Fusioni di Comuni: la provincia di Como ha il primato in Lombardia

comunità montaneSaranno diciotto le fusioni di comuni in Regione Lombardia su cui le rispettive cittadinanze avranno la possibilità di esprimersi in autunno attraverso il referendum. Di queste, ben sette sono in provincia di Como, che si conferma il territorio lombardo più ricettivo rispetto all’indirizzo della semplificazione e dell’accorpamento dei piccoli centri. La decisione è stata assunta venerdì dalla giunta regionale, che ha aggiunto alle fusioni già avviate anche quelle di Lenno, Tremezzo, Mezzegra e Ossuccio; Menaggio, Grandola, Plesio e Bene Lario; Pianello del Lario e Musso. Il due agosto erano state già avviate Bellagio e Civenna; Drezzo, Gironico e Parè; Faloppio, Ronago e Uggiate-Trevano; Claino con Osteno, Corrido, Porlezza, Valsolda e Val Rezzo. Presto, dunque, i comuni comaschi potrebbero passare da 160 a 144, con una riduzione del 10%. Già negli anni scorsi la provincia di Como aveva visto le uniche due fusioni andate in porto: quella di Gravedona ed Uniti, nata nel 2011 dalla fusione di Gravedona con Consiglio di Rumo e Germasino, e quella di San Siro, nata nel 2002 dalla fusione di Sant’Abbondio e Santa Maria Rezzonico.

Soddisfatto Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, che la scorsa settimana aveva invitato la giunta regionale a mettere in agenda le ulteriori tre fusioni in regola con l’iter. “Il processo di semplificazione – commenta – ha compiuto un nuovo passo avanti, ed è positivo che la giunta regionale abbia preso atto delle ulteriori tre fusioni che non erano state incluse nella seduta di inizio agosto. La nostra provincia ha un primato positivo ed è anche merito delle amministrazioni locali che hanno deciso di cogliere la sfida della fusione, per creare realtà amministrative meno parcellizzate e più in grado, nelle condizioni sempre più difficili per le finanze comunali, di garantire i servizi di cui i cittadini hanno bisogno. La direzione è quella giusta, e l’obiettivo è quello di arrivare alle elezioni amministrative del 2014 già con i nuovi comuni”.

Articolo scritto in dalla Regione, Idee e politica e con i tag , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>