Archivi del mese: maggio 2017

Fragomeli: Legge elettorale: la mia proposta

Carissime, carissimi,

sicuramente è una diretta conseguenza del risultato delle recenti elezioni francesi – alle ore 20 del 7 maggio 2017, a pochi minuti dalla chiusura dei seggi, già conoscevamo con sicurezza il nome del nuovo presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron – e, probabilmente, l’attenzione andrà scemando nel giro di alcuni giorni, tuttavia non posso, e non voglio, nascondere una certa personale soddisfazione nell’apprendere, da diversi organi di informazione, come la mia proposta di legge elettorale sia oggi tra le più “gettonate” e discusse.

Finalmente, dopo essere stato piuttosto frainteso per alcune settimane (“ma come, dopo il referendum del 4 dicembre riproponi ancora il secondo turno elettorale, alias il ballottaggio?!”) – è stata avviata una discussione nel merito della quale vorrei, con voi, condividere i punti principali.

In primo luogo, viene ad essere superata un’interpretazione non corretta della sentenza della Corte Costituzionale secondo la quale il secondo turno era stato dichiarato illegittimo (a prescindere). Diversamente, la Corte aveva richiesto dei correttivi a fronte della permanenza di un sistema bicamerale e di possibili, eccessive, distorsioni del principio di rappresentanza. In secondo luogo – e, in particolare, di fondamentale importanza per chi, come me, ha votato con convinzione la legge Italicum – ne abbiamo rimesso al centro il valore e il suo obiettivo primario: consegnare finalmente agli italiani la scelta del Governo.

Noi parlamentari della 17esima legislatura, infatti, abbiamo vissuto sulla nostra pelle cosa significhi, da una parte, non vincere le elezioni e governare l’Italia con una “grossa coalizione” e, dall’altra, non essere pienamente compresi, nelle nostre scelte, da gran parte degli italiani.

In ultimo, vorrei sottolineare quanto la mia proposta affidi alla volontà degli elettori due possibilità: votare, al primo turno, la forza politica in cui ci si riconosce (principio di rappresentanza) e indirizzare prioritariamente il proprio voto, in occasione del secondo turno, allo scopo di permettere la formazione di un Governo del Paese, evitando così possibili stalli politico-istituzionale e le relative, nefaste, conseguenze sulla vita dei cittadini e delle imprese italiane.

Per chi volesse quindi approfondire l’argomento, ecco il testo completo della mia proposta di legge elettorale 

Un caro saluto

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento