Archivi del mese: ottobre 2016

Stufe a legna e caminetti tra i principali indiziati di inquinamento

Arpa Lombardia ha stimato che le emissioni di Pm10 di un singolo falò di stoppie sono circa 8 volte superiori a quelle che un comune di mille abitanti emetterebbe in un anno per riscaldare tutte le abitazioni a gas metano. È uno dei dati più eclatanti che emergono dagli studi legati all’aggiornamento dello stato di attuazione del Piano regionale degli interventi per la qualità dell’aria, il Pria, secondo monitoraggio relativo all’anno 2015, approvato dalla giunta regionale e da me presentato in VI Commissione Ambiente. Le principali evidenze che emergono sono che non si rilevano miglioramenti significativi nello stato di qualità dell’aria nell’ultimo triennio. Anzi, nel 2015, si è registrato un episodio prolungato di superamento del limite giornaliero di Pm10 durato 36 giorni consecutivi, dovuto a condizioni meteo particolari. Giova ricordare che i diesel determinano il 57% delle emissioni relative agli ossidi di azoto, mentre la combustione da legna determina il 35% delle emissioni di monossido di carbonio e il 45% di Pm10.

Gli studi e le analisi promossi da Regione Lombardia supportano l’evidenza scientifica del rilevante contributo della combustione domestica di biomassa legnosa e delle combustioni incontrollate all’aperto, come le bruciature di residui vegetali e i falò rituali, alle emissioni di Pm10 e benzo(a)pirene, due sostanze altamente cancerogene. In particolare, questo è emerso da uno studio in collaborazione con il Dipartimento di ingegneria civile e ambientale del Politecnico di Milano per stimare il contributo emissivo degli impianti per il riscaldamento domestico a biomassa legnosa mettendo a confronto due tipi di alimentazione, a pellet e a legna.

Le analisi svolte dalla Direzione generale Ambiente e Arpa ci dicono che le emissioni del cancerogeno benzo(a)pirene sono da attribuire per l’80% alla combustione da biomassa legnosa. E che i maggiori contributi derivano da stufe a legna tradizionali (32%), camini chiusi (23%), caminetti aperti (19%), piccole caldaie industriali (8%), combustione all’aperto di residui agricoli (5%). Se si considera che il 14% delle famiglie lombarde utilizza la legna per riscaldarsi e che il dato aumenta nelle zone montane, il calcolo è presto fatto.

Intanto, perdura la non conformità ai limiti fissati per i principali inquinanti che ha portato a due procedimenti di infrazione della Comunità europea a carico di Regione Lombardia, ancora aperti. Ho suggerito, perciò, di promuovere un’iniziativa per sensibilizzare i cittadini sul rilevante contributo di emissioni inquinanti dalle varie combustioni. Ma sono stata pesantemente attaccata dalla Lega che ha contestato ogni passo di uno studio commissionato da un assessore della Lega. Siamo alle solite.

canstock5209412

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Bande e cori musicali meritano sostegno e valorizzazione

Più sostegno alle bande musicali e ai cori lombardi e maggiore diffusione della cultura musicale: è il cuore dell’ordine del giorno presentato dal Gruppo regionale del Pd e approvato all’unanimità in Consiglio regionale, nell’ambito della discussione sul riordino della cultura.

I corpi musicali e i cori, oltre ad essere occasione di socializzazione e di aggregazione, sono un vero e proprio presidio culturale ed esprimono l’identità del patrimonio culturale della comunità , delle specificità dei luoghi e della popolazione locale. Non c’è infatti evento, celebrazione, anniversario nella vita di ogni Comune che non sia accompagnato da bande o da cori che segnano la storia della nostra Regione.

Grazie alla nostra richiesta, la Giunta ora dovrà valorizzarli e sostenerli maggiormente, riconoscendo ad essi l’espressione dell’identità del territorio. Dovranno inoltre essere sviluppati specifici progetti di iniziativa regionale, come la diffusione dell’educazione musicale fra i  giovani, contribuendo con finanziamenti regionali al sostegno di queste
realtà. Sono 382 le formazioni corali e circa 400 quelle bandistiche, a livello regionale, un record nel panorama italiano. Quindi, un vero patrimonio di persone che si dedicano con passione alla musica.

sticker-decorativo-la-banda-musicale-5049

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento