Archivi tag: montagna

Per la montagna servono un riordino e le piste tagliafuoco

La montagna e il Triangolo lariano sono stati al centro di altre mie richieste per il bilancio del 2018. Ho presentato due emendamenti rispettivamente da un milione sul capitolo relativo allo Sviluppo sostenibile del territorio montano dei piccoli Comuni, e da 600mila euro sulla missione Soccorso civile.
Da un lato volevo che venisse finanziato un progetto per la riqualificazione e lo sviluppo del territorio montano della sponda ovest del Lago di Como, con iniziative di riordino e accorpamento fondiario, operazione che viene attesa da tempo. Significa pensare a un progetto per l’accorpamento delle proprietà spezzettate tra diversi proprietari.
Dall’altro, i 600mila euro potevano essere utili in tema di Protezione civile per gli investimenti per il sistema di piste tagliafuoco nel Triangolo lariano. In questo caso si tratta proprio di una questione di sicurezza dei nostri territori, soprattutto silvestri, dopo gli incendi che nei mesi scorsi hanno interessato queste zone. Ma la tutela dell’ambiente abbiamo visto in questi cinque anni, non è stata proprio tra le priorità della Giunta Maroni che non ha voluto approvare queste richieste.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Grazie a noi risorse per il Trasporto Pubblico Locale

Il Consiglio regionale ha recentemente approvato l’assestamento al bilancio 2016-18, con il voto contrario del Partito Democratico. Mentre per il fondo sociale la giunta e la maggioranza di centrodestra non hanno voluto sentire ragioni, per il trasporto pubblico il Pd ha ottenuto il risultato di un impegno dell’assessore la bilancio Garavaglia di anticipare le risorse del 2017 al 2016 per fare fronte alla sofferenza delle Province su questo servizio. Continua a leggere

Pubblicato in dalla Regione, Mobilità | Taggato , , | Lascia un commento

Montagna, ok alla risoluzione ma servono 11 milioni di risorse

MontagnaIl Consiglio regionale della Lombardia ha approvato la risoluzione per lo sviluppo e il sostegno della montagna. Favorevole anche il Gruppo del Pd che, però, ha tenuto a puntualizzare alcuni aspetti. “Ci sono montagne dove il turismo funziona e che riescono benissimo a sopravvivere, ma altre dove questo settore non decolla. Perciò, se vogliamo che la popolazione locale rimanga a vivere sul territorio, dobbiamo fare in modo di darle gli strumenti – fa sapere Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd –. Ed è importante che la gente del posto non se ne vada, se non vogliamo una montagna completamente inselvatichita, perché i residenti sono i primi a fare gli interventi di manutenzione del territorio. Questo significa preservare non solo le alte quote, ma anche la pianura che è la prima a pagare le conseguenze di una montagna trascurata”.

Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato | Lascia un commento

Comunità montane. Gaffuri: “Cinquecentomila euro in più solo grazie al PD”

MontagnaAltri 500mila euro per le Comunità montane che vanno ad aggiungersi ai 10 milioni già previsti. “Non molto, ma è sempre un aiuto in più per la montagna, che è passato solo grazie ai voti del Pd, che aveva presentato un analogo emendamento e ha deciso di ritirarlo pur di far passare la richiesta, presentata anche da un consigliere di maggioranza”, lo fa sapere Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, raccontando quanto avvenuto nella seduta del Consiglio regionale, durante la discussione sul bilancio. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , | Lascia un commento

Approvati in bilancio 50 milioni di euro per il dissesto idrogeologico

franaCinquanta milioni di euro per il dissesto idrogeologico che andranno in gran parte a coprire le necessità dei territori montani. È la cifra approvata dal Consiglio regionale della Lombardia dentro l’assestamento del bilancio, grazie al maxi mutuo che la Regione potrà accendere in seguito allo sblocco degli investimenti consentito dal Governo Renzi. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , | Lascia un commento

Una legge per la montagna per valorizzare tutto il territorio montano lombardo e non solo alcune zone

CAM00265Un progetto di legge su materie di esclusiva competenza regionale. E’ questo il senso di “Una legge per la montagna” l’iniziativa promossa dal gruppo consiliare del Partito Democratico della Lombardia presentata quest’oggi dai consiglieri regionali Luca Gaffuri e Jacopo Scandella nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta presso la sede provinciale di Como del PD. “La montagna lombarda non è solo la Valtellina, così come non ci sono località di serie A o di serie B – afferma Luca Gaffuri -. Solo per ciò che concerne il nostro territorio pensiamo un momento cosa rappresentano la Valle Intelvi, la Val Cavargna, le valli dell’alto Lario oppure la Vallassina. Noi riteniamo che i territori montani debbano essere trattati tutti in egual misura, mentre sappiamo che il riordino del territorio lombardo promosso dalla Giunta prevede provvedimenti specifici per la provincia di Sondrio che concedono autonomia e destinano ingenti risorse. Come PD chiediamo che tali misure interessino anche le aree montane delle altre province: le prealpi varesine, le Alpi Orobie, la Val Camonica, il territorio appenninico della provincia di Pavia ed ovviamente le zone montane della provincia di Como”. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato | 1 commento

Eusalp: un sostegno alla vita ed alle attività in montagna

MontagnaÈ stata approvata oggi, giovedì 9 ottobre 2014, in Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Svizzera del Consiglio regionale, la risoluzione che verrà proposta al voto dell’Aula martedì 14 ottobre e che rappresenta il contributo dell’assemblea alla consultazione pubblica promossa dalla Commissione europea ‘Una strategia Ue per la Regione alpina (Eusalp)’. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, dalla Regione | Taggato | Lascia un commento

L’Europa ponga più attenzione alle Alpi

MontagnaL’Europa ponga maggiore attenzione alle Alpi, ne difenda il territorio e ne favorisca lo sviluppo in armonia con le esigenze di un territorio unico e fragile. Lo chiede il Consiglio regionale della Lombardia all’interno della “risoluzione europea” approvata questa mattina in Consiglio regionale. Il passaggio sulla strategia macroregionale alpina è contenuto in un emendamento presentato dal Pd, prima firma il consigliere regionale Luca Gaffuri. Il passaggio, contenuto nella risoluzione che andrà sottoposta agli organismi dell’Unione, chiede “l’elaborazione di una strategia macroregionale per le Alpi che realizzi un rinnovato patto di solidarietà tra spazi di montagna e spazi urbani, tra territori in perdita di competitività e territori dinamici, tra territori fornitori di servizi e territori consumatori” in una logica transnazionale, per la realizzazione di progetti che tengano insieme regioni diverse degli otto stati nazionali che insistono sul territorio alpino. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, dalla Regione | Taggato , | Lascia un commento

La montagna davvero al centro del progetto di Macroregione Alpina

MontagnaLa Commissione speciale Rapporti tra la Lombardia e la Confederazione elvetica ha discusso dei temi relativi alla partecipazione della Regione al processo di formazione degli atti comunitari, in vista della seduta del 5 novembre del Consiglio regionale, dedicata alle questioni europee. Continua a leggere

Pubblicato in dalla Regione, dalle Commissioni | Taggato , | Lascia un commento

Macroregione alpina: per le montagne una “rappresentanza obbligatoria”

Un incontro sovra regionale, con la Lombardia in prima fila e il Partito democratico come organizzatore, nella suggestiva cornice del passo dello Stelvio si è tradotto in un momento di sintesi per definire un “sistema alpino europeo”. I rappresentanti dei Gruppi consiliari del Pd di Lombardia (Luca Gaffuri, capogruppo, Carlo Spreafico, consigliere segretario dell’Ufficio di presidenza, Mario Barboni, consigliere regionale), Piemonte (il consigliere Mino Taricco), Veneto (il consigliere Sergio Reolon) insieme ai sindaci di Trento Alessandro Andreatta e Bolzano Luigi Spagnolli, e all’Uncem (l’Unione nazionale comuni comunità enti montani), si sono riuniti per discutere di montagna e delle necessità dei suoi centri e dei suoi abitanti. Obiettivo: rilanciare l’attenzione verso questo territorio così poco considerato. Dall’incontro è emerso il convinto sostegno al riconoscimento da parte dell’Unione europea di una macroregione alpina, sull’esempio di quanto è già avvenuto per i territori del Danubio e per le zone che si affacciano sul mar Baltico. Si è deciso, poi, di sostenere il processo di riordino del sistema di “governance” locale del territorio montano, garantendo anche nel nuovo assetto provinciale una deroga per le attuali province montane e di riconoscere la differenza dei costi di gestione, manutenzione e sviluppo economico del sistema alpino. Tra le proposte anche il riequilibrio, con gli opportuni correttivi, del peso della rappresentanza delle zone di montagna, notoriamente a scarsa densità abitativa, nelle sedi della politica e delle istituzioni. Insomma, una sorta di ‘quote rosa’ della montagna. “Vogliamo evitare qualsiasi tipo di contrapposizione tra aree di montagna e di pianura – sottolineano Gaffuri e Spreafico -, ma intendiamo far rioccupare alla montagna un posto preciso nel vuoto di rappresentanza che è stato determinato dalla strumentale e infruttuosa azione della Lega Nord che per anni ha promesso a questi territori, e alla loro popolazione, traguardi mai raggiunti. Oggi le montagne risultano ancora più isolate e quindi hanno bisogno di una maggiore attenzione politica. L’obiettivo che ci prefiggiamo è quello di valorizzare il patrimonio comune delle Alpi, preservandolo per le future generazioni anche attraverso la cooperazione transnazionale tra le nazioni alpine, rafforzando amministrativamente i territori e le loro autorità locali, nonché valorizzando caratteri e peculiarità a livello civile ed economico”. Il sistema alpino europeo che il Pd ha prefigurato allo Stelvio si configura come “un’opportunità per i territori montani, al fine di evitare un loro ulteriore spopolamento – aggiungono i due esponenti del Pd lombardo –. Il rischio concreto per questi territori è quello di un ulteriore, progressivo e grave abbandono”. Operativamente i rappresentanti dei diversi gruppi consiliari regionali hanno deciso di sottoscrivere una lettera che sarà al più presto inviata ai Gruppi parlamentari del Pd di Camera e Senato per sostenere la proposta sulla deroga per le attuali province montane e organizzare un convegno nazionale che rilanci l’attenzione sull’importanza della montagna, rifiutando ogni logica di appalto esterno della rappresentanza delle problematiche di questi territori. Per quanto riguarda, in particolare, la Lombardia, “il Pd – assicurano Gaffuri e Spreafico – ha deciso un piano di lavoro molto concreto che ha già prodotto, in Consiglio regionale, la legge sulla montagna, quella sui rifugi alpini e una particolare attenzione al tema del turismo e delle politiche agricole”.

Pubblicato in dalla Regione, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento