Archivi del mese: luglio 2013

Edilizia scolastica: dalla Regione risorse insufficienti

Tra i numerosi “no” di Pdl e Lega, in occasione dell’assestamento al bilancio, dobbiamo annoverare anche quello relativo al miglioramento dell’edilizia scolastica lombarda.

Il problema è molto serio e l’aspetto più importante è quello legato alla sicurezza delle strutture. Il patrimonio immobiliare scolastico è stato costruito per il 44% tra il 1961 e il 1980, ovvero in anni in cui le conoscenze e le sensibilità costruttive, soprattutto rispetto ai criteri antisismici e di efficienza energetica erano molto diversi da quelli attuali.

La situazione degli edifici scolastici nella nostra regione si diversifica molto a seconda dei territori, ma il 50% delle scuole non è a norma e, di queste, il 28% necessita di interventi urgenti di messa in sicurezza ( sono ancora molti, ad esempio, gli edifici scolastici che presentano amianto).

Con il nostro ordine del giorno chiedevamo alla Giunta di porre la questione come priorità nell’agenda politica, di intervenire con risorse significative, finanziando il capitolo inerente all’edilizia scolastica con almeno 13 milioni di euro e di rendere finalmente operativo nel corso del 2013 il Fondo per l’edilizia scolastica, istituito presso Finlombarda spa da un’apposita legge e mai attivato.

La risposta è stata negativa su tutti i fronti.

Peccato. La qualità degli edifici scolastici costituisce un indicatore importante dell’interesse istituzionale, in questo caso, della Regione, per l’istruzione e la cultura di un territorio.

download

Pubblicato in Blog Dem, Scuola | Lascia un commento

Lavoro, feste e bandierine

A Limbiate, con le lavoratrici dell’Interfila in lotta contro la chiusura e la prevista delocalizzazione della loro ditta di cosmetici.

Tra qualche mese la produzione si trasferirà in Cina, 86 lavoratrici andranno in mobilità e alle rimanenti 60 sarà offerto un lavoro demansionato e lontano da casa.

Il circolo locale del PD ha prestato la struttura, così la Festa democratica è diventata quest’anno la Festa della Speranza , completamente gestita dai lavoratori dell’Interfila.

Ti raccontano le vicende della fabbrica, le storie personali, quelle della loro famiglia. Storie di ordinario coraggio. Gente determinata nella difesa del proprio posto di lavoro.

“Siamo qui ogni sera – dicono – a testimoniare con il nostro orgoglio, la nostra voglia di lavorare e il nostro diritto a farlo. Non ci spaventa il futuro: ci spaventa il futuro senza lavoro, ci spaventano gli imprenditori che lasciano il nostro Paese, non per la crisi, ma per aumentare i loro profitti.”

Come Interfila, sono centinaia le ditte in difficoltà in Lombardia che interpellano la politica. Ma non esiste argomento su cui certa  politica sia più a corto di parole e di proposte.

Mi viene subito in mente il tema della settimana, posto dalla Lega, in Regione: avviare la discussione e costituire una commissione per decidere la bandiera e la festa della Lombardia. Come se fossero le priorità del momento!

Non oso pensare cosa sarà la Lombardia fra cinque anni…

limbiate-interfila

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Lascia un commento

Addio ai consultori?

Nel  Piano regionale di sviluppo, il documento programmatico della Giunta Maroni un po’ grigio, scontato e senza grandi novità, sono presenti alcuni “indirizzi” che inducono a perplessità.

E’ il caso, ad esempio, dei provvedimenti pensati per i consultori familiari. Per i prossimi anni si delinea, infatti, la volontà della Giunta di procedere ad una riforma dei consultori familiari che prevede la loro trasformazione in non ben definiti “Centri per la famiglia”, con funzioni di ascolto, orientamento e supporto psicopedagogico alle famiglie nelle diverse fasi del ciclo di vita.

Tale trasformazione snaturerebbe la missione e le funzioni che la normativa nazionale e regionale attribuisce ai consultori che , a quasi quarant’anni dalla loro istituzione, continuano a rappresentare una realtà estremamente moderna.

Si tratta di strutture finalizzate ad assicurare l’ informazione e l’ assistenza psicologica, sanitaria e sociale per la maternità, la paternità e la procreazione responsabile, la tutela della salute della donna, l’assistenza per i problemi dell’infertilità, dell’adozione e dell’affidamento.

Una rete, quella dei consultori pubblici, che andrebbe sicuramente ampliata e valorizzata, come andrebbe assicurato l’ampliamento degli organici sociosanitari, fortemente impoveriti negli ultimi anni.

I consultori rappresentano un patrimonio unico: non sono residui del passato, ma fondamenti per sistemi sanitari del futuro, volti a tutelare e promuovere la salute pubblica.

La Giunta Maroni pare invece voler scegliere una strada diversa, ancora circondata da un alone di mistero.

Di certo, senza la previsione di risorse aggiuntive non si potranno assicurare i servizi, né tantomeno le professionalità e la qualità degli stessi.

mamma-bimbo

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento

Lega e PDL non capiscono le preoccupazioni della Brianza e rinviano la mozione su Pedemontana e diossina

Per Lega e PDL di Regione Lombardia la realizzazione della Pedemontana nei territori brianzoli ancora oggi contaminati dalla diossina dell’Icmesa, nel 1976, non è una questione urgente. Lo hanno dimostrato in occasione dell’ultimo Consiglio, votando contro la trattazione della mozione che noi consideravamo, appunto, urgente, e in cui si chiede conto del rapporto tra la nuova infrastruttura e il pericolo di un intervento fatto su terreni inquinati.

Invece l’urgenza c’è, eccome. La gente di Brianza ha bisogno di avere risposte, di sapere se e quando si farà la Pedemontana, cosa c’è sottoterra, se esiste un reale pericolo, se verranno fatte le bonifiche…

PDL e Lega non hanno capito le preoccupazioni della popolazione, sottovalutando anche la portata di questo ennesimo intervento infrastrutturale.

Nella mozione io e gli altri firmatari impegnavamo il Presidente Maroni e la Giunta a verificare la correttezza d’esecuzione dell’opera attraverso un contradditorio di validazione con Arpa, ma anche a provvedere alle necessarie tutele della salute pubblica e ambientale in caso di sbancamenti di aree inquinate da diossina non bonificate e, quindi, ad attuare la bonifica delle aree che sarebbero risultate inquinate e il corretto smaltimento delle terre contaminate in siti idonei a riceverle.

Per coloro che abitano nei comuni attorno a Seveso e Meda il ricordo di quei giorni è troppo vivo per non temere che smuovere dei terreni, tutt’oggi da trattarsi con molta attenzione da parte delle autorità, sia pericoloso.

E questo la maggioranza che governa Regione Lombardia non lo ha assolutamente capito.images

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem | Lascia un commento

Acqua: urge una nuova legge

Il gruppo PD ha votato contro il Programma regionale di sviluppo della X legislatura, dopo l’analisi del documento fatta in VI Commissione Ambiente e Protezione Civile.

La nostra opinione è completamente negativa su un progetto per la Lombardia del tutto diverso rispetto al nostro modo di vedere lo sviluppo di questa regione e, in particolare, ciò che riguarda l’ambiente.

Con il capogruppo Giuseppe Villani e il collega Jacopo Scandella abbiamo evidenziato le gravi lacune: nel documento non si parla di cave, di energia, soprattutto per quanto riguarda la riqualificazione energetica degli edifici, di qualità dell’aria…

Una partita importantissima come il tema dell’acqua è stata affrontata dal Programma regionale in modo superficiale e ben poco analitico.

Sono, invece, tanti gli argomenti legati al servizio idrico integrato da esaminare e da decidere con urgenza: la maggior parte delle province non si è ancora dotata di un gestore unico, le infrastrutture vanno ammodernate per evitare la grave dispersione di questo prezioso bene, la legge regionale va riordinata perché inattuale ed inadeguata rispetto alle sentenze e ai referendum.

Si tratta, insomma, di lanciare una vera sfida per la X legislatura per ridisciplinare la materia “acqua” in tutti i suoi aspetti e in modo decisamente diverso da quanto è stato fatto fino ad oggi.

Pouring water into glass

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento