Archivi tag: bambini

Per bambini e soggetti fragili dentista gratuito

Prevenzione e tutela della salute dei denti: come Pd abbiamo depositato un progetto di legge che risponde a un bisogno diffuso tra i cittadini lombardi, per la promozione e la prevenzione della salute odontoiatrica verso i soggetti più vulnerabili e verso i minori sino a 12 anni.
Si tratta di una proposta che, mettendo in rete soggetti pubblici e privati, si propone di dare una risposta concreta a tutta quella fetta di popolazione che ancora rinuncia alle cure, sin dall’infanzia, aggravando così patologie che diventano sistemiche e gravano sulla spesa sociosanitaria in seguito.
Le conseguenze della mancanza di prevenzione e di cure odontoiatriche sono un tema di salute pubblica troppo spesso dimenticato. La prevenzione in età evolutiva è facilmente attuabile con misure economiche contenute e ha, per contro, importanti ricadute in termini di risparmio di spesa, consentendo di reinvestire risorse per ampliare, nel tempo, la platea dei beneficiari.
Il progetto prevede l’avvio di percorsi gratuiti di prevenzione a chiamata per i più piccoli e per le donne in gravidanza; per i soggetti più vulnerabili, socialmente ed economicamente, sono previste prestazioni odontoiatriche a tariffe calmierate con una progressività in base al reddito e adeguate al costo medio sostenuto dalle strutture. All’erogazione di queste cure concorreranno strutture sia pubbliche che private convenzionate e accreditate secondo precisi standard di qualità.
È importante il fatto che sia stata introdotta una clausola valutativa per poter monitorare l’attuazione e i risultati, nonché la distribuzione omogenea delle risorse sui territori. Inoltre abbiamo previsto che in ogni provincia debba essere garantita la presenza di strutture odontoiatriche specializzate per i disabili.

Pubblicato in dalla Regione, Idee e politica, Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

Pediatri ai bambini irregolari

Andare oltre le prese di posizione ideologiche. Lo chiede il Pd alla maggioranza sulla questione dell’assegnazione dei pediatri di libera scelta ai bambini irregolari di cui si è discusso oggi in Commissione sanità, con l’audizione delle principali associazioni che si occupano di salute e immigrazione. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

Asili nido: va cambiata la normativa

Sempre meno famiglie disposte a spendere 500 (o più) euro al mese: ecco che la crisi entra anche all’asilo.

Intervista dal quotidiano “La Provincia” del 22 settembre 2011
L’obiettivo di Lisbona è di 33 posti nido ogni 100 bambini sotto i tre anni. Ci siamo?“Purtroppo no. Le percentuali di accesso delle famiglie agli asili nido sono basse. Il numero di posti disponibili ogni 100 bambini in Lombardia è del 18,3, a Como è ferma al 12,2. Si lavora sui nidi aziendali o i micronidi che hanno una compartecipazione alle spese nei primi due anni, poi le strutture vanno in afafnno perché non riescono a trovare risorse”.
Sono molto costosi.“Perché con un insegnante ogni 8 bimbi l’equilibrio economico nella gestione è difficilissimo da trovare, e poi ci sono le spese per l’affitto e quant’altro. Il tutto si ripercuote sulle tariffe che – soprattutto nei piccoli centri dove non c’è una struttura comunale – precludono l’inserimento dei bambini. Così salta il nido come percorso formativo”.
Miglioramenti in vista?“In aprile il consiglio regionale ha impegnato la giunta a modificare i criteri di accreditamento degli asili nido”.

Pubblicato in dalla Regione, Sanità e welfare | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Vaccinazioni: l’ASL ha circoscritto il servizio a 9 sole Unità operative su tutta la Provincia

Circoscrivere la possibilità di veder somministrate le vaccinazioni obbligatorie e raccomandate, o quelle per le malattie infettive, esclusivamente in alcune sedi dell’Asl di Como e non più nei diversi ambulatori che fino a qualche mese fa offrivano questo servizio ai bambini della provincia. E’ quanto sta interessando le famiglie dei piccoli che vengono chiamati a vaccinarsi per la prima volta oppure ad effettuare i diversi richiami a seconda dell’età. «Se corrisponde al vero, la decisione di circoscrivere questo servizio a poche sedi dell’Asl è stata presa senza tenere nella dovuta considerazione le necessità delle famiglie» sottolinea Luca Gaffuri, capogruppo del PD in Consiglio Regionale. Il sito internet www.asl.como.it, nella pagina dedicata alla vaccinazione contro le malattie infettive riporta esclusivamente un elenco di nove Unità Operative Prevenzione che effettuano il servizio su tutto il territorio provinciale oltre ad un numero verde per informazioni, e per posticipare la data della somministrazione che comunque dovrà essere effettuata presso una delle sedi espressamente indicate. «Secondo questo elenco, ad esempio, tutti coloro che abitano nei comuni della bassa comasca, da Locate Varesino a Carbonate, a Mozzate ora sembra debbano far riferimento non più all’ambulatorio di Mozzate bensì a Fino Mornasco, cosa del resto confermata dalle lettere inviate alle famiglie nel comunicare la data della vaccinazione dei propri bambini da parte della stessa ASL. Allo stesso ambulatorio devono far riferimento, ad esempio, anche i bambini che abitano nei paesi dell’appianese. A questo punto mi piacerebbe sapere dall’Asl di Como se le vaccinazioni saranno effettuate esclusivamente nei centri indicati dall’elenco pubblicato sul loro sito internet e, in caso di risposta affermativa, quali sono stati i motivi che hanno portato a questa rivoluzione per un servizio imprenscindibile per le famiglie e per la nostra infanzia, e che non fa altro che creare disagio agli utenti quando questi sono bambini molto piccoli».

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento