Archivi del mese: febbraio 2012

Comune, Cornelli: “Confronto sul bilancio prima di vendere municipalizzate”

Roberto Cornelli, segretario metropolitano del PD di Milano

“Occorre un confronto serrato con il sindaco e la giunta sul bilancio del Comune. Non vorremmo che, nel giusto tentativo di recuperare risorse, l’Amministrazione compia l’errore di privarsi di asset strategici come quote rilevanti di alcune aziende municipalizzate (Sea e A2a), che da sempre costituiscono i pilastri dello stesso bilancio e sono necessarie a garantire i servizi alle persone”. Lo afferma il segretario metropolitano del Partito Democratico, Roberto Cornelli, che aggiunge: “Il bilancio del Comune e le scelte da mettere in campo vanno condivise il più possibile con le parti politiche e discusse coinvolgendo i consiglieri comunali e i consigli di zona della città, dove le scelte prendono forma e diventano fatti concreti. Il confronto, ne siamo certi, sarà utile alla giunta come metodo nuovo della politica. Il sindaco Pisapia gode di un grande favore popolare ed è alla straordiaria partecipazione civica che occorre ritornare, anche nelle scelte difficili che attendono il governo cittadino, come quella del bilancio. Abbiamo a disposizione un grande patrimonio di persone, impegnate a vari livelli nell’Amministrazione di Milano. Va aperto un percorso di dialogo e confronto che saprà portare al tavolo della giunta proposte di innovazione”.

Pubblicato in amministratori locali pd, comunicato stampa, cornelli segretario pd, Economia e lavoro, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Smog, spospesi i divieti del Protocollo

Matteo Mauri: “In Provincia riunione avvilente e dai risvolti tragicomici

Matteo Mauri, capogruppo PD in Provincia di Milano

Al termine dell’incontro, tenutosi ieri a Palazzo Isimbardi, fra i sindaci dell’area metropolitana milanese e i vertici della Provincia guidata da Guido Podestà (PdL) è stato deciso di sospendere tutti i provvedimenti stabiliti dal Protocollo provinciale in materia di inquinamento atmosferico. Rilevato che negli ultimi tre giorni consecutivi i livelli di pm10 erano al di sotto dei 50mg/mc la cabina di regia provinciale ha deciso di sospendere i divieti. Così da oggi possono circolare anche i veicoli diesel euro 3.  

“Una riunione avvilente per la partecipazione - commenta il capogruppo PD in Provincia Matteo Mauri – e dai risvolti tragicomici, perché invece di assumere provvedimenti contro lo smog ha deciso di togliere i divieti. E’ ormai chiaro  che a questo organismo della Provincia non viene riconosciuta dai sindaci nessuna credibilità, ma è del tutto evidente il motivo, visto che all’ennesima riunione ci si pone ancora l’obiettivo di coordinarsi con la Regione. È un vero peccato perché avevamo riposto molte speranze.  Con una battuta possiamo dire che alla riunione c’è stato tanto fumo e niente arrosto, il che non è ideale per un’iniziativa contro l’inquinamento”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, comunicato stampa, Mobilità, provincia di milano, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Comune, una via alla Politkovskaja

Anna Politkovskaja

Il comune di Milano dedicherà una via o una piazza ad Anna Politkovskaja. La giornalista russa, assassinata a Mosca nel 2006, per avere denunciato le atrocità della guerra russo-cecena, avrà nella metropoli un ricordo toponomastico. Lo ha deciso ieri sera il Consiglio comunale di Milano approvando all’unanimità una mozione presentata dai consiglieri comunali Luca Gibillini (Sel), Marco Cappato (Radicali) e Filippo Barberis del Partito Democratico. La decisione accoglie la richiesta, sostenuta dalle firme di oltre 1500 cittadini, formulata dall’associazione culturale e per i diritti civili “AnnaViva”. Nella scorsa amministrazione, una pianta nel Giardino dei Giusti, era già stata dedicata alla giornalista russa. Per l’aula di Palazzo Marino la Politkovskaja “ha rappresentato a livello mondiale il giornalismo del coraggio, della ricerca della verità e della dignità”. L’intitolazione, si legge sempre nella delibera, è “per l’alto valore morale e simbolico della figura di Anna” e “per la necessità di segnali chiari nella direzione di una maggiore libertà di stampa in Italia”.

Pubblicato in amministrazione comunale, associazionismo, Cultura e sport, donne democratiche, europa, Idee e politica | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

A Milano torna il Vigile di prossimità

L'assessore alla Sicurezza Marco Granelli

“I vigili di quartiere non saranno piu’ i tappabuchi dei comandi di zona, ma avranno un loro ruolo. Rilanciamo il ghisa di prossimità, con un legame profondo con i cittadini”. Cosi’ l’assessore comunale alla Sicurezza Marco Granelli ha presentato recentemente il progetto sui vigili di quartiere, che dall’1 marzo portera’ 150 ghisa in piu’ negli 85 quartieri della citta’.
Con l’incremento da 200 a 350 vigili, che saranno tutti operativi entro il 10 aprile, ci saranno quattro agenti per strada in ogni quartiere, divisi in due turni, dalle 7.30 alle 19.30.Opereranno in coppia, con in dotazione un palmare ma ogni ghisa avra’ in dotazione anche una radio collegata direttamente alla centrale operativa, mentre una pattuglia in ogni zona sara’ pronta a intervenire in loro supporto. I cittadini potranno contattarli, per eventuali segnalazioni, via mail o chiamando il numero di telefono del comando di zona: tutte le informazioni e i riferimenti dei vigili di quartiere saranno a disposizione su un’apposita area del sito internet del comune. “Vogliamo che i cittadini conoscano i loro vigili di quartiere per nome e cognome – ha detto Granelli – come agenti davvero vicini a loro”.
A identificarli per ora sara’ il cappellino con la fascia a quadretti, ma il comune, ha riferito l’assessore, sta lavorando con la Regione per dare a questi agenti una divisa con una specifica visibilita’. Non si tratta, ha precisato, di un servizio realizzato con vigili neoassunti, ma “con personale esistente spostato dagli uffici o da altre funzioni con un miglioramento dell’organizzazione. Ad esempio, finora c’era una vettura dei vigili tenuta ferma davanti a ogni mercato rionale, non ci sara’ piu’”.
I vigili di quartiere avranno anche una formazione specifica, in aggiunta a quella ordinaria della polizia locale. Intanto Granelli conferma “l’obiettivo iniziale di arrivare a 500 vigili di quartiere: quattro vigili in ogni quartiere e’ il numero minimo. Avevamo parlato di 500 agenti e confermiamo l’obiettivo: lo raggiungeremo per gradi attraverso verifiche sul progetto”. Il ruolo dei vigili sara’ “innanzitutto di verifica e ascolto, per poi intervenire sulle criticita’ dei quartieri”: dal contrasto al degrado alle buche nell’asfalto da riparare, dai veicoli abbandonati da rimuovere alle discariche abusive, dai problemi di traffico e sosta alla presenza davanti alle scuole. Il progetto “segue la direzione segnata dalla riforma del decentramento che abbiamo avviato”, ha spiegato l’assessore al Decentramento Daniela Benelli. “La citta’ ha bisogno di cura del territorio e la sicurezza e’ uno degli aspetti importanti, soprattutto intesa come prevenzione”. (fonte OmniMilano)

Pubblicato in amministrazione comunale, comunicato stampa, Idee e politica, sicurezza, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Respingimenti, finalmente giustizia

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo ha sancito che l’Italia, con i respingimenti verso la Libia, ha violato i diritti umani e l’ha condannata al pagamento di un risarcimento di 15mila euro a ciascuno dei 22 ricorrenti, riconoscendo l’illegittimità dei respingimenti verso un paese dove rischiavano maltrattamenti e torture. “E’ dal 2009 che ripetiamo – dichiara Daniela Pistillo del Forum Immigrazione PD Milano – anche attraverso le parole della responsabile nazionale per l’immigrazione Livia Turco, che respingere in mare una barca piena di donne, uomini e spesso anche bambini, senza aver fatto nessun accertamento sulla loro identità e senza  aver valutato il loro potenziale diritto all’asilo, restituendoli ad un destino di violenza, tortura, stupro ed in alcuni casi anche di morte, oltre ad essere un atto profondamente inumano, sia anche del tutto illegale. Adesso c’è una sentenza della Corte Europea che dimostra come avessimo ragione. Niente ripagherà quei profughi per le violenze subite, ma perlomeno è stato creato un solido precedente giuridico affinché questo scempio del diritto non possa compiersi di nuovo”.

Patrizia Toia, eurodeputato del PD

“Finalmente giustizia – ha dichiarato Patrizia Toia deputata europea del PD  – mi ricordo quanto abbiamo detto a gran voce nel momento in cui i feroci respingimenti sono avvenuti. Nessuna sentenza ripagherà mai queste vittime, (tranne che uno scarno risarcimento pecuniario a pochi) ma almeno la giustizia si è espressa affermando un principio e speriamo che ciò sia da deterrente per il futuro. Rimangono un interrogativo e una proposta. L’interrogativo è chi pagherà, almeno politicamente, per il reato commesso? La proposta è che l’attuale governo, tramite il Ministro Cancellieri e il Ministro Terzi porgano un argine ai rifugiati e ai profughi che ancora si ammassano nei campi di raccolta in Libia, senza che vi sia una presenza internazionale per monitorare e garantire che la violenza e la prevaricazione non siano ancora gli unici padroni di migliaia di vite umane”.Resta il fatto che l’Italia continua a pagare, in termini economici e di immagine, per le scellerate politiche del governo Berlusconi e del ministro Maroni.

Pubblicato in comunicato stampa, europa, Idee e politica, profughi | Taggato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Cova: “Provincia più incisiva se usasse il laboratorio mobile”

“L’impegno dell’amministrazione provinciale contro i reati ambientali non potrebbe che aumentare se decidessero di rimettere in funzione il Laboratorio Mobile Ambientale che è stato smantellato”. Con queste parole Paolo Cova, consigliere provinciale del Pd, commenta le dichiarazioni dell’assessore provinciale alla Sicurezza Luigi Bolognini sull’operazione condotta dalla Polizia Provinciale che, recentemente, ha portato al sequestro di un’area di 30 mila metri quadri a Segrate.
“Nei giorni scorsi – aggiunge Cova – abbiamo segnalato che il laboratorio per il pronto intervento ambientale era stato abbandonato in un parcheggio e che non svolgeva più le sue attività di monitoraggio. Se l’assessore vuole dare un segnale importante gli suggeriamo di utilizzare ciò che già esiste, che è ancora funzionate e che può sicuramente dare una mano a prevenire i reati ambientali”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, comunicato stampa, Idee e politica, Sanità e welfare, strade provinciali, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Ex-Alfa, tutti i comuni dentro l’accordo

Arese, l'area dismessa dell'Alfa Romeo

Ex-Alfa Romeo di Arese. Il sindaco del PD Pietro Romano di Rho e i candidati sindaci alle prossime elezioni per il centrosinistra, Piermauro Pioli (Pd di Garbagnate) e Giuseppe Augurusa (Pd di Arese), chiedono uniti che sul destino futuro dell’area dismessa si possa decidere insieme. Tutte le amministrazioni comunali della zona devono riaprire il dialogo e tornare a decidere insieme sull’accordo di programma. Tale accordo, siglato allo stato attuale soltanto da Arese e Lainate e che dovrebbe entrare in vigore nel settembre 2012, prevederebbe l’insediamento di un centro commerciale di 77mila metri quadrati insieme a residenze e terziario. L’accordo di programma non convince gli amministratori di centrosinistra nemmeno per il forte impatto viabilistico che il centro commerciale avrebbe sui quartieri coinvolti di Arese.

“Siamo profondamente convinti – hanno scritto Romano, Pioli e Augurusa in una nota congiunta – della necessità che tutti i comuni dell’area debbano rientrare nel nuovo accordo di programma, oggi insufficiente per gli interessi dei territori. E’ indispensabile che Arese e Lainate, insieme a Garbagnate e Rho, tornino a ragionare uniti sulle possibili soluzioni per favorire una soluzione armonica per la più grande riqualificazione a nord-ovest di Milano”.

“Si tratta di un intervento urbanistico – spiegano ancora gli esponenti democratici – che necessita di una visione organica. Le istituzioni cittadine devono tornare a interpretare un ruolo da protagoniste”.

“Il 30 settembre – concludono il primo cittadino di Rho e i candidati sindaci di Garbagnate e Arese – è una data troppo ravvicinata rispetto all’appuntamento elettorale. Le nuove giunte di Arese e Garbagnate, unitamente a quelle in carica infatti, si troverebbero nell’impossibilità di gestire la firma dell’accordo. Chiediamo dunque alla Regione di valutare un’adeguata proroga rispetto agli attuali tempi di adozione”.

Pubblicato in amministratori locali pd, comunicato stampa, Economia e lavoro, europa, expo 2015, Idee e politica, lavoro, provincia di milano | Lascia un commento

Attentato alla Polizia locale di Paderno Dugnano

Solidarietà unanime da tutte le forze politiche e dalle istituzioni

Via Buozzi, la sede della Polizia locale di Paderno Dugnano

 L’attentato dinamitardo, chiaramente intimidatorio, davanti alla sede della Polizia locale di Paderno Dugnano desta non poche preoccupazioni. Le istituzioni locali e tutte le forze politiche hanno però reagito con una ferma condanna. Numerosi i messaggi di solidarietà  arrivati al corpo di polizia municipale. Il sindaco Marco Alparone ha dichiarato: “A chi ci ha voluto inviare questo messaggio di chiaro stampo mafioso risponderemo come abbiamo sempre fatto, continunando nel nostro lavoro senza mai abbassare la guardia”. Il segretario metropolitano Roberto Cornelli, che è sindaco della vicina Cormano aggiunge: “Il grave episodio preoccupa le tante persone impegnate nelle istituzioni e nella vita civile anche nel nostro comune, che in questo momento difficile è al fianco di tutti i padernesi e dei loro rappresentanti”. Ezio Casati, vicepresidente del Consiglio provinciale, ed ex-sindaco di Paderno, dichiara: “Mi auguro che si possano trovare al più presto i colpevoli e che la giustizia faccia piena luce sull’intera vicenda. Si tratta di un gesto molto grave, da non sottovalutare. Occorre una risposta ferma e unanime di tutte le forze politiche per contrastare il ripetersi o lo svilupparsi di altre azioni criminali sul nostro territorio. A tal proposito già da ora confermo la mia adesione alla fiaccolata di venerdì 24 febbraio (alle ore 20.30 ndr) organizzata dal Comune”.

Pubblicato in amministratori locali pd, antimafia, comunicato stampa, cornelli segretario pd, mafia, provincia di milano, roberto cornelli, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Derivati, accordo su 476 milioni di euro

Carmela Rozza, capogruppo PD a Palazzo Marino

Ricordate la vicenda dei titoli “derivati” acquisiti, nelle passate amministrazioni, dal comune di Milano? Palazzo Marino, con il voto del Consiglio comunale di ieri sera, sigla un accordo che permetterà di recuperare dalle banche 476 milioni di euro. Un importo, grazie al quale nel 2012, la Giunta Pisapia potrà molto probabilmente scongiurare i paventati aumenti dell’addizionale Irpef. Sull’intesa ancora da formalizzare è arrivato il voto favorevole della maggioranza, il no dell’opposizione e diversi voti di astensione (fra i quali il radicale Marco Cappato e Basilio Rizzo della sinistra radicale). Il senso di tutta l’operazione lo dichiara con efficacia la capogruppo del PD Carmela Rozza.

“Abbiamo costruito insieme gli elementi per denunciare le banche – ha dichiarato la democratica Rozza all’agenzia OmniMilano - e individuato gli esperti per aiutarci a capire la questione e agire, e la scelta di Milano ha fatto scuola in molti comuni. Il procedimento penale andrà avanti, non viene bloccato e il comune manterrà la sua posizione di soggetto danneggiato, il processo non è mai stato messo in discussione”. La capogruppo Rozza ha inoltre ribadito i termini vantaggiosi dell’operazione: “450 milioni di garanzia e 20 milioni all’anno di rendimento”. In concreto il derivato si chiuderà così: le banche verseranno nelle casse del comune 40 milioni di euro, mentre il comune reinvestirà 413 milioni come depositi a garanzia (275 milioni in Btp e 138 milioni in conti di deposito). Una formula questa che, assicura l’assessore al Bilancio Bruno Tabacci, pone i fondi in sicurezza e non in balia della variabilità dei tassi.

Pubblicato in amministratori locali pd, amministrazione comunale, comunicato stampa, Economia e lavoro, giuliano pisapia, Idee e politica, lavoro | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Smog, occorrono politiche su scala vasta

Pierfrancesco Maran, assessore all'Ambiente

Emergenza smog a Milano. Diciassette giorni con i valori del pm10 fuori limite massimo. E’ infatti dal 3 febbraio scorso che il limite dei 50mg per metrocubo viene sforato. Ieri, nonostante la giornata festiva, le centraline di rilevamento hanno segnato “rosso”: 213 mg/mc a Città Studi, 203 in via Senato e 228 mg/mc al Verziere. Leggermente migliori i livelli di polveri sottili in provincia: ad Arese il livello era di 137 mg/mc e 124 a Limito, frazione di Pioltello.

Che fare? A Milano e in tutti i 134 comuni dell’hinterlando l’unica misura in vigore è il protocollo ideato dalla Provincia di Milano: ovvero lo stop ai veicoli diesel euro 3 e due gradi in meno nelle caldaie. L’assessore all’Ambiente di Milano, il democratico Pierfrancesco Maran, chiama in causa la Regione: “A livello locale possiamo ridurre la tossicità del pm10, come dimostrato con il blocco di novembre e con Area C, e sta avvenendo. Ma per abbattere le concentrazioni servono politiche di vasta scala. Se la Regione si attiva siamo pronti a collaborare”. In programma c’è solo la prossima domenica a piedi in città, il 25 marzo, in occasione della gara podistica “Stramilano”. Per ora i milanesi devono accontentarsi della limitata precipitazione piovosa in corso oggi.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, amministratori locali pd, amministrazione comunale, giovani democratici, Idee e politica, Mobilità, provincia di milano, Territorio | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento