Archivi del mese: aprile 2019

Il PD Lecco aderisce al presidio di Calolziocorte

Il Partito Democratico della provincia di Lecco aderisce al “Presidio di protesta silenzioso” organizzato dal gruppo consiliare “Cittadini uniti per Calolziocorte” domani, sabato 13 apriledalle 10 alle 12 in piazza Vittorio Veneto a Calolziocorte.
“Il provvedimento adottato dal consiglio comunale di Calolziocorte con cui si istituiscono delle ‘zone rosse’ vietate ai migranti è assolutamente pericoloso e anticostituzionale” commenta Marinella Maldini, segretaria provinciale del PD lecchese. “Come PD Lecco siamo fermamente contrari a questo atto discriminatorio e per questo motivo domani saremo in piazza a Calolziocorte, senza simboli o bandiere, insieme a tante associazioni del territorio per riaffermare l’idea di una società diversa da quella che hanno in mente i leghisti, fondata sull’inclusione e sul rispetto delle persone in quanto tali e non sull’odio e sulla discriminazione”.
Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Fragomeli (PD): « sì ad un risarcimento sociale per le donne vittime di abusi»

«Con l’approvazione odierna di questo mio ordine del giorno, finalmente anche le donne che hanno subito violenza saranno ora considerate come persone aventi diritto a un risarcimento sociale per il terribile danno subito, senza più essere costretti ad aspettare di doverne piangere la scomparsa».

 

Gian Mario Fragomeli, deputato PD della Brianza, spiega nel dettaglio il contenuto del testo che ha appena ricevuto il consenso dell’Aula di Montecitorio: «questo atto impegna il Governo ad attribuire alle donne vittime di soprusi e maltrattamenti fisici o sessuali una quota di riserva sul numero di dipendenti dei datori di lavoro pubblici e privati, così come già avviene per gli orfani di femminicidio, per i figli dei morti sul lavoro, o per quelli delle vittime della criminalità organizzata e del terrorismo. L’ordine del giorno – sottoscritto anche dai colleghi Ubaldo Pagano e Fausto Raciti – prevede l’estensione dell’articolo 18 della legge 12 marzo 1999, n. 68, introducendo inoltre la proroga degli sgravi contributivi e l’estensione a tutte le categorie di datori di lavoro. In sostanza – sottolinea Fragomeli – si favorisce sia l’inserimento lavorativo, sia un nuova forma di consapevolezza sociale per cui le donne vittime di violenza riceveranno una sorta di “risarcimento in vita”, e non solo un aiuto a posteriori ai parenti in caso, ahimé, di decesso per femminicidio».

 

«Questo risultato – aggiunge poi il deputato lecchese – è frutto del lavoro condiviso con due fondamentali organizzazioni del territorio che si occupano di tutela dei diritti delle donne vittime di abusi e del loro reinserimento nel mondo del lavoro: sto parlando dell’associazione “L’altra metà del cielo – Telefono donna Merate” e del “Fondo Carla Zanetti”. Un ringraziamento particolare va poi a Marino Bottà, già responsabile del Collocamento Disabili di Lecco, per il prezioso contributo dato alla scrittura dell’atto normativo».

 

«Da domani lavorerò perchè l’impegno del Governo di oggi si trasformi in legge nel prossimo provvedimento utile in materia» conclude Fragomeli.

 

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento