Archivi tag: treni

Nuovi treni: basta parole al vento, i pendolari meritano di più

NUOVI TRENI, SCANDELLA (PD): “BASTA PAROLE AL VENTO, I PENDOLARI MERITANO DI PIU’”

“Abbiamo chiesto a Sorte di presentare una volta per tutte i contenuti, le risorse e le tempistiche del piano di investimento straordinario che aveva preannunciato lo scorso 17 febbraio, promettendo il rinnovo del parco circolante con 100 nuovi treni – spiega il consigliere del PD Jacopo Scandella dopo il question time di questa mattina in Consiglio regionale sugli investimenti per il materiale rotabile della nostra regione -. La risposta è stata chiara: non c’è nulla. Nessun piano concreto, nessuna tempistica o priorità, mentre le segnalazioni continuano ad arrivare numerose e i disservizi, i ritardi e i guasti sono all’ordine del giorno nella vita dei nostri pendolari”.

“Basta parole al vento – conclude – i pendolari meritano un servizio migliore ed una comunicazione più onesta e concreta”.

 

Milano, 13 giugno 2017

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Treni: “Bene le guardie giurate. Ora serve investimento per la videosorveglianza”

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

COMUNICATO STAMPA

Treni, Scandella: “Bene le guardie giurate. Ora serve investimento per la videosorveglianza”

“La Regione risponde alle istanze dei pendolari che da tempo chiedono più sicurezza sui treni, soprattutto nelle ore serali. Un passo avanti che va nella direzione giusta”. Così commenta il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella la nota di regione Lombardia che annuncia l’arrivo da oggi di guardie giurate sulle direttrici di Bergamo, Treviglio e Como. “Non dimentichiamo che il grosso del lavoro lo fa la polizia ferroviaria – aggiunge -, che lamenta un mancata attenzione in termini di videosorveglianza, fondamentale per la buona riuscita delle indagini da loro effettuate. La repressione da sola non basta, serve un investimento della Giunta nella qualità dei convogli e delle nostre stazioni, che devono essere sempre più illuminate e vivibili”.

Milano, 15 aprile 2016

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato | Lascia un commento

Aggredita su treno, Alfieri e Scandella (PD): “Emergenza sicurezza non si affronti con provvedimenti spot”

Aggredita su treno, Alfieri e Scandella (PD): “Emergenza sicurezza non si affronti con provvedimenti spot”

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

COMUNICATO STAMPA

Aggredita su treno, Alfieri e Scandella (PD): “Emergenza sicurezza non si affronti con provvedimenti spot”

“Quanto accaduto sabato sera sul treno della linea Treviglio – Milano dimostra ancora una volta che la sicurezza a bordo treno è un problema grave che non può essere risolto con provvedimenti spot. Esattamente un anno fa, il 7 aprile 2015, la Lega aveva presentato un progetto di legge finito su un binario morto perché farcito di slogan e demagogia. Avevano annunciato corsi di formazione per il personale e pistoleri armati sui convogli. Non servono espedienti tampone ma azioni serie e mirate: il personale preposto alla sicurezza deve avere il titolo abilitativo di pubblico ufficiale così da poter avere libertà di manovra sulle carrozze mentre le stazioni devono tornare ad essere presidiate e non abbandonate a se stesse come accade oggi. Chiediamo a Regione Lombardia di investire risorse per integrare il servizio di polizia nelle ore notturne, le più critiche, attraverso un accordo straordinario stipulato con la Polfer”.

Lo dichiarano il segretario del Pd lombardo Alessandro Alfieri e il consigliere regionale Jacopo Scandella in merito all’aggressione avvenuta sabato scorso a una ragazza sul treno partito da Treviglio per Milano.

Milano, 21 marzo 2016

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Nemmeno un euro a bilancio per il rinnovo dei treni

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

Comunicato Stampa

TPL, SCANDELLA (PD): “PER I PROSSIMI ANNI LA REGIONE NON METTE NEMMENO UN EURO A BILANCIO PER IL RINNOVO DEI TRENI”

“Nonostante i mirabolanti annunci dell’assessore Sorte la previsione di bilancio regionale parla chiaro: per i prossimi tre anni non sono previsti investimenti per il rinnovo del materiale rotabile”. Lo denuncia il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella a seguito della discussione e votazione del bilancio di previsione per il biennio 2016-2018 questo pomeriggio in Commissione Infrastrutture e Mobilità. Il Partito democratico ha espresso voto contrario. “Quella che doveva essere una priorità vale zero nel bilancio regionale – spiega Scandella -. E’ sotto gli occhi di tutti la necessità di rinnovare sensibilmente il parco treni ma se fino ad ora vivevamo di speranze adesso i numeri lasciano poco spazio all’immaginazione. Ci aspettiamo uno sforzo in più da parte della Regione anche sul versante del trasporto pubblico locale: mancano circa 40 milioni di euro per garantire il servizio nelle province. Su questo punto presenteremo un emendamento ad hoc in occasione della discussione in Aula”.

Milano, 3 dicembre 2015

Pubblicato in Mobilità | Taggato | Lascia un commento

I disservizi colpa della mala gestione di Regione Lombardia

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

Comunicato Stampa

Trenord, Alloni e Scandella (PD): “I disservizi colpa della mala gestione di Regione Lombardia”

“Se non funziona il sistema di refrigeramento delle carrozze la colpa sarà anche del troppo caldo che manda in tilt l’impianto ma soprattutto della mancata programmazione e manutenzione che solitamente qualsiasi azienda di trasporto che si rispetti fissa già nel mese di marzo. Evidentemente per Trenord questa non era una priorità”. Così i consiglieri regionali del Pd Agostino Alloni e Jacopo Scandella commentano la nota con cui Trenord giustifica la soppressione di alcune linee per guasti all’impianto di raffreddamento dovuto al caldo e alla vecchiaia del materiale rotabile. “Rimaniamo allibiti di fronte a questo continuo scarico di responsabilità da parte di Trenord ma soprattutto del presidente Maroni e dell’assessore Sorte – spiegano -: sono anni che denunciamo la mancanza di un piano industriale serio, ma chi di dovere fa orecchie da mercante e continua a rinnovare il contratto di servizio senza verificare i risultati e senza modificare di una virgola il contenuto dell’accordo. Il mancato funzionamento del sistema di raffreddamento delle carrozze è solo la punta di un iceberg – continuano -: il paradosso vero è che i treni vecchi, compresi quelli revampizzati sui quali non è possibile abbassare i finestrini, vengono soppressi per mancanza di aria condizionata. Gli unici a beneficiare di questa situazione