Archivi tag: ospedale asola

Bilancio regionale come sempre avaro per la provincia mantovana

parcheggio pomaIl Consiglio regionale ha deciso di bocciare, con i voti contrari di Lega, Forza Italia e del resto del centrodestra, gli emendamenti al bilancio regionale che avevo presentato per gli ospedali e le infrastrutture mantovane. Chiedevo un milione di euro per la riqualificazione del parcheggio dell’ospedale Carlo Poma, due milioni per la dotazione di due apparecchiature per la risonanza magnetica sia per il Poma che per l’ospedale di Pieve di Coriano, tre milioni per il completamento dei lavori dell’ospedale di Asola. Nessuna richiesta accolta.
Il bilancio regionale è il tempo delle scelte  e il centrodestra ha deliberatamente scelto di non investire sulla sanità mantovana né sulle nostre strade. È incomprensibile che tutte queste richieste di buonsenso siano state bocciate. Chiunque frequenti il Carlo Poma sa che parcheggiare è un incubo e le multe non si contano più. È un problema soprattutto per le persone anziane e ammalate per le quali dover parcheggiare lontano è un problema ancora maggiore. Stesso discorso per le apparecchiature per la risonanza magnetica che in provincia di Mantova sono appannaggio solo del privato. L’ospedale di Asola, invece, rimane un cantiere infinito nonostante le quasi ventimila firme raccolte dai cittadini, ancora una volta cornuti e mazziati.
Nel capitolo infrastrutture  chiedevo invece tre milioni per la riqualificazione della strada da Suzzara a Pegognaga (raccordo tra Cispadana casello autostradale di Pegognaga della A22), cinque milioni per il completamento della strada Po-Pe (da Quistello a Poggio Rusco) e tre milioni per la compartecipazione alla soppressione dei passaggi a livello nell’abitato di Bozzolo (come già fatto a Cremona). Anche qui la maggioranza non ha sentito ragioni.
Sono interventi attesi da molto tempo, ma che nemmeno questa volta hanno trovato un loro spazio nel bilancio regionale, come sempre avaro con la provincia mantovana, mentre trova risorse infinite per la Pedemontana che doveva essere realizzata con i soldi dei privati.

Pubblicato in Economia e lavoro, Mobilità, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Fondi per gli ospedali mantovani carenti, mancano almeno risonanze e parcheggi

sanità lombardiaOtto milioni di euro per gli ospedali mantovani. Bene! Anzi,no. Si tratta per la gran parte di interventi preannunciati, alcuni dei quali dovevano essere terminati da tempo. In particolare Bozzolo e Asola sui quali ho sempre tenuto alta l’attenzione e fatto un pressing costante in Regione. Bene il nuovo acceleratore del Poma, ma dove sono le risonanze magnetiche? Esiste in tutta Mantova una sola risonanza in ospedali pubblici, contro le tre di Cremona e le sette di Brescia. Avevo chiesto due nuove risonanze, una a Mantova e una a Pieve, ma la mia richiesta è stata vergognosamente respinta. La ripresento, sperando che stavolta non ci sia una bocciatura della maggioranza, ma la presa d’atto di questa necessità.  A proposito di Pieve, leggo che viene valorizzato. Con ben 145.000 euro per il nuovo Presidio Ospedaliero Territoriale ( ricoveri per i malati cronici ). Giusto per capirci, il reparto c’è già, basta qualche piccolo intervento. Invece l’ospedale interregionale, che ho fatto approvare nel 2015 è ancora fermo al palo. Il vero salto di qualità passa dalla risonanza e dall’accordo con Emilia e Veneto per fare crescere ulteriormente la struttura. Dalla Regione solo silenzio assordante.
E veniamo al parcheggio. Vengono stanziati 600.000 euro per il nuovo parcheggio delle Rems di Castiglione, opera necessaria, ma ci si dimentica l’enorme problema causato da una progettazione completamente sbagliata del parcheggio del Poma. Intervenite subito! Le cronache parlano di sosta selvaggia e di multe. Ma la colpa è chiaramente dell’inadeguatezza degli spazi. Le multe non vengono fatte ad autisti incivili ma a malati e parenti che vanno a trovare i propri cari ricoverati. Immaginate chi, magari anziano, non è in grado di fare km a piedi per andare a fare gli esami. Dove lascia la macchina? Oppure deve rinunciare o andare magari dal privato che ha un comodo parcheggio? Sia chiaro, i vigili fanno il loro dovere, e non è tollerabile intralciare le ambulanze, però è altrettanto chiaro che chi prende la multa deve ringraziare il Poma e il tecnico che ha progettato il parcheggio, per l’incapacità. 
Ho predisposto una interrogazione urgente e mi aspetto non solo una risposta positiva, ma in tempi brevissimi risorse certe per la soluzione di questa vergogna. Dobbiamo mettere in condizione le migliaia di persone che ogni giorno si recano al Poma per motivi di salute, di avere un accesso adeguato all’ospedale, non di farsi salire la pressione a 180,  girando e rigirando per trovare un posto che non c’è. Perché i mantovani hanno gli stessi diritti e meritano la stessa attenzione degli altri cittadini lombardi.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , | Lascia un commento

Approvate le priorità proposte dall’Alto Mantovano

 

E’ stata approvata in Consiglio la mozione che detta le priorità per la tutela e lo sviluppo del territorio dell’Alto Mantovano. L’atto di indirizzo, proposto dai consiglieri regionali mantovani, prende spunto dall’iniziativa “100 tappe in Lombardia” per esercitare in modo più efficace le prerogative del Consiglio regionale in ambito locale e impegna la Giunta ad aggiornare il Piano regionale di sviluppo (PRS), rispetto alle istanze del territorio mantovano. Va previsto l’abbattimento di tutti i passaggi a livello ancora esistenti sulla linea Mantova Cremona Milano in modo tale da velocizzare il traffico ferroviario; incentivata l’adozione di misure di prevenzione del dissesto idrogeologico e la messa in sicurezza del reticolo idrico anche implementando il contratto di fiume Mincio che sta per essere finalmente formalizzato. Non solo, chiediamo alla Giunta l’impegno a monitorare gli sviluppi inerenti la tangenziale di Guidizzolo così da utilizzare le risorse già stanziate e sinora bloccate dal Patto di stabilità e lo stato dell’arte del progetto autostradale Cremona-Mantova; a intervenire con misure più efficaci per combattere il problema delle nutrie che rappresentano un grave danno per l’agricoltura del nostro territorio e a salvaguardare, in ambito sanitario, la qualità dei servizi erogati ai pazienti nell’Alto Mantovano, tutelando e potenziando l’ospedale di Asola per cui si auspica anche il ritorno della chirurgia generale.Inoltre si chiede l’attivazione di tutti gli strumenti messi a disposizione dalla legge sulla competitività per far ripartire il distretto della calza e iniziative per scongiurare l’utilizzo della Cava Pirossina come discarica.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Economia e lavoro, Mobilità, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Sanità Mantova: audizione con Conferenza dei Sindaci

Oggi in Commissione si è tenuta l’audizione della Conferenza dei Sindaci in ordine alla riforma della sanità. Era presente il vicepresidente della Conferenza dei sindaci di Mantova Pino Baruffaldi, sindaco di Pomponesco, con i colleghi Raffaele Favalli di Asola e e Giuseppe Torchio di Bozzolo. E’ emersa la necessità di potenziare il Presidio di Asola-Bozzolo, con il ritorno di Chirurgia e Ortopedia presso l’Ospedale di Asola e la realizzazione del POT a Bozzolo, unendo in un unico polo riabiliativo lo stesso Bozzolo e  Viadana, la quale ultima manterrebbe quindi nella propria sede i 30 posti letto di Riabilitazione. E’ stata espressa anche preoccupazione per Oglio-Po, che dovrebbe invece essere valorizzato essendo posto a cavallo delle provincie di Mantova e Cremona. Infine è stata ricordata la peculiarietà dell’ Ospedale di Pieve, che potrebbe e dovrebbe diventare ospedale interegionale, vista la posizione geografica e l’attrattività nei confronti di utenti di altre regioni. Nulla è stato detto sull’ospedale Carlo Poma di Mantova e nemmeno sull’Asl di Mantova vista l’inspiegabile assenza del Presidente della Conferenza dei Sindaci Sodano, o almeno di un documento di approfondimento sull’intera realtà provinciale, a differenza di quanto fatto dalle Conferenze delle altre provincie .

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento