Archivi tag: dote scuola

Dote scuola: oltre il danno, la beffa

Con dote scuola in Lombardia siamo alle solite: vengono favoriti coloro che hanno redditi più alti e si penalizza chi ha più bisogno. Regione Lombardia ha infatti ripartito le risorse per il diritto allo studio nella scuola dell’obbligo, con l’aggiunta, in chiave lombarda, del sostegno alla libertà di scelta delle famiglie che mandano i figli alle scuole paritarie. La novità è che ci sono meno fondi rispetto al 2015, ma viene allargato, seppure in via sperimentale, il contributo anche a famiglie con Isee più alto.  Nel dettaglio, la cifra complessiva stanziata per il sistema Dote scuola è di 41 milioni di euro (l’anno scorso erano 56). Sono confermate le componenti, ovvero il Buono scuola per gli studenti delle paritarie – 25 milioni che l’anno scorso erano 29,5 milioni – con la novità di una fascia in più: nel 2015 la fascia Isee massima era tra 28.001 e 38.000 euro, per il 2016 è stata introdotta, appunto in via sperimentale, una quinta fascia da 38.001 a 42.000.

In sintesi, con meno risorse si dà la possibilità di ottenere i quattrini anche alle famiglie con più risorse a disposizione. Non sarebbe più logico il contrario, ovvero dare più a chi ha meno?

Pubblicato in Scuola | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Centri di formazione professionale: dalla Regione 10 milioni in meno

Il problema grosso è la mancata attribuzione di finanziamenti che Regione Lombardia avrebbe dovuto trasferire ai Cfp provinciali per il 2015. In particolare, per quest’anno non sono stati erogati tutti gli stanziamenti previsti per i primi 8 mesi, quelli del vecchio regime che prevedeva, oltre alle doti, un finanziamento diretto ai centri pubblici.
L’assessore non ha dato una risposta seria alle nostre domande e  si è limitata a dire che non spetta al suo assessorato gestire quelle risorse. Ma noi abbiamo sottolineato che certamente spetta a Regione Lombardia sostenere economicamente i centri, almeno in una fase di transizione verso il nuovo modello completamente dotale. E in totale sono ‘spariti’, non si sa dove, almeno 10 milioni di euro.
I Cfp si sono fatti carico negli ultimi anni di una quota crescente di studenti ‘non dotati’, ovvero non coperti dal finanziamento regionale, garantendo a loro spese che questi ragazzi non finissero nell’ombra della dispersione scolastica. Questo impegno viene pesantemente messo in discussione dal taglio di quasi 11 milioni di fondi per l’anno solare 2015.
Ci siamo solo sentiti ribadire che le regole sono cambiate, ma non si prende in considerazione l’accompagnamento verso il nuovo regime che prevede il finanziamento unico tramite la dote assegnata per ogni singolo studente. Il fatto che dall’assessorato si precisi che è stata attivata una nuova forma di dote definita ‘dote dispersione’ per un ammontare di 5 milioni per il 2015 e che ora i centri possono contare anche su un finanziamento per l’attivazione di contratti di apprendistato per il terzo e quarto anno non rassicura: a regime forse i problemi potranno essere assorbiti, ma serve un sostegno in questa difficile fase di transizione e devono essere garantiti i soldi promessi per il 2015 e già inseriti nei bilanci delle province.

Pubblicato in Scuola | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Prorogato il termine delle domande per la Dote Scuola

Prorogato il termine di presentazione delle domande. Scadenza alle ore 12.00 del 31 luglio 2015.
Finalità
: 1) “Buono Scuola” finalizzato a sostenere gli studenti che frequentano una scuola paritaria che preveda una retta di iscrizione e frequenza per gli studenti che frequentano percorsi di istruzione; 2) “Contributo per l’acquisto di libri di testo e/o dotazioni tecnologiche” finalizzato a sostenere gli studenti delle scuole paritarie e pubbliche.
Beneficiari: per la dote scuola famiglie con isee inferiore o uguale a 38mila euro; per il contributo acquisto libri famiglie con ISEE inferiore o uguale a 15.494,00 euro (classi I, II e III delle scuole secondarie di primo grado e classi I e II delle scuole secondarie di secondo grado e dei percorsi di istruzione e formazione professionale)
Scadenza: ore 12,00 del 31 luglio 2015
Link
:
Decreto n. 2164 del 19 marzo 2015 – Dote Scuola 2015/2016 (111 KB) PDF;
Allegato A – Avviso (546 KB) PDF;
Materiale ammesso all’acquisto con voucher Dote Scuola (42 KB) PDF

Pubblicato in Scuola | Taggato , , , , | Lascia un commento

Dote Scuola 2015/2016

Finalità: 1) “Buono Scuola” finalizzato a sostenere gli studenti che frequentano una scuola paritaria che preveda una retta di iscrizione e frequenza per gli studenti che frequentano percorsi di istruzione; 2) “Contributo per l’acquisto di libri di testo e/o dotazioni tecnologiche” finalizzato a sostenere gli studenti delle scuole paritarie e pubbliche

Beneficiari: per la dote scuola famiglie con isee inferiore o uguale a 38mila euro; per il contributo acquisto libri famiglie con ISEE inferiore o uguale a 15.494,00 euro (classi I, II e III delle scuole secondarie di primo grado e classi I e II delle scuole secondarie di secondo grado e dei percorsi di istruzione e formazione professionale)

Scadenza: ore 17,00 del 5 giugno 2015

Link: Decreto n. 2164 del 19 marzo 2015 – Dote Scuola 2015/2016 (111 KB) PDFAllegato A – Avviso (546 KB) PDFMateriale ammesso all’acquisto con voucher Dote Scuola (42 KB) PDF;

Pubblicato in Scuola | Taggato , , , | Lascia un commento

Diritto allo studio o cosa?

Varati i nuovi criteri per la distribuzione delle risorse del diritto allo studio in Lombardia. Viene confermato il cosiddetto sistema dotale che prevede contributi  suddivisi in vari capitoli: dote scuola per l’acquisto di libri e materiale didattico, dote merito per i più bravi, dote disabilità, buono scuola per le famiglie che iscrivono i figli alle scuole paritarie. Quest’ultima misura ha a disposizione oltre la metà delle risorse complessive. Per tutte le misure sono state confermate le cifre dello scorso anno, fatta eccezione per il buono scuola che è stato invece incrementato. Non si può negare il fatto che le scuole paritarie siano in difficoltà e che la loro azione rappresenti un risparmio per lo stato, ma il sostegno regionale anche a famiglie con reddito non proprio esiguo, soprattutto in un periodo di crisi come questo, lascia aperta più di qualche perplessità. C’è chi continua a sostenere che così la Lombardia garantisce, almeno in parte, la libertà di scelta delle famiglie, ma da molti punti di vista questa è una vera e propria forzatura. In tempi di risorse scarse, è più logico privilegiare il diritto allo studio o il diritto di scelta?

Pubblicato in Scuola | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Formazione senza risorse

Gli ultimi due anni delle professionali a rischio ogni anno. Perché non ci sono i soldi. In particolare abbiamo sollevato la questione del proseguimento dei corsi per gli studenti che vogliono iscriversi al quarto e quinto anno di formazione professionale, in quanto “ci sono giunte segnalazioni dal territorio e dagli stessi centri di formazione che denunciano una mancanza di risorse per attivare gli ultimi due anni, creando l’impossibilità per i ragazzi di terminare gli studi, arrivando, attraverso questo canale alternativo, alla maturità. Ma la risposta della Giunta regionale ci ha lasciato più perplessi di prima. Ci è stato confermato che per quanto riguarda il quarto anno rimangono fuori circa 500 ragazzi su 6.175 unità. E la soluzione sta, secondo Regione Lombardia, nelle defezioni fisiologiche, cioè gli abbandoni per le più varie motivazioni. Per quanto riguarda il quinto anno, ci è stato risposto che solo il 15 per cento dei diplomati ha la possibilità di ottenere i fondi del sistema dotale per terminare la carriera scolastica. E la selezione avviene sulla base della motivazione e della preparazione, ma non si sa da chi è fatta e in che modo. Ci vuole maggiore stabilità e sicurezza, perché gli enti non possono stare sul chi vive ogni anno per capire se possono o meno mettere in attuazione una annualità del percorso. Per questo bisogna uscire dalla fase sperimentale: se la nostra legge regionale prevede questo percorso, deve diventare istituzionale, quindi servono fondi dedicati.

Pubblicato in In attesa, Scuola | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Bilancio istruzione: tagliati 35 milioni di euro

Meno 27 milioni di euro per la formazione professionale. Altri 4 tolti alle scuole dell’infanzia e altrettanti alla dote merito. E il solito gap tra buono scuola, 29 milioni, e dote scuola, per quanto riguarda il sostegno al reddito, solo 5 milioni. In totale, solo su queste voci, un taglio di 35 milioni di euro. Il capitolo ‘Istruzione’ del bilancio di Regione Lombardia si sta impoverendo anno dopo anno. Per quanto riguarda la formazione professionale siamo passati dai 95,1 milioni di euro messi a bilancio per il 2014 ai 67,9 milioni previsti per il 2015. Quindi, la differenza è di oltre 27 milioni di euro che rischiano davvero di abbassare il livello dell’offerta.

 

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Scadenza 10 dicembre: contributi per il merito scolastico

Finalità: contributo per gli studenti che hanno concluso l’anno 2013/2014 con risultati eccellenti.

Beneficiari: A) studenti delle classi terze e quarte delle scuole secondarie superiori di secondo grado che hanno conseguito una valutazione finale media pari o superiore a nove. A questi è riconosciuto un buono servizi di € 500,00 finalizzato all’acquisto di libri di testo e/o dotazioni tecnologiche per la didattica;  B) studenti delle classi quinte del sistema di istruzione e delle classi terze e quarte di istruzione e formazione professionale (IeFP) che nell’anno scolastico 2013/2014 hanno raggiunto, rispettivamente, una valutazione finale pari a “100 e lode” al termine dell’esame di Stato, ovvero una votazione finale di “100” a conclusione agli esami di qualifica o diploma professionale. A questi è riconosciuta una dote con un importo che va da €. 1000,00 a € 2.000,00 per sostenere esperienze formative di apprendimento ed arricchimento di conoscenze e abilità, anche attraverso viaggi di studio all’estero. In particolare il valore della dote è stabilito:

Scadenza: 10 dicembre 2014 fino alle ore 12.00

Link: d.g.r. n. 2372 del 19 settembre 2014 – Dote Merito 2014/2015 (324 KB) PDFDecreto n. 10511 del 12 novembre 2014 – Criteri di assegnazione (20 KB) PDFAllegato A decreto n. 10511 del 12 novembre 2014 – Criteri di assegnazione (51 KB) PDF

Pubblicato in Scuola | Taggato , , , , | Lascia un commento

Abbiamo chiesto più fondi per sostenere il diritto allo studio alle famiglie più disagiate, ma la maggioranza dice NO

scuolaLe risorse regionali dedicate al sostegno al reddito della dote scuola sono poco più di 5 milioni di euro a fronte di 30 milioni destinati alla componente buono scuola. Una bella differenza.
Il Pd ha richiesto più volte un riequilibrio degli stanziamenti rispetto al sistema dote scuola, poiché le risorse stanziate per il buono scuole risorse regionali dedicate al sostegno al reddito della dote scuola sono poco più di 5 milioni di euro a fronte di 30 milioni destinati alla componente Buono Scuola. Una bella differenza.
La maggioranza ha bocciato l’impegno, negando il riequilibrio di risorse e mantenendo una forte disuguaglianza nella distribuzione economica non comprendendo che le condizioni di crisi economica si ripercuotono maggiormente sulle famiglie più povere e che quindi gli studenti di queste famiglie tendono a essere più a rischio abbandono scolastico.

Pubblicato in Cultura e sport, Poliche sociali, Sanità e welfare, Scuola | Taggato , , , | Lascia un commento