Archivi tag: tagli

Comprensibile il disagio che sta vivendo la Polizia di Stato nel Lodigiano

“Non entro nel merito della polemica tra la Lega Nord e il segretario del sindacato di polizia Siulp, ma il disagio di fronte alla situazione che sta vivendo la Polizia di Stato nel territorio è comprensibile”, così Mauro Soldati, segretario Provinciale Pd a seguito della presa di posizione del gruppo provinciale della Lega contro Vincenzo Grimaldi, il quale nei giorni scorsi aveva manifestato il proprio malessere per il mancato invito alla Festa della Polizia Provinciale.

Una situazione drammatica, denunciata anche dal Segretario Provinciale del Coisp di Lodi, Giuseppe Pacetta, il quale ha reso pubblico lo stato in cui la Polizia opera nel Lodigiano: carenza di personale (anche per la polizia ferroviaria) pari a meno 40% – mancano 50 unità – accorpamento di servizi con detrimento dell’efficienza, volanti con oltre duecentomila chilometri, fermo forzato di alcuni veicoli perché mancano i fondi per sostituire le batterie usurate, necessità di almeno dieci nuove vetture, mancanza di una sezione della polizia postale per seguire i sempre più diffusi reati informatici. Senza dimenticare che a ciò si aggiungono anche questioni elementari come la mancanza della carta per le fotocopie, divise che vengono sostituite ogni 4 anni, computer obsoleti, riscaldamento e climatizzazione degli uffici non funzionanti.

“Per chi è impegnato a garantire i diritti delle persone che lavorano nella Polizia – conclude Soldati – di sicuro, come in altri campi, appare disarmante il fatto che ci sia più attenzione alla fantomatica secessione o ai ministeri al nord, anziché ai problemi denunciati dai sindacati di polizia. Anziché assumere atteggiamenti impropri per un partito, come la minaccia di intraprendere azioni nei confronti del Segretario del Siulp, attraverso gli uffici del Ministero dell’Interno, sarebbe opportuno che la Lega di Lodi dica a Maroni che la situazione è critica e che non sono più accettabili interventi restrittivi che minano la qualità del lavoro delle persone e la sicurezza nel territorio”.

Ufficio Stampa Federazione PD del Lodigiano

Pubblicato in Blog Dem | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Conferenza Programmatica PD Lodigiano – Un po’ di materiale…

Pubblichiamo ancora un po’ di materiale tratto dalla Conferenza programmatica del PD, per “Il Lodigiano che vogliamo”.

Conferenza programmatica PD. \”IL LODIGIANO CHE VOGLIAMO\” – Slide (pdf)

La seconda parte delle foto la trovate nella seguente galleria fotografia (clicca una foto per accedere).

Sul canale YouTube dei GD Lodigiano trovate poi le video-interviste ad alcuni dei protagonisti della nostra conferenza. A titolo di esempio riportiamo l’intervista a Mauro Soldati.

Pubblicato in Blog Dem, Eventi, Idee e politica | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Parole senza senso!

In una delle ormai consuete uscite di Berlusconi, che hanno il solo scopo di distrarre l’opinione pubblica dai problemi del Paese e dai suoi guai giudiziari, ecco riemergere la demolizione della scuola pubblica.

Seppur parole e argomenti sono gli stessi degli ultimi 16 anni, la posta è troppo grande per far finta di nulla.

Da Berlusconi arriva uno schiaffo inaccettabile. Con richiami di sapore antico, il premier se la prende con comunisti e gay, insultando ancora una volta l’intelligenza e la coscienza civile del Paese, e all’elenco stavolta aggiunge gli insegnanti della scuola pubblica. Uno schiaffo inaccettabile a chi lavora con dedizione in condizioni rese sempre più difficili dal Governo. Dire che i professori sono ideologizzati e non insegnano ciò che dovrebbero, che “inculcano principi diversi da quelli delle famiglie”, è un’offesa clamorosa. Alla scuola pubblica, dai primi gradi fino alle superiori passando poi all’Università, il governo Berlusconi ha presentato il conto più salato in termini di risorse mancate, dignità negata agli insegnati, impoverimento dei percorsi formativi. Lo sanno le famiglie e gli studenti che ogni giorno misurano l’abbandono in cui versa uno dei settori strategici per il futuro del Paese e che resiste al collasso solo grazie alla passione e al lavoro quotidiano dei tantissimi docenti che non si rassegano alla violenza con cui sono trattati e considerati. E’ inoltre e addirittura patetico l’atteggiamento della Gelmini, che difende Berlusconi invece che la scuola pubblica. Dovrebbe dimettersi subito, se solo avesse il minimo rispetto del proprio ruolo e la minima coscienza di ciò che vuol dire essere Ministro della Pubblica Istruzione.

Liberta d’insegnamento? La Costituzione è quotidianamente irrisa e considerata un intralcio, sacrificata sull’altare del destino personale del Presidente del Consiglio e del suo Governo. Berlusconi conosce solo il significato della parola arbitrio, come dimostra la sua costante insofferenza per la legge che cerca sempre di aggirare o di piegare per tutelare i suoi interessi.

Maria Grazia De Carolis
Resp. Scuola PD Provincia di Lodi

Pubblicato in Blog Dem, Cultura e sport, Scuola | Taggato , , , , , | Lascia un commento