Archivi del mese: luglio 2012

Sea, Mauri: “Rischio elevato per i bilanci di comune e provincia, si pensi a piano B”

Matteo Mauri, capogruppo PD in Provincia di Milano

“Siamo molto preoccupati, si sta correndo il serio rischio che il concambio di azioni Sea – Serravalle non vada in porto. Gamberale non può essere considerato una volta un benefattore e salvatore dei conti pubblici e la volta dopo un brutale speculatore nemico del popolo. Quando ci si muove su terreni così complicati bisogna prendere tutte le precauzioni possibili, comprese quelle che evitino i ricorsi. Altrimenti a farne le spese saranno i cittadini di Milano e della Provincia”. Commenta così Matteo Mauri, capogruppo del Pd a Palazzo Isimbardi la notizia del congelamento fino a settembre del concambio tra comune e Provincia.

“Le incognite sono molte – continua Mauri – e i pericoli dietro l’angolo. Si parla di bilanci che saltano. Si facciano subito le verifiche che servono, ma visto che gli uffici saranno al lavoro tutto agosto, mi auguro che prendano in considerazione anche un piano B. Noi riproponiamo la nostra idea di riunire in un solo contenitore, una newco, tutte le azioni di Serravalle e Sea in possesso di Comune e Provincia, per poi metterne sul mercato una parte. Non ci dicano ancora che non ci sono i tempi. Certo che più il tempo passa e meno ce ne sarà”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, expo 2015, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro, Mobilità, provincia di milano, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Jabil, Cova: “Non si faccia morire sito di Cassina de’ Pecchi”

“Spogliare l’azienda dei macchinari vuol dire dichiarare la definitiva chiusura del sito produttivo della Jabil-Nokia di Cassina de’ Pecchi. Non capisco perché l’azienda abbia voluto forzare la mano proprio nel momento in cui il Ministero dello Sviluppo, la Regione Lombardia, la Provincia di Milano e lo stesso comune di Cassina de’ Pecchi hanno siglato un protocollo di intesa per la difesa dello stabilimento. E non capisco nemmeno perché ciò sia avvenuto ancor prima di aver escluso eventuali interessamenti di multinazionali estere all’utilizzo del sito produttivo e del ‘know how’ che c’è in quell’area”. Commenta così Paolo Cova, consigliere provinciale del Pd, la notizia di tensioni, qualche giorno fa, fra lavoratori licenziati e forze dell’ordine davanti all’azienda di Cassina de’ Pecchi dove alcuni dipendenti della Jabil hanno provato a prelevare del materiale.
“Viene il sospetto – continua Cova – che la Jabil-Nokia non abbia alcuna intenzione di cercare di risolvere le situazione. Anzi, temo che l’azienda possa aver già messo in bilancio la vendita di quell’area, considerando più remunerativa questa soluzione. Qui però non ci sono di mezzo solo i guadagni, ma anche la vita delle famiglie dei 380 dipendenti licenziati nel novembre scorso”.
“Chiediamo ancora una volta al Comune di Cassina de’ Pecchi – conclude Cova – di bloccare la speculazione e vincolare le aree della Jabil – Nokia alla produzione, visto che l’appetibilità di un’area libera da utilizzare per investimenti edilizi può condizionare pesantemente le sorti di quel sito produttivo”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, expo 2015, Idee e politica, provincia di milano, strade provinciali, Territorio | Taggato , , , , | 1 commento

Unioni civili, Milano guarda all’Europa

Approvata, dopo una lunga discussione terminata nella notte, la delibera che istituisce a Milano il registro delle “unioni civili”. Positivi i commenti degli esponenti del Pd milanese.
Ecco i comunicati stampa di Francesco Laforgia, coordinatore dei Circoli di Milano, e di Carmela Rozza, capogruppo Pd a Palazzo Marino. “Oggi Milano sorride e guarda all’Europa – dichiara il coordinatore cittadino del Pd Francesco Laforgia – una città con più diritti è una città più accogliente e che può svilupparsi di più anche sul piano economico. Con l’approvazione del registro delle unioni civili la maggioranza di centro sinistra che governa la città realizza un impegno elettorale e, insieme a tutti gli altri Comuni che hanno adottato un provvedimento simile, spinge il Paese e chi si candida a governarlo, a fare scelte più coraggiose e non più rinviabili sul terreno dei diritti. Nella consapevolezza che occuparsi, con la stessa forza, di condizioni materiali, economiche e sociali, e di diritti, è uno dei compiti che spetta alla politica”.“In consiglio comunale entra il ‘modello Torino’ ed esce il ‘modello Milano’”. Così il capogruppo del Pd a Palazzo Marino Carmela Rozza, nella sua dichiarazione di voto in aula sulla delibera per il riconoscimento delle coppie di fatto, ha rimarcato i cambiamenti apportati dal consiglio comunale al testo del nuovo regolamento. “Diamo a Milano la dignità di città europea – ha detto Rozza – ma al Paese anche un modello Milano che molti saranno chiamati a guardare, con un registro separato delle unioni civili diverso dal calderone della famiglia anagrafica e un provvedimento che ha maggiore forza perché basato sul principio fondativi della norma nazionale”. Un “obiettivo qualificante raggiunto con la convergenza delle opinioni di tanti consiglieri che prescindendo dalla posizione politica hanno scelto di partecipare alla formazione della delibera”. Per Rozza “siamo riusciti a tenere uniti tutti e a tenere ferma la barra sull’obiettivo, affrontando le differenze sul punto di merito e non ideologico e trovando l’equilibrio perché ognuno con le sue differenze si possa ritrovare nel provvedimento. Spero sia l’inizio di un percorso di modernità”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, associazionismo, donne democratiche, Economia e lavoro, europa, giuliano pisapia, Idee e politica, provincia di milano, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Coppie di fatto, Cornelli: “Da Milano un passo utile al Paese”

Roberto Cornelli, segretario provinciale PD

Questa settimana approda in Consiglio comunale a Milano la discussione sulla delibera per l’istituzione del registro delle unioni civili. Il segretario Roberto Cornelli conferma la validità dell’innovazione.
“La creazione di un registro per le unioni civili a Milano rappresenta un passo in avanti utile all’intero Paese sul tema dei diritti”. “La nostra città – prosegue ancora il segretario metropolitano Cornelli – sta facendo finalmente quello che deve fare una grande metropoli che sta nel mondo avanzato e che si occupa fino in fondo di tutti problemi delle persone. Tra i compiti dell’amministrazione c’è il progettare la città, governare le scelte grandi e piccole e garatire ai propri cittadini i diritti necessari a vivere meglio. Quello delle unioni civili è un primo passo che procede in questo senso e che dovrà servire da stimolo a una legislazione nazionale avanzata come in altri Paesi europei. La direzione intrapresa dal centrosinistra milanese va interpretata come un allargamento delle tutele per le persone che si vogliono bene e scelgono di condividere una casa, un futuro e non come il tentativo di privare di diritti e di prerogative la famiglia tradizionale. In questo campo non ci possono essere sovrapposizioni né conflitti perché una società aperta e dialogante è ciò che più serve all’interesse generale”.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, associazionismo, Blog Dem, comunicato stampa, cornelli segretario pd, europa, Idee e politica, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Congedo di paternità, la proposta del Pd in Provincia

“Anche in tempi di spending review, di tagli agli enti locali e di risparmi ci sono dei valori da difendere e altri da riaffermare. La genitorialità non è un tema che riguarda solo le donne, ma è un tema sociale. Per questo chiediamo alla Provincia di attivarsi a promuovere tre giorni di paternità obbligatoria per i suoi dipendenti e da queste basi partire con una ‘moral suasion’ nei confronti delle altre realtà lavorative sia pubbliche, sia private”. Con queste parole, Diana De Marchi e Bruna Brembilla, consigliere provinciali del Pd, spiegano le motivazioni che le hanno spinte a presentare una mozione sul tema a Palazzo Isimbardi.
“Fino a pochi anni fa – spiega De Marchi – la prima infanzia era lasciata alla cura delle madri e generazioni di padri hanno perso esperienze fondamentali, fortunatamente la cultura sta cambiando. Ogni donna sa quanto sia bello, ma a volte anche causa di ansie, il ritorno a casa dopo il parto. Da sempre, in questi frangenti, le nonne sono portatrici di esperienza e di conforto. Ma avere accanto il marito con cui condividere i primi momenti con il neonato può rendere la gioia più grande e le incombenze meno gravose”.

“La nostra proposta – dicono De Marchi e Brembilla – è quella di rendere obbligatorio e totalmente retribuito il congedo di tre giorni per i padri che lavorano nell’amministrazione provinciale, finora solo facoltativo, da usufruire nei primi otto giorni dell’arrivo del bambino a casa. Anche se dall’anno 2000 i padri possono chiedere congedi parentali facoltativi, spesso l’ostilità delle aziende a concederle oppure una sorta di imbarazzo maschile ad esprimere questa volontà, impediscono di fatto il loro utilizzo. Per questo la richiesta di trasformalo da facoltativo ad obbligatorio non va intesa come una imposizione, ma come aiuto ai padri a superare vecchi comportamenti e a rivendicare il proprio inalienabile diritto”.
“Anche dalle piccole cose come questa – aggiunge Brembilla – si può partire per cambiare mentalità. La maternità non è un tema che riguarda sole le donne, ma è un tema sociale. La condivisione dei compiti è questo segnale importante dal punto di vista culturale per modificare il sistema. Se infatti per affrontare il lutto esiste un permesso valido sia per uomini che per donne, perché non dovrebbe essere così per un avvenimento gioioso e ugualmente dirompente come la nascita di un figlio? Proporrò questa mozione anche ai Comuni della Provincia. Più siamo meglio è”.
“L’eventuale scelte da parte delle Provincia di attuare questa proposta – concludono le consigliere Pd – costituirebbe un segnale forte al mondo del lavoro, senza per questo avere ripercussione sull’efficienza lavorativa. Esistono infatti moltissimi studi che spiegano come la condivisione dei compiti e dei ruoli fra donne e uomini all’interno della famiglia aumenta la produttività di tutto i componenti del nucleo. A guadagnarne perciò sarebbero tutti”.

Pubblicato in amministratori locali pd, Blog Dem, comunicato stampa, donne democratiche, Economia e lavoro, provincia di milano, Sanità e welfare, Scuola, scuola materna, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Cordoglio per il compagno Placchi

Nella notte è scomparso dopo una breve ma dolorosa malattia, a 83 anni, Eros Placchi (nella foto primo a sinistra). Militante nel Pci dal 1947, Placchi, originario di Mantova, ricopriva importanti incarichi nella Fondazione “Elio Quercioli”. La Federazione metropolitana PD esprime ai familiari le proprie sentite condoglianze.

I funerali si terranno sabato 21 luglio, alle ore 11, presso la Fondazione “Quercioli” di Milano, in via Gola 20.
Eros Placchi aveva iniziato la sua militanza nel Pci iscrivendosi, nel 1947, presso la sezione “Fiocchi” dell’Alfa Romeo, fabbrica dove lavorò fino al 1961. Nel 1962 inizia a ricoprire importanti incarichi organizzativi nel Comitato cittadino di Milano. Dal 1970 al 1975 farà parte dell’amministrazione della Federazione provinciale di Milano, dove ricoprirà anche l’incarico di tesoriere. Nel decennio successivo, dal 1975 al 1985, è consigliere comunale e sindaco della città di Cornaredo. Fino alla scomparsa ha ricoperto importanti ruoli nei Ds e nella Fondazione, fra questi la presidenza dell’Immobiliare “Risorgimento”. Aveva aderito e sostenuto la nascita del Partito Democratico. La segreteria e tutta la Federazione metropolitana del Pd esprimono sincero cordoglio e vicinanza ai familiari per la scomparsa del compagno Eros.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, Economia e lavoro, festa democratica, Idee e politica, lavoro, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Afol, Mauri e Casati: “Fermare la trasformazione in srl”

Il centrodestra alla guida della Provincia di Milano propone di trasformare Afol, l’agenzia per la formazione, l’orientamento e il lavoro, in una società a responsabilità limitata. Il gruppo provinciale del Partito Democratico lancia l’allarme e chiede un tavolo di discussione con il Comune di Milano. “È necessario bloccare ogni decisione sulla trasformazione di Afol in srl in attesa di un chiarimento con il Comune di Milano. La richiesta fatta dall’assessore Cristina Tajani non è solo legittima, ma anche lungimirante”. Lo dicono Matteo Mauri, capogruppo del Pd in Provincia di Milano e Ezio Casati, vicepresidente in consiglio provinciale.
“Non riesco proprio a comprendere – dice Mauri – tutta la fretta della Provincia a voler trasformare Afol in una srl. In un momento di grandi cambiamenti istituzionali, che prevedono tra l’altro la prossima nascita della città metropolitana, risulta miope escludere dal dibattito il Comune”.  ”Ora chiediamo all’amministrazione – aggiunge Ezio Casati – di fermare il percorso di approvazione della delibera fino a quando un tavolo interistituzionale, tra Comune e Provincia, non possa esaminare la situazione e trovare una soluzione giusta ed equilibrata che possa garantire alle Afol il proseguo del lavoro dell’interesse dei cittadini”.
“Oltretutto le spiegazioni e i chiarimenti che avevamo chiesto all’amministrazione provinciale sulla trasformazione di Afol in srl – concludono i consiglieri del Pd – sono state lacunose e non hanno fugato i nostri dubbi. Una ragione in più per prendersi tutto il tempo necessario per evitare di fare la scelta sbagliata”

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, europa, expo 2015, giovani, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro, provincia di milano, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Operazione trasparenza, i contributi dei Parlamentari al partito

Dopo la pubblicazione, lo scorso giugno del bilancio 2011-2012, il Pd di Milano e provincia prosegue con l’operazione “trasparenza” e divulga i nomi dei parlamentari e consiglieri regionali che contribuiscono economicamente alla vita del partito. 

Hanno contribuito economicamente al sostegno della Federazione metropolitana milanese del Partito Democratico i seguenti eletti nelle istituzioni:

PARLAMENTARI

Camera dei Deputati

Matteo Colaninno
Emilia De Biasi
Enrico Farinone
Emanuele Fiano
Vinicio Peluffo
Barbara Pollastrini
Erminio Quartiani

Senato

Marilena Adamo
Fiorenza Bassoli
Gerardo D’Ambrosio
Pietro Ichino
Giorgio Roilo
Vimercati Luigi

EUROPARLAMENTARI
Antonio Panzeri
Patrozia Toia

CONSIGLIERI REGIONALI
Carlo Borghetti
Arianna Cavicchioli
Franco Mirabelli
Fabio PIzzul
Francesco Prina
Sara Valmaggi

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, Blog Dem, comunicato stampa, cornelli segretario pd, Economia e lavoro, europa, Idee e politica, provincia di milano, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Festa Democratica 2012 al Carroponte di Sesto

Anche quest’anno il Partito Democratico dell’area metropolitana milanese avrà la sua Festa Democratica a settembre. La scommessa che abbiamo fatto non era facile da vincere: organizzare il nostro tradizionale appuntamento, rinnovato nella forma, nella location e nella gestione, facendo i conti con la crisi economica che attacca duramente anche la vita del nostro partito milanese. Abbiamo deciso di spostarci a Sesto San Giovanni, per l’atto finale di un percorso che in questi mesi estivi ha visto l‘organizzazione di numerose feste democratiche sui territori dei Comuni della nostra provincia. Saremo al Carroponte, spazio gestito da Arci nei mesi estivi, da giovedì 13 a lunedì 24 settembre.

La scelta del Carroponte ci porta in un luogo riconosciuto dalla cittadinanza milanese come centro vitale estivo. Andiamo, con grandi aspettative, in uno spazio frequentato moltissimo dai giovani di Milano e provincia. Porteremo lì la nostra proposta politica, attraverso i dibattiti di livello nazionale che organizzeremo ogni sera: siamo lieti di ospitare la Festa nazionale dei Diritti.
Ringraziamo la società Meeting che si è messa disposizione ed ha rafforzato con la nostra federazione un rapporto di collaborazione e solidarietà che dura da anni: grazie ad un buon lavoro in sinergia siamo riusciti a trovare soluzioni adeguate, lasciando al centro il protagonismo del volontariato e della proposta politica.
Infatti anche quest’anno i volontari saranno protagonisti all’interno della festa nell’ambito della ristorazione, attraverso un rapporto che Meeting sta curando direttamente con le zone e con i circoli. Oltre a questo, però, ci sarà da fare un ulteriore sforzo: chiediamo la disponibilità dei volontari di far parte di una squadra che si occuperà di promozione politica all’interno della festa. Al momento opportuno vi forniremo tutte le indicazioni a riguardo.
Come sempre ci sarà la musica a far da colonna sonora alle nostre serate.
Nelle prossime settimana vi forniremo tutti i dettagli. Oggi siamo lieti di darvi la notizia: ci vediamo tutti al Carroponte, a settembre, per la nostra Festa Democratica.

Matteo Mangili
Responsabile organizzazione Pd area metropolitana milanese

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, cornelli segretario pd, Cultura e sport, Economia e lavoro, expo 2015, festa democratica, gd milano, giovani, giovani democratici, Idee e politica, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , , | 1 commento

Sea-Serravale, Mauri: “Ora Podestà dica cosa ha in mente per Asam”

Matteo Mauri, capogruppo Democratico alla Provincia

“Abbiamo votato a favore del concambio con il Comune di Milano delle azioni di Sea e di Serravalle detenute da Asam, perché abbiamo a cuore l’interesse dei cittadini di Milano. La questione è a questo punto cosa si vuole fare di Serravalle visto che avere una quota di azioni ancora maggiore significa dover sborsare molti più soldi per gli aumenti di capitale necessari per la realizzazione di Tem e Pedemontana. Proprio per questo ci aspettiamo che il presidente della Provincia Guido Podestà chiarisca qual è il futuro che ha in mente per Asam. Chiediamo ora che su questo tema si apra il dibattito in consiglio, visto che troppe volte in passato si è cambiato repentinamente idea”. Lo dice Matteo Mauri, capogruppo del Pd in Consiglio provinciale, in merito al concambio delle azioni Sea- Serravalle tra Provincia e Comune di Milano.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, Blog Dem, comunicato stampa, Economia e lavoro, expo 2015, strade provinciali, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento