Archivi tag: ministro martina

Il 2018 anno del cibo italiano

2018 anno del ciboI Ministeri delle politiche agricole e dei beni culturali e del turismo hanno proclamato il 2018 Anno nazionale del cibo italiano. Da gennaio prenderanno il via manifestazioni, iniziative, eventi legati alla cultura e alla tradizione enogastronomica dell’Italia. Si punterà sulla valorizzazione dei riconoscimenti Unesco legati al cibo come la Dieta Mediterranea, la vite ad alberello di Pantelleria, i paesaggi della Langhe Roero e Monferrato, Parma città creativa della gastronomia e all’Arte del pizzaiuolo napoletano iscritta di recente. Sarà l’occasione per il sostegno alla candidatura già avviata per il Prosecco e la nuova legata all’Amatriciana. Allo stesso tempo saranno attivate iniziative per far conoscere e promuovere, anche in termini turistici, i paesaggi rurali storici, per il coinvolgimento e la promozione delle filiere e ci sarà un focus specifico per la lotta agli sprechi alimentari. Lo stretto legame tra cibo, arte e paesaggio sarà inoltre il cuore della strategia di promozione turistica che verrà portata avanti durante tutto il 2018 attraverso la rete delle ambasciate italiane nel mondo e permetterà di evidenziare come il patrimonio enogastronomico faccia parte del patrimonio culturale e dell’identità italiana. I ministri Martina e Franceschini affermano che non si tratta di sottolineare solo i successi economici di questo settore che nel 2017 tocca il record di export a 40 miliardi di euro, ma di ribadire il legame profondo tra cibo, paesaggio, identità, cultura. Lo faremo dando avvio al nuovo progetto dei distretti del cibo. Lo faremo coinvolgendo i protagonisti a partire da agricoltori, allevatori, pescatori, cuochi.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Economia e lavoro | Taggato , , , , | Lascia un commento

Finalmente in arrivo il decreto latte

È arrivato sul tavolo del Consiglio dei Ministri il tanto atteso decreto del Ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina che si occupa anche del tema del latte. Inutile quindi la convocazione di qualsiasi tavolo regionale da parte dell’assessore all’Agricoltura Fava, in quanto la materia è stata trattata con questo provvedimento che ora sarà ratificato dal Parlamento, rendendo priva di senso qualsiasi iniziativa regionale. Un decreto che troviamo assolutamente soddisfacente perché rilancia sui contratti e sull’inasprimento delle sanzioni per chi non rispetta i patti, garantisce condizioni di equilibrio nei rapporti commerciali, contrasta le pratiche sleali e punta soprattutto ad allungare la durata dei contratti, che ora non superano il mese, ad almeno un anno,  garantendo la remunerazione. Nel decreto viene, inoltre, promossa l’Interprofessionale del latte che deve diventare il luogo dove le parti si confrontano e lavorano per ottimizzare i vari livelli, per arrivare fino ai consumatori.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , | Lascia un commento

La nutria è riconosciuta specie nociva: ora servono risorse regionali.

nutriaFinalmente la nutria può essere considerata una specie nociva e quindi potrà essere catturata tutto l’anno al di là dei piani di contenimento. Dopo anni di attesa il governo e in particolare il ministro all’agricoltura Maurizio Martina correggono una stortura che gli agricoltori lombardi lamentano da tempo e ai quali la Lega quando coordinava questo ministero non ha saputo dare risposte concrete. Un primo grande passo è stato fatto. Siamo convinti che questa modifica alla legge 157/92 darà maggiore spinta per l’eradicazione di questo roditore che ogni anno provoca ingenti danni all’agricoltura nel sud della Lombardia, mette a rischio la sicurezza sulle strade e danneggia in maniera rilevante le difese spondali e il sistema irriguo del territorio. Adesso tocca alla Giunta regionale fare la sua parte; prendiamo atto che con la delibera della scorsa settimana, Regione Lombardia si è allineata alle modifiche inserite a livello nazionale. Anche se nel deliberato è specificato che non sono previste risorse aggiuntive per i piani di contenimento. In assestamento di bilancio sono previste 300 mila euro, una cifra per noi insufficiente per far fronte al problema nella sua complessità visto che i danni provocati sono di gran lunga ben superiori alla cifra stanziata. Inoltre poniamo un questione di natura sanitaria: chiediamo alla Giunta di coordinare le asl regionali così da rendere la procedura di smaltimento e seppellimento delle carcasse uguale in tutti i territori cosa che adesso invece non avviene

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Approvata la nostra mozione sull’inquinamento da nitrati

Non basta solo affermare che l’inquinamento da nitrati non deriva esclusivamente da fonte zootecnica, ma dipende in maniera significativa anche da altre fonti, quali gli scarichi civili, industriali e l’azoto chimico utilizzato come fertilizzante agricolo. E questo lo riconosce per prima Regione Lombardia in una comunicazione allegata a una delibera sulla direttiva nitrati. Con la mozione sul tema dell’inquinamento delle acque da nitrati, votata all’unanimità ieri in aula, chiediamo di poter condividere in Commissione Agricoltura e Ambiente i risultati delle ricerche già effettuate sulle cause della presenza di nitrati nelle acque lombarde, per poter proporre investimenti in ricerca tecnologica nel campo agricolo e soluzioni di intervento per il settore idrico ed iniziare ad affrontare il problema su entrambi gli aspetti così da allentare anche la pressione che fino ad oggi è stata fatta solo sul comparto agricolo.
Siamo soddisfatti del lavoro che sta portando avanti il Ministro Martina, che ha previsto l’adozione entro fine giugno di un apposito decreto, di concerto con le regioni e al cui tavolo partecipa anche l’Assessore Fava, per superare le gravi difficoltà, imposte alla nostra agricoltura a causa della direttiva nitrati.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , | Lascia un commento