Archivi del mese: ottobre 2014

Le mani della mafia sulla Lombardia

Gli ultimi sviluppi dell’inchiesta della Procura di Milano testimoniano una volta di più quanto la ‘ndrangheta sia diffusa e radicata nel tessuto lombardo. La sua presenza è una minaccia concreta e continua alla nostra società, alle sue istituzioni e alla nostra economia, tanto più forte per la presenza di cantieri di opere pubbliche rilevanti in occasione di Expo 2015. Preoccupa, a questo proposito, il possesso della certificazione antimafia da parte di un’azienda risultata di proprietà della famiglia Galati, e ancor più preoccupano le intimidazioni ai danni della direttrice del carcere di Monza, Maria Pitaniello, come all’agente di polizia locale autore di una segnalazione rilevante per le indagini. A loro va la nostra solidarietà e riconoscenza.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Bando InnovaCultura – Sostegno all’innovazione dell’offerta culturale lombarda:scadenza 17 dicembre

Finalità: sostenere l’innovazione dell’offerta e l’ampliamento del pubblico delle istituzioni culturali con contributi a fondo perduto per l’acquisto di prodotti e servizi forniti da una o più imprese culturali e creative

Beneficiari: Possono presentare domanda di contributo: – istituzioni che abbiano la proprietà/gestione degli istituti e luoghi della cultura (musei ed ecomusei riconosciuti, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici e complessi monumentali) o soggetti che siano stati da esse formalmente individuati per la loro valorizzazione prima della pubblicazione del presente bando; – soggetti che operano nella promozione e organizzazione di attività culturali, compreso lo spettacolo dal vivo. I soggetti che presentano la domanda devono essere pubblici o privati no profit, avere sede legale e/o operativa in Lombardia. Le istituzioni possono presentare progetti singolarmente o in rete.

Scadenza17 dicembre 2014 sino alle ore 12.00

Link: http://www.bandimpreselombarde.it/index.phtml?Id_VMenu=362&cqs=SWRfQmFuZG89MTc=

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , , | Lascia un commento

Start up per Expo – Bando per individuare le migliori Start Up lombarde nei settori collegati al tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”

Finalità: Regione Lombardia e le Camere di Commercio lombarde incentivano lo sviluppo di nuove imprese che propongano al mercato idee originali, nuovi prodotti, servizi, modelli organizzativi da presentare tra le eccellenze italiane durante Expo 2015. Particolare attenzione sarà dedicata alle start up guidate da giovani imprenditori (under 35).

Beneficiari:  start up innovative e le MPMI lombarde

Scadenza: dal 6 novembre 2014 al 16 gennaio 2015

Link: http://www.regione.lombardia.it/shared/ccurl/654/514/Burl%20n_43%20del%2022-10-2014%20bando%20startup%20per%20expo.pdf

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Nutrie: finalmente approvata la legge in commissione

L’VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale ha approvato questo pomeriggio la legge che modifica la normativa già esistente e recepisce quella nazionale sull’eradicazione e il contenimento delle nutrie. Un atto atteso da tempo, soprattutto dalle per i danni provocati da questi roditori. Le nostre proposte migliorative del testo vanno soprattutto nella direzione di coinvolgere i territori, a partire dagli enti locali che poi saranno i primi a doversi occupare della questione . E il relatore di maggioranza ci ha assicurato che verranno accolte in sede di discussione in Aula. Il Pd ha poi sottoscritto, assieme agli altri Gruppi, una lettera, firmata dal presidente di Commissione, rivolta agli assessori all’Agricoltura Fava, al Bilancio Garavaglia e alla Sanità Mantovani in cui si chiederà di non spostare su altre voci le risorse messe a bilancio per gli interventi per il contenimento delle nutrie, come pare la Giunta abbia intenzione di fare.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Salute mentale: più risorse ai servizi territoriali

Le prospettive di sviluppo della salute mentale in Lombardia vanno necessariamente inquadrate all’interno della riforma del Sistema sociosanitario regionale, che auspichiamo possa effettivamente essere celermente avviata, seppure si stia registrando una preoccupante frenata rispetto alle aspettative createsi con la presentazione del Libro Bianco da parte del presidente Maroni, a luglio. Il sistema sociosanitario lombardo, al di là degli innegabili punti di forza, presenta come principali punti di debolezza la capacità di presa in carico dei pazienti e la capacità di assicurare continuità assistenziale, in un contesto di cronicità sempre crescente. E questo crediamo valga anche per lo specifico dei servizi per la salute mentale. Per questo è necessario che vada rafforzata in particolare la rete dei servizi territoriali: troppi sono stati in questi ultimi anni i tagli di risorse, sia professionali che economiche, nei servizi territoriali per la salute mentale. 

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Cassa in deroga: importante portare a casa il risultato

Approvata all’unanimità in Consiglio regionale una mozione urgente, condivisa fin dalla sua presentazione da tutti i componenti della Commissione Attività produttive e finalizzata a coprire le 9000 domande di cassa in deroga pervenute in Lombardia negli ultimi mesi. Il Pd dà delega all’assessore Aprea di portare questa istanza al ministro del Lavoro: reperire nuove risorse per la cassa in deroga. Ci aspettiamo che l’assessore porti a casa un risultato positivo per la Lombardia,  vanno difesi gli interessi dei lavoratori che si trovano a vivere condizioni di gravi difficoltà. E la collaborazione istituzionale sul fronte degli ammortizzatori sociali è fondamentale in questo momento.

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , | Lascia un commento

Scade 14 novembre: bando finanziamenti iniziative Centenario della Prima Guerra Mondiale

Pubblicato sul BURL del 13 ottobre 2014 il decreto dell’Avviso pubblico per presentare progetti che verranno finanziati con le risorse destinate dalla legge regionale alla valorizzazione del patrimonio storico e culturale della Prima guerra mondiale in Lombardia La domanda dovrà essere presentata a partire dal giorno 14 ottobre 2014 e dovrà pervenire – a pena di esclusione – entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 14 novembre 2014 , utilizzando esclusivamente la modulistica appositamente predisposta, riportata al punto 25 “Modello di domanda” del presente Avviso e pubblicata sul BURL (l’estratto è allegato)

 Progetti ammissibili

  • la ricognizione, la catalogazione, gli studi e le ricerche;
  • il monitoraggio, la manutenzione, il restauro e la conservazione;
  • la conoscenza degli eventi storici del territorio alpino anche attraverso attività didattiche ed educative nelle scuole e nelle università;
  • la promozione di parchi culturali tematici o di ecomusei;
  • la preservazione degli aspetti paesaggistici e culturali riconducibili alla Prima guerra mondiale;
  • la creazione, la gestione, la valorizzazione, la fruizione e la manutenzione di percorsi turistico – culturali;
  • iniziative culturali anche sovraregionali;
  • la messa in rete dei soggetti pubblici e privati che operano a vario titolo sul tema, con l’obiettivo di unire le risorse disponibili;
  • lo sviluppo di strumenti adeguati di sostegno alla valorizzazione turistica e culturale della linea del fronte della Guerra Bianca e della Linea Cadorna;
  • l’attivazione di iniziative di sistema che creino un contesto favorevole allo sviluppo di forme di imprenditorialità settoriale diffusa;
  • azioni specifiche di rivalutazione del patrimonio linguistico, canoro, di brani e scritti relativi alla Prima guerra mondiale

 Destinatari

  • le province, i comuni, le comunità montane, gli enti parco e altri enti pubblici, singoli od associati;
  • le università, gli istituti di ricerca, gli istituti scolastici e i musei;
  • le associazioni culturali senza fine di lucro, le fondazioni, le associazioni d’arma e reduci 

 La domanda dovrà essere indirizzata a:

Regione Lombardia – Direzione Generale Culture, Identità e Autonomie – Struttura Attrattività e valorizzazione del patrimonio culturale
– Piazza Città di Lombardia, 1 – 20124 Milano  mediante:

  • consegna a mano presso l’ufficio del Protocollo Generale – Giunta Regionale della Lombardia – Viale Restelli, 2 – 20124 Milano, oppure presso gli uffici di Protocollo regionali presenti in tutte le province presso le Sedi Territoriali di Regione Lombardia;
  • lettera raccomandata con ricevuta di ritorno;
  • propria casella di posta elettronica certificata con utilizzo della firma digitale, all’indirizzo di posta certificata regionale: cultura@pec.regione.lombardia.it.

Nel caso di invio tramite servizio postale, non farà fede il timbro postale di invio, ma l’effettiva data e ora di ricezione, risultante dal timbro di protocollo della Giunta regionale.
Non saranno ammessi all’istruttoria i progetti presentati oltre il termine previsto.

 Responsabile del procedimento:

Benedetta Sevi, Dirigente della Struttura Attrattività e valorizzazione del patrimonio culturale – D.G. Culture, Identità e Autonomie
Tel. 02.6765.4377 - benedetta_sevi@regione.lombardia.it

Per informazioni:

Rita Ferrandi, funzionaria della Struttura Attrattività e valorizzazione del patrimonio culturale – D.G. Culture, Identità e Autonomie
tel. 02 6765 3651 - rita_ferrandi@regione.lombardia.it

TIPOLOGIA: Agevolazioni
SCADENZA: Temporale
DATA DI PUBBLICAZIONE: 13-10-2014

Allegati

Estratto BURL del 13 ottobre 2014 Estratto BURL del 13 ottobre 2014 (165 KB) PDF
Pubblicato in Cultura e sport | Lascia un commento

Scade 8 novembre: Bando Angeli Antiburocrazia per giovani laureati

Selezione di 30 giovani neo laureati/e per il progetto “Angeli Anti Burocrazia” per attivare un servizio sperimentale volto a favorire e semplificare il rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione. Domande dal 27 ottobre al 7 novembre 2014.  Unioncamere Lombardia, nell’ambito dell’Accordo di programma con Regione Lombardia, seleziona per il progetto “Angeli Anti Burocrazia” 30 neolaureati/e che saranno impegnati per 12 mesi. I giovani selezionati saranno incaricati di accompagnare e supportare le micro, piccole e medie imprese lombarde nei rapporti con la pubblica amministrazione fornendo informazioni e assistenza rispetto alle procedure, alle prassi, alle opportunità esistenti.

 I 30 “Angeli Anti Burocrazia” opereranno a progetto, in piena autonomia e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente ma in stretta connessione sia con i sistemi camerale e regionale che con la rete degli Sportelli unici delle attività produttive (SUAP) per migliorare l’efficienza dell’attività amministrativa nei confronti delle micro, piccole e medie imprese.

 Domanda di partecipazione
I candidati dovranno fare pervenire la propria candidatura via email compilando il modulo allegato al presente avviso all’indirizzo  unioncamerelombardia@legalmail.it (che consente la protocollazione delle domande pervenute), dal 27 ottobre al 7 novembre 2014 (entro le ore 24).

Valutazione
La commissione composta da rappresentanti del sistema camerale e regionale procederà alla verifica dell’ammissibilità della domanda e alla formazione della graduatoria. La graduatoria sarà pubblicata sui siti del sistema camerale e di Regione Lombardia entro e non oltre il 14 novembre 2014.

TIPOLOGIA: Agevolazioni
SCADENZA: Temporale
DATA DI PUBBLICAZIONE: 24-10-2014
DATA CHIUSURA: 08-11-2014

Allegati

Avviso selezione Avviso selezione (329 KB) PDF
Modulo candidatura Modulo candidatura (627 KB) Word Document
Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Ferrovie regionali in peggioramento: Maroni surreale

Il travaglio denunciato ogni giorno dagli utenti di Trenord è ora certificato. La Regione, in una relazione stilata dall’assessorato ai Trasporti, ammette ufficialmente che il servizio ferroviario regionale nell’ultimo anno è drasticamente peggiorato. Si legge ad esempio che i ritardi medi ponderati per passeggero dal 2011 ad oggi sono passati da 3,2 minuti a 5,2 minuti su tutte le corse, per non parlare dell’indice di puntualità che in tre anni è sceso dall’87,1 per cento al 78,9. Il numero medio delle soppressioni, di contro, ha subito un’impennata notevole, tanto da passare da 21,7 a 51,3. Una serie di numeri che se per tutti attestano uno sfacelo per Maroni è un report non così catastrofico. Che Trenord non stesse passando un periodo roseo era chiaro ai più, ma se si mettono in fila la mancata nomina del nuovo amministratore delegato, vacante da mesi dopo le dimissioni di Legnani, i continui disservizi su tutte le tratte, un bilancio in perdita e la mancanza di un piano regionale dei trasporti, il quadro diventa ancor più fosco.
E meno male che il 2014, secondo Maroni, doveva essere l’anno del trasporto pubblico locale. La settimana si è chiusa in maniera surreale, con  protagonisti Maroni e Fnm. Con una nota Trenord ha annunciato che dal 14 novembre la dottoressa Farisè sarà il nuovo amministratore delegato, decisione presa il 3 ottobre scorso da Fnm, un’ufficialità che arriva esattamente 24 ore dopo le dichiarazioni polemiche di Maroni in merito ai ritardi di Fnm nella scelta del nuovo membro nel cda dell’azienda.
E’ davvero curioso che il presidente Maroni fosse all’oscuro della nomina del nuovo amministratore delegato di Trenord che, stando alla nota dell’azienda, sarebbe avvenuta ben 20 giorni fa. Ma, viste le incertezze della Regione nella gestione del trasporto pubblico, non ci sorprendiamo più di tanto.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Politiche per la casa: occorre cambiare

Di sicuro interesse il seminario “Affitto e compro casa in Lombardia”, tenutosi giovedì a Palazzo Pirelli e finalizzato a presentare i risultati di una ricerca valutativa volta a capire quanto gli aiuti regionali alla residenzialità siano risultati o meno efficaci. In particolare ha fornito indicazioni concrete per rivedere le due misure messe in atto da Regione Lombardia e che riguardano il sostegno agli affitti e l’aiuto per l’acquisto della prima casa. Sul versante delle politiche di sostegno a cui rischiano di mancare le risorse necessarie e sul lato delle misure regionali per l’acquisto della casa per le giovani coppie, è emerso che hanno criteri troppo stretti per l’accesso e che si collocano in un momento in cui si è modificato sostanzialmente il mercato immobiliare e la fragilità delle famiglie richiedenti.
Per questo le misure regionali vanno totalmente ripensate. Riguardo agli affitti, invece, in una situazione di scarsità delle risorse bisogna capire se è possibile incrementarle o, nel caso ciò non sia possibile, occorre dare a chi ha più bisogno, rafforzando l’equità degli interventi. Sul lato dei mutui la domanda che dobbiamo farci è se sia il caso di proseguire con questa misura o piuttosto lavorare a individuare progetti specifici di housing sociale e programmi innovativi. Il lavoro dei ricercatori e dell’Università ci dice in ogni caso che Regione Lombardia deve cambiare e da lì bisogna cominciare per una revisione globale delle misure e delle politiche abitative puntando alle specificità territoriali e alla qualità degli interventi.

Pubblicato in Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento