Archivi del mese: novembre 2014

Forum regionale PD salute e welfare

Il segretario regionale del Partito Democratico Alessandro Alfieri mi ha nominato responsabile del Forum regionale salute e welfare del PD lombardo. Come prima iniziativa ho voluto incontrare tutti i responsabili provinciali della materia.

Ringrazio il segretario Alfieri per la fiducia che mi ha accordato. Il Partito Democratico contiene molte competenze ed è in grado sia di ascoltare i problemi che di formulare una proposta di revisione profonda della sanità lombarda. Abbiamo bisogno di valorizzare le eccellenze che ci sono e di portare la cura più vicina al cittadino, e questo lo faremo tutti insieme, con tutti i territori della Lombardia anche attraverso il lavoro del nostro forum.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento

La maggioranza ha scelto di azzerare le risorse per le nostre valli e impoverire le Comunità Montane

Il bilancio 2015 di Regione Lombardia lascia a secco gli investimenti per l’agricoltura di montagna e toglie 2 milioni di euro alle Comunità montane. E non per i mancati trasferimenti del Governo, come cerca di far credere la Lega: anzi, sono arrivati anche i soldi della PAC. Sono le scelte della politica della maggioranza al governo di Regione Lombardia.

I conti sono presto fatti: in generale, c’è un taglio sostanzioso sulla voce. Nel particolare, per quanto riguarda gli investimenti, cioè la voce in conto capitale, a rimetterci è la montagna: viene azzerato il capitolo sullo sviluppo dell’agricoltura montana che nel 2014 contava su 3 milioni di euro; stessa cosa per la salvaguardia e valorizzazione delle produzioni forestali che contava su 7 milioni e ora non esiste più; azzerato anche il capitolo sul potenziamento dell’agricoltura in aree montane rispetto ai 350mila euro precedenti. In tutto oltre 10 milioni tolti alla montagna. Ci rimettono anche le spese correnti delle Comunità montane, che dai 12 milioni del 2014 passano ai 10,5 del 2015.

Colpa del Governo di Roma, hanno detto i leghisti in Commissione, ma li smentiamo subito,perchè anche qua contano i numeri: su un bilancio regionale di circa 24 miliardi di euro, sappiamo che il Governo ha tagliato 920 milioni, di cui 720 alla sanità. Sugli altri 200 ha deciso la Regione che ne ha tolti 150 al trasporto pubblico locale e 50 al resto. Quindi, quest’ultima non è una cifra sufficiente a giustificare l’accetta su tanti capitoli, montagna compresa. Il punto è che, come ha spiegato bene la dirigente delle Finanze, c’è stata la bella cifra di 150 milioni di euro di minori entrate. Quindi, si cominci a verificare il motivo della mancanza di queste risorse.

È inutile che oggi la Giunta Maroni e i leghisti tentino di buttare la palla nel campo del Governo. Nonostante parlino sempre di montagna e si vantino di partecipare alla Macroregione alpina, la loro decisione politica, di cui devono assumersi la responsabilità, è ben chiara: per la principale voce economica per quelle aree, cioè l’agricoltura e le produzioni forestali, non hanno voluto stanziare risorse.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Economia e lavoro, Territorio | Lascia un commento

Lavorare in sinergia, facendo rete sui territori e razionalizzare il sistema normativo: ecco la ricetta per il turismo lombardo.

Voto positivo del PD alle due risoluzioni per aggiornare la normativa del turismo in Lombardia, presentate ieri in occasione della seduta dedicata ad Expo.
Per Expo e perché la manifestazione sia il punto di partenza per uno sviluppo del settore turistico in Lombardia occorre lavorare coinvolgendo tutto il territorio, le associazioni che in Lombardia si occupano di turismo e di cultura e i diversi portatori d’interesse. Servono azioni concrete di razionalizzazione e semplificazione da fare subito per colmare una serie di lacune, da quelle sull’ospitalità a quelle infrastrutturali, come abbiamo chiesto nelle risoluzioni che abbiamo approvato oggi.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Calendario venatorio: no alla chiusura immediata della stagione. Ma la legislazione va rivista completamente.

Calendario venatorio: no alla chiusura immediata della stagione. Ma la legislazione va rivista completamente.

Durante la seduta del Consiglio Regionale di martedì il Gruppo consiliare del PD ha votato a favore del non passaggio all’esame degli articoli del progetto di legge del M5S sull’abrogazione del calendario venatorio regionale. Questa richiesta di abrogazione è arrivata troppo tardi, a stagione venatoria inoltrata, e quindi approvare il progetto di legge avrebbe voluto sancirne l’immediata chiusura. Tuttavia, ci riserviamo di rivedere la nostra decisione sotto gli aspetti giuridici che alcuni consiglieri hanno sottolineato e che meritano un approfondimento.

E la tempistica deve essere breve: già a gennaio, appena chiusa la stagione, è necessario che il Consiglio e Regione Lombardia rivedano e mettano mano a tutto il comparto della caccia, cosa che, comunque, da qualche mese si sta già facendo con l’assessorato e le associazioni venatorie.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Territorio | Lascia un commento

Disabilità: soddisfatti dell’incremento del fondo per la non autosufficienza. Inutili le polemiche leghiste.

Come PD lombardo abbiamo espresso soddisfazione per il ripristino della dotazione del fondo nazionale per la non autosufficienza che vedeva inizialmente una riduzione di 100 milioni nella legge di stabilità 2015, ed è stato ora addirittura incrementato rispetto allo scorso anno, passando da 350 a 400 milioni di euro.

Siamo molto soddisfatti, abbiamo lavorato in questa direzione ed eravamo certi che il governo avrebbe riconosciuto le buone ragioni di chi, associazioni in testa, chiedeva di mantenere l’impegno per la cura e l’assistenza delle persone non autosufficienti. Il governo di centrosinistra non ha dunque tagliato i fondi per le persone più fragili, come ipotizzato dalla consigliera della Lega Nord Silvana Saita, ma, al netto dei siparietti estivi da lei ricordati, si è impegnato, a differenza dei governi di centrodestra che lo hanno preceduto, ad assicurare gli stanziamenti necessari per il fondo. Ricordiamo invece, per dovere di cronaca, che il fondo nazionale per la non autosufficienza fu istituito nel 2007 dal governo di centro sinistra, come sostegno statale agli interventi degli enti locali a favore dei soggetti non autosufficienti, ed è stato oggetto nel 2009 e 2010 di un investimento complessivo nazionale di 400 milioni.
Nel 2011 e 2012 invece non è stato rifinanziato, ad eccezione di una quota di 100 milioni riservata esclusivamente ai malati di SLA e, solo a partire dal 2013, il governo Letta lo ha
riportato in vita finanziandolo con 350 milioni di euro.

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare | Lascia un commento

Ospedale di Bergamo: continueremo a monitorare

I lavori mal eseguiti all’interno del nuovo Ospedale di Bergamo e i disservizi che ne possono conseguire non devono tradursi in disagi o, peggio ancora, potenziali pericoli, per lavoratori e pazienti. Per questo, anche dopo l’intervento di oggi dell’Assessore Mantovani in Commissione Sanità, che ha relazionato in merito alla situazione che si è venuta a creare all’interno del Papa Giovanni XXIII e allo stato dell’arte della inevitabile manutenzione straordinaria che ne è scaturita, a carico della ditta appaltante, il PD assicura un monitoraggio costante.

Sull’intera vicenda continueremo a controllare il procedere degli interventi e dei costi, per assicurarci che i pazienti non ne debbano pagare le conseguenze e i nuovi lavori non siano a carico pubblico bensì siano addebitati a chi ha eseguito opere difettose mettendo a rischio il funzionamento di un presidio come questo.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare, Territorio | Lascia un commento

Nutrie: legge approvata.

Nutrie: legge approvata. Coinvolti i territori e previsti eradicazione, contenimento e sterilizzazione.

L’VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale ha approvato la legge che modifica la normativa già esistente e recepisce quella nazionale sull’eradicazione e il contenimento delle nutrie. Un atto atteso da tempo, soprattutto dalle province che soffrono i danni provocati dagli imponenti roditori, in merito al quale ho presentato alcuni emendamenti.

Le nostre proposte migliorative del testo vanno soprattutto nella direzione di coinvolgere i territori, a partire dagli enti locali che poi saranno i primi a doversi occupare della questione; e il relatore di maggioranza ci ha assicurato che verranno accolte in sede di discussione in Aula.
Abbiamo lavorato per una efficiente ed efficace soluzione del problema che affligge i territori di pianura interessati dalla sovrapopolazione di roditori. Il loro contenimento è d’obbligo, visti i danni arrecati alle colture, agli argini dei fiumi e ai canali di irrigazione. E’importante anche il fatto che nel progetto di legge per la prima volta sia prevista la possibilità di procedere con la sterilizzazione.

Come Partito Democratico abbiamo poi sottoscritto, assieme agli altri Gruppi, una lettera, firmata dal presidente di Commissione, rivolta agli assessori all’Agricoltura Fava, al Bilancio Garavaglia e alla Sanità Mantovani con cui si chiede di non spostare su altre voci le risorse messe a bilancio per gli interventi per il contenimento delle nutrie, come pare la Giunta abbia intenzione di fare.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Territorio | Lascia un commento