PTP, Santantonio risponde alle polemiche di Foroni

santantonioFa piacere che il consigliere regionale Pietro Foroni si preoccupi del futuro del Parco Tecnologico Padano: è un atteggiamento che segna una svolta radicale rispetto al disinteresse e la sottovalutazione con cui guardava a questa eccellenza lodigiana quando era presidente della Provincia, probabilmente perché non la sentiva come una cosa propria, essendo stata voluta, progettata e realizzata da amministrazioni locali guidate dal centrosinistra.
E’ difficile comprendere e giudicare ciò che non si conosce e a lungo i rappresentanti del centrodestra lodigiano hanno evitato di provare a prendere contatto con questa realtà; quando non hanno più potuto farne a meno, perché nel frattempo avevano assunto la guida della Provincia, non hanno nascosto perplessità e hanno spesso tentennato di fronte agli impegni da rispettare per proseguire lo sviluppo del progetto.
Ciò che Foroni dovrebbe invece conoscere bene, in tema di ricerca e di dopo Expo, sono il ruolo dell’IIt di Genova e i contenuti del progetto “Italia 2040”: il primo perché è nato per volontà del centrodestra, con un decreto del 2003 del Governo Berlusconi, e sarebbe curioso che un autorevole esponente di questa area politica non ne sia al corrente o disconosca questa scelta che all’epoca era stata presentata come strategica e fondamentale per il Paese; i secondi perché se si vuole giudicare la proposta del Governo Renzi bisogna ovviamente sapere di cosa si tratta, prima di giungere alla conclusione che andrà a scapito del Ptp. L’impressione, tuttavia, è che Foroni sia all’oscuro di entrambe queste cose. Io nel 2003 non ero al Governo, né facevo parte di un partito che era al Governo; ero invece presente, pochi giorni fa, alla presentazione di “Italia 2040” da parte del premier Renzi e ho letto il dossier sul progetto, capendo bene (perché è chiaramente descritto) che non si tratta di un centro di ricerca sull’agroalimentare e che svilupperà la sua attività in direzioni molto più ampie. Non sarà quindi un “doppione” del Ptp e non esautorerà la struttura lodigiana dal ruolo specifico che le è riconosciuto a livello nazionale; al contrario, da “Italia 2040” il Ptp potrà trarre importanti opportunità di sinergie che ne sosterranno il consolidamento e la crescita. Per averne conferma,e conforto ai suoi dubbi, Foroni non dovrà attendere molto: il 28 novembre, quando verrà celebrato il decennale del Ptp, sarà il Ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, a spiegarlo, e siamo certi che tutti potranno capire. Anche quelli che magari non vogliono.
Fabrizio Santantonio
Segretario Provinciale PD Lodigiano

dsc_0292

Articolo scritto in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Idee e politica.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>