Archivi tag: frana

Sul Pizzo Cengalo ascoltiamo gli enti locali e il Canton Grigioni

Le ripercussioni sul territorio lombardo della frana del Pizzo Cengalo dello scorso agosto, sono al centro di una richiesta di audizioni che ho presentato al presidente della Commissione Ambiente del consiglio regionale.
Considerata la portata e la gravità dell’evento, le importanti ricadute ambientali che investono il fiume Mera e il territorio lombardo e che interesseranno nel medio e lungo periodo il corso d’acqua e le aree circostanti, ho chiesto che sia calendarizzata con particolare urgenza una seduta congiunta delle Commissioni Ambiente, Territorio e speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica, per poter approfondire il tema.
Vanno innanzitutto ascoltati gli assessori regionali all’Ambiente, al Territorio, alla Protezione Civile e ai rapporti con la Svizzera affinché possano informare i consiglieri in merito alla situazione ambientale e idraulica del fiume Mera, ai possibili rischi idrogeologici derivanti da eventuali ulteriori crolli e alle azioni messe in campo da Regione Lombardia o da avviare per prevenire e mitigare il rischio e per limitare i danni, purtroppo già in atto, anche attraverso il coordinamento di iniziative locali.
Ho chiesto anche che vengano ascoltati anche i presidenti del Governo del Cantone dei Grigioni, delle Province di Como, Lecco e Sondrio e della Comunità montana della Valchiavenna.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Sicurezza, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Oggi in Commissione VI la conferma che i contributi dell’Assessorato alla Protezione Civile sono stati inadeguati di fronte al disastro ambientale

“Sono esterrefatto dall’assenza dei rappresentanti dell’Amministrazione Provinciale di Como nell’audizione che si è svolta stamattina presso la VI Commissione “Ambiente e protezione civile” di Regione Lombardia per fare il punto sugli interventi di ripristino e tutela a Brienno dopo gli eventi disastrosi dello scorso 7 luglio. Un’assenza che, visto e considerato che l’invito era stato rivolto a due assessori (Sergio Mina, assessore al territorio, ed Ivano Polledrotti, assessore alla Protezione Civile), è dimostrazione di una chiara volontà di non voler assolutamente confrontarsi su questo argomento”. Così tuona Luca Gaffuri, capogruppo del PD in Consiglio Regionale al termine dell’audizione del sindaco del paese rivierasco, Patrizia Nava, accompagnata dall’arch. Alessandro Colombo, responsabile del servizio “Assetto del territorio”. Nel corso dell’audizione è stato illustrato come Regione Lombardia sia intervenuta assicurando meno dell’80% di quanto previsto per il pronto intervento dopo l’evento calamitoso (a fronte di una spesa di 205.000 euro il Comune rivierasco ha dovuto sostenere spese per 80.000 euro): “E’ stata la dimostrazione lampante di come i contributi messi a disposizione dall’Assessorato regionale alla Protezione Civile non si siano affatto dimostrati adeguati a sopperire alla grave carenza di risorse che il Comune di Brienno si è trovato a sperimentare di fronte alla gravità dei danni” sottolinea Gaffuri. Inoltre rimane ancora inevasa la richiesta di sostegno a coloro che hanno perso l’abitazione o i locali produttivi: “E dire che il 26 luglio scorso il Consiglio Regionale ha invitato la Giunta a rivedere la propria deliberazione con la quale, nel 2010, ha limitato il sostegno finanziario della Regione Lombardia per le opere di ‘somma urgenza’ e di ‘urgenza’ svolte dai piccoli comuni e richiesto che vengano individuate opportune forme di sostegno per i privati in caso di perdita o danno grave degli immobili adibiti ad abitazione principale o a funzioni d’impresa – ribadisce Gaffuri -. L’audizione ha confermato come, finora, la Giunta regionale non ha dato seguito alla menzionata deliberazione del Consiglio. I cittadini vogliono, giustamente, risposte e se la Giunta non prende in alcuna considerazione quanto deciso in modo chiaro e lampante dal Consiglio, ecco quindi il facile accostamento dell’organo legislativo regionale quale ennesimo ‘ente inutile’“. Qualche raggio si sole sembra essere assicurato invece dallo stato dello studio per la messa in sicurezza del paese che è stato accolto in Regione e a sua volta finanziato con 83.000 euro. A fine luglio Brienno è stato inserito nell’”Accordo di programma nella tutela del suolo”, predisposto da Regione Lombardia e Governo, per un impegno pari ad un milione di euro. Lo studio ha individuato priorità che comportano una spesa di ben 5,5 milioni. L’obiettivo dell’esecutivo regionale è assicurare i contributi per coprire tale differenza attraverso risparmi finali su altre azioni analoghe previste nel territorio lombardo; tuttavia questo significa che molti degli interventi previsti a Brienno saranno possibili solo dopo la conclusione dei lavori già in corso altrove, quindi molto in là nel tempo.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Sopralluogo a Brienno: intervenire per ripristinare il prima possibile la normalità

E’ intervenuto anche Luca Gaffuri, capogruppo per il PD in Consiglio Regionale, al sopralluogo effettuato quest’oggi da parte dell’assessore al Territorio ed all’Urbanistica della Regione Lombardia, Daniele Belotti, nella zona colpita, il 7 luglio scorso, delle frane che hanno causato l’evacuazione di alcune famiglie a Brienno e la chiusura, per oltre due giorni, della Statale 340 “Regina” lungo la sponda occidentale del lago di Como.
«E’ molto importante che, in occasione di questo genere di eventi, rappresentanti delle Istituzioni siano presenti sui luoghi colpiti per rendersi conto delle effettive conseguenze – ha sottolineato Gaffuri -. Come PD siamo disponibili a partecipare, nell’ambito delle nostre competenze, a tutti quegli adempimenti previsti, dalle riunioni ad eventuali altri sopralluoghi, per una situazione di emergenza come quella che ha riguardato l’abitato di Brienno. Auspico anche che si possa celermente intervenire per ripristinare il prima possibile una situazione di normalità a favore dei residenti nonché delle attività del paese, e che si effettuino dei controlli a monte onde prevenire il ripetersi di questi fenomeni».
L’Assessore Bellotti intende ora incontrare, con la presenza di Luca Gaffuri oltre che di quella degli altri consiglieri regionali comaschi, l’assessore Romano La Russa per discutere sulle modalità di intervento, discutendo anche sugli attuali limiti di spesa pari a 75.000 euro, di cui il 20% per cento a carico del Comune, fissati per ciò che concerne il primo intervento. «Sono soddisfatto di questi impegno preso dall’Assessore ma mi rammarico del fatto che ora tocchiamo “con mano” gli evidenti limiti della delibera adottata dalla Giunta Regionale lo scorso 1 dicembre – ha concluso Gaffuri -. Relativamente a questa delibera non è stata proprio accolta una mozione presentata dal PD che prevedeva di rispondere alla inevitabile richiesta di aiuto dei comuni in caso di necessita. La maggioranza ha deciso di scaricare sui comuni, e come in questo caso su uno dei più piccoli, un’ingente parte dei costi degli interventi urgenti e solo ora ci si rende conto che, in sostanza, la forma di compartecipazione è inadeguata alla scarsità delle risorse finanziarie proprie di queste piccole realtà».

Pubblicato in Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Frane sul Lario: si prendano subito provvedimenti

Dopo le abbondanti piogge di giovedì, l’Alto lago è stato interessato da numerose frane e smottamenti, il più importante dei quali ha interessato il comune di Brienno che è riamsto isolato per giorni.

Le precipitazioni torrenziali hanno avuto conseguenze che dall’assetto idraulico e geologico del territorio con almeno sette episodi di frana s’estendono alla gestione dell’emergenza, alla sicurezza abitativa dei residenti, alla viabilità e alla mobilità principalmente a causa dell’interruzione della strada statale “Regina” coinvolgendo pure la possibilità di una normale attività dei settori economici, attività produttive, commercio e turismo.

L’on. Chiara Braga, Luca Gaffuri e l’on. Mauro Guerra si sono recati oggi sul posto

Luca Gaffuri, capogruppo Pd in Consiglio Regionale, dichiara: «Gli eventi franosi che si sono verificati ieri, giovedì 7 luglio, nel territorio dei Comuni di Brienno e Laglio in Provincia di Como richiedono una veloce attivazione dell’azione regionale.Considerata, quindi, l’incidenza degli eventi di ieri su un territorio quale il Lario occidentale già ordinariamente delicato sotto differenti aspetti, territoriale, viabilistico, economico, sollecito la Regione, di concerto e in collaborazione con i Comuni colpiti e con l’Amministrazione Provinciale, ad assumere le azioni opportune ed indispensabili per l’immediata gestione dell’emergenza, la riduzione dei disagi, il recupero dei danni e il rientro nella normalità.

L’on Chiara Braga aggiunge: “L’episodio di maltempo di queste ultime ore che ha colpito il nord del Paese ha avuto, come sempre, conseguenze gravi rispetto alla sicurezza del territorio. In particolare in provincia di Como sette frane hanno provocato danni ingenti al comune di Brienno e hanno completamente bloccato la circolazione sulla statale Regina, già gravata da disagi strutturali di viabilità. Solo per mera fortuna sono state evitate vittime e feriti, ma la situazione è molto grave. Ancora una volta il tema della difesa del suolo torna alla ribalta della cronaca, mentre da parte del governo registriamo una continua stretta ai finanziamenti e alle politiche di prevenzione del rischio. Proprio ieri il prefetto Gabrielli, capo della Protezione Civile, ha sottoposto in audizione alla Camera dei Deputati le difficoltà del dipartimento a garantire le somme necessarie a fronteggiare anche la somma urgenza. Il governo si faccia carico di queste difficoltà. Tuttavia, oltre a gestire questa gravissima emergenza, occorre anche interrogarsi sulle cause di questi episodi: è stato impressionante vedere grossi tronchi di alberi già tagliati che sono stati evidentemente abbandonati nei boschi a monte da qualche incosciente e che hanno ostruito i corsi d’acqua provocando un effetto diga disastroso. La prima prevenzione passa dalla gestione corretta dell’ambiente e del territorio, una ocsa di cui tutti sono responsabili»

Mauro Guerra, capogruppo Pd in Consiglio provinciale e vicepresidente dell’Unione dei Comuni della Tremezzina, conclude: “Il territorio dei Comuni di Brienno e Laglio è stato colpito da numerose frane che hanno provocato l’interruzione della statale Regina e hanno travolto un’intera porzione del borgo di Brienno. Si ripropone il tema delle risorse indispensabili per la manutenzione dei territori montani ed è al contempo urgente riconoscere lo stato di calamità naturale e mettere a disposizione dei comuni colpiti, a partire da quello di Brienno, risorse finanziarie e mezzi per fronteggiare la gravissima emergenza.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento