Archivi categoria: Blog Dem

Studenti disabili, la Regione si impegna per nuovi contributi, ma i tempi devono essere rapidi

Regione Lombardia garantirà particolare attenzione ai casi più gravi e nuove risorse per le esigenze più urgenti, con un occhio di riguardo per la situazione di Bergamo: lo ha assicurato l’assessore all’Istruzione Aprea rispondendo a un’interrogazione a risposta immediata del Pd, questa mattina, in Consiglio regionale, sul tema dell’assistenza educativa scolastica per gli studenti disabili che necessitano di piani personalizzati nell’ambito della formazione professionale.

“In Lombardia esistono delle linee guida per lo svolgimento dei servizi connessi all’assistenza per questi ragazzi – spiega Mario Barboni, consigliere regionale del Pd, componente della VII Commissione Istruzione e firmatario della question time –. Ma ci sono arrivate diverse segnalazioni dal territorio, anche da quello bergamasco, che denunciano preoccupazioni riguardo alla copertura degli interventi educativi per gli allievi disabili che hanno bisogno di percorsi personalizzati e sono iscritti ai corsi di formazione professionale. Invece, come dicevamo nell’interrogazione, è fondamentale garantire loro l’affiancamento individuale di un educatore professionale, poiché alcuni studenti non sono in grado di assistere in maniera autonoma a una lezione frontale”.

E mentre a luglio, durante un’analoga discussione in Commissione, Barboni e il Pd avevano avuto l’impressione di “una chiusura da parte dell’assessorato, oggi ci è stata data una risposta soddisfacente: grazie alle nuove competenze dei servizi per l’assistenza scolastica, l’Aprea ha assicurato che la Regione darà adeguato supporto agli studenti con situazione particolarmente grave nella formazione professionale. L’assessore ha riconosciuto che esistono esigenze ulteriori. Per questo partirà un iter di analisi dei casi più gravi e complessi che necessitano di ulteriori Percorsi personalizzati disabili e, in accordo con l’assessore al Bilancio, saranno inserite nuove risorse in base a esigenze motivate”. In particolare, l’assessore Aprea ha assicurato attenzione ad alcune eccellenze che sono presenti sul territorio regionale, “soprattutto in provincia di Bergamo, che si sono trovate in difficoltà rispetto ai servizi erogati da istituzioni territoriali che negli anni si sono particolarmente specializzate in questi ruoli”.

I consiglieri Pd si augurano solo che, “se questo impegno dell’assessore ci rassicura riguardo le perplessità sollevate a luglio, i tempi siano rapidissimi, altrimenti si rischia di rendere impossibile la frequenza alle lezioni di molti studenti”.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento

Grazie al PD sei milioni di euro al fondo valli prealpine

Partenza con il botto per il Gruppo regionale del Pd sull’ultimo assestamento di bilancio di Regione Lombardia prima della scadenza della legislatura: a maggioranza è stato approvato un emendamento presentato dal consigliere democratico Mario Barboni che incrementa di 6 milioni di euro su due anni il Fondo regionale territoriale per lo sviluppo delle valli prealpine.

L’emendamento recita esattamente: “Ai fini del finanziamento del Fondo regionale territoriale per lo sviluppo delle valli prealpine di cui all’articolo 5 bis della legge regionale sugli ‘Interventi regionali in favore della popolazione dei territori montani’, per ciascuno degli esercizi finanziari degli anni 2018 e 2019 è autorizzata una ulteriore spesa di 3 milioni di euro alla missione sullo ‘Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente’, programma sullo ‘Sviluppo sostenibile territorio montano piccoli comuni’”.

Una grande soddisfazione. Una parte della maggioranza ha votato decisamente con noi e la richiesta è passata. Meno male! Se avessimo aspettato Maroni e i suoi fedelissimi, a quel capitolo avrebbero continuato ad esserci esattamente zero euro. Invece, il nostro ragionamento ha convinto diversi consiglieri anche della stessa Lega, soprattutto quelli che provengono dai territori montani: per finanziare le terre alte abbiamo chiesto corrispondenti riduzioni di spesa di 3 milioni di euro alla missione sui ‘Servizi istituzionali, generali e di gestione’ per le spese correnti per il 2018, e altrettanti alla missione sui ‘Fondi e accantonamenti’ per le spese in conto capitale per il 2019.

Il capogruppo della Lega aveva chiesto al Pd di decidere esattamente a quali altre richieste di spesa rinunciare per poter ottenere l’approvazione, ma nonostante non ci sia stata risposta alla domanda, l’emendamento è passato lo stesso. Immediata la sospensione della seduta con una riunione dei gruppi di maggioranza.

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Lascia un commento

Commissione d’inchiesta ALER

Commissione d’inchiesta ALER: un primo utile passo per certificare la responsabilità. Si pubblichino i verbali.

Ad un anno esatto dalla sua istituzione, ieri si è tenuta l’ultima seduta della Commissione d’inchiesta su ALER nata per far luce sulle cause che hanno portato all’insostenibile situazione economica e finanziaria in cui versa l’azienda che gestisce gli alloggi popolari in Lombardia. La relazione votata all’unanimità da tutti i componenti della commissione arriverà in Consiglio regionale martedì prossimo per la votazione finale. Rivendichiamo con orgoglio la scelta giusta delle opposizioni di chiedere l’istituzione di questo tipo di Commissione. E’ stato un lavoro di inchiesta lungo e complesso che ha permesso di individuare le diverse responsabilità politiche e gestionali. Ed è per questo, anche per rispetto di tutti gli inquilini ALER, che chiediamo che vengano resi pubblici i verbali e tutto il materiale raccolto dalla commissione d’inchiesta. E’ un appello che speriamo venga accolto dal presidente Cattaneo che deciderà al riguardo.
Diversi sono gli spunti di riflessione che si possono fare alla luce di quanto sentito e scritto. Un primo dato è la totale mancanza da parte di Regione Lombardia di esercitare in tutti questi anni il suo ruolo di indirizzo, controllo e programmazione preferendo invece quello più politico di vera e propria gestione fatta in maniera fallimentare, visti i risultati. Inoltre un problema che non può essere più rinviabile è la necessità di reperire nuove risorse. Questo settore non viene riconosciuto alla stregua delle altre politiche di welfare, si pensi ad esempio alla sanità, e pertanto bisogna pensare a nuove forme di finanziamento ad hoc.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Agricoltura di montagna

Agricoltura di montagna: grazie al PD messo a bilancio almeno un milione per la manutenzione dei territori.

L’agricoltura di montagna fa andare sotto la maggioranza di centrodestra che governa Regione Lombardia. È successo martedì 23 dicembre, durante la seduta del Consiglio regionale, mentre si discuteva il bilancio.

PD e Lega avevano presentato un emendamento che chiedeva di stanziare un milione di euro a favore della manutenzione dei territori montani, da mettere a posta nelle voci relative all’agricoltura; ma in fase di votazione, su richiesta dell’assessore regionale al Bilancio Garavaglia, la Lega ha ritirato l’emendamento.

A quel punto, messo ai voti, con i ‘sì’ di tutta l’opposizione più 4 del centrodestra e una manciata di astenuti, l’emendamento è passato.

Ora la decisione è presa e, dunque, grazie all’insistenza del PD che non avrebbe mai mollato su un tema così delicato, abbiamo ottenuto almeno un milione di euro sul 2015 per i territori montani. Faccio presente che fino a quest’anno le risorse ammontavano a 6 milioni di euro; adesso non posso che augurarmi che durante l’anno la Giunta Maroni ci ripensi e decida di rimpinguare ulteriormente quel capitolo.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Economia e lavoro, Territorio | Lascia un commento

Pompe di benzina: piccolo passo avanti per il miglioramento della qualità dell’aria

Voto favorevole del PD al progetto di legge approvato ieri in Aula che detta nuove regole per la vendita di carburanti stabilendo che i nuovi impianti si debbano inderogabilmente dotare di almeno un prodotto a basso impatto ambientale, dal metano all’erogatore di elettricità. Abbiamo votato favorevolmente il provvedimento perché ha come finalità principale quella di combattere l’inquinamento atmosferico favorendo l’uso dei carburanti green. Anche grazie alle nostre richieste in Commissione, poi, il provvedimento è stato esteso ai distributori già esistenti che verranno ampliati, oltre che ai nuovi impianti. L’importante, oggi, è che la copertura di gpl o metano debba essere garantita a ciascun bacino: si tratta di un piccolo passo avanti, occorre partire da qui per andare ulteriormente ad approfondire l’utilizzo dei carburanti immateriali.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Mobilità, Territorio | Lascia un commento

Il Governo sospende e rinvia il pagamento del 16 dicembre. Ora si rivedano i criteri di applicazione

Buone notizie sul fronte dell’IMU per i terreni agricoli: il Sottosegretario alle Politiche agricole Baretta, rispondendo ad un’interrogazione di un senatore PD lombardo,
ha confermato che il Governo sta provvedendo a una modifica delle modalità
relative all’applicazione del decreto relativo all’IMU agricola, con l’obiettivo di rinviarne il pagamento stabilito per il 16 dicembre 2014 e di rivederne i criteri applicativi.
Adesso auspichiamo che si rivedano presto le modalità di applicazione della tassa, soprattutto per quanto riguarda le zone montane o svantaggiate al di sotto dei 600 metri. A quanto pare, gli unici terreni veramente esenti dal pagamento della tassa sarebbero stati quelli situati nei comuni che hanno un’altitudine di almeno 600 metri, mentre tra i 280 e i 600 avrebbero avuto l’esenzione solo i terreni posseduti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali, e sotto i 280 metri tutti avrebbero dovuto pagare l’intera imposta per il 2014.
Ma il concetto di zona svantaggiata non può riferirsi solo alla quota in cui si trova il Comune. Il Governo deve prendere in considerazione anche altri parametri di svantaggio, come i dati socio-economici dei territori interessati. Ed è per questo che, nell’ultima seduta di Consiglio regionale, avevamo votato a favore di una mozione che impegnava la Giunta ad attivarsi con il Ministero non solo per sospendere il pagamento, decisione di fatto già presa a Roma, ma anche per rivedere i criteri di esenzione.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Per difendere la ristorazione tipica serve una normativa chiara

Si è parlato dello spiedo, di polenta e osei e della loro sopravvivenza, ieri sera, in Consiglio regionale, dove è stata approvata una mozione, sottoscritta anche da me.
L’ho sostenuta convintamente perché è un intervento a difesa della ristorazione tradizionale delle valli bergamasche; il documento manifesta la necessità di una normativa chiara, sia a livello regionale che nazionale, rispetto all’utilizzo della selvaggina nell’ambito della ristorazione, in particolare nei piatti tipici come lo spiedo o la polenta e osei.

Questi due piatti tipici non vanno confusi con il tema della caccia, che a sua volta dovrà trovare momenti di chiarezza, né con il tentativo di mascherare attività illegali. Anzi, norme chiare e non da interpretare sono alla base di comportamenti leciti e trasparenti.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Forum regionale PD salute e welfare

Il segretario regionale del Partito Democratico Alessandro Alfieri mi ha nominato responsabile del Forum regionale salute e welfare del PD lombardo. Come prima iniziativa ho voluto incontrare tutti i responsabili provinciali della materia.

Ringrazio il segretario Alfieri per la fiducia che mi ha accordato. Il Partito Democratico contiene molte competenze ed è in grado sia di ascoltare i problemi che di formulare una proposta di revisione profonda della sanità lombarda. Abbiamo bisogno di valorizzare le eccellenze che ci sono e di portare la cura più vicina al cittadino, e questo lo faremo tutti insieme, con tutti i territori della Lombardia anche attraverso il lavoro del nostro forum.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento

La maggioranza ha scelto di azzerare le risorse per le nostre valli e impoverire le Comunità Montane

Il bilancio 2015 di Regione Lombardia lascia a secco gli investimenti per l’agricoltura di montagna e toglie 2 milioni di euro alle Comunità montane. E non per i mancati trasferimenti del Governo, come cerca di far credere la Lega: anzi, sono arrivati anche i soldi della PAC. Sono le scelte della politica della maggioranza al governo di Regione Lombardia.

I conti sono presto fatti: in generale, c’è un taglio sostanzioso sulla voce. Nel particolare, per quanto riguarda gli investimenti, cioè la voce in conto capitale, a rimetterci è la montagna: viene azzerato il capitolo sullo sviluppo dell’agricoltura montana che nel 2014 contava su 3 milioni di euro; stessa cosa per la salvaguardia e valorizzazione delle produzioni forestali che contava su 7 milioni e ora non esiste più; azzerato anche il capitolo sul potenziamento dell’agricoltura in aree montane rispetto ai 350mila euro precedenti. In tutto oltre 10 milioni tolti alla montagna. Ci rimettono anche le spese correnti delle Comunità montane, che dai 12 milioni del 2014 passano ai 10,5 del 2015.

Colpa del Governo di Roma, hanno detto i leghisti in Commissione, ma li smentiamo subito,perchè anche qua contano i numeri: su un bilancio regionale di circa 24 miliardi di euro, sappiamo che il Governo ha tagliato 920 milioni, di cui 720 alla sanità. Sugli altri 200 ha deciso la Regione che ne ha tolti 150 al trasporto pubblico locale e 50 al resto. Quindi, quest’ultima non è una cifra sufficiente a giustificare l’accetta su tanti capitoli, montagna compresa. Il punto è che, come ha spiegato bene la dirigente delle Finanze, c’è stata la bella cifra di 150 milioni di euro di minori entrate. Quindi, si cominci a verificare il motivo della mancanza di queste risorse.

È inutile che oggi la Giunta Maroni e i leghisti tentino di buttare la palla nel campo del Governo. Nonostante parlino sempre di montagna e si vantino di partecipare alla Macroregione alpina, la loro decisione politica, di cui devono assumersi la responsabilità, è ben chiara: per la principale voce economica per quelle aree, cioè l’agricoltura e le produzioni forestali, non hanno voluto stanziare risorse.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Economia e lavoro, Territorio | Lascia un commento

Calendario venatorio: no alla chiusura immediata della stagione. Ma la legislazione va rivista completamente.

Calendario venatorio: no alla chiusura immediata della stagione. Ma la legislazione va rivista completamente.

Durante la seduta del Consiglio Regionale di martedì il Gruppo consiliare del PD ha votato a favore del non passaggio all’esame degli articoli del progetto di legge del M5S sull’abrogazione del calendario venatorio regionale. Questa richiesta di abrogazione è arrivata troppo tardi, a stagione venatoria inoltrata, e quindi approvare il progetto di legge avrebbe voluto sancirne l’immediata chiusura. Tuttavia, ci riserviamo di rivedere la nostra decisione sotto gli aspetti giuridici che alcuni consiglieri hanno sottolineato e che meritano un approfondimento.

E la tempistica deve essere breve: già a gennaio, appena chiusa la stagione, è necessario che il Consiglio e Regione Lombardia rivedano e mettano mano a tutto il comparto della caccia, cosa che, comunque, da qualche mese si sta già facendo con l’assessorato e le associazioni venatorie.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Territorio | Lascia un commento