A Milano torna il Vigile di prossimità

L'assessore alla Sicurezza Marco Granelli

“I vigili di quartiere non saranno piu’ i tappabuchi dei comandi di zona, ma avranno un loro ruolo. Rilanciamo il ghisa di prossimità, con un legame profondo con i cittadini”. Cosi’ l’assessore comunale alla Sicurezza Marco Granelli ha presentato recentemente il progetto sui vigili di quartiere, che dall’1 marzo portera’ 150 ghisa in piu’ negli 85 quartieri della citta’.
Con l’incremento da 200 a 350 vigili, che saranno tutti operativi entro il 10 aprile, ci saranno quattro agenti per strada in ogni quartiere, divisi in due turni, dalle 7.30 alle 19.30.Opereranno in coppia, con in dotazione un palmare ma ogni ghisa avra’ in dotazione anche una radio collegata direttamente alla centrale operativa, mentre una pattuglia in ogni zona sara’ pronta a intervenire in loro supporto. I cittadini potranno contattarli, per eventuali segnalazioni, via mail o chiamando il numero di telefono del comando di zona: tutte le informazioni e i riferimenti dei vigili di quartiere saranno a disposizione su un’apposita area del sito internet del comune. “Vogliamo che i cittadini conoscano i loro vigili di quartiere per nome e cognome – ha detto Granelli – come agenti davvero vicini a loro”.
A identificarli per ora sara’ il cappellino con la fascia a quadretti, ma il comune, ha riferito l’assessore, sta lavorando con la Regione per dare a questi agenti una divisa con una specifica visibilita’. Non si tratta, ha precisato, di un servizio realizzato con vigili neoassunti, ma “con personale esistente spostato dagli uffici o da altre funzioni con un miglioramento dell’organizzazione. Ad esempio, finora c’era una vettura dei vigili tenuta ferma davanti a ogni mercato rionale, non ci sara’ piu’”.
I vigili di quartiere avranno anche una formazione specifica, in aggiunta a quella ordinaria della polizia locale. Intanto Granelli conferma “l’obiettivo iniziale di arrivare a 500 vigili di quartiere: quattro vigili in ogni quartiere e’ il numero minimo. Avevamo parlato di 500 agenti e confermiamo l’obiettivo: lo raggiungeremo per gradi attraverso verifiche sul progetto”. Il ruolo dei vigili sara’ “innanzitutto di verifica e ascolto, per poi intervenire sulle criticita’ dei quartieri”: dal contrasto al degrado alle buche nell’asfalto da riparare, dai veicoli abbandonati da rimuovere alle discariche abusive, dai problemi di traffico e sosta alla presenza davanti alle scuole. Il progetto “segue la direzione segnata dalla riforma del decentramento che abbiamo avviato”, ha spiegato l’assessore al Decentramento Daniela Benelli. “La citta’ ha bisogno di cura del territorio e la sicurezza e’ uno degli aspetti importanti, soprattutto intesa come prevenzione”. (fonte OmniMilano)

Articolo scritto in amministrazione comunale, comunicato stampa, Idee e politica, sicurezza, Territorio e con i tag , , , , , , , , , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>