Archivi del mese: giugno 2011

Fioroni a Lecco

Venerdì 1 luglio alle ore 17,00 si terrà presso la sede del Partito Democratico di Lecco in via Parini 35 una conferenza stampa sul tema  “Dove va la scuola italiana”. Saranno presenti l’on. Giuseppe Fioroni , già Ministro dell’Istruzione e i dirigenti del PD provinciale  (in allegato il programma della conferenza.

visualizza il programma

Pubblicato in Scuola | Lascia un commento

Conferenza nazionale Donne Democratiche

Esperienza molto formativa aver partecipato, con la delegata nazionale Dina Vergottini e la deputata Lucia Codurelli, a Roma  alla seconda Conferenza Nazionale delle Donne Democratiche tenutasi oggi a Roma.

Delegate da tutta Italia  hanno portato le  testimonianze del lavoro svolto dalle conferenze regionali e provinciali sui temi fondamentali  quali l’incremento  dell’occupazione  femminile come risorsa per uscire dalla crisi, la tutela della maternità per permettere di conciliare lavoro e famiglia, la determinante presenza delle donne nel partito , nelle  istituzioni ,nei C.d.A per far “cambiare il vento”.

Rosy Bindi ha introdotto i lavori sottolineando l’importanza della rappresentanza politica e il grande successo elettorale e dei referendum ottenuto grazie all’impegno delle donne di partito e dei movimenti che hanno realmente destato e unito l’Italia. La relazione della coordinatrice nazionale Roberta Agostani si è incentrata su tre parole: CONENUTI – PROPOSTE – REGOLE NUOVE che si collegano strettamente a le parole guida della conferenza del lavoro svoltasi a Genova la scorsa settimana LAVORO – PERSONE – DEMOCRAZIA. Investire su leggi che danno valore alla maternità e al lavoro della donna permetterebbe l’ingresso nel mercato del lavoro di 3 milioni di donne che rappresenterebbe secondo Fassina una ” Rivoluzione Gentile”. Per fare questo bisogna prevedere anche un Bilancio di Genere , come già attuato a livello Europeo, con la distribuzione di risorse adeguate e una discussione pubblica sulla riforma della legge elettorale con l’introduzione della doppia preferenza. Sono state avanzate quattro proposte concrete,su cui si presenteranno proposte di legge: ·        Cancellare le norme che  permettono  le dimissioni in bianco. ·        Maternità come diritto universale riconoscendo il valore sociale della stessa e corrispondendo a tutte le donne indipendentemente dalla condizione lavorativa l’assegno di maternità per cinque mesi con l’aumento dell’indennità dall’ 80% al 100% della retribuzione. ·        Congedo di paternità obbligatorio per favorire la CONDIVISIONE ·        Piano straordinario degli asili nido Queste scelte richiedono risorse ma innescano anche percorsi virtuosi che generano altra occupazione.
Queste sono le scelte politiche prioritarie per attuare una vera conciliazione tra vita e lavoro e per una società radicalmente innovata nella concezione della persona e del lavoro, non certo il misero contributo che, distribuito alla singola donna dalla Regione Lombardia, non risolve i problemi strutturali di un Paese in cui gli ostacoli all’occupazione femminile  sono troppe volte insuperabili. Gabriella Zaina Coordinatrice provinciale Donne PD

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento

Consorzio dell’Adda:anche il centro destra si è svegliato


In merito al documento presentato dal Centrodestra in Provincia sulla questione Consorzio dell’Adda desidero esprimere la mia piacevole sorpresa per il fatto che, finalmente, anche il Centrodestra si è svegliato ed ha battuto un colpo. Peccato che l’impostazione che hanno dato al problema è alquanto miope e riduttiva: non si tratta (solamente) di chiedere posti in un Consiglio di amministrazione o di avere qualche spicciolo in più, si tratta di governare e sfruttare una risorsa preziosa che ci appartiene e che è sottovalutata.

Il lago oggi è trattato come un catino regolato a monte da chi con l’acqua produce energia e a valle da chi con l’acqua produce in agricoltura e allevamento. Noi, Lecco, Como e Sondrio, che siamo i “proprietari” del catino, subiamo questi condizionamenti senza poter intervenire e senza averne alcun profitto significativo.

Il lago invece è una risorsa per la navigazione, per il turismo, per la pesca ed anche come fonte di energia pulita. Dobbiamo mettere insieme le tre province interessate e la regione per alaborare un progetto che ci faccia diventare protagonisti nel governo di questa risorsa.

Il PD e i suoi rappresentanti nelle Istituzioni stanno spingendo da anni in questa direzione senza essere ascoltati. L’ultima azione risale solamente al 24 maggio scorso: una conferenza stampa tenuta su questi temi presso la sede lecchese della Regione Lombardia. (comunicato stampa allegato)

Mi auguro che il Centrodestra in provincia riesca ad aprire un varco entro cui insinuare, successivamente, una proposta vera e un po’ più consistente. Non ho molta fiducia che ci riescano nonostante abbiano sempre presentato come un vantaggio il fatto di essere politicamente omologhi alle maggioranze sia in Regione che al Governo: i progetti di legge presentate dai loro Parlamentari sull’argomento sono inesorabilmente fermi.

Ercole Redaelli

Segretario provinciale PD

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Conferenza Nazionale per il Lavoro

Si è svolta a Genova venerdì e sabato scorsi la Conferenza Nazionale per il Lavoro alla quale hanno partecipato – come delegati della Federazione del PD Provinciale – Anna Mazzoleni e Jacopo Ghislanzoni.

La Federazione si è preparata alla Conferenza attraverso la lettura e l’analisi del Documento preparatorio.

Seguono ora i commenti di Mazzoleni e Ghislanzoni. In allegato trovate la riflessione di Ercole Redaelli, Segretario Provinciale del PD in merito al tema lavoro con particolare attenzione alla situazione lecchese.Seicento delegati e numerosi inviti per celebrare ordinatamente e con corale partecipazione un principio, scritto grande sui muri della sala: “IL LAVORO PRIMA DI TUTTO”. Il Partito indica la sua via allo sviluppo, al risanamento dell’economia, alla coesione sociale attraverso il lavoro, declinandolo pazientemente e minuziosamente nei più diversi ambiti: abbiamo assistito agli interventi di operai di grandi fabbriche ma anche, e spesso vengono dimenticati, addetti delle microattività, del settore delle attività professionali, dell’ambiente bancario, giovani, donne, dal profondo nord, dalla Sicilia… Si raccoglie una sfida e si tracciano vie d’uscita: l’introduzione di misure contro il precariato con il rilancio del contratto di apprendistato per un primo accesso al lavoro, con il rendere più vantaggioso il lavoro a tempo indeterminato, l’introduzione di un salario minimo per legge che sani gli abusi degli stages e dei contratti a progetto, il sostegno di diritti fondamentali comuni per tutte le forme di lavoro riguardo malattia, infortuni, riposo, maternità e ammortizzatori sociali e poi politiche economiche attive per favorire l’imprenditoria sana magari nei settori che non si potranno mai delocalizzare, come le energie rinnovabili o l’ambiente. Un piano d’attacco fatto di una serie ragionata e complessa di proposte che fanno del PD un partito pronto per governare, e per governare a favore di un solido sviluppo condiviso da tutte le classi sociali. Chiude poi la Conferenza un Bersani in maniche di camicia, che fa ordine su quanto appare sui giornali, si pone come alternativa e non come alleato della Lega e fa sue tutte queste proposte senza realisticamente negare le difficoltà, ma anche definendo priorità e doveri dei soggetti economici che non possono pensare di beneficiare in eterno di questa situazione non sostenibile per i lavoratori in particolari per giovani e donne. Orgogliosa di aver partecipato lì dove il Partito ha messo come obiettivo primario il lavoro, definendo nel logo dell’evento tre parole chiave: PERSONE, LAVORO, DEMOCRAZIA.

Leggi il documento del Segretario Ercole Redaelli

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Leuci:le difficoltà vanno affrontate nelle sedi preposte

In più occasioni dalla stampa locale in questo periodo abbiamo letto di dubbi e perplessità che continuano ad esserci sul progetto di fattibilità sottoscritto in Provincia da parte di tutti gli attori del territorio,  compreso Regione e Ministero.

Nella sede Provinciale, al momento della firma del protocollo, entrambi abbiamo sottolineato che da quel momento iniziava la vera sfida e tutti gli attori presenti, a partire dalla Regione, Provincia e Comune di Lecco, Associazioni imprenditoriali e sociali, ognuno per la sua parte, doveva onorare l’impegno preso. Una sfida, certo, che vale la pena giocarsi, per l’intero territorio.

Allora a fronte di tale impegno se nascono perplessità o dubbi, devono essere portati nella sede deputata, la sede Istituzionale. Pertanto la Provincia deve farsi garante del progetto sottoscritto e verificare. Fugare ugni dubbio in merito. Questa è di fatto un occasione da non spreacare, che determinerà anche la capacità o meno di parlare di ricerca e innovazione.

Pubblicato in Economia e lavoro, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

REFERENDUM: QUORUM AMPIAMENTE RAGGIUNTO

E’ la seconda sonora sberla che il centrodestra riceve nel giro 15 giorni dagli italiani. Appare sempre più evidente lo scollamento tra i partiti del centrodestra, Lega e PdL, e i cittadini che sanno bene che cosa significhi veramente essere padroni a casa propria. Adesso, dopo aver contribuito convintamente ad impedire la svendita ai privati delle nostre società pubbliche per i servizi idrici e di trattamento dei rifiuti, il Pd farà in modo che i Comuni possano scegliere liberamente e responsabilmente come gestirle. Vogliamo che le decisioni che incidono direttamente sulla qualità della vita e che mettono le mani nelle tasche dei cittadini siano prese rispettando le loro esigenze, in totale trasparenza e con la massima partecipazione possibile. Questo è il nostro modo di fare politica.

Ercole Redaelli

visualizza i risultati della provincia di Lecco

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Assemblea Confartigianato

“Dall’ assemblea di Confartigianato un messaggio di speranza per
il Paese Italia”
Il sen. Antonio Rusconi ha partecipato questa mattina 14 giugno all’ assemblea
nazionale di Confartigianato svoltasi al parco della Musica a Roma.
Nella sua interessante relazione il Presidente Giorgio Guerrini ha chiesto la buona
politica con parlamentari attenti ai problemi del territorio, eletti e non nominati, per
cui è necessaria una riforma elettorale.
Numerose le critiche al Governo, secondo Guerrini “l’impresa non è alleggerita nei
fattori di contesto, burocrazia, credito, fisco…..ma ancora di più non percepisce
attorno a se la considerazione del ruolo che sente invece di avere in quanto leva
concreta per lo sviluppo del Paese. Sente invece la fragilità del terreno su cui si
muove , data da un sistema Paese in cui debito pubblico e spesa pubblica crescono
insieme all’età della popolazione e alla domanda di assistenza e previdenza,
generando rigidità di bilancio e insufficienza delle politiche di sviluppo”.
Rusconi evidenzia: “sbaglieremmo se non sentissimo queste parole rivolte anche a
noi come PD in particolare per il territorio di Lecco per dare più valore e spazio a
queste aziende nei Comuni che amministriamo. Guerrini ci ha dato oggi in un
momento dove perdura la crisi economica un segnale di speranza. Ha annunciato con
orgoglio che il Paese reale è quello in cui ancora oggi ogni giorno nascono 428
imprese artigiane. Aziende dietro le quali ci sono persone normali che insieme alle
proprie famiglie, scommettono su un’idea di impresa, su un progetto di vita. Il Paese
reale è quello tra il 2009 e il 2010 che ha visto aumentare di 32160 imprenditori sotto
i 40 anni il numero dei giovani artigiani .
Un segnale di speranza che merita dal più piccolo Comune al Governo risposte
concrete.

“Dall’ assemblea di Confartigianato un messaggio di speranza peril Paese Italia”Il sen. Antonio Rusconi ha partecipato questa mattina 14 giugno all’ assembleanazionale di Confartigianato svoltasi al parco della Musica a Roma.Nella sua interessante relazione il Presidente Giorgio Guerrini ha chiesto la buonapolitica con parlamentari attenti ai problemi del territorio, eletti e non nominati, percui è necessaria una riforma elettorale.Numerose le critiche al Governo, secondo Guerrini “l’impresa non è alleggerita neifattori di contesto, burocrazia, credito, fisco…..ma ancora di più non percepisceattorno a se la considerazione del ruolo che sente invece di avere in quanto levaconcreta per lo sviluppo del Paese. Sente invece la fragilità del terreno su cui simuove , data da un sistema Paese in cui debito pubblico e spesa pubblica cresconoinsieme all’età della popolazione e alla domanda di assistenza e previdenza,generando rigidità di bilancio e insufficienza delle politiche di sviluppo”.Rusconi evidenzia: “sbaglieremmo se non sentissimo queste parole rivolte anche anoi come PD in particolare per il territorio di Lecco per dare più valore e spazio aqueste aziende nei Comuni che amministriamo. Guerrini ci ha dato oggi in unmomento dove perdura la crisi economica un segnale di speranza. Ha annunciato conorgoglio che il Paese reale è quello in cui ancora oggi ogni giorno nascono 428imprese artigiane. Aziende dietro le quali ci sono persone normali che insieme alleproprie famiglie, scommettono su un’idea di impresa, su un progetto di vita. Il Paesereale è quello tra il 2009 e il 2010 che ha visto aumentare di 32160 imprenditori sottoi 40 anni il numero dei giovani artigiani .Un segnale di speranza che merita dal più piccolo Comune al Governo risposteconcrete.

Pubblicato in Economia e lavoro | Lascia un commento

Il Sistema Ferroviario Brianteo

Si è svolto giovedì 9 giugno 2011 presso il Municipio di Lecco un incontro tra il Gruppo Consiliare PD di Regione Lombardia e i Consiglieri Provinciali del PD riguardante il Sistema Ferroviario Brianteo. Dal tavolo di lavoro è emersa una posizione condivisa e sostenuta dal Partito Democratico Lecchese.

E’ necessario, per un adeguato servizio ai Cittadini e per un più armonico sviluppo del nostro territorio, che Regione, Provincia e Comuni si adoperino per la riqualificazione delle linee ferroviarie Lecco-Molteno-Monza e Lecco-Como, nella considerazione che la Brianza lecchese, comasca e monzese è carente di infrastrutture, è ricca di attività economiche, è densamente abitata, ha un ambiente naturale ancora di pregio che merita di essere preservato, è dotata di tracciati ferroviari trascurati e che possono essere valorizzati con investimenti relativamente modesti.

La necessità della riqualificazione delle linee citate, insieme alla Milano-Asso delle FNM, è già prevista dal PRS per il 2011 approvato dalla Regione Lombardia nel settembre 2010.

La riqualificazione della Lecco-Como garantirebbe anche il collegamento dell’area lecchese e della vicina area bergamasca direttamente all’Europa attraverso il nodo di Como e il Gottardo.

Il Sindaco di Lecco ha avuto mandato di predisporre una comunicazione in tal senso da trasmettere all’Amministrazione provinciale con la firma di tutti i Sindaci interessati.

Ercole Redaelli

Segretario Provinciale PD

Pubblicato in Territorio | Taggato , , | Lascia un commento