Archivi tag: carmela rozza

Unioni civili, Milano guarda all’Europa

Approvata, dopo una lunga discussione terminata nella notte, la delibera che istituisce a Milano il registro delle “unioni civili”. Positivi i commenti degli esponenti del Pd milanese.
Ecco i comunicati stampa di Francesco Laforgia, coordinatore dei Circoli di Milano, e di Carmela Rozza, capogruppo Pd a Palazzo Marino. “Oggi Milano sorride e guarda all’Europa – dichiara il coordinatore cittadino del Pd Francesco Laforgia – una città con più diritti è una città più accogliente e che può svilupparsi di più anche sul piano economico. Con l’approvazione del registro delle unioni civili la maggioranza di centro sinistra che governa la città realizza un impegno elettorale e, insieme a tutti gli altri Comuni che hanno adottato un provvedimento simile, spinge il Paese e chi si candida a governarlo, a fare scelte più coraggiose e non più rinviabili sul terreno dei diritti. Nella consapevolezza che occuparsi, con la stessa forza, di condizioni materiali, economiche e sociali, e di diritti, è uno dei compiti che spetta alla politica”.“In consiglio comunale entra il ‘modello Torino’ ed esce il ‘modello Milano’”. Così il capogruppo del Pd a Palazzo Marino Carmela Rozza, nella sua dichiarazione di voto in aula sulla delibera per il riconoscimento delle coppie di fatto, ha rimarcato i cambiamenti apportati dal consiglio comunale al testo del nuovo regolamento. “Diamo a Milano la dignità di città europea – ha detto Rozza – ma al Paese anche un modello Milano che molti saranno chiamati a guardare, con un registro separato delle unioni civili diverso dal calderone della famiglia anagrafica e un provvedimento che ha maggiore forza perché basato sul principio fondativi della norma nazionale”. Un “obiettivo qualificante raggiunto con la convergenza delle opinioni di tanti consiglieri che prescindendo dalla posizione politica hanno scelto di partecipare alla formazione della delibera”. Per Rozza “siamo riusciti a tenere uniti tutti e a tenere ferma la barra sull’obiettivo, affrontando le differenze sul punto di merito e non ideologico e trovando l’equilibrio perché ognuno con le sue differenze si possa ritrovare nel provvedimento. Spero sia l’inizio di un percorso di modernità”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, associazionismo, donne democratiche, Economia e lavoro, europa, giuliano pisapia, Idee e politica, provincia di milano, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Sea, lavorare ad una strategia complessiva

“Ritengo sarebbe stato piu’ utile lavorare per prospettare strategie di lungo respiro. E’ essenziale anche un confronto, preliminare, con i sindacati. E’ una questione di metodo. Noi siamo per una analisi ed una strategia complessiva”. Cosi’ la capogruppo del PD in consiglio comunale Carmela Rozza è intervenuta sull’ipotesi di vendere quote della Sea. “Le scelte – ha proseguito la capogruppo Rozza – le deve fare la maggioranza, le decisioni si prendono in consiglio comunale: chiediamo alla giunta di presentarsi ad una riunione di maggioranza con tutte le partecipate sul tavolo per valutare cosa vale la pena di tenere e cosa no. Il Pd non ha intenzione di fasciarsi prima la testa”.
Per quanto riguarda l’iter del Bilancio Carmela Rozza aggiunge: “la giunta presentera’ il bilancio entro maggio, e il sindaco parlera’ quando la maggioranza deciderà. La giunta dovrebbe riuscire ad affrontare le cose in chiave stategica con più’ attenzione verso i soggetti coinvolti e verso la maggioranza”.
“Dobbiamo sapere – ha aggiunto il segretario metropolitano del PD Roberto Cornelli – che una volta venduta la quota di maggioranza, il comune rinuncerebbe ad un asset strategico per sempre e rimarrebbe escluso dagli utili prodotti, necessari per garantire il futuro delle entrate e dei servizi ai cittadini”. Sempre il segretario Cornelli aggiunge: “Credo che vadano percorse altre strade per trovare risorse immediate utili al potenzialemnto di infrastrutture di trasporto prima di pensare alla vendita di quote Sea e proprio per questo già ieri siamo tornati ad invocare un confronto aperto sul tema del bilancio, che coinvolga la città, a partire dai consiglieri comunali e di zona. Un confronto che il PD ha già avviato nell’ambito della conferenza programmatica di questi giorni e che vuole condividere con il sindaco e la giunta. L’allarme lanciato dai sindacati sul caso Sea va preso sul serio e deve coinvolgerci tutti ad una riflessione ulteriore”.
“Le parole della capogruppo Rozza e quelle del segretario provinciale Cornelli – ha aggiunto il coordinatore dei Circoli PD di Milano Francesco Laforgia – dimostrano che il PD ha una posizione univoca sulla vicenda Sea: prima si discuta il piano strategico complessivo delle partecipate, distinguendo quelle utili da quelle inutili, poi si facciano le scelte sulle politiche per la città, in modo trasparente e chiaro”. “Il trasporto pubblico locale – ha concluso Francesco Laforgia – è una priorità strategica per il futuro di Milano ed è evidente che occorrono investimenti urgenti, ma occorre anche molta attenzione alle modalità con cui si trovano queste risorse.Si deve sapere che la dismissione di Sea avrà un impatto permanente sugli utili che questa società garantisce, oltre che sul destino dei lavoratori. Auspichiamo che il dibattito passi dai giornali alle sedi opportune, a partire dalle riunioni di maggioranza, e che il confronto coinvolga tutti i livelli: Consiglio Comunale, partiti della maggioranza, Consigli di Zona, parti sociali, cittadini. Solo con il confronto e la partecipazione è possibile dare un contributo alla crescita economica e sociale della città, evitando una discussione ideologica che invece danneggerebbe tutti”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, comunicato stampa, cornelli segretario pd, Economia e lavoro, europa, expo 2015, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro, Mobilità, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Derivati, accordo su 476 milioni di euro

Carmela Rozza, capogruppo PD a Palazzo Marino

Ricordate la vicenda dei titoli “derivati” acquisiti, nelle passate amministrazioni, dal comune di Milano? Palazzo Marino, con il voto del Consiglio comunale di ieri sera, sigla un accordo che permetterà di recuperare dalle banche 476 milioni di euro. Un importo, grazie al quale nel 2012, la Giunta Pisapia potrà molto probabilmente scongiurare i paventati aumenti dell’addizionale Irpef. Sull’intesa ancora da formalizzare è arrivato il voto favorevole della maggioranza, il no dell’opposizione e diversi voti di astensione (fra i quali il radicale Marco Cappato e Basilio Rizzo della sinistra radicale). Il senso di tutta l’operazione lo dichiara con efficacia la capogruppo del PD Carmela Rozza.

“Abbiamo costruito insieme gli elementi per denunciare le banche – ha dichiarato la democratica Rozza all’agenzia OmniMilano - e individuato gli esperti per aiutarci a capire la questione e agire, e la scelta di Milano ha fatto scuola in molti comuni. Il procedimento penale andrà avanti, non viene bloccato e il comune manterrà la sua posizione di soggetto danneggiato, il processo non è mai stato messo in discussione”. La capogruppo Rozza ha inoltre ribadito i termini vantaggiosi dell’operazione: “450 milioni di garanzia e 20 milioni all’anno di rendimento”. In concreto il derivato si chiuderà così: le banche verseranno nelle casse del comune 40 milioni di euro, mentre il comune reinvestirà 413 milioni come depositi a garanzia (275 milioni in Btp e 138 milioni in conti di deposito). Una formula questa che, assicura l’assessore al Bilancio Bruno Tabacci, pone i fondi in sicurezza e non in balia della variabilità dei tassi.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, comunicato stampa, Economia e lavoro, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sicurezza, Rozza: “Tavolo con ministro per ridefinire il sistema”

Carmela Rozza, capogruppo PD a Palazzo Marino

Un “tavolo con il ministro dell’interno” per “ridefinire il sistema di coordinamento fra le forze dell’ordine senza sovrapposizioni di compiti”. Lo ha proposto la capogruppo del PD Carmela Rozza in commissione Sicurezza, al termine dell’audizione dei rappresentanti sindacali della polizia di Stato, tenutasi ieri a Palazzo Marino. “Quello che e’ accaduto a Crescenzago – ha dichiarato la democratica Carmela Rozza – e’ un fatto individuale, preciso e circostanziato e sara’ la magistratura a determinare le responsabilita’. Noi per parte nostra confermiamo la massima fiducia non solo alla polizia locale ma a tutte le forze dell’ordine che operano a Milano. Tutti i sindacati confermano che un problema serio e’ che la polizia locale e’ usata impropriamente e serve un giusto coordinamento fra le forze dell’ordine senza sovrapposizioni”.

Per questo, ha proseguito Carmela Rozza ai microfoni dell’agenzia di stampa OmniMilano, serve “un tavolo istituzionale con il ministro per un coordinamento sinergico fra tutte le forze di sicurezza”. Questo, ha sottolineato, “non significa piu’ vigili a fare multe ma piu’ controlli e presenza fisica in citta’”. Carmela Rozza, infine, ha replicato al capogruppo della Lega Matteo Salvini: “Se c’e’ stato qualcuno che ha speculato sulla tragedia di Crescenzago e’ stata proprio la Lega. Rimando l’accusa al mittente. Nessuno vuole smantellare il corpo, sarebbe demenziale, vogliamo dare piu’ uomini per la tutela della citta’”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, comunicato stampa, donne democratiche, giuliano pisapia, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Successo Area C, Rozza: “Partito benaltristi, Podestà è il capo”

“C’e’ sempre il partito dei benaltristi e il capo partito e’ il presidente della Provincia Guido Podesta’: continua a dichiarare che per la lotta al traffico e allo smog ‘serve ben altro’ ma anche a non declinare cosa sia questo ‘ben altro’. Podesta’ ce lo proponga”. Cosi’ il capogruppo del Pd a Palazzo Marino Carmela Rozza è intervenuta nelle polemiche sull’avvio dell’area C.
Esprimendo “la soddisfazione del Pd” per la partenza del nuovo pedaggio “la scarsa partecipazione alla raccolta di firme del centrodestra dice che i cittadini sono piu’ convinti della nostra posizione”. Nella prima giornata di ecopass si sono registrati, negli ingressi in centro, 40mila auto in meno (-32,50%). In calo dell’11% anche l’ingresso di moto. Le linee della metropolitana e i parcheggi hanno tenuto l’impatto iniziale.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, donne democratiche, Mobilità, provincia di milano, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Stefano Boeri, si va verso la ricomposizione

Dopo il ritiro delle deleghe ad Expo e Cultura, il “clima” nella giunta Pisapia sembra decisamente rasserenato. Positive anche le ultime dichiarazioni  fatte da Stefano Boeri a mezzo stampa.  Toni distesi e chiarezza arrivano anche dal vicesindaco Maria Grazia Guida e dal capogruppo Pd in consiglio comunale Carmela Rozza. “Sono fiduciosa – dichiara Carmela Rozza sui quotidiani – sul fatto che Boeri resterà assessore, anche se non so se con tutte le deleghe. Pisapia ha ribadito che il problema non è con il Pd”.  E “il partito – conclude la capogruppo democratica – non ha intenzione di entrare in conflitto con questa giunta”. Si va, insomma, verso una ricomposizione positiva di tutto il caso.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, comunicato stampa, Cultura e sport, giuliano pisapia, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Il PD condanna l’aggressione alla Camera del Lavoro

Condanniamo la vile aggressione che si è manifestata venerdì 8 luglio scorso, davanti alla Camera del Lavoro di Milano. Così il gruppo PD a Palazzo Marino e tutta la segreteria metropolitana milanese condannano l’aggressione di un sindacalista con un comunicato stampa.
“Esprimiamo – dichiara Carmela Rozza, capogruppo PD – la solidarietà del gruppo consigliare del Partito Democratico al sindacalista  che ha subito le lesioni più gravi e che si trova in ospedale per gli accertamenti del caso, alla Camera del Lavoro, al suo segretario ed a  tutti gli operatori che lavorano  quotidianamente al servizi dei lavoratori”. “Non  vorremmo  – proseguono Carmela Rozza e Andrea Fanzago – che qualcuno, nostalgico del già conosciuto regime fascista, non  accettasse il verdetto delle urne elettorali e cominciasse a provocare creando in città quel clima di terrore che Milano ha già vissuto e superato grazie all’unità delle forze democratiche ed al senso civico dei milanesi”.
“L’episodio di aggressione nei confronti di un funzionario della CGIL – aggiunge Francesco Laforgia, coordinatore cittadino del PD – è grave e inquietante. Esprimiamo tutta la nostra solidarietà alla Camera del Lavoro di Milano, che con il suo impegno rappresenta un presidio di democrazia e difesa dei diritti. Chiediamo che si accertino le responsabilità di questa aggressione e che, con decisione e senza strumentalizzazioni, le istituzioni e le forze dell’ordine facciano chiarezza rispetto alle diverse realtà di estremismo politico nate in questi anni, spesso con il benestare delle precedenti amministrazioni”.    “Una provocazione violenta, un atto inaccettabile, – conclude il segretario metropolitano PD Roberto Cornelli -  ad opera di un gruppo di giovani fascisti contro i sindacalisti della CGIL. Esprimiamo la nostra solidarietà al funzionario della CGIL che si trova ora in ospedale e una ferma condanna per l’aggressione. Siamo preoccupati per questi episodi ad opera di una destra che cerca lo scontro anche in una città civile e democratica com’è oggi Milano”.

Pubblicato in amministrazione comunale, comunicato stampa, cornelli segretario pd, Economia e lavoro, Idee e politica, provincia di milano, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento