Archivi tag: comune di milano

Serravalle, Caputo: “Ora scelte trasparenti e utili”

Roberto Caputo, consigliere provinciale PD

“Il 15 settembre si riunirà il Consiglio di amministrazione di Asam per prendere importanti decisioni e, soprattutto, per approvare il bilancio di gestione 2011 che doveva essere già discusso a giugno ma che è stato rimandato per alcune perplessità, così sembrerebbe, sollevate dalla società che si occupa della revisione dei conti. In quell’ambito, il presidente della Provincia di Milano Guido Podestà molto probabilmente sarà costretto ad annunciare il fallimento del concambio Sea-Serravalle, e quindi a prendere atto che vi è la necessità di mettere in campo un nuovo progetto finanziario. Serravalle è con l’acqua alla gola avendo in pancia Tem, Pedemontana e Brebemi e quindi dovendo partecipare in maniera pesante alla realizzazione delle opere. Quindi, ora la parola d’ordine è vendere. Ma mentre Podestà fa comprendere di voler cedere almeno il 50% di Asam, oggi la Provincia ne detiene l’80%, Tabacci con un colpo di prestigio lancia un piano “b” di vendita collettivo tra Comune e Provincia prima di Serravalle e poi di Sea attraverso una gara internazionale. Credo che parlare di confusione sia generoso. Si buttano là delle ipotesi che rischiano di essere smentite il giorno dopo. Ora le vacanze sono finite, vi è la necessità di fare scelte trasparenti e soprattutto utili per le istituzioni. La gestione, fino ad oggi, non è certo brillata per lungimiranza”. E’ quanto dichiara il vicecapogruppo Pd in Provincia di Milano Roberto Caputo.

Pubblicato in amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro, Mobilità, provincia di milano, strade provinciali, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Sea, Mauri: “Rischio elevato per i bilanci di comune e provincia, si pensi a piano B”

Matteo Mauri, capogruppo PD in Provincia di Milano

“Siamo molto preoccupati, si sta correndo il serio rischio che il concambio di azioni Sea – Serravalle non vada in porto. Gamberale non può essere considerato una volta un benefattore e salvatore dei conti pubblici e la volta dopo un brutale speculatore nemico del popolo. Quando ci si muove su terreni così complicati bisogna prendere tutte le precauzioni possibili, comprese quelle che evitino i ricorsi. Altrimenti a farne le spese saranno i cittadini di Milano e della Provincia”. Commenta così Matteo Mauri, capogruppo del Pd a Palazzo Isimbardi la notizia del congelamento fino a settembre del concambio tra comune e Provincia.

“Le incognite sono molte – continua Mauri – e i pericoli dietro l’angolo. Si parla di bilanci che saltano. Si facciano subito le verifiche che servono, ma visto che gli uffici saranno al lavoro tutto agosto, mi auguro che prendano in considerazione anche un piano B. Noi riproponiamo la nostra idea di riunire in un solo contenitore, una newco, tutte le azioni di Serravalle e Sea in possesso di Comune e Provincia, per poi metterne sul mercato una parte. Non ci dicano ancora che non ci sono i tempi. Certo che più il tempo passa e meno ce ne sarà”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, expo 2015, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro, Mobilità, provincia di milano, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Afol, Mauri e Casati: “Fermare la trasformazione in srl”

Il centrodestra alla guida della Provincia di Milano propone di trasformare Afol, l’agenzia per la formazione, l’orientamento e il lavoro, in una società a responsabilità limitata. Il gruppo provinciale del Partito Democratico lancia l’allarme e chiede un tavolo di discussione con il Comune di Milano. “È necessario bloccare ogni decisione sulla trasformazione di Afol in srl in attesa di un chiarimento con il Comune di Milano. La richiesta fatta dall’assessore Cristina Tajani non è solo legittima, ma anche lungimirante”. Lo dicono Matteo Mauri, capogruppo del Pd in Provincia di Milano e Ezio Casati, vicepresidente in consiglio provinciale.
“Non riesco proprio a comprendere – dice Mauri – tutta la fretta della Provincia a voler trasformare Afol in una srl. In un momento di grandi cambiamenti istituzionali, che prevedono tra l’altro la prossima nascita della città metropolitana, risulta miope escludere dal dibattito il Comune”.  ”Ora chiediamo all’amministrazione – aggiunge Ezio Casati – di fermare il percorso di approvazione della delibera fino a quando un tavolo interistituzionale, tra Comune e Provincia, non possa esaminare la situazione e trovare una soluzione giusta ed equilibrata che possa garantire alle Afol il proseguo del lavoro dell’interesse dei cittadini”.
“Oltretutto le spiegazioni e i chiarimenti che avevamo chiesto all’amministrazione provinciale sulla trasformazione di Afol in srl – concludono i consiglieri del Pd – sono state lacunose e non hanno fugato i nostri dubbi. Una ragione in più per prendersi tutto il tempo necessario per evitare di fare la scelta sbagliata”

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, europa, expo 2015, giovani, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro, provincia di milano, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Sea-Serravale, Mauri: “Ora Podestà dica cosa ha in mente per Asam”

Matteo Mauri, capogruppo Democratico alla Provincia

“Abbiamo votato a favore del concambio con il Comune di Milano delle azioni di Sea e di Serravalle detenute da Asam, perché abbiamo a cuore l’interesse dei cittadini di Milano. La questione è a questo punto cosa si vuole fare di Serravalle visto che avere una quota di azioni ancora maggiore significa dover sborsare molti più soldi per gli aumenti di capitale necessari per la realizzazione di Tem e Pedemontana. Proprio per questo ci aspettiamo che il presidente della Provincia Guido Podestà chiarisca qual è il futuro che ha in mente per Asam. Chiediamo ora che su questo tema si apra il dibattito in consiglio, visto che troppe volte in passato si è cambiato repentinamente idea”. Lo dice Matteo Mauri, capogruppo del Pd in Consiglio provinciale, in merito al concambio delle azioni Sea- Serravalle tra Provincia e Comune di Milano.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, expo 2015, strade provinciali, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Cornelli: “Pronti a sostenere il registro delle coppie di fatto”

Roberto Cornelli, segretario provinciale PD

“Sul registro comunale delle coppie di fatto siamo pronti a fare la nostra parte e a rispettare quanto scritto nel programma elettorale del sindaco Pisapia. Il Pd è pronto a una discussione aperta e costruttiva che non perda di vista l’obiettivo di fissare norme di civiltà e progresso che tutelino e allarghino i diritti delle persone”. Lo afferma il segretario metropolitano del Partito Democratico, Roberto Cornelli, che aggiunge: “Il sindaco Pisapia nei giorni scorsi ha incalzato la maggioranza a trattare subito l’argomento. Il Pd ha già avviato da tempo una riflessione in sede istituzionale e al proprio interno, senza perdere di vista l’obiettivo finale: fare di Milano la città della solidarietà e dell’accoglienza, che allarga i diritti di tutti gli individui. Il registro delle coppie di fatto è un passo in questa direzione, che incontra bisogni di vita reale di persone in carne ed ossa. Tutto questo non distoglie l’attenzione e gli sforzi delle istituzioni nel sostegno alle famiglie, che restano al centro di tante iniziative politiche. Allargare i diritti non significa toglierli a qualcuno”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, associazionismo, giuliano pisapia, Idee e politica, provincia di milano, roberto cornelli, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Recupero dipendenze, nuovi percorsi con Asl

L'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino (Pd)

Il tema della prevenzione e del recupero delle dipendenze, alcool e sostanze stupefacenti, al centro dell’impegno di Palazzo Marino. Lo spiega in una nota l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino (Pd), che ribadisce la volontà dell’amministrazione comunale di continuare ad operare all’interno dei Piani di Zona ed in stretta collaborazione con l’Asl.   ”Un nuovo percorso di assistenza e recupero dalle dipendenze – dichiara l’assessore comunale Majorino – sarà sviluppato attraverso una rafforzata collaborazione con la Asl, che si basi sul rapporto con le comunità terapeutiche, sulle strutture del Terzo settore, sulle attività di prevenzione e sugli interventi di riduzione del danno. È questo l’indirizzo con cui, anche nell’ambito della redazione del Piano di Zona, stiamo ripensando l’azione del comune a sostegno delle persone con dipendenze”. “In questo quadro – conclude Majorino – è maturata la decisione di terminare l’esperienza dell’Unità multidisciplinare integrata di via Pastrengo 6. Nonostante il lavoro svolto da tanti nel presidio aperto nel novembre del 2009 dalla precedente amministrazione con finalità di ascolto e orientamento, i risultati complessivamente raggiunti non sono stati positivi e sufficienti a giustificare l’impiego delle risorse ad esso destinate. Da domani il presidio non sarà chiuso. Le famiglie seguite fino ad oggi non saranno lasciate sole, ma saranno indirizzate a un nuovo percorso di assistenza e di accompagnamento”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, associazionismo, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Immigrati. Sì al voto per referendum cittadini.

Immigrati alle urne. La proposta dell’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino di estendere ai cittadini stranieri la facoltà di voto sui referendum cittadini scatena le reazioni scomposte del centrodestra. I responsabili del PD provinciale spiegano, invece, come nasce questo percorso politico. “Da tempo – affermano Roberto Cornelli, segretario metropolitano, Francesco Laforgia, coordinatore dei circoli e Daniela Pistillo, responsabile Forum Immigrazione – appoggiamo la battaglia per la piena partecipazione degli immigrati alla vita sociale e politica del Paese”.

Dopo l’approvazione all’unanimità del documento programmatico “Impariamo a vivere insieme” da parte dell’Assemblea nazionale di Varese nel 2010, era arrivato infatti il sostegno alla campagna “L’Italia sono anch’io” che, oltre alla riforma del diritto di cittadinanza, proponeva proprio la concessione del diritto di voto alle amministrative. “Siamo convinti – spiegano ancora gli esponenti del PD – che in tempi di distacco e di rifiuto della politica, non possiamo permetterci di lasciare di fatto senza rappresentanza una parte così consistente di persone che hanno scelto di vivere nel nostro Paese e dalle quali invece proviene una straordinaria richiesta di partecipazione. Siamo convinti che da Milano, dove abbiamo vinto anche perché abbiamo saputo opporre al modello di città chiusa, cupa ed egoista della destra un modello di città aperta, inclusiva e solidale, possa partire una battaglia di caratura nazionale per la piena partecipazione degli immigrati alla vita pubblica del Paese”. Immediata, con le dichiarazioni di Riccardo De Corato, la reazione negativa del centrodestra milanese. Il democratico Roberto Caputo, vicepresidente del consiglio provinciale, ribatte al Pdl: “che Milano si dimostri una città aperta e vicina alle grandi metropoli europee è solo un fatto positivo. Ma la proposta di concedere il voto per i referendum e per le elezioni amministrative agli immigrati, che vivono nella nostra città, deve essere una scelta condivisa, discussa, elaborata e non vissuta come uno scontro politico. Le solite parole incendiarie di De Corato non aiutano, ma anzi creano soltanto divisioni e tensione sociale. Per soluzioni di questo genere non sono necessari annunci o fughe in avanti ma momenti di riflessione che coinvolgano in maniera matura la popolazione cittadina”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, associazionismo, comunicato stampa, cornelli segretario pd, Cultura e sport, Economia e lavoro, europa, Idee e politica, provincia di milano, roberto cornelli | Taggato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Area C, stop alla deroga

Pierfrancesco Maran, assessore all'Ambiente

Nel giorno in cui l’Italia compie il suo 151° compleanno, il 17 marzo prossimo, Milano dirà stop alla deroga per il pagamento di  Area C. In parole povere, come comunicato dall’amministrazione comunale, chi non dovesse regolarizzare (entro sabato) i propri ingressi nell’area a traffico limitato della Cerchia dei Bastioni incorrerà nelle sanzioni del caso. La moratoria prevista dal 16 gennaio si conclude, nonostante i tanti problemi tecnici, con la regolarizzazione dei ticket non ancora pagati. Scade anche, per i residenti, il bonus di quaranta ingressi gratuiti. Da domani, 14 marzo, gli automobilisti residenti in Zona 1 dovranno acquistare i ticket d’ingresso da 2 euro.

