Parole senza senso!

In una delle ormai consuete uscite di Berlusconi, che hanno il solo scopo di distrarre l’opinione pubblica dai problemi del Paese e dai suoi guai giudiziari, ecco riemergere la demolizione della scuola pubblica.

Seppur parole e argomenti sono gli stessi degli ultimi 16 anni, la posta è troppo grande per far finta di nulla.

Da Berlusconi arriva uno schiaffo inaccettabile. Con richiami di sapore antico, il premier se la prende con comunisti e gay, insultando ancora una volta l’intelligenza e la coscienza civile del Paese, e all’elenco stavolta aggiunge gli insegnanti della scuola pubblica. Uno schiaffo inaccettabile a chi lavora con dedizione in condizioni rese sempre più difficili dal Governo. Dire che i professori sono ideologizzati e non insegnano ciò che dovrebbero, che “inculcano principi diversi da quelli delle famiglie”, è un’offesa clamorosa. Alla scuola pubblica, dai primi gradi fino alle superiori passando poi all’Università, il governo Berlusconi ha presentato il conto più salato in termini di risorse mancate, dignità negata agli insegnati, impoverimento dei percorsi formativi. Lo sanno le famiglie e gli studenti che ogni giorno misurano l’abbandono in cui versa uno dei settori strategici per il futuro del Paese e che resiste al collasso solo grazie alla passione e al lavoro quotidiano dei tantissimi docenti che non si rassegano alla violenza con cui sono trattati e considerati. E’ inoltre e addirittura patetico l’atteggiamento della Gelmini, che difende Berlusconi invece che la scuola pubblica. Dovrebbe dimettersi subito, se solo avesse il minimo rispetto del proprio ruolo e la minima coscienza di ciò che vuol dire essere Ministro della Pubblica Istruzione.

Liberta d’insegnamento? La Costituzione è quotidianamente irrisa e considerata un intralcio, sacrificata sull’altare del destino personale del Presidente del Consiglio e del suo Governo. Berlusconi conosce solo il significato della parola arbitrio, come dimostra la sua costante insofferenza per la legge che cerca sempre di aggirare o di piegare per tutelare i suoi interessi.

Maria Grazia De Carolis
Resp. Scuola PD Provincia di Lodi

Articolo scritto in Blog Dem, Cultura e sport, Scuola e con i tag , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>