Archivi autore: Redazione

La lettera del segretario Alfieri alle iscritte e agli iscritti

Care democratiche, cari democratici,

alfierivi assicuro che stiamo facendo il possibile per far cambiare idea a chi manifesta l’idea di lasciare il PD. L’appello lombardo all’unità, promosso da me e dai Segretari provinciali, è stato firmato da più di 600 Segretari di Circolo. Ma alcuni, purtroppo, hanno già scelto.

È sembrato che la vera richiesta fosse quella della non ricandidatura di Matteo Renzi. Francamente inaccettabile. Per questo, pur non condividendo le argomentazioni esposte nel suo intervento, ho appreso con favore la candidatura di Michele Emiliano per la Segreteria. È la dimostrazione che chi vuole proporsi come alternativa a Renzi e alle sue proposte lo può fare dall’interno, perché il nostro è un partito plurale e c’è spazio per posizioni diverse.

Ora abbiamo davanti tre mesi di Congresso, in cui la porta dovrà rimanere spalancata. Ci dovrà essere un dibattito vero e partecipato per costruire politiche che aiutino chi ha pagato a caro prezzo la crisi e diano una prospettiva di futuro ai più giovani. E dovremo continuare a sostenere il Governo e le nostre Amministrazioni in vista delle prossime scadenze elettorali.
C’è molto da fare. E non possiamo, almeno qui sul territorio, litigare tra noi. So che c’è smarrimento e delusione. Sono anche i miei sentimenti. Ma non possiamo mollare. Sono tante le persone che ripongono fiducia nel nostro partito.

Continueremo fino all’ultimo a cercare di convincere chi vuole andare via a rimanere con noi. In questo senso ho chiesto ai Segretari di Federazione di promuovere Assemblee provinciali aperte agli iscritti, in cui potremo confrontarci in maniera franca su ciò che sta accadendo ma anche sulle sfide che ci attendono.

Sperando di potervi incontrare in quelle occasioni, vi abbraccio.

Alessandro Alfieri, Segretario regionale PD lombardo

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Referendum costituzionale: i risultati in Lombardia

Domenica 4 dicembre si è svolto il referedum consultivo sulla riforma della Costituzione. Il No ha ottenuto 59,11 per cento dei voti contro il 40,89 per cento del Sì.

A livello lombardo il risultato del Sì risulta più alto: 44,51 per cento rispetto al 55,49 per cento del No.

Ecco nel dettaglio il voto in Lombardia: province e comuni capoluogo.

referendum_lombardia

Pubblicato in Blog Dem | Taggato | Lascia un commento

Un momento storico per l’Italia. Grazie a tutte e tutti

Care democratiche, cari democratici,

volontari_referendumdomenica voteremo per il referendum costituzionale, un momento storico per la vita politica del nostro Paese.

Come segretario del Partito Democratico della Lombardia voglio ringraziare ciascuno di voi per l’impegno profuso in questa campagna referendaria. I titoli di giornale hanno parlato di una classe dirigente del PD divisa a livello nazionale. In realtà sul territorio ho riscontrato da parte delle donne e degli uomini del nostro partito un’unità d’intenti che da tempo non vedevo.

Abbiamo rimesso al centro della discussione la Costituzione repubblicana e i suoi valori fondanti, facendo riscoprire quanto di straordinario fecero i Padri costituenti consegnandoci un testo vivo, proiettato verso il futuro e non un gelido simulacro rivolto al passato.

Abbiamo messo in campo orgogliosamente tutte le nostre energie, circolo per circolo, comitato per comitato, non risparmiandoci in un confronto duro dai toni a volte accesi. Questi mesi vissuti intensamente sono un patrimonio per la comunità del PD lombardo: dal 5 dicembre saranno il punto di partenza per le sfide che abbiamo davanti, a partire dalle elezioni regionali del 2018 che ci dovranno vedere tutti protagonisti.

Consapevoli della nostra forza, non risparmiamoci in queste ultime ore per scrivere insieme una bella pagina di storia.

