Archivi categoria: Idee e politica

Attrattività del territorio: finanziati otto progetti nella provincia di Bergamo

Sono molto soddisfatto per il finanziamento regionale di otto progetti della provincia di Bergamo in gara per il bando per l’attrattività territoriale sostenibile e gli interventi per la promozione turistica. In tutto sono state finanziate 33 delle 64 richieste di contributo presentate. Le proposte bergamasche costituiscono il risultato del lavoro sinergico tra aggregazioni di comuni, come nel caso di Gate (Green Attractivity Territory for Expo),
Bassa Pianura Bergamasca, Fontium e Mercatorum, Distretto dell’attrattività del Lemine, La Valle dei Sapori, Isola Bergamasca, Valli in Famiglia, Area All in one. Inserito in graduatoria e, per ora, finanziabile ma non finanziato il progetto “Viaggio alla scoperta della pianura bergamasca” con capofila il comune di Cividate al Piano.
I comuni beneficiari devono garantire ora la realizzazione di misure di incentivazione delle imprese del commercio e del turismo e, non di meno, l’apporto delle risorse necessarie di cofinanziamento per parte comunale.
Mi complimento con le aggregazioni di comuni bergamaschi che hanno presentato i progetti per il buon lavoro svolto e per i risultati ottenuti in termini di finanziamenti.
Spero ne potranno uscire azioni utili alla valorizzazione e alla promozione del nostro territorio.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

No al nuovo ticket di montagna.

No al nuovo ticket di montagna. La maggioranza che doveva togliere i ticket ne introduce uno nuovo sull’elisoccorso.

Il PD contro il progetto di legge sul soccorso alpino e speleologico in zone impervie. Sì alla compartecipazione per dissuadere le negligenze. No alla regolamentazione punitiva e onerosa che penalizza il turismo in montagna, anche quello della scolaresca in gita o degli anziani cercatori di funghi.
Abbiamo chiesto un rinvio del progetto e, settimana prossima, siamo pronti a dar battaglia con i nostri emendamenti. Le proposte della maggioranza, con gli emendamenti presentati oggi, sono infatti ulteriormente peggiorative. Se nella prima versione si andava a colpire solo le chiamate non urgenti e le negligenze, ora si introduce la compartecipazione alla spesa anche per l’urgenza e la si estende anche alle attività non alpinistiche ed escursionistiche.
Siamo d’accordo sulla necessità di sviluppare una consapevolezza maggiore per evitare i troppi incidenti che si verificano culle cime e per diminuire le chiamate improprie a carico dei servizi di emergenza-urgenza, ma deve valere solo per le chiamate effettivamente negligenti. E non toccare quelle con un profilo sanitario, né urgente, né non urgente. Per questo gli emendamenti del PD chiedono l’esclusione del pagamento sia per i minori di 14 anni sia per i disabili e l’introduzione di una compartecipazione non superiore al 30% del totale del costo del soccorso (circa 3000 euro) da applicarsi solo per gli interventi non sanitari. Serve poi affiancare queste misure con un lavoro di formazione e informazione sull’escursionismo in montagna da parte di associazioni, scuole, pro loco e agenzie turistiche. Lasciamo perdere invece inutili differenze, di stampo leghista, tra residenti e non residenti che altro non fanno che penalizzare il turismo lombardo.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica, Sanità e welfare, Territorio | Lascia un commento

Casinò di San Pellegrino

San pellegrino: Sì dell’Aula all’apertura del Casinò. La Regione promuova il progetto di rilancio della valle.

Con 28 si, 22 No e un astenuto nel tardo pomeriggio di ieri l’Aula ha approvato una mozione presentata da tutti i consiglieri regionali bergamaschi con la quale si chiede alla Regione di farsi portavoce a Roma per l’ottenimento dell’autorizzazione al ministero dell’ interno per l’istituzione di una casa da gioco nel comune di San Pellegrino terme.
Siamo molto soddisfatti: questo progetto rientra in un quadro generale di rilancio della Val Brembana che segue l’apertura delle terme e favorisce la riapertura dello storico Grand Hotel. In questi anni la crisi economica ha messo in ginocchio la valle bergamasca e la mozione va nella direzione di dare una chance alla valle in termini occupazionali e per il rilancio del turismo e dell’economia locale. Quindi riteniamo opportuno che Regione Lombardia promuova questo progetto facendosi portavoce a Roma per l’ottenimento dell’autorizzazione necessaria per l’apertura del Casinò, al momento in stand-by presso il Ministero dell’Interno.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Il Governo sospende e rinvia il pagamento del 16 dicembre. Ora si rivedano i criteri di applicazione

Buone notizie sul fronte dell’IMU per i terreni agricoli: il Sottosegretario alle Politiche agricole Baretta, rispondendo ad un’interrogazione di un senatore PD lombardo,
ha confermato che il Governo sta provvedendo a una modifica delle modalità
relative all’applicazione del decreto relativo all’IMU agricola, con l’obiettivo di rinviarne il pagamento stabilito per il 16 dicembre 2014 e di rivederne i criteri applicativi.
Adesso auspichiamo che si rivedano presto le modalità di applicazione della tassa, soprattutto per quanto riguarda le zone montane o svantaggiate al di sotto dei 600 metri. A quanto pare, gli unici terreni veramente esenti dal pagamento della tassa sarebbero stati quelli situati nei comuni che hanno un’altitudine di almeno 600 metri, mentre tra i 280 e i 600 avrebbero avuto l’esenzione solo i terreni posseduti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali, e sotto i 280 metri tutti avrebbero dovuto pagare l’intera imposta per il 2014.
Ma il concetto di zona svantaggiata non può riferirsi solo alla quota in cui si trova il Comune. Il Governo deve prendere in considerazione anche altri parametri di svantaggio, come i dati socio-economici dei territori interessati. Ed è per questo che, nell’ultima seduta di Consiglio regionale, avevamo votato a favore di una mozione che impegnava la Giunta ad attivarsi con il Ministero non solo per sospendere il pagamento, decisione di fatto già presa a Roma, ma anche per rivedere i criteri di esenzione.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Per difendere la ristorazione tipica serve una normativa chiara

Si è parlato dello spiedo, di polenta e osei e della loro sopravvivenza, ieri sera, in Consiglio regionale, dove è stata approvata una mozione, sottoscritta anche da me.
L’ho sostenuta convintamente perché è un intervento a difesa della ristorazione tradizionale delle valli bergamasche; il documento manifesta la necessità di una normativa chiara, sia a livello regionale che nazionale, rispetto all’utilizzo della selvaggina nell’ambito della ristorazione, in particolare nei piatti tipici come lo spiedo o la polenta e osei.

Questi due piatti tipici non vanno confusi con il tema della caccia, che a sua volta dovrà trovare momenti di chiarezza, né con il tentativo di mascherare attività illegali. Anzi, norme chiare e non da interpretare sono alla base di comportamenti leciti e trasparenti.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Lavorare in sinergia, facendo rete sui territori e razionalizzare il sistema normativo: ecco la ricetta per il turismo lombardo.

Voto positivo del PD alle due risoluzioni per aggiornare la normativa del turismo in Lombardia, presentate ieri in occasione della seduta dedicata ad Expo.
Per Expo e perché la manifestazione sia il punto di partenza per uno sviluppo del settore turistico in Lombardia occorre lavorare coinvolgendo tutto il territorio, le associazioni che in Lombardia si occupano di turismo e di cultura e i diversi portatori d’interesse. Servono azioni concrete di razionalizzazione e semplificazione da fare subito per colmare una serie di lacune, da quelle sull’ospitalità a quelle infrastrutturali, come abbiamo chiesto nelle risoluzioni che abbiamo approvato oggi.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Disabilità: soddisfatti dell’incremento del fondo per la non autosufficienza. Inutili le polemiche leghiste.

Come PD lombardo abbiamo espresso soddisfazione per il ripristino della dotazione del fondo nazionale per la non autosufficienza che vedeva inizialmente una riduzione di 100 milioni nella legge di stabilità 2015, ed è stato ora addirittura incrementato rispetto allo scorso anno, passando da 350 a 400 milioni di euro.

Siamo molto soddisfatti, abbiamo lavorato in questa direzione ed eravamo certi che il governo avrebbe riconosciuto le buone ragioni di chi, associazioni in testa, chiedeva di mantenere l’impegno per la cura e l’assistenza delle persone non autosufficienti. Il governo di centrosinistra non ha dunque tagliato i fondi per le persone più fragili, come ipotizzato dalla consigliera della Lega Nord Silvana Saita, ma, al netto dei siparietti estivi da lei ricordati, si è impegnato, a differenza dei governi di centrodestra che lo hanno preceduto, ad assicurare gli stanziamenti necessari per il fondo. Ricordiamo invece, per dovere di cronaca, che il fondo nazionale per la non autosufficienza fu istituito nel 2007 dal governo di centro sinistra, come sostegno statale agli interventi degli enti locali a favore dei soggetti non autosufficienti, ed è stato oggetto nel 2009 e 2010 di un investimento complessivo nazionale di 400 milioni.
Nel 2011 e 2012 invece non è stato rifinanziato, ad eccezione di una quota di 100 milioni riservata esclusivamente ai malati di SLA e, solo a partire dal 2013, il governo Letta lo ha
riportato in vita finanziandolo con 350 milioni di euro.

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare | Lascia un commento

Eusalp: un sostegno alla vita e alle attività in montagna. La Regione si faccia parte attiva.

È stata approvata ieri, martedì 14 ottobre 2014, in Consiglio regionale, la risoluzione che rappresenta il contributo dell’assemblea alla consultazione pubblica promossa dalla Commissione europea ‘Una strategia Ue per la Regione alpina (Eusalp)’. Il documento intende individuare, insieme a istituzioni, istanze sociali e cittadinanza dei territori interessati, le linee di azione della nascente macroregione europea delle Alpi.

Accolti già in sede di Commissione gli emendamenti al testo della risoluzione che il Gruppo del PD ha proposto e che intendevano mettere in risalto, all’interno della strategia macroregionale, l’attenzione che deve essere riservata alle aree specificamente montane.
Tra le proposte, frutto delle riflessioni avviate negli scorsi anni dai gruppi consiliari del Pd delle regioni e province autonome alpine, vi sono il sostegno alla permanenza delle attività economiche e alla residenzialità in montagna, una compensazione delle maggiori difficoltà che richiede gestire servizi e mantenere il territorio in area montana, quindi anche il riconoscimento del contributo che l’agricoltura di montagna fornisce nell’interesse generale alla cura e conservazione del paesaggio e alla prevenzione dei rischi naturali.

Sono convinto che Eusalp debba e possa fornire le risposte necessarie alle sfide che da sempre le regioni alpine devono affrontare: i grossi mutamenti strutturali in agricoltura e turismo, il divario digitale, la protezione dell’ambiente, la qualità della vita delle zone alpine e non ultimo uno sviluppo economico che possa consentire non solo la permanenza in montagna, ma anche una dignitosa indipendenza economica. La facilitazione
e lo sviluppo della mobilità sia delle merci che delle persone saranno anch’esse una priorità.

E alla Regione ho chiesto di sostenere il rafforzamento dei servizi di interesse regionale, la valorizzazione coordinata delle eccellenze alpine, lo stimolo all’occupazione e alla permanenza della gente di montagna nei propri territori, il miglioramento e il rafforzamento dell’intermodalità e dell’operabilità nel settore del trasporto, l’aumento dell’efficienza energetica e la produzione delle energie alternative e
rinnovabili, la gestione sostenibile ed efficiente delle risorse naturali e culturali, la gestione dei rischi territoriali e idrogeologici.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità, Territorio | Lascia un commento

Patrimonio mobiliare ospedali.

LE DISMISSIONI DEVONO SEGUIRE IL PRINCIPIO DELLA DONAZIONE A SCOPI UMANITARI

Pollice verso del Partito democratico al parere sulla delibera che dovrebbe stabilire i criteri per la dismissione del patrimonio mobiliare delle strutture sanitarie e sociosanitarie.
Bene la procedura di semplificazione e l’ampliamento della categoria dei soggetti che intendono dismettere gratuitamente così come l’allargamento della categoria dei destinatari, ma si tuteli il vincolo dei motivi umanitari.
Regione Lombardia ha sempre donato a scopi umanitari, in diversi Paesi del mondo, queste attrezzature e apparecchiature, ora la nuova delibera rischia di vanificare il processo. Le indicazioni date dalla Giunta rischiano infatti di introdurre un principio più commerciale che umanitario.

Ed è proprio quello che noi non vogliamo, quelle attrezzature, anche se da noi sono ritenute vecchie, per molte realtà dei Paesi più poveri sono di grande aiuto a medici e chirurghi che vi operano.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Sanità e welfare | Lascia un commento

Autismo: diretta web

Domani, mercoledì 13 novembre, alle ore 13,00 vi invito a seguire su BlogDem la diretta web in cui illustrerò, insieme a Fabio Pizzul e a Francesco Bova, i contenuti del
nostro progetto di legge regionale per il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi sociosanitari nei confronti dei soggetti autistici.

http://www.blogdem.it/blog/2013/11/11/autismo-la-nostra-proposta-di-legge-la-diretta-web-mercoledi-1311-ore-13/

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Sanità e welfare | Lascia un commento