Archivi del mese: marzo 2013

Buona Pasqua

I giorni attuali, caratterizzati da tante incertezze e difficoltà, possono ancora diventare un momento di rinnovamento se ciascuno di noi farà prevalere l’impegno, l’altruismo e la responsabilità.
Con il più cordiale augurio di buona Pasqua.

Luca Gaffuri

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Quadruplicamento Como-Monza: presentata interrogazione

Luca Gaffuri ha presentato un’interrogazione dedicata al quadruplicamento della tratta Como-Monza all’assessore ai trasporti di Regione Lombardia, Maurizio del Tenno, ed al Presidente, Roberto Maroni. Da sempre molto attento alle tematiche di natura trasportistica della nostra regione (con un occhio di riguardo alla cosiddetta “cura del ferro”), Luca Gaffuri negli ultimi anni non ha mancato di ricordare i rischi insiti per il territorio comasco dall’entrata in vigore del nuovo sistema di corridoi ferroviari Alptransit.

“La mia preoccupazione è che gli interventi di potenziamento che riguarderebbero il tratto a nord di Milano del famoso corridoio ferroviario Rotterdam-Genova, ovvero il collegamento Chiasso-Milano, possano non essere sufficienti – sottolinea Gaffuri-. Se infatti è vero che è stato stabilito di procedere ad attuare accorgimenti di natura tecnica finalizzati ad accrescere la sicurezza sull’attuale sistema a doppio binario invece di procedere al quadruplicamento, ciò non escluderebbe il rischio di un collasso della rete ferroviaria lombardia all’altezza del capoluogo milanese e lungo una linea dove, peraltro, i disagi non mancano come i pendolari ben sanno. Il nord Lombardia, e Como in particolare per la sua posizione – conclude Gaffuri-, hanno bisogno di una linea ferroviaria efficiente per sostenere il carico di transiti dovuti dall’entrata in funzione del sistema Alptransit pena un collasso del sistema viabilistico viste le stime di mezzi pesanti che passeranno dalla strada alla ferrovia”.

Ecco il testo della sua interrogazione, depositata giovedì 28 marzo:

Interrogazione 3001_X Legislatura

Pubblicato in dalla Regione, Mobilità | Taggato , , , | Lascia un commento

Mario Lucini: nuovo attestato di stima per il primo cittadino di Como. Un gradimento in ascesa

“Un nuovo attestato di stima da parte della popolazione comasca. La dimostrazione di come, nonostante le difficoltà lampanti che stanno interessando la città di Como, i suoi abitanti abbiano apprezzato da un lato l’impegno dimostrato da Mario Lucini alla guida della città e dall’altro il suo rapporto con la cittadinanza caratterizzato da un dialogo diretto, e sempre improntato sulla comprensione e sul confronto con i comaschi stessi, nonché dalla capacità di coinvolgere tutti coloro che vogliono impegnarsi per la città”. Il consigliere regionale Luca Gaffuri commenta favorevolmente i risultati dell’indagine Monitorcittà di Datamonitor che vede il sindaco di Como posizionarsi al secondo posto a livello nazionale con un indice di gradimento pari al 64,2%. “A gennaio, in base al sondaggio annuale de Il Sole 24 Ore, Mario Lucini si trovava al V posto per gradimento – continua Gaffuri -. Oggi commentiamo un nuovo balzo in avanti che sicuramente sarà di sprone al primo cittadino lariano per cercare di risolvere i tanti problemi con cui si deve confrontare il capoluogo comasco. In particolar modo mi riferisco alla situazione del lungolago che vede coinvolta anche Regione Lombardia. Spero che al più presto si possa tenere l’incontro tra Lucini ed il Presidente Roberto Maroni per risolvere una situazione che si sta trascinando da troppo tempo, con evidenti danni anche d’immagine per Como, e non certo per colpe da imputare all’attuale amministrazione di centrosinistra che si sta impegnando a fondo per governare  la città”.

Pubblicato in dal Comune di Como | Taggato , | Lascia un commento

Frontalieri e UDC: altro che in mutande. E’ l’economia ticinese che rischia il tracollo senza frontalieri

“Tra due settimane in numerosi Comuni del Canton Ticino saranno rinnovati i sindaci ed in Consigli Comunali e l’UDC non ha trovato di meglio che cavalcare un facile populismo ai danni dei lavoratori frontalieri che, come ampiamente dimostrato da studi effettuati in Svizzera da altre e ben più radicate forze politiche, sono una risorsa ed una fonte di ricchezza dove risiedono e dove lavorano e certo non lasciano “in mutande” i cittadini elvetici”. Luca Gaffuri, consigliere regionale comasco del PD, interviene contro la nuova campagna politica del partito svizzero Unione Democratica di Centro che già in passato, come del resto la Lega dei Ticinesi, ha utilizzato toni che rasentano il razzismo nei confronti dei lavoratori italiani per giustificare le proprie ambizioni politiche. “E’ una campagna che segue nei contenuti di fondo quella “Bala i Ratt” di due anni fa – ribadisce Gaffuri -. Un nuovo presunto atto di forza da parte delle compagini di centrodestra della vicina Svizzera e che cerca di accattivarsi le simpatie di chi si dimostra più intransigente nei confronti dei nostri frontalieri. Ma come ampiamente discusso anche la scorsa settimana quando ho partecipato ad un convegno organizzato dal Partito Socialista ticinese intitolato “Lugano città di frontiera”, i frontalieri contribuiscono a rispondere all’offerta di lavoro del mercato elvetico. Come PD Lombardia abbiamo già varato numerose campagne a base di manifesti e volantini diffusi sul confine a difesa dei frontalieri e del loro lavoro. Infatti mi preme considerare che se veramente i frontalieri non varcassero il confine ben presto il mondo economico del Canton Ticino crollerebbe per mancanza di mano d’opera. Cosa che l’UDC si guarda bene dall’affermare pur, ovviamente, sapendolo benissimo”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Tettoia del Sant’Anna: Se non si farà non è per la spending review ma per i gravi ritardi della direzione generale

La tettoia del Sant’Anna, più volte promessa ai cittadini, non si farà per colpa dei ritardi della struttura. Questo è quanto appare chiaro confrontando i tempi delle delibere regionali e i ritardi nella sua realizzazione. Era stato annunciata pubblicamente nel luglio scorso, infatti, non solo la disponibilità alla costruzione ma anche un impegno economico e temporale preciso per la sua realizzazione, a settembre del 2012. Il direttore generale del Sant’Anna Marco Onofri ora fa sapere a mezzo stampa che non ci sono più i fondi e che non è più possibile fare spese per investimento autofinanziandole per precise disposizioni regionali.

Il consigliere regionale del PD Luca Gaffuri non ci sta e rilancia: “Fatte le dovute verifiche rispetto alle normative e ai regolamenti – spiega -  appare chiaro che la non realizzazione della pensilina è attribuibile ad un colpevole ritardo della struttura dell’ospedale. Il blocco delle opere autofinanziate, partito a gennaio 2013, era previsto da una delibera della Giunta regionale dell’ottobre 2012 periodo nel quale la pensilina avrebbe dovuto essere già finanziata e messa in cantiere. Invece la tettoia non si farà per errata programmazione della direzione dell’ospedale. Non è il primo caso in cui i cittadini comaschi dovranno subire un danno rispetto ai servizi dell’ospedale per ritardi e lentezze attribuibili alla direzione regionale. E a poco serve accampare giustificazioni, per altro non credibili: ormai il danno è fatto e forse, non più riparabile”.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , | Lascia un commento

CUD, sospendere la decisione di non inviare i moduli per posta

tagli agli enti localiLa nuova procedura per il recapito dei CUD da parte dell’Inps sta creando troppi problemi ai tanti pensionati che, a differenza di quanto succedeva fino allo scorso anno, non riceveranno più il modulo per posta ma dovranno procurarselo via internet o recandosi agli uffici dell’Inps, delle Poste, dei Caf o dal proprio commercialista abilitato all’assistenza fiscale. Occorre trovare presto una soluzione, sostiene il consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri che nelle prossime ore presenterà una mozione in Consiglio regionale.

“I disagi sono insostenibili – dichiara Gaffuri – la decisione del governo di bloccare l’invio per posta dei CUD da parte degli enti previdenziali è sbagliata, perché risponde ad una logica di risparmio ma non a quella della semplificazione. Non tutti gli anziani hanno accesso a un computer e sono in grado di scaricare il documento, anche perché la procedura stabilita dall’Inps per il rilascio del pin, il codice di sicurezza, non è né immediata né semplice, mentre le altre modalità prevedono un costo o comunque lunghe file allo sportello. Il risparmio per la pubblica amministrazione diventa quindi un costo, di soldi o di tempo, per il cittadino. Occorre sospendere la decisione, tornare alle modalità precedenti, anche perché non sono questi i veri costi dell’Inps su cui risparmiare. Appena saranno istituite le commissioni chiederò l’audizione dei vertici dell’Inps regionale in commissione bilancio.”

Pubblicato in dalla Regione, dalle Commissioni, Economia e lavoro | Taggato , , , , | Lascia un commento

Si persegua la regionalizzazione del servizio Navigazione Laghi

“Regionalizzare la navigazione dei laghi? Spero sia la volta buona”. Luca Gaffuri, consigliere regionale comasco del Partito Democratico, auspica che durante questo mandato amministrativo Regione Lombardia giunga ad un risultato annunciato da anni. “Le dichiarazioni rilasciate in occasione della presentazione dello studio ‘Le infrastrutture del futuro’, realizzato dall’Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità grazie alla collaborazione di 31 aziende, fanno ben sperare”. In quell’occasione, infatti, i laghi prelapini sono stati definiti “gioielli della corona d’Italia” che meritano, anche in vista di Expo, una maggiore valorizzazione. “Ed un primo passo potrebbe essere proprio rappresentato da una nuova gestione a livello Regionale. In questo modo si potrebbe arrivare ad inserire anche le corse della navigazione in un quadro complessivo di trasporto pubblico che consentirebbe di studiare occasioni di interscambio con il ferro e la gomma. Obiettivo che si può iniziare a perseguire sin da oggi al di là della regionalizzazione”. Lo studio ‘Le infrastrutture del futuro’ mettendo a fuoco sei ambiti infrastrutturali fondamentali (viabilità, ferrovie, aeroporti, logistica, utilities, telecomunicazioni), ha raccolto idee e contributi offerti da operatori e studiosi in vari comparti del Paese che possono essere riassunti nel potenziamento del trasporto pubblico su ferro, nella conclusione delle opere già iniziate e nell’avvio di una profonda riflessione su cosa realizzare in futuro nell’ottica della “frugalità”, vera e propria parola d’ordine nella programmazione dei cantieri nei prossimi anni.

Pubblicato in dalla Regione, Mobilità | Taggato | Lascia un commento

Lombardia: nessun assessore comasco in Giunta. Altri 5 anni senza un punto di riferimento per il territorio

“La nuova Giunta lombarda parte con il piede sbagliato. La scelta di Maroni di nominare nella sua squadra numerosi assessori esterni si traduce in un considerevole costo che ricade direttamente sulle tasche dei lombardi. Se si considera che ogni assessore non eletto consigliere costa almeno 11,100 euro in più al mese, secondo le nuove norme che la regione deve adottare dal primo luglio, con gli 11 dei 14 membri della Giunta appena nominata la regione spenderà per ogni singolo anno 1.465.200 euro in più che moltiplicato per 5 anni di legislatura significa 7.326.000 euro in meno nelle casse regionali. Visto il momento contingente di crisi economica, ce lo possiamo permettere? La Lombardia ad oggi ha altre priorità se si pensa che non si trovano i fondi per la cassa integrazione in deroga.

E ancora una volta non ci sarà nemmeno un assessore comasco nella Giunta lombarda: per altri 5 anni mancherà nella squadra di governo regionale un punto di riferimento a cui portare le istanze del territorio. Arriveremo al record di 10 anni senza avere un assessore regionale comasco. Un’assenza notevole che dimostra come Como sia bistrattata a ultima provincia dell’impero (macroregione) del centrodestra”.

Pubblicato in dalla Regione, Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Presenza INPS nel Centro e Alto Lago e Porlezzese

Me ne sono occupato a livello personale quando è emerso il problema ed ho aderito con entusiasmo al documento promosso lunedì 18 marzo dal Tavolo della competitività:

Il “Tavolo per la Competitività e lo Sviluppo della Provincia di Como”, espressione di tutte le Organizzazioni ed Istituzioni rappresentative della realtà economico-produttiva, sociale e politica del territorio comasco ed espressione dei rappresentanti locali nelle Istituzioni Provinciali, Regionali e Nazionali, vuole con la presente esprimere forte preoccupazione e contrarietà all’ipotesi della chiusura dell’Ufficio Inps di Menaggio.
Tale eventualità, che con il passare delle settimane appare sempre più concreta, provocherebbe un ulteriore inutile disagio a migliaia di cittadini ed imprese che, in una zona già problematica dal punto di vista viabilistico, si vedrebbero costretti, per l’espletamento delle normali pratiche previdenziali ed assistenziali, a percorrere decine di chilometri su una via stradale tra le più problematiche dell’intero sistema viabilistico lombardo.
L’Ufficio INPS di Menaggio è oggi punto di riferimento per tutto il sistema economico e produttivo del Centro e Alto Lago e del Porlezzese, che non può, dopo il tribunale, permettersi di perdere anche questo importante presidio amministrativo.
Si chiede quindi alla Direzione INPS di garantire la continuità della Sua presenza con un Ufficio per il Centro e Alto lago e Porlezzese valutando l’eventuale ipotesi di una sede in comuni limitrofi a Menaggio che soddisfino il medesimo bacino d’utenza”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

I rapporti tra Ticino e Lombardia

“I rapporti tra Ticino e Lombardia” saranno al centro dell’intervento del consigliere Luca Gaffuri che venerdì 22 marzo effettuerà al convegno “Lugano Città di Frontiera” promosso dalla sezione ticinese del Partito Socialista Svizzero in collaborazione con il Circolo PD Ticino. Un incontro nel quale si discuterà di tutta una serie di tematiche sociali ed economiche (tra cui l’accordo sui frontalieri e lo stato degli accordi bilaterali Italia-Svizzera) che vedono il capoluogo sulle rive del lago Ceresio confrontarsi con il nostro territorio comasco. Una serata che si svolge in vista del rinnovo di numerose amministrazioni comunali nel vicino Cantone italofono, tra le quali Lugano e Mendrisio. Questo il programma di “Lugano Città di Frontiera” che si svolgerà a partire dalle ore 18.15 presso la Sala C del Palazzo dei Congressi di Lugano:

  • Introduzione e moderazione da parte di: Francesco Rinaldi candidato al Consiglio Comunale PS Lugano
  • Contributi di:
    • Claudio Micheloni, membro del Senato: “Provvedimenti legislativi avanzati dal Partito Democratico in materia di riordino degli accordi sui frontalieri”
    • Franco Narducci, già Vice Presidente della Commissione Esteri alla Camera dei Deputati: “Stato dei negoziati bilaterali tra l’Italia e la Svizzera”
    • Luca Gaffuri, Capogruppo PD al Consiglio Regionale della Lombardia: “Rapporti fra Lombardia e Ticino”
    • Cristina Zanini Barzaghi, candidata al Municipio PS Lugano: “Lugano città di frontiera: opportunità o svantaggi?”
Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento