Un impegno concreto per le ville e i parchi della Brianza

Per la valorizzazione del Parco e della Villa Reale di Monza erano stati promessi due anni fa da Maroni 70 milioni di euro: 7 milioni l’anno per 10 anni.

Ma l’accordo di programma non era stato poi sottoscritto, lo sarà forse  entro la fine dell’anno. Intanto la cifra si è ridotta a 55 milioni di euro e il governatore riuscirà ad erogarne solo 9 milioni prima della fine del suo mandato. Una parte importante della somma sarà usata per ripristinare le aree del parco adibite ai concerti, per il resto non si sa. Tra l’altro non si sa se nell’impegno è ricompresa anche la ristrutturazione dell’edificio Borsa, già sede della scuola d’arte, che da anni attende un intervento di recupero.

Temiamo che si tratti dell’ennesima occasione persa per rilanciare il complesso della Villa, del parco e dell’Autodromo.

Come, d’altra parte, è ormai indispensabile avviare ragionamenti sul completo recupero e su modelli di gestione culturale per le ville di delizia della Brianza.

Ristrutturare questi immensi patrimoni di storia e di cultura, per gran parte di proprietà pubblica, individuarne le nuove funzioni e mantenerli nel tempo sono azioni irrinunciabili a cui la Regione non si può sottrarre.

La presenza e il coordinamento regionali per questi beni sono fondamentali.

Anzi, una regia della Regione è un passaggio auspicabile che deve essere compiuto quanto prima.

la-Villa-Reale2

Articolo scritto in Blog Dem, Cultura e sport.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>