizione del presidente del Consiglio regionale Davide Boni sulla cittadinanza onoraria a Roberto Saviano. Boni, in una lettera scritta al sindaco di Milano Giuliano Pisapia, ha declinato l’invito alla cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria a Saviano, e questo per il suo “totale disaccordo” sulla scelta, in quanto Saviano “non rappresenta Milano”. Le affermazioni di Boni sono di carattere puramente personale. L’Ufficio di presidenza non è stato messo a parte della sua presa di posizione in nessuna occasione e per questo sono costretta a dissociarmi pubblicamente. Da parte mia non condivido in nessun modo il giudizio espresso da Boni. Condivido invece con convinzione la scelta di Palazzo Marino. Credo che per Milano debba essere motivo d’orgoglio avere Roberto Saviano fra i suoi cittadini.

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica | Taggato , , , , , , | 1 commento