Grazie davvero,
Alessandro Alfieri

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Lascia un commento

La Lombardia dice sì: in piazza per il futuro

la lombardia che dice si-01Ad una settimana dal voto del 4 dicembre sul referendum costituzionale, la Lombardia scende in piazza per una grande mobilitazione. #lalombardiadicesì

A questo link tutti gli appuntamenti in programma (l’elenco è in continuo aggiornamento)

Sabato 26 e domenica 27 novembre in 638 piazze lombarde i comitati provinciali “Basta un sì” organizzano, assieme ad amministratori locali e volontari, volantinaggi, gazebo, porta a porta e flash mob.

L’appuntamento clou della due giorni sarà domenica alle ore 16:30 quando il premier Matteo Renzi farà nuovamente tappa in Lombardia per incontrare a Monza, all’Urban center, Binario 7, in via Turati 6, i cittadini e spiegare loro le ragioni del Sì.

«Questi ultimi mesi hanno dimostrato che i risultati dei sondaggi sono facilmente ribaltabili, ancor di più l’esito di questo referendum che si gioca sul filo di lana – commenta il segretario regionale del Pd lombardo Alessandro Alfieri –. Gli indecisi sono ancora la maggioranza e il grande sforzo organizzativo di questo weekend dei comitati lombardi mira proprio a spiegare i vantaggi che l’Italia avrebbe se dovesse vincere il sì. Dopo anni di discussioni e infiniti tira e molla finalmente siamo ad un passo dalla possibilità di semplificare l’assetto istituzionale, superando il bicameralismo paritario e con il Senato che assumerebbe un’importante funzione di rappresentanza delle autonomie locali, e rivedere il rapporto tra Stato e regioni in termini di competenze così da poter intervenire su sprechi e burocrazia. È una sfida unica che ci porterà tutti, dal presidente del Consiglio, ai parlamentari, ai segretari, agli amministratori locali fino all’ultimo minuto tra centinaia di volontari pronti a scendere in tantissime piazze della Lombardia per dire sì tutti insieme.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Elezioni amministrative 2016: i risultati dei ballottaggi

sala_galimberti_vittoria

Con il voto ai ballottaggi del 19 giugno si chiude questa tornata elettorale amministrativa. In Lombardia erano 16 i comuni al voto al secondo turno, fra cui Varese dove per la prima volta dopo 23 anni il centrosinistra con Davide Galimberti ha battuto il centrodestra e la Lega e Milano, dove Beppe Sala continuerà il lavoro iniziato da Giuliano Pisapia.

CLICCA QUI PER I RISULTATI DEFINITIVI DEI BALLOTTAGGI IN LOMBARDIA

A tutti gli elettori, ai candidati, ai militanti, ai volontari va il nostro GRAZIE. Adesso tutti al lavoro per le nostre comunità.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Smog, auto e mezzi pubblici: ecco come avete risposto al questionario su PD LA TUA

Avete partecipato in tanti – con le vostre risposte e anche diverse onioni e riflessioni – al questionario che vi abbiamo proposte settimana scorsa su PD LA TUA in merito all’inquinamento e alle vostre abitudini quotidiane.

Per quanto riguarda i dati, abbiamo estrapolato nei grafici che vedete in galleria le vostre risposte. Per leggere anche tutte proposte e note da voi inserite, dovete entrare con le vostre credenziali sul sito www.pdlatua.it > VOTA > GUARDA I RISULTATI.

Al sondaggio hanno votato 385 persone. Sinteticamente, il 50 per cento dei votanti utilizza la macchina da solo negli spostamenti casa/scuola-lavoro, mentre il restante 50% si divide fra chi usa i mezzi pubblici, la bici o nessun mezzo e chi condivide con qualcuno il tragitto in macchina. Più della metà è favorevole ai blocchi del traffico saltuari, mentre poco più del 50 per cento è contrario alla riduzione della velocità a 30 km/h nei centri urbani e 90 km/h sulle autostrade. Quasi il 90 per cento dei votanti tiene in considerazione il livello di emissioni quando compra un’auto.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem | Taggato , , | Lascia un commento

Milano pride 2015: il Consiglio regionale conceda il patrocinio

milano_pride_2015Ci aspettiamo che il Consiglio regionale conceda anche quest’anno il patrocinio a Milano Pride 2015. E’ un’occasione unica di sensibilizzazione sui temi dell’omosessualità e dei diritti civili e come tale il Pd Lombardo ne sostiene le finalità.

È un importante segno di apertura verso la comunità tutta e un gesto di distensione dopo quanto accaduto a gennaio scorso in occasione del controverso convegno sulla famiglia naturale in Regione Lombardia.

Alessandro Alfieri, segretario regionale del Pd e Diana De Marchi, responsabile diritti del Pd

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , | Lascia un commento

Primarie 16 febbraio: i seggi e le liste dei candidati in ogni provincia

Ecco tutti i seggi in cui è possibile votare per le primarie aperte per la segreteria regionale.
Si vota domenica 16 febbraio dalle 8 alle 20.

I CANDIDATI IN OGNI PROVINCIA

I seggi:
BERGAMO
BRESCIA
COMO
CREMONA
LECCO
LODI
MANTOVA
MILANO
MONZA BRIANZA
PAVIA
SONDRIO
VARESE

 

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Lombardia, Primarie | Taggato , , , , , | 1 commento

Primarie, i candidati: De Marchi e Alfieri

I DUE CANDIDATI
Sono due gli “sfidanti” alla segreteria regionale del Partito Democratico della Lombardia nelle primarie di domenica 16 febbraio.

diana_de_marchiDiana De Marchi: Mai più lontani #conDiana
Nata a Milano nel 1959, è docente di tedesco e italiano per stranieri e dal 2005 insegna presso la scuola media statale sperimentale Rinascita – A. Livi di Milano e tiene corsi di italiano per donne straniere. Nel 2006 è eletta consigliera in Zona 7 a Milano occupandosi di scuola, cultura, integrazione, questione di genere, oltre che di una riqualificazione del territorio che passi attraverso processi non solo urbanistici, ma anche sociali.
Ha partecipato attivamente alla nascita del Partito Democratico, venendo eletta nella prima Assemblea nazionale del partito. Dal 2008 è coordinatrice del circolo PD Pio La Torre – San Siro e fa parte della Direzione del PD Metropolitano milanese.
Dal 2010 è sempre Consigliera provinciale a Milano, dove continua a occuparsi di servizi pubblici, sicurezza, cultura, integrazione e questioni di genere. In Consiglio provinciale si è battuta per:
-    Diritto allo studio e un’edilizia scolastica efficiente e sicura, anche a fianco degli studenti con disabilità; il progetto “Scuole aperte” per aprire i locali delle scuole pubbliche al territorio.
-    Interventi sulle politiche sociali e azioni per persone private della libertà.
-    Sostenere il finanziamento dei centri anti violenza le donne maltrattate.
-    I lavoratori e le lavoratrici che hanno perso il posto di lavoro.
-    Trasparenza nei cda e presenza di donne nei cda delle partecipate.
-    Frenare il consumo di suolo e tutelare i nostri parchi, ripensando all’organizzazione agricola dei territori urbanizzati.

LE RAGIONI DELLA CANDIDATURA
E’ passato solamente un anno dalle elezioni regionali lombarde. Un anno che sembra un ventennio, dato che il modello lombardo è rimasto esattamente lo stesso. Modello formigoniano e maroniano, a prima vista differenti, eppure del tutto simili nella sostanza delle scelte. Modello al quale non siamo stati capaci di contrapporre la nostra idea di Lombardia, appiattendoci su una responsabilità istituzionale che ci ha fatto perdere incisività nell’azione politica. Siamo rimasti troppo a lungo nel Palazzo, mentre il nostro elettorato chiedeva cambiamenti radicali nelle politiche del lavoro e della formazione, sulle questioni ambientali, sull’estensione dei diritti a tutti, con formula piena. Abbiamo bisogno di recuperare questa distanza, abbiamo bisogno di un Partito Democratico aperto, capace di relazionarsi con tutte le realtà istituzionali ma soprattutto capace di parlare a tutte le province della nostra Regione, che si faccia promotore di grandi campagne di mobilitazione, per disegnare il cambiamento possibile.

- Il suo programma per il PD lombardo per i prossimi cinque anni: Mai più lontani #conDiana
- Biografia e candidatura: la sintesi
- Il sito, Facebook, Twitter e YouTube
- Per scriverle: dianaademarchi@gmail.com

foto alfieri1Alessandro Alfieri: #Lombardia2018
Nato a Varese nel 1972, si è laureato in Economia alla Bocconi e, dopo aver vinto il concorso in Diplomazia, ha lavorato al Ministero degli Affari Esteri, a Roma e nel mondo (Medio Oriente, Balcani e Corno d’Africa). Nel 2002 è stato candidato Sindaco a Varese e per quattro anni ha coordinato l’Ulivo della città. Per la provincia di Milano è stato Responsabile per le Relazioni internazionali, seguendo la promozione all’estero della candidatura di Milano all’Expo del 2015. Con la nascita del Partito Democratico è diventato vicesegretario in Lombardia e nel 2010 è stato eletto Consigliere regionale. Nel 2013 ha assunto l’incarico di Capogruppo al Pirellone e nel giugno dello stesso anno la Direzione regionale del partito gli ha affidato l’incarico di coordinatore politico.
Vive a Varese con la moglie Raffaella e la loro bambina Asia.

LE RAGIONI DELLA CANDIDATURA
Il Partito Democratico lombardo si pone l’obiettivo ambizioso di vincere le prossime elezioni regionali. E per poterlo fare dobbiamo prendere atto anche degli errori commessi in passato. Nello scorso febbraio abbiamo perso una grande occasione. Non siamo riusciti a capitalizzare la fine, a tratti drammatica, dell’era Formigoni. Un’agonia oscura, piena di ombre e inchieste che hanno minato la credibilità dell’istituzione regionale, per anni orgoglio dei lombardi. Senza dubbio la scelta dell’election day ci ha penalizzato, ma è altrettanto vero che i tempi stretti per la scelta del candidato e della sua squadra ci hanno reso più difficile convincere gli elettori. Soprattutto quelli che mai ci avevano votato. Nelle comunità più piccole e nelle aree periferiche, dove i messaggi di cambiamento vengono recepiti più lentamente, abbiamo ottenuto i risultati più deludenti, allargando ulteriormente la forbice del consenso rispetto all’area milanese e ai capoluoghi di provincia. Ciononostante, in questi anni è cresciuta una nuova classe dirigente che si è formata assumendosi responsabilità nelle amministrazioni locali e nel partito. E oggi, forti di queste esperienze e consapevoli delle difficoltà incontrate, intendiamo candidarci alla guida del Partito Democratico lombardo. Con il compito principale di costruire per tempo un progetto vincente. Aperto alla grande ricchezza dei movimenti civici lombardi, ma senza per questo rinunciare alla centralità del Partito Democratico. Nelle persone e nelle idee.

- Il suo programma per il PD lombardo per i prossimi cinque anni : #Lombardia2018
- Biografia e candidatura: la sintesi
- L’agenda degli incontri sul territorio
- Il sito, Facebook e Twitter
- Per scrivergli: alessandro.alfieri@consiglio.regione.lombardia.it

Pubblicato in Blog Dem, Lombardia, Primarie | Taggato , , , , , , | 2 commenti

Primarie Pd in Lombardia: ecco come è andata

candidatiOre 23.45: Come nel resto d’Italia ha vinto anche in Lombardia Matteo Renzi con il 66,25 per cento dei voti. Segue Giuseppe Civati con il 18,80 per cento e Gianni Cuperlo con il 14,95 per cento. La nostra regione esprimerà quindi 158 delegati: 105 con Renzi, 29 con Civati e 24 con Cuperlo.
Hanno votato circa 380mila persone.

Ore 23: Con circa il 50% dei seggi scrutinati, in Lombardia Matteo Renzi si attesta al 68 per cento dei voti. Seguono Pippo Civati al 17% e Gianni Cuperlo al 15%.
“Grande soddisfazione per la partecipazione, oltre le aspettative – ha commentato il coordinatore del PD Lombardo Alessandro Alfieri – Il messaggio di cambiamento di Renzi, che ha avuto un successo straordinario anche in Lombardia, va valorizzato in vista delle prossime amministrative. E in prospettiva sarà utile per contrastare con più forza il centrodestra in Lombardia”.

Ore 22: con il 20% seggi in Lombardia Matteo Renzi si avvicina a 70% voti. Seguono in un testa a testa Giuseppe Civati e Gianni Cuperlo

Ore 17: Dati affluenza – alle 17.00 in Lombardia hanno votato circa 230mila persone per la scelta del segretario Pd

Ore 12: Alle 12.00 in Lombardia hanno votato circa 100mila persone per la scelta del segretario del Partito democratico

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Primarie | Taggato , , , , , | Lascia un commento