“Chiunque invierà entro il 17 marzo i documenti per attivare il rid su conto corrente bancario – precisa l’assessore Pierfrancesco Maran sulle pagine del Corsera – non incorrerà in alcun rischio di sanzione. Questa metodologia di pagamento, appena sarà attivata, coprirà anche tutti gli ingressi effettuati tra il 16 gennaio e il 16 marzo”. Secondo le stime più veritiere sarebbero ancora 350mila gli ingressi ancora non pagati. Nel frattempo il “cervellone” di Area C ha individuato anche quegli automobilisti “furbetti” entrati in centro nonostante i divieti imposti ai veicoli euro zero e diesel euro 3, i quali, detto per inciso, non potrebbero entrare nemmeno se pagassero il ticket da  5 euro.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, atm, comunicato stampa, Economia e lavoro, giuliano pisapia, Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La politica guardi al futuro

Pieno sostegno del PD a Pisapia e Podestà nel percorso verso la Città Metropolitana

La città di Milano, alle prese con una svolta politica-amministrativa epocale, che darà ai Consigli di Zona maggiori competenze e risorse, nell’ottica di un nuovo decentramento, ragiona da anni sulla costruzione della Città Metropolitana.  Il Partito Democratico milanese, con i suoi Forum tematici e grazie al dipartimento Enti locali, sta’ lavorando alla costruzione di un percorso intelligente e coerente per dare forma e sostanza all’istituzione della Città Metropolitana di Milano. Se l’iter istitutivo, i confini e le competenze sono ancora in gran parte da disegnare la prospettiva generale e gli obiettivi sono assolutamente chiari. Riceviamo e volentieri pubblichiamo una riflessione, in merito,  promossa dai Forum tematici del PD, dal Forum Città Metropolitana e dagli Enti locali.

Milano sta affrontando una crisi di competitività, conseguente al mutato quadro economico internazionale, nel quale spicca l’irruzione su scala globale delle economie emergenti. Com’è noto, tali economie presentano una costante disponibilità di manodopera a basso costo, oltre ad un certo potenziale di ricerca ed innovazione, e mettono a dura prova anche il circuito produttivo milanese. Allo stesso tempo città come Francoforte, Monaco, Stoccarda, Zurigo, Lione, Madrid, Barcellona, Vienna/Bratislava e Budapest, che negli anni passati hanno affrontato con intelligenza la riforma del proprio sistema di governo locale, sono oggi in grado non solo di investire sui loro asset tradizionali, ma altresì di attuare condizioni favorevoli per creare nuovi vantaggi concorrenziali. Accanto a questi problemi di tipo economico, Milano e la sua provincia devono fronteggiare anche un oggettivo problema di governo del territorio connesso soprattutto allo sviluppo esponenziale delle zone periferiche e dell’hinterland. La mancanza di alloggi e i costi proibitivi del centro di Milano hanno spinto verso la periferia e la provincia un gran numero di lavoratori che sono diventati pendolari o automobilisti, aggravando così il traffico stradale. In tale direzione il potenziamento dell’offerta di trasporto pubblico è una necessità indifferibile. Gli alti livelli d’inquinamento atmosferico e il conseguente peggioramento della qualità della vita limitano, inoltre, la capacità di attrarre lavoratori specializzati e visitatori e i problemi di mobilità riducono la competitività. Di fronte a questo scenario che evidenzia la difficoltà di Milano, della Provincia e dei Comuni limitrofi nell’individuare provvedimenti condivisi, è chiaro a tutti come un governo metropolitano sia la condizione indispensabile per affrontare questi problemi. La città metropolitana non deve essere, come è avvenuto in passato, un tema a sé, ma diventare la prospettiva con cui affrontiamo i problemi e le opportunità di Milano e la sua provincia, lo strumento con il quale, in anni di crisi e tagli agli enti locali, si riorganizza la macchina pubblica eliminando la sovrapposizione di competenze, riducendo i costi, tagliando gli sprechi, migliorando la qualità e l’efficienza dei servizi. È per questo motivo che il Partito Democratico garantisce pieno sostegno al Sindaco di Milano Pisapia, al Presidente della Provincia Podestà e ai Sindaci di tutti i comuni dell’area vasta nell’attuazione delle procedure previste dalla legge 42 del 2009, che consente al Comune e alla Provincia di Milano, congiuntamente tra di loro o insieme agli altri Comuni del nostro territorio, di attivare il procedimento istitutivo della Città metropolitana, con una proposta che ne preveda i confini, l’articolazione in municipi e un progetto di statuto provvisorio, adeguato al ruolo che noi immaginiamo per il nuovo ente Senza accontentarci, tuttavia, abbiamo anche lanciato una sfida, prima di tutto a noi stessi, per intraprendere un’iniziativa trasversale che coinvolga tutti i parlamentari eletti nell’area milanese, per la presentazione di un disegno di legge ad hoc che istituisca la Città metropolitana di Milano. Come per Roma Capitale, infatti, anche per la nostra grande città siamo convinti che sia più che opportuno che il Parlamento nazionale vari una disciplina specifica che regoli il governo dell’area più importante del Paese: una normativa dedicata a Milano che consenta di affrontare le peculiarità che il nostro contesto sociale presenta. La sfida per il Partito Democratico è di guardare al futuro, di superare l’attuale frammentazione istituzionale, le difficoltà delle amministrazioni locali e condividere con coraggio nuove forme di governo per una città metropolitana sempre più protagonista nel mondo.

Arianna Censi (Enti locali PD Milano)  Lia Quartapelle (Coordinamento tematico, PD)
Augusto Schieppati (Forum Città Metropolitana)

 

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, atm, Cultura e sport, donne democratiche, Economia e lavoro, expo 2015, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro, Mobilità, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Comune, Cornelli: “Confronto sul bilancio prima di vendere municipalizzate”

Roberto Cornelli, segretario metropolitano del PD di Milano

“Occorre un confronto serrato con il sindaco e la giunta sul bilancio del Comune. Non vorremmo che, nel giusto tentativo di recuperare risorse, l’Amministrazione compia l’errore di privarsi di asset strategici come quote rilevanti di alcune aziende municipalizzate (Sea e A2a), che da sempre costituiscono i pilastri dello stesso bilancio e sono necessarie a garantire i servizi alle persone”. Lo afferma il segretario metropolitano del Partito Democratico, Roberto Cornelli, che aggiunge: “Il bilancio del Comune e le scelte da mettere in campo vanno condivise il più possibile con le parti politiche e discusse coinvolgendo i consiglieri comunali e i consigli di zona della città, dove le scelte prendono forma e diventano fatti concreti. Il confronto, ne siamo certi, sarà utile alla giunta come metodo nuovo della politica. Il sindaco Pisapia gode di un grande favore popolare ed è alla straordiaria partecipazione civica che occorre ritornare, anche nelle scelte difficili che attendono il governo cittadino, come quella del bilancio. Abbiamo a disposizione un grande patrimonio di persone, impegnate a vari livelli nell’Amministrazione di Milano. Va aperto un percorso di dialogo e confronto che saprà portare al tavolo della giunta proposte di innovazione”.

Pubblicato in amministratori locali pd, comunicato stampa, cornelli segretario pd, Economia e lavoro, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro | Taggato , , , , , , | Lascia un commento