La tangenziale di Como ridotta a “moncherino” per finanziare l’autostrada Pedemontana

Il dimezzamento di un’opera attesa a Como dagli anni ’60, ovvero la tangenziale, è stato sancito martedì 11 ottobre dalla riunione del Collegio di Vigilanza sull’accordo di programma per la realizzazione della Pedemontana. «La Finanziaria 2006 ha destinato risorse statali al sistema Pedemontana, ma ha stabilito che dovevano servire a finanziare prioritariamente le tangenziali di Como e Varese visto che l’autostrada vera e propria sarebbe stata fatta essenzialmente con fondi di concessionari privati – sottolinea un seccato Luca Gaffuri, capogruppo del PD in Consiglio Regionale -. Viene da pensare che la tangenziale debba essere iniziata soltanto per poter dire che si rispetta quella priorità fissata dalla legge, ma intanto la si riduce a un moncherino per poter trasferire risorse pubbliche sul troncone principale dell’autostrada, sempre più a rischio finanziamento. Como, però, non ha bisogno di una foglia di fico ma di una tangenziale vera».

Articolo scritto in Mobilità e con i tag , , , , , , .

2 risposte a La tangenziale di Como ridotta a “moncherino” per finanziare l’autostrada Pedemontana

  1. Pingback: Tangenziale di Como? (a questo punto) No, grazie! « Stemctost's Blog

  2. Pingback: Salvabrughiera » Blog Archive » La VA-CO-LC NON è la tangenziale di Como




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>