Archivi tag: CGIL

TAGLIAMO LA CRISI! venerdì 7 ottobre, h 21, Sala Civica di Brembio

Una serata per condividere idee e politiche per lavoro e impresa nel Lodigiano.

Con:
ANTONIO BOSELLI – Confagricoltura
VITTORIO BOSELLI – Confartigianato
DOMENICO CAMPAGNOLI – CGIL
GIUSEPPE SOZZI – ANCI Lombardia
MARIO UCCELLINI – CISL

Coordina il confronto
FEDERICO MORO – Responsabile Economia PD Lodigiano

forbici

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Eventi, Lodigiano | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Conferenza Programmatica PD Lodigiano – LIVEBLOGGING – Giorno 2

Ore 13.03. Conclusa la conferenza programmatica. Terminiamo anche il liveblogging per il momento. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni i link per i documenti, le foto e le video interviste. Grazie!

Ore 12.59. Mauro Soldati. “La sfida ora è mettere in pratica tutto quello di cui abbiamo discusso, portare in sintesi tutto quello che abbiamo fatto. Da domani bisogna cominciare a lavorare tutti, gente di partito, amministratori, per portare le nostre idee all’interno dei consigli comunali. Da domani operatività e concretezza.”

Ore 12.53. Mauro Soldati. “Ringrazio Galatola e Moro per i loro interventi puntuali che condivido pienamente. In particolare sulle energie rinnovabili dobbiamo comunicare molto bene. A San Colombano al Lambro si stanno sprecando risorse di territorio per il fotovoltaico. Non è la nostra filosofia, attenzione!”

Ore 12.50. Mauro Soldati. “Condivido le riflessioni di Campagnolo. Il lavoro deve essere la vera priorità della nostra azione. Iniziamo dai nostri 21 comuni a mettere mano ai regolamenti edlizi in modo che gli interventi portino innovazione e occupazione.”. “La proposta della riforma fiscale 20-20-20 del nazionale deve trovare spazio quando parliamo di lavoro, di federalismo, etc.”

Ore 12.49. Relazione conclusiva di Mauro Soldati.

Ore 12.41. Federico Moro. “Fondamentale la tenuta delle dinamiche sviluppate nel nostro periodo di amministrazione.”. “Tutela del territorio. La questione dell’utilizzo del suolo non è banale. Bilanciare sviluppo e tutela non è semplice. Non possiamo sacrificare risorse agricole e paesaggistiche per il fotovoltaico.”. “Dignità del lavoro: in questa fase di criticità non possiamo cedere ad una contrattualistica che fa tabula rasa dei diritti acquisiti. Pone problemi nel presente ma anche nel futuro, attenzione!”

Ore 12.40 Federico Moro. (assemblea regionale PD)”Poniamo un problema di <qualità> del sistema collettivo che il paese non sempre riesce a comprendere, la cultura di oggi pensa in maniera molto più individuale.”

Ore 12.35 Gianni Saccani. “Il prossimo passo per i forum è quello di dare visibilità al lavoro fatto. Abbiamo grosse difficoltà ad avere spazio sui mezzi di informazione e dobbiamo trovare una soluzione a questo problema.”

Ore 12.30. Gianni Saccani. “C’è il rischio che il recupero di queste aree sia una gara per accaparrarsi oneri di urbanizzazione e risorse. Non è abbastanza andare alle fiere come da Foroni ma bisogna anche creare condizioni concrete nel territorio per attirare gli investimenti delle imprese. Questo passaggio manca totalmente. Vogliamo istituire una agenzia per lo sviluppo del territorio, un luogo dove si ha il massimo coordinamento professionale tra imprenditori, amministratori, sindacati e gli istituti di credito, fondamentale!”

Ore 12.24. Gianni Saccani (forum economia e lavoro). “Potenziare la filiera agro-alimentare, forza storica del Lodigiano, oggi non valorizzata e vera occasione di rilancio e crescita produttiva”. “Il recupero delle aree dismesse è un’altra priorità per noi. Il tavolo di discussione è molto ampio ma convolgere imprese e banche è fondamentale. Non è solo un discorso tra amministrativi. Nel territorio si sta facendo troppo poco.”

Ore 12.20 Inizia qualche intervento di dibattito generale sui temi trattati.

Ore 12.16. Giulia Acquistapace. “Noi non abbiamo bisogno di un dizionario per parlare con i giovani, ma parliamo direttamente a loro, con loro, perché siamo in mezzo a loro.”

Ore 12.10 Giulia Acquistapace. “Per il partito come GD abbiamo investito anche sulle nuove forme di comunicazione, sulla formazione (corso di public speaking) e nel dialogo con le associazioni. Il CLEAR (Comitato Lodigiano Energie Alternative e Rinnovabili) è stato un’occasione che lascerà il segno nel campo delle politiche energetiche del territorio; anche in questo caso la ricerca del dialogo con altre realtà si sta dimostrando fondamentale.

Ore 12.07 Giulia Acquistapace (Giovani Democratici). “Creare una contro-cultura: dare basi efficaci per una proposta che tocchi ogni tema e ogni realtà.”. “Politica e società civile devono stare sullo stesso binario. Per noi è una priorità per il nostro partito. La comunicazione deve essere biunivoca tra vertici e base”. “Arrivo nel mondo di lavoro: è un momento di passaggio e di crescita che dobbiamo pensare insieme”.

Ore 12.05 Mariangela Raffaglio. “Scollatura fra realtà e percezione delle persone. C’è gente che dice che gli stranieri nel Lodigiano sono il 50%… e che la metà di essi sono irregolari… la percezione è diversa dalla realtà.”

Ore 12.00 Mariangela Raffaglio “Oggi si fa fatica a parlare di benessere della società. Il benessere si costruisce con le risorse. Stiamo cercando di utilizzare le risorse in modo più razionale, ma diventa sempre più difficile.”

Ore 11.54 Mariangela Raffaglio (forum immigrazione). “Per punti, questi sono i passi per affrontare il fenomeno con competenza. Conoscere i fenomeni migratori, diffondere la partecipazione, imparare la lingua come si deve, sviluppare progetti culturali e sostenere l’istruzione e la piena integrazione delle donne.”

Ore 11.43. Paola Tramezzani (assemblea provinciale). “Il problema dei disabili è grosso. I comuni non riescono a rispondere alle domande di sostegno.”. “Stiamo sopperendo alle mancanze dello stato centrale in tante realtà locali (scuole, sociale, etc.). Facciamolo ma non manchiamo di denunciare questa situazione insostenibile!”

Ore 11.39. Antonio Bacchi. “Sostegno alle imprese giovanili. Creare spazi utili ad iniziare queste realtà. Tutto ciò si raccorda con quanto detto prima ma può essere un vanto per il nostro territorio.”.

Ore 11.33 Antonio Bacchi (forum innovazione). “Open source per i comuni del Lodigiano, partiremo dalla nostra federazione PD. Riparmio garantito sulla gestione informatica delle amministrazioni.”. “Hot spot gratuiti garantiscono accesso a servizi, superare il digital-divide. Green-geek sta portando avanti a Milano un discorso di rete condivisa che sta funzionando.”.

Ore 11.22. Domenico Campagnolo. “Nel Lodigiano il 50% dei lavoratori è pendolare. Affrontiamo anche questo tema, strettamente legato al lavoro.”. “Siamo stati gli unici in Italia a creare il fondo locale anticrisi; va sostenuto anche nel 2011. Altre cose che tendono a chiudere questo fondo non mi piacciono per niente… Le alternative sono fumose”. “Creare posti di lavoro in questa provincia è una priorità. Come CGIL abbiamo costruito una piattaforma per creare pre-condizioni di investimento. Le vostre idee sul recupero delle aree dismesse sono pienamente in questa linea. Osiamo di più.”

Ore 11.13 Domenico Campagnolo (CGIL). “Con la nascita del PD avrei scommesso in un’unità sindacale imminente. Oggi vediamo come va… In Italia non siamo riusciti neanche a manifestare uniti contro la finanziaria. E’ chiaro che dobbiamo fare una riflessione molto seria. Dobbiamo entrare nel merito delle cose, evitare le contrapposizioni.”. “Politiche del lavoro oggi non ce ne sono: contratti decenti, ammortizzatori sociali, produttività, difesa del lavoro! Questo può essere un vero motore per la ripresa dell’economia.”. “Manca anche una politica economica e questo in uscita dalla crisi è pericoloso; lavorare solo sull’offerta e non sulla domanda è pericoloso: genera evasione fiscale, disparità, inequità. Non possiamo competere con Polonia e paesi manufatturieri.”

Ore 11.05 Grazia De Carolis (forum scuola). “La scuola fa parte della pubblica amministrazione, in questo senso non siamo diversi da un ente locale. La situazione anche nel Lodigiano non è delle più rosee grazie ai colpi terribili del governo. Alcuni istituti sono affollatissimi, in altri mancano dirigenti scolastici.”. “Informiamo le famiglie perchè non sanno cosa sta succedendo!”. “A livello di politica scolastica a livello nazionale sta sviluppando le strategie per quando torneremo al governo; una scuola autonoma, meritocratica, aperta”.”Stiamo incontrando gli enti locali per capire dove investire con risorse così limitate. La messa in sicurezza degli edifici e doposcuola sono priorità sulle quali vale la pena scommetere”.

Ore 11.03. Giuseppe Sozzi. “A livello nazionale siamo quelli che uniscono, quelli che puntano su rinnovabili e sostenibilità, siamo quelli del sociale, quelli che tengono in piedi il sistema scolastico! Sono cose che nel Lodigiano già ci rappresentano. Loro non l’hanno dimostrato.”

Ore 11.00 Giuseppe Sozzi. “Siamo quelli che uniscono il territorio, che l’hanno costruito negli anni della passata amministrazione provinciale (Consorzio, servizi, etc. ), loro in nome della discontinuità lo stanno disgregando! Puntiamo l’attenzione su questo disvalore.”

Ore 10.55 Giuseppe Sozzi (sindaco di Brembio). “Caratterizzarci come coloro che possono davvero portare novità, condivido in toto l’intervento di Guerini e di Ceretti; iniziamo con il razionalizzare il sistema dei comuni, azione difficile ma necessaria”

Durante l’introduzione ci prendiamo qualche minuto di pausa. Le foto di ieri sera sono quasi tutte online.

Ore 10.34. Prende la parola Mauro Soldati. Entriamo nella fase programmatica vera e propria. Breve presentazione dei forum e di come è stato fatto il lavoro. Verrano uplodati poi gli estratti dei documenti.

Ore 10.28 Lorenzo Guerini. “Il governo dice ai comuni: <Ti taglio i finanziamenti. Se vuoi aumentare i servizi, aumenti le tasse>.”. “E’ una delle criticità delle scelte fatte dal governo che premiano l’irresponsabilità e i tagli lineari mettono tutti sullo stesso piano; l’importante per Tremonti è avere i suoi conti a posto, e pazienza per i sindaci…. Dobbiamo esprimere su questo una forte iniziativa politica.”

Perchè no? Mandala a redazioneweb@pdlodigiano.it

Ore 10.25. Lorenzo Guerini. “Una puntualizzazione. Il decreto sul fisco regionale è stato fatto senza considerare i tagli del governo! Nelle prossime settimane toccherà riscriverlo da capo. La lega sbandiera solo slogan e Berlusconi ha altro a cui pensare…”

Ore 10.20. Lorenzo Guerini. “Non c’è un euro di trasferimento dal livello centrale al locale. Le spese dello stato restano inalterate! Il federalismo sarebbe un processo un po’ diverso.  Questo è un bel fallimento dei signori della Lega Nord che stanno al governo perchè si è persa un occasione di rivedere l’efficenza dello stato centrale.”. “Per rifinanziare il FUS hanno aumentato le accise sui carburanti. Sono tasse! Ma perchè non si sono riviste le spese interne per trovare questi soldi, senza calare un ulteriore mannaia sulla testa dei cittadini?”

Ore 10.17. Lorenzo Guerini. “Il modello europeo è diverso: lo stato è sostenuto dal gettito sulle persone fisiche, le regioni sulle tasse alle imprese e i comuni sull’immobiliare. In Italia è diverso. L’IMU prevede che le risorse provengano solo dalle imprese e piccole imprese. Questo alla lunga richiederà decreti che potrebbero andare ad aumentare veramente le tasse alle persone fisiche. Attenzione.”

Ore 10.09 Lorenzo Guerini. “Oggi iniziamo ad applicare la modifica al titolo 5 della Costituzione e come PD stiamo portando il nostro apporto positivo alle modifiche dei regolamenti finanziari delle regioni.”. “Le difficoltà principali sono nella distribuzione delle risorse a livello comunale. Qui c’è ancora da lavorare perchè le disparità nei trasferimenti dallo stato sono grandi e siamo lontani dal dare ai comuni autonomia vera.”

Ore 10.05. Lorenzo Guerini. Vincenzo Ceretti è l’uomo giusto per la città di Codogno, per realizzare il cambiamento e un amministratore capace di responsabilizzare ed affrontare i problemi con una visione unitaria. Rispondere ai problemi creando divaricazione è qualcosa che non ci appartiene e lasciamo ad altri.

Ore 10.03. Prende la parola Lorenzo Guerini, sindaco di Lodi.

Ore 9.56. Si inizia con un po’ di humor. Nel caso ve lo siete perso, ecco i nostri consiglieri regionali leghisti alle prese con il 150° dell">ecco i nostri consiglieri regionali leghisti alle prese con il 150° dell" />#8217;unità d’Italia.

Ore 9.53. Roberta Vallacchi (delegato assemblea nazionale) introduce i lavori.

Ore.9.48. Con un po’ di ritardo iniziano i lavori. Riprende il Liveblogging. Intanto date un’occhiata alle foto che stiamo uplodando.

Ore 9.13 La sala comincia a riempirsi.

Ore 9.00 Stiamo ancora caricando un po’ di materiali multimediali. Foto e video-interviste.

Pubblicato in Blog Dem, Eventi, Idee e politica | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

FIAT. Rispettare l’esito del referendum. Ma no agli strappi.

Il referendum? Non c’è altra strada da seguire che rispettarne il risultato. L’Italia è incapace di attirare gli investimenti dall’estero, ogni anno mancano all’appello 30 miliardi, questo vuol dire che non ci sono quei quindici Marchionne in giro per il mondo che vogliono impegnano il loro denaro nel nostro Paese. In Europa siamo al penultimo posto. Il progetto del colosso dell’auto prospetta importanti potenzialità anche se gli investimenti previsti restano incerti. L’accordo non riguarda solo i dipendenti di Mirafiori, ma tutta la galassia di imprese e lavoratori che ruota attorno alla Fiat. Gli accordi, o meglio, gli atti unilaterali imposti, devono essere valutati su due piani distinti: quello della riorganizzazione delle condizioni di lavoro e quello delle regole di rappresentanza. La riorganizzazione del lavoro avviene a fronte di prospettive di sviluppo e occupazionali, anche se non si definiscono le condizioni legate alla ricerca, da anni la Fiat non sforna modelli competitivi. Sul fronte delle regole di rappresentanza, ci sono strati degli strappi ingiustificabili, non si è parlato per esempio della presenza dei sindacati all’interno dei consigli di amministrazione, come avviene in Germana, una riflessione che non è stata affrontata. Ciò che colpisce è l’atteggiamento del Governo, che soffia sulle divisioni senza essere capace di adempiere al suo ruolo.

Mauro Soldati

Pubblicato in Economia e lavoro, Lodigiano, Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento