Archivi tag: agricoltura

Mense bio e sostegno ai prodotti locali. Ma serve una legge specifica per la filiera corta

mercati_bio_560Filiera corta o, per meglio dire, locale, prodotti freschi e da agricoltura biologica, in particolare dentro le mense. E subito dopo una legge organica, che riordini il settore. E’ quanto chiede il Gruppo regionale del Partito democratico che oggi, martedì 12 novembre 2013, ha approvato il progetto di legge in materia di mercati rurali e promozione dei prodotti locali, votato in Consiglio regionale. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , | Lascia un commento

Direttiva nitrati: il rischio è quello minare l’efficienza dell’intera filiera produttiva agroalimentare

Venerdì 23 novembre una Delegazione del Partito Democratico, composta dal capogruppo in Consiglio Regionale, Luca Gaffuri, e con la presenza della segretaria provinciale, Savina Marelli, e di Giovanni Orsenigo, si è incontrata con i rappresentanti della Coldiretti Como/Lecco presso la sede dell’associazione a Grandate per discutere dei problemi del settore relativamente al contenuto della “Direttiva Nitrati”. La delegazione ha raccolto le istanze provenienti dagli agricoltori e ha assicurato, in merito all’argomento, il proprio intervento nei confronti degli organismi istituzionali regionali (Assessorato all’Agricoltura, Assessorato all’Ambiente, Assessorato alla Sanità) in quanto si ritiene che il contributo dell’agricoltura all’inquinamento da nitrati delle acque sia solo marginale e certamente meno importante rispetto a ciò che è determinato dal settore civile e dalle altre attività produttive. Dato che l’82% del territorio regionale lombardo è classificato come zona vulnerabile ai nitrati, l’attuale testo della Direttiva rischia concretamente di minare l’efficienza di un’intera filiera produttiva agroalimentare, con la chiusura di migliaia di aziende. Per questo si ritiene necessario ridefinire in senso fortemente riduttivo le aree classificate come “vulnerabili” limitandole a quegli ambiti per i quali effettivamente e realmente il carico zootecnico possa comportare significative alterazioni dei limiti qualitativi delle acque.

Dato che la materia è di competenza governativa e spetta all’Esecutivo nazionale consentire a Regione Lombardia di concedere ulteriori deroghe per quanto riguarda le cosiddette “aree vulnerabili”, gli esponenti del Partito Democratico all’incontro hanno interessato della questione il gruppo Parlamentare alla Camera dei Deputati ed al Senato sollecitandoli ad adoperarsi per arrivare ad una sostanziale riapertura del problema “nitrati in Italia” anche in virtù di più ampie conoscenze storiche relative ai dati sulla qualità delle acque; attraverso l’incrocio tra questi valori e le effettive responsabilità dei reflui prodotti dal settore zootecnico rispetto a quelli dei settori civile e produttivo così da disporre di una migliore cognizione delle caratteristiche ambientali climatiche, pedologiche e produttive del nostro Paese. Il Capogruppo del PD in Consiglio Regionale, Luca Gaffuri, ha informato delle richieste avanzate dalla Coldiretti comasca il Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, On. Paolo De Castro.

 

Elenco comuni comaschi individuati come “vulnerabili” dalla Direttiva Nitrati: Bregnano, Cermenate, Novedrate, Cabiate, Cucciago, Rovellasca, Cantù, Figino Serenza, Rovello Porro, Capiago Intimiano, Lomazzo, Turate, Carimate, Mariano Comense, Vertemate con Minoprio, Carimate, Lomazzo, Turate, Carugo e Montorfano.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, dalla Regione | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Agricoltura: “Migliorare le condizioni del consumo idrico è necessario e non più rinviabile”

La Regione attiverà precise azioni volte a promuovere e sviluppare progetti per l’efficientamento del consumo idrico in agricoltura, al fine di ridurre i costi, incrementare le produzioni e scongiurare il ripetersi in Lombardia dello stato di calamità verificatosi in questi mesi a causa della grave siccità. Questo è quanto prevede la mozione, presentata dal consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri, votata all’unanimità martedì in Consiglio regionale.

“I dati parlano chiaro – spiega Gaffuri – nel 2050 il pianeta conterà 9 miliardi di abitanti e occorrerà aumentare del 70% la produzione agricola per sfamare l’umanità se non saremo in grado di intervenire con una cultura che promuova da un lato una corretta educazione alimentare e dall’altro l’innovazione tecnologica nel massimo rispetto della sostenibilità ambientale. A questo si deve aggiungere anche fenomeni legati ai cambiamenti climatici: solo nel 2012, fra mancati raccolti dovuti alla siccità e i maggiori costi di produzione, si sono registrati in Lombardia danni pari a circa 200 milioni di euro”.

Per il consigliere del Pd “il tema di Expo pone sul tavolo riflessioni importanti sui problemi connessi alla nutrizione, e quindi il fabbisogno alimentare nel mondo ed il sovra consumo di risorse. Ma ciò non basta. Secondo noi c’è bisogno di un nuovo protocollo di Milano, al pari di altri protocolli come kyoto e Rio, che sia un punto di riferimento nell’organizzazione di tutte le attività orientate alla sostenibilità alimentare. Sono necessari importanti cambiamenti strutturali – continua Gaffuri – in quanto scarsità idrica e la conseguente ridotta produttività dei campi coltivati sono solo alcuni degli effetti del sovra consumo di risorse. Con la mozione il Pd ha chiesto alla Giunta di mettere in pista progetti sperimentali su ambiti provinciali, che coinvolgano le associazioni di categoria e gli agricoltori, che incentivino e sviluppino maggiormente tecniche di irrigazione innovative finalizzate al risparmio idrico così da rendere meno dipendente la produzione agricola dai fenomeni atmosferici e renderla maggiormente produttiva e redditizia per le aziende di settore”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , | Lascia un commento

Pedemontana: indennizzi equi e veloci per gli agricoltori che cedono i terreni

Planimetria del sistema viabilistico "Pedemontana"

Il Pd ha seguito da vicino l’iter della risoluzione, nata da un’audizione, in VIII Commissione Agricoltura, con la Coldiretti di Bergamo e con Brebemi spa, per trattare le problematiche concernenti le aziende agricole bergamasche coinvolte nella realizzazione dell’autostrada di collegamento tra Brescia, Bergamo e Milano. La problematica emersa nella bergamasca e che potrebbe riflettersi sul territorio comasco, riguarda gli espropri, a seguito dei quali sono stati siglati accordi per gli indennizzi i cui ritardi nei pagamenti hanno creato non poche difficoltà agli imprenditori agricoli. Il timore, evidenziato nella stessa risoluzione, è che una situazione del genere si ripeta nei casi delle altre infrastrutture viabilistiche in via di realizzazione, come l’Alta Velocità e, appunto, la Pedemontana.

“Per questo abbiamo votato convintamente la risoluzione – spiega Luca Gaffuri, capogruppo del Pd in Consiglio regionale – che impegna la Giunta regionale a monitorare da subito la situazione, affinché non si verifichino ostacoli e ritardi nel pagamento dei giusti indennizzi agli agricoltori per i terreni interessati dai lavori di costruzione delle infrastrutture viabilistiche di interesse generale come la Pedemontana”.

Pubblicato in dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Captazioni idroelettriche: il Ministro Prestigiacomo venga ad incontrare la Commissione regionale

Tra le richieste presentate, la prima e più importante è la moratoria che consenta alla Provincia di predisporre una corretta documentazione circa le condizioni idrografiche dei bacini montani, prima che le 57 richieste di captazione pervenute siano rilasciate. Sul tema, durante l’audizione, è intervenuto Luca Gaffuri, capogruppo regionale del Pd: “Chiediamo che il Ministro all’Ambiente Prestigiacomo venga a incontrare la Commissione Agricoltura del Consiglio – ha alzato il tiro Gaffuri –. Inoltre, la stessa commissione deve andare in sopralluogo sul territorio a vedere la reale situazione che si è creata. Infine, bisogna arrivare a un documento condiviso da portare in Consiglio regionale e che vada verso la moratoria”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , | Lascia un commento