Archivi del mese: marzo 2015

Gioco d’azzardo: vogliamo continuare sulla strada intrapresa

Gioco d’azzardo: vogliamo continuare sulla strada intrapresa da oltre un anno: ce lo chiedono i sindaci lombardi.

Voto positivo del PD al progetto di legge che dà un giro di vite alle autorizzazioni per il rinnovo delle licenze per l’installazione di macchinette in bar e sale da gioco.
Il cosiddetto distanziometro, che aiuta i Comuni a combattere con regole certe le ludopatie, sarà applicato, d’ora in avanti, non appena il provvedimento sarà approvato anche dall’Aula, non solo alle nuove aperture ma anche agli esercizi già esistenti. Del resto i sindaci, che sono i primi ad essere in trincea nel contrasto al gioco d’azzardo, ce lo hanno chiesto attraverso un vero e proprio Manifesto. Continuiamo dunque sulla strada intrapresa oltre un anno fa con la legge approvata all’unanimità che ha permesso di diminuire il numero delle macchinette, certi che questa sia la direzione giusta per combattere la piaga, sempre più diffusa, delle ludopatie.

Pubblicato in Sanità e welfare | Lascia un commento

Commissione d’inchiesta ALER

Commissione d’inchiesta ALER: un primo utile passo per certificare la responsabilità. Si pubblichino i verbali.

Ad un anno esatto dalla sua istituzione, ieri si è tenuta l’ultima seduta della Commissione d’inchiesta su ALER nata per far luce sulle cause che hanno portato all’insostenibile situazione economica e finanziaria in cui versa l’azienda che gestisce gli alloggi popolari in Lombardia. La relazione votata all’unanimità da tutti i componenti della commissione arriverà in Consiglio regionale martedì prossimo per la votazione finale. Rivendichiamo con orgoglio la scelta giusta delle opposizioni di chiedere l’istituzione di questo tipo di Commissione. E’ stato un lavoro di inchiesta lungo e complesso che ha permesso di individuare le diverse responsabilità politiche e gestionali. Ed è per questo, anche per rispetto di tutti gli inquilini ALER, che chiediamo che vengano resi pubblici i verbali e tutto il materiale raccolto dalla commissione d’inchiesta. E’ un appello che speriamo venga accolto dal presidente Cattaneo che deciderà al riguardo.
Diversi sono gli spunti di riflessione che si possono fare alla luce di quanto sentito e scritto. Un primo dato è la totale mancanza da parte di Regione Lombardia di esercitare in tutti questi anni il suo ruolo di indirizzo, controllo e programmazione preferendo invece quello più politico di vera e propria gestione fatta in maniera fallimentare, visti i risultati. Inoltre un problema che non può essere più rinviabile è la necessità di reperire nuove risorse. Questo settore non viene riconosciuto alla stregua delle altre politiche di welfare, si pensi ad esempio alla sanità, e pertanto bisogna pensare a nuove forme di finanziamento ad hoc.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento