Archivi del mese: febbraio 2015

Poste: si sospenda il processo riorganizzativo

Poste: impegniamo la Giunta a intervenire per sospendere il processo riorganizzativo. Al più presto un tavolo regionale.

E’ stata approvata all’unanimità e verrà portata in Consiglio regionale già la prossima settimana per il voto definitivo la Risoluzione sulla riorganizzazione degli uffici postali sul territorio regionale lombardo. La riorganizzazione prevede la chiusura di 61 sportelli
(prevalentemente in comuni sotto i 5000 abitanti o in frazioni di comuni più grandi) e la riorganizzazione di 121 sportelli. Dopo aver ascoltato le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali, oggi i consiglieri delle Commissioni Attività produttive e Programmazione e Bilancio hanno audito anche i rappresentanti dei territori che hanno sollevato altrettante preoccupazioni.

C’è stata una sottovalutazione dell’impatto del piano dal punto di vista territoriale e occupazionale. Per questo crediamo che ci siano tutti gli elementi per chiedere di contestualizzare il piano nei territori, condividendolo con Anci e con le rappresentanze dei lavoratori e dei consumatori, attraverso un tavolo che riunisca i vari portatori d’interesse. Per questo impegniamo la Giunta con una risoluzione condivisa.
La risoluzione impegna la Giunta ad intervenire presso il Governo al fine di sospendere il processo riorganizzativo e chiede, appunto, di mettere tutti gli interlocutori attorno ad un tavolo. In provincia di Bergamo le chiusure sono Grignano, Botta, Petosino, Ponte Giurino, Valsecca. Le razionalizzazioni: Averara, Barbata, Pumenengo, Torre Pallavicina, Gorno, Roncola, Moio de Calvi.

Pubblicato in Territorio | Lascia un commento

Attrattività del territorio: finanziati otto progetti nella provincia di Bergamo

Sono molto soddisfatto per il finanziamento regionale di otto progetti della provincia di Bergamo in gara per il bando per l’attrattività territoriale sostenibile e gli interventi per la promozione turistica. In tutto sono state finanziate 33 delle 64 richieste di contributo presentate. Le proposte bergamasche costituiscono il risultato del lavoro sinergico tra aggregazioni di comuni, come nel caso di Gate (Green Attractivity Territory for Expo),
Bassa Pianura Bergamasca, Fontium e Mercatorum, Distretto dell’attrattività del Lemine, La Valle dei Sapori, Isola Bergamasca, Valli in Famiglia, Area All in one. Inserito in graduatoria e, per ora, finanziabile ma non finanziato il progetto “Viaggio alla scoperta della pianura bergamasca” con capofila il comune di Cividate al Piano.
I comuni beneficiari devono garantire ora la realizzazione di misure di incentivazione delle imprese del commercio e del turismo e, non di meno, l’apporto delle risorse necessarie di cofinanziamento per parte comunale.
Mi complimento con le aggregazioni di comuni bergamaschi che hanno presentato i progetti per il buon lavoro svolto e per i risultati ottenuti in termini di finanziamenti.
Spero ne potranno uscire azioni utili alla valorizzazione e alla promozione del nostro territorio.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Formazione professionale: altro che tagli!

Formazione professionale: altro che tagli, visti i risultati la Regione Lombardia deve incrementare CFP e AFOL

Lavoratori della formazione professionale lombarda hanno presidiato nei giorni scorsi l’ingresso di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale, a Milano. Assieme alle organizzazioni sindacali di categoria protestavano contri i tagli alle aziende di formazione regionali dipendenti dalle Province e dalla città metropolitana e contro la violazione di un protocollo d’intesa, da parte di Regione Lombardia, sui criteri per il trasferimento di personale verso la formazione professionale.

Ho parlato con i manifestanti: questi lavoratori sono molto preoccupati dell’attuale situazione in cui versano i centri di formazione professionale e del loro futuro, visti i tagli della Regione sul settore. La preoccupazione maggiore è per gli ex dipendenti regionali, poi passati alla Provincia e inseriti nelle AFOL e nei CFP, quelli che hanno tuttora il cosiddetto “zainetto”, una sorta di integrazione di stipendio dovuto al fatto che pur avendo vinto il concorso regionale, poi si sono visti trasferire in agenzie provinciali di formazione professionale, oggi in crisi.

Come VII Commissione Formazione abbiamo approvato una nostra mozione in cui chiediamo alla Giunta – soprattutto ora che ha deliberato – di rimodulare, nel senso
dei tagli, l’impianto finanziario della formazione e delle doti, di garantire adeguate risorse ai centri di formazione e destinare risorse agli enti erogatori di formazione
affinché il sistema possa essere garantito. La formazione gestita ed esercitata da questi istituti, infatti, dà i migliori risultati anche rispetto alle altre scuole: chi esce dai centri di formazione professionale trova lavoro al 70%. Quindi, i risultati di obiettivo e di traguardo sono molto alti.

Noi, come PD, crediamo assolutamente nella formazione professionale e Regione Lombardia, invece di tagliare i fondi, dovrebbe ulteriormente valorizzare questi corsi, visti i risultati di studio e occupazionali ottenuti dagli studenti nelle aziende territoriali.

Pubblicato in Economia e lavoro, Scuola | Lascia un commento

Raccolta funghi: unanime parere negativo. Ora al più presto modifiche che rispettino le autonomie locali.

I consiglieri regionali commissari dell’VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale hanno deciso, in modo univoco, di dare parere negativo sulle “Modalità di rilascio del tesserino regionale quinquennale per la raccolta funghi in Lombardia” proposte dalla Giunta, in attuazionea quanto previsto dall’articolo 97 della legge regionale 31/2008, così come modificato in Aula, a luglio scorso, nelle more del collegato alla finanziaria.

Tutti contrari alla formulazione così come approvata in Consiglio. Tutti d’accordo sull’istituzione di un tavolo di lavoro per riformulare la proposta e riportare la legge allo spirito originario.
Prendiamo atto della proposta della maggioranza che ha condiviso con noi il giudizio negativo sulla legge, riparando ad un suo stesso errore. Ora al più presto ripristiniamo il vecchio testo di legge, se possibile migliorandolo, in modo da mettere in condizione le autonomie locali di poter decidere sulla raccolta funghi e sulla sua gestione nel modo più utile e funzionale a ciascun territorio.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Territorio | Lascia un commento

Riorganizzazione Poste: lavoriamo a tutti i livelli per modifiche. Valutare alternative.

Oltre il 10% dei comuni lombardi subirà la chiusura o la razionalizzazione dei presidi postali. Una decisione sostanziale per il territorio che, a quanto ci risulta, la gran parte dei sindaci ha appreso leggendo i giornali.

Ieri la Commissione Bilancio si è riunita per audire i responsabili regionali di Poste italiane in merito al piano di riorganizzazione aziendale ufficializzato nei giorni scorsi che prevede nella sola Lombardia la chiusura di 61 presidi e la razionalizzazione di altri 121 sportelli. In provincia di Bergamo sono 5 a rischio chiusura: Rignano, Botta, Petosino, Ponte Giurino, Valsecca. Le razionalizzazioni riguardano invece 7 uffici: Averara, Barbata, Pumenengo, Torre Pallavicina, Gorno, Roncola, Moio de Calvi.

Siamo fortemente preoccupati per questa vicenda che ha le basi nel decreto Scaiola del 2008. Le rimodulazioni del servizio postale vanno ad impattare fortemente nelle aree più deboli; in un momento come questo, di difficile tenuta di coesione sociale, le poste rappresentano importanti punti di riferimento e di aggregazione per la collettività soprattutto nelle piccole comunità e come tali vanno salvaguardate. Da parte nostra abbiamo avanzato alcune possibili alternative: innanzitutto è fondamentale coinvolgere i comuni cercando, dove è possibile, una collaborazione con Poste Italiane per garantire l’apertura degli sportelli in via di chiusura. Per quanto riguarda le razionalizzazioni queste si possono riarticolare in modulazioni orario prevedendo modelli suppletivi e integrativi come sta facendo ad esempio la Regione Toscana.

Anche a livello nazionale il Partito Democratico sta lavorando su questo fronte: nei prossimi giorni il sottosegretario allo Sviluppo economico, Antonello Giacomelli, ha convocato l’amministratore delegato di Poste Italiane, Francesco Caio, e il presidente dell’Authority per le comunicazioni, Angelo Cardani per avere maggiori informazioni in merito al piano di riorganizzazione nazionale e per valutare l’impatto sulle comunità locali.

Pubblicato in Territorio | Lascia un commento

Vita indipendente

Venerdì 13 febbraio alle ore 14,30 presso Palazzo Pirelli, Milano

“Vita indipendente – I programmi di assistenza personale autogestita”; presentazione del progetto di legge.

Scarica la locandina dell’evento:

http://www.mariobarboni.it/wp-content/uploads/2015/02/locandina-vita-indipendente.pdf

 

Pubblicato in Sanità e welfare | Lascia un commento

No al nuovo ticket di montagna.

No al nuovo ticket di montagna. La maggioranza che doveva togliere i ticket ne introduce uno nuovo sull’elisoccorso.

Il PD contro il progetto di legge sul soccorso alpino e speleologico in zone impervie. Sì alla compartecipazione per dissuadere le negligenze. No alla regolamentazione punitiva e onerosa che penalizza il turismo in montagna, anche quello della scolaresca in gita o degli anziani cercatori di funghi.
Abbiamo chiesto un rinvio del progetto e, settimana prossima, siamo pronti a dar battaglia con i nostri emendamenti. Le proposte della maggioranza, con gli emendamenti presentati oggi, sono infatti ulteriormente peggiorative. Se nella prima versione si andava a colpire solo le chiamate non urgenti e le negligenze, ora si introduce la compartecipazione alla spesa anche per l’urgenza e la si estende anche alle attività non alpinistiche ed escursionistiche.
Siamo d’accordo sulla necessità di sviluppare una consapevolezza maggiore per evitare i troppi incidenti che si verificano culle cime e per diminuire le chiamate improprie a carico dei servizi di emergenza-urgenza, ma deve valere solo per le chiamate effettivamente negligenti. E non toccare quelle con un profilo sanitario, né urgente, né non urgente. Per questo gli emendamenti del PD chiedono l’esclusione del pagamento sia per i minori di 14 anni sia per i disabili e l’introduzione di una compartecipazione non superiore al 30% del totale del costo del soccorso (circa 3000 euro) da applicarsi solo per gli interventi non sanitari. Serve poi affiancare queste misure con un lavoro di formazione e informazione sull’escursionismo in montagna da parte di associazioni, scuole, pro loco e agenzie turistiche. Lasciamo perdere invece inutili differenze, di stampo leghista, tra residenti e non residenti che altro non fanno che penalizzare il turismo lombardo.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica, Sanità e welfare, Territorio | Lascia un commento