Archivi categoria: Giovani Democratici

Dopo il Referendum, lettera aperta dei GD del Lodigiano

Abbiamo accolto a braccia aperte la proposta referendaria. Ci abbiamo creduto fin da subito, consapevoli che avremmo dovuto studiare a fondo una materia così complessa e che solo facendo corretta informazione avremmo potuto vincere. Ci abbiamo provato e l’altra notte abbiamo assistito alla sconfitta di un progetto, in cui avevamo riposto le nostre speranze e i nostri sogni.

Fare campagna alla nostra età significa sottrarre tempo ad amici, famiglia e soprattutto studio. Ma la passione, la voglia di cambiare ci hanno spinto in questi mesi. Ne abbiamo parlato ovunque, sul treno, in università, al bar. Ogni momento diventava buono per convincere qualcuno ancora indeciso o instillare il dubbio a chi aveva già deciso di votare NO. Non ci siamo arresi, siamo andati a cercarci le situazioni scomode, quegli incontri sinistra contro sinistra che ci saremmo volentieri risparmiati. Per non parlare dei dibattiti infiniti sulle responsabilità dell’esecutivo, birre con gli amici che diventavano subito occasione di confronto su Provincie, CNEL e Art.70.

Ci resta la consapevolezza di aver creduto in un’idea, di esserci impegnati a fondo e di aver creato un momento di educazione civica senza precedenti. Ci abbiamo provato a cambiare le cose, perché ne sentiamo il bisogno e l’urgenza. Necessità che non si sono spente, ma che ci bruciano dentro e ci rendono la forza che siamo.

Abbiamo perso l’ultimo treno, in termini temporali, ma non ci scoraggiamo: arriveremo comunque a destinazione. La nostra voglia di fare politica non si fermerà certo a questo voto, ma continuerà e dovrà necessariamente continuare. A chi in queste ore ha messo in moto la macchina degli insulti verso dei ragazzi, colpevoli solo di aver sostenuto un’idea, rispondiamo che il nostro voto era un’idea di vita quotidiana ma anche di futuro, e non ci vergogneremo mai per quanto abbiamo detto o fatto in questi mesi.

Il sole a Lodi purtroppo non è sorto, ma sicuramente sorgerà; noi come sempre siamo pronti a rimetterci al lavoro per rendere l’Italia il posto che gli Italiani meritano, senza farci fermare da nessuno.

Grazie ancora per chi ha condiviso questa campagna referendaria con noi, e adesso al lavoro e alla lotta!

La Segreteria dei Giovani Democratici del Lodigiano

603248_574662785881078_479920098_n

 

Pubblicato in Blog Dem, Giovani Democratici, Idee e politica | Lascia un commento

Mauro Mocerino è il nuovo Segretario GD del Lodigiano

Si è tenuto ieri, presso il circolo Arci Ghezzi di Lodi, il Congresso provinciale dei Giovani Democratici.
Lorenzo Migliorini, segretario uscente, ha deciso di non ripresentare la propria candidatura per impegni universitari. E’ stato dunque eletto alla guida della giovanile il 21enne Mauro Mocerino.
Tra i suoi impegni, quello di lavorare su tutto il territorio del Lodigiano, ricostruendo i circoli territoriali per evitare che la voce dei giovani PD si senta solo sul capoluogo.
Vari temi, poi, sono stati citati nella sua relazione: l’immigrazione, con il contrasto alle semplificazioni che accompagnano la grande ondata di profughi di questi mesi, i diritti civili, la scuola e l’università.
Buon lavoro, Mauro!

Screenshot_2016-02-08-08-27-43

Screenshot_2016-02-08-08-27-49

Pubblicato in Blog Dem, Giovani Democratici, Idee e politica | Lascia un commento

Convegno sulla famiglia tradizionale, il PD non ci sta

Mattia Mozzicato, responsabile Diritti e Pari Opportunità del PD Lodigiano, ha voluto esprimere con forza – attraverso una lettera aperta al Cittadino – la posizione della Segreteria Provinciale riguardo al convegno Difendere la famiglia per difendere la comunità tenutosi il 17 gennaio all’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia con l’intervento del governatore Roberto Maroni.

“In primo luogo” scrive Mozzicato “ci teniamo a dire che per il Partito Democratico difendere la famiglia non vuol dire trattare alla stregua di malati mentali o pericolosi sovversivi per gli equilibri naturali cittadine e cittadini che, secondo la stessa Costituzione Italiana, hanno tutto il diritto di vedersi riconosciuta pari dignità sociale; il PD semmai si pone come obbiettivo l’esatto opposto, ovvero attuare l’art. 3 della Costituzione rimuovendo gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana. Difendere la famiglia e la comunità, per noi, vuol dire anzitutto guardare alla realtà delle famiglie italiane senza paraocchi, considerandone l’evoluzione spontanea nel tempo, i bisogni e le difficoltà concrete, impiegando le proprie energie e possibilità per capire le diversità e valorizzarle come preziose, impegnandosi in riforme che migliorino i servizi; difendere la famiglia vuol dire anche, ad esempio, migliorare la sanità: per questo preferiremmo che Regione Lombardia si concentrasse più sui malati veri che su malati da alcuni immaginati, portando avanti una Riforma della Sanità seria ed efficace. Vorremmo poi osservare con dispiacere, come già ha fatto il Segretario Regionale PD Alessandro Alfieri, che la Lega Nord e la Regione a guida Maroni confondono ancora una volta l’attività di partito con l’attività istituzionale: non si può, nel modo più assoluto, usare il logo di Expo per una manifestazione di parte, per nulla calzante con gli argomenti che Expo 2015 si prefigge di approfondire e per giunta carente della valorizzazione delle diversità e dell’apertura culturale su cui questa manifestazione mondiale si fonda: non si può “nutrire il Pianeta” con manifestazioni di questo tenore. In conclusione, vorremmo rilanciare l’appello (inascoltato) che a più voci il Ministro Martina, Il Sindaco di Milano Pisapia, il Commissario per Expo Sala e il Segretario Generale del Bureau International des Expositions Loscertales avevano fatto al Presidente Maroni prima del 17 Gennaio: non esponga (più) Expo e la Regione a brutte figure in sede internazionale, eviti di isolare la Lombardia e (aggiungiamo noi) di usare strumentalmente un’occasione planetaria di confronto culturale per portare avanti una visione discriminatoria e di parte”.

Alla manifestazione di sabato pomeriggio per protestare contro il Convegno erano presenti, a fianco di tantissimi cittadini e delle associazioni LGBT, anche i Giovani Democratici del Lodigiano.

10246406_913164398695234_4538579918799877258_n

Pubblicato in Blog Dem, Giovani Democratici, Idee e politica, Pari opportunità | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento