Archivi del mese: marzo 2016

Como, Lucini ha fatto bene. È il nostro candidato con o senza paratie

LuciniConosce Mario Lucini da tanti anni e, fianco a fianco in consiglio hanno condiviso la dura opposizione a Stefano Bruni. Oggi per Luca Gaffuri, consigliere regionale Pd, è ancora Mario Lucini l’uomo del 2017 per il Pd e per il centrosinistra.

Una regola non scritta della politica è quella di non darsi mai i voti. Il Pd non solo l’ha fatto, ma ha dato all’amministrazione e, quindi anche a se stesso, un 8. È d’accordo?
Come abbiamo detto, il voto lo daranno i cittadini nel momento dell’urna. Da parte nostra, comunque, c’è una valutazione positiva dell’operato di Lucini e della sua amministrazione. Continua a leggere

Pubblicato in dal Comune di Como | Taggato | Lascia un commento

Legge artigiani, con il Ticino costruiamo ponti, non muri

FrontalieriLa Lombardia è la locomotiva d’Italia: possiamo essere degli ottimi partner per la Svizzera e in particolare per il Canton Ticino. Dunque, costruiamo ponti e non muri”, lo dicono Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd e segretario della Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica, dopo l’incontro, proprio della Regio, che si è tenuto stamattina, nella sede di Mezzana (Ticino) sul tema della Lia, la legge sulle imprese artigianali. Continua a leggere

Pubblicato in dalla Regione, Economia e lavoro | Taggato , , | Lascia un commento

Riforma sanitaria ormai siamo allo spezzatino. Maggioranza inadeguata

sanitaIl Pd non partecipa al voto che sancisce lo stralcio di tutti i titoli dal progetto di legge che doveva occuparsi dell’intera seconda parte della riforma della sanità (pdl 228 bis), fatti salvi il III e il VII, dedicati alla Salute Mentale e alla Medicina Veterinaria. “Anzitutto da un punto di vista procedurale non ci stiamo all’ennesimo pasticcio di questa maggioranza: non si è mai visto che un emendamento rimandi i capitoli di una legge in discussione ad una legge che ancora non esiste (il cosiddetto presunto pdl 228 ter, semmai ci sarà)- attacca il consigliere regionale Luca Gaffuri -. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato | Lascia un commento

Fava pensi ai 400 forestali che rischiano il posto il posto e al dissesto idrogeologico oltre che all’olio

Foresta“L’assessore regionale all’Agricoltura Fava si preoccupa dell’olio tunisino, ma di 400 cittadini lombardi che rischiano nel giro di poco tempo di rimanere senza alcun lavoro, non gliene importa nulla e lo dice pure a chiare lettere”, è allibito Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, dopo che i rappresentanti dei lavoratori dei Consorzi forestali lombardi, martedì 22 marzo 2016, mentre in Aula si teneva la sessione europea del Consiglio, hanno manifestato fuori dal Pirellone. Per il secondo anno consecutivo, infatti, Regione Lombardia non ha finanziato i Consorzi forestali, che ha istituito e con denaro del bilancio autonomo ha sempre sostenuto.
“Stiamo parlando di 7 milioni di euro che l’assessore ha deciso di spostare su altri capitoli perché, evidentemente, non gli interessa nulla della montagna, dei boschi, dei fiumi lombardi – commenta l’esponente Pd –. Denaro che serve per la manutenzione del nostro territorio forestale e per scongiurare il dissesto idrogeologico. Inoltre quest’anno i Consorzi non potranno nemmeno accedere ai fondi comunitari, poiché i bandi per le misure forestali previste dal Psr 2014-2020 a tutt’oggi non sono ancora stati aperti e anche di questo l’assessore è il primo responsabile”, aggiunge Gaffuri. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, dalla Regione | Taggato | Lascia un commento

Il Ticino abroghi la Lia e in Consiglio Regionale subito una risoluzione contro la legge anti-padronicini

Frontalieri“Chiediamo subito e ufficialmente al Governo del Canton Ticino che la legge sulle imprese artigiane venga abrogata”, è la prima reazione di Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd e segretario della Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Canton Ticino, al termine dell’audizione con Confartigianato, Cna, le Camere di commercio di Como, Sondrio e Varese e la Camera di commercio italiana per la Svizzera sul tema della cosiddetta Lia. Continua a leggere

Pubblicato in dalla Regione, Economia e lavoro | Taggato , | Lascia un commento

Caccia e pesca, la vigilanza torna alle Province ma non sia lasciato fuori alcun dipendente

cacciaLa vigilanza ittico-venatoria torna alle Province o a quelle che poi diventeranno enti di area vasta. Lo ha deciso martedì 15 marzo 2016, il Consiglio regionale della Lombardia approvando le modifiche a due leggi, un testo unico sull’agricoltura e le norme per la disciplina della caccia. “Auspichiamo che la Regione riesca a garantire tutti i posti di lavoro e che tutti gli agenti vengano confermati. E per fare questo la Giunta deve trovare al più presto le risorse necessarie a mettere in sicurezza il personale”, dice Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, dopo la votazione nella quale il Partito democratico si è astenuto. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , | Lascia un commento

Il Poliambulatorio che non c’è diventa simbolo della riforma sanitaria che non è ancora attuata

Tavernerio“Il primo esempio concreto della traduzione sul territorio di quellache è l’evoluzione del nostro sistema socio sanitario”. Così il sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia Alessandro Fermi ha definito il Centro Prelievi di Tavernerio, situato dal 2007 all’interno del Poliambulatorio A.Rossini in Piazza Don Benzoni, denominato ormai “Poliambulatorio di Tavernerio”, sebbene, anche sul sito dell’Ospedale Sant’Anna di Como, continui a restare un semplice presidio per effettuare prelievi di sangue o di tessuti (analisi e pap test). Continua a leggere

Pubblicato in dalla Regione, Sanità e welfare | Taggato | Lascia un commento

Sanità dei frontalieri, il pasticcio lo ha fatto Regione Lombardia per timore della Corte dei Conti

Frontalieri“Rimaniamo esterrefatti leggendo le parole dell’assessore Brianza sulla vicenda, scatenata tutta da Regione Lombardia, della sanità a pagamento per i frontalieri”, lo dice Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd e segretario della Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica, dopo aver letto le dichiarazioni dell’assessore lombardo che scarica la colpa sul Governo. “Regione Lombardia è quasi un anno che ha in mano una circolare ministeriale che non ha saputo o voluto interpretare – riepiloga Gaffuri –. Ce l’aveva anche Regione Piemonte, ma guarda caso non si è sognata di vessare i suoi lavoratori frontalieri con richieste di denaro non dovuto. Invece, Maroni e la Lega non hanno nemmeno fatto lo sforzo di capire cosa significasse, ma l’hanno inviata direttamente alle Asl, ora Ats, e hanno delegato tutto a loro. Tant’è che Sondrio e Varese hanno deciso di chiedere i soldi e Como no”. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Lascia un commento

Centro Prelievi Tavernerio, Maroni pensi alla sanità lombarda invece di inaugurare presidi già inaugurati

sanitaIl Centro Prelievi di Tavernerio, situato dal 2007 all’interno del Poliambulatorio A.Rossini in Piazza Don Benzoni, non cambia né nome né mission, continua a restare un centro di analisi (per prelievi di sangue e pap test) e intanto viene spacciato sui mass media e nelle inaugurazioni ufficiali come “primo presidio sanitario territoriale”, o Presst. Da quando è scaduta la convenzione con Synlab San Nicolò infatti, il Centro Prelievi ha firmato la convenzione con il Sant’Anna di Como (partita il primo febbraio) e da allora è stata una campagna marketing continua, per trasformare il Centro Prelievi di Tavernerio in un Poliambulatorio a tutti gli effetti. Solo nel nome, naturalmente. Il 14 marzo le autorità regionali e locali sono state invitate a re-inaugurare il Poliambulatorio già inaugurato nel 2007. “Invitiamo Maroni a non andare a inaugurazioni farlocche in vista della prossima campagna elettorale, quanto piuttosto ad occuparsi di sanità lombarda, dato che, mai come ora, ce ne sarebbe bisogno” attacca il consigliere Pd Luca Gaffuri.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato | Lascia un commento

Sanità e frontalieri: la circolare parla chiaro

Frontalieri“La circolare del Ministero della Sanità chiarisce la posizione dei frontalieri una volta per tutte: ora Maroni restituisca il contributo ingiustamente versato”, lo dicono Alessandro Alfieri e Luca Gaffuri, segretario regionale del Pd e segretario della Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica, il giorno dopo l’annuncio, da parte dei parlamentari lombardi del Pd, i primi a spendersi a livello centrale, della circolare applicativa del Governo sul tema. E a sancirlo è proprio questo documento che recita, molto semplicemente, che “in considerazione della circostanza che i predetti soggetti (i frontalieri, ndr) contribuiscono al sistema fiscale nazionale, gli stessi non sono tenuti a versare ulteriori contributi per l’iscrizione al Ssn al fine di beneficiare dell’assistenza dello stesso”. In sostanza, viene confermato il principio che i lavoratori frontalieri e i titolari di pensione svizzera, residenti in Patria, sono già soggetti, attraverso i Cantoni, a un versamento all’Italia di una quota di gettito fiscale proveniente dalla imposizione dei redditi da lavoro, come compensazione finanziaria delle spese sostenute per loro. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato | Lascia un commento