Salute mentale, un impegno per far fronte all’emergenza

SALUTE MENTALE, UN IMPEGNO PER FAR FRONTE ALL’EMERGENZA

Approvato un ordine del giorno del PD al bilancio che chiede di investire sulla rete dei servizi territoriali

Il Consiglio regionale, su proposta del Pd, ha previsto un impegno per il potenziamento dei servizi territoriali dedicati alla salute mentale che sempre meno riescono a fare fronte ai bisogni crescenti con risorse e personale in costante calo. L’iniziativa del Pd prende spunto dall’allarme lanciato dalla Campagna per la Salute Mentale presieduta da don Virginio Colmegna, che riunisce associazioni di familiari, operatori sanitari, enti di volontariato e sindacato che si occupano di disagio psichico. Se le malattie mentali sono infatti in aumento del 56% nell’ultimo decennio, i servizi non hanno goduto di investimenti in grado di permettere l’adeguamento ai nuovi bisogni. E così, anche il fatto che siano attivi su orari diurni per cinque giorni la settimana ha come conseguenza il ricorso crescente al pronto soccorso o, da parte dei sindaci, dei trattamenti sanitari obbligatori. Martedì in Aula, durante la discussione del bilancio regionale 2013, è stato approvato un ordine del giorno , con il consenso della Giunta regionale, che impegna l’assessore alla sanità a investire sulla rete dei servizi territoriali, a promuovere forme di accompagnamento indirizzate al recupero delle persone portatrici di patologie psichiche e, infine, a prevedere interventi in grado di intercettare le problematiche emergenti sul nascere così da evitare la cronicizzazione.
Soddisfatto Mario Barboni, consigliere regionale del Pd, firmatario dell’ordine del giorno: “Abbiamo portato all’interno della discussione al bilancio il tema della cura del disagio mentale e abbiamo ottenuto la condivisione di tutto il Consiglio regionale. I servizi vanno potenziati e vigileremo insieme agli operatori e alle associazioni sui provvedimenti con cui l’assessore alla Sanità Mantovani darà seguito all’impegno che l’Aula si è assunto”.

Articolo scritto in Sanità e welfare.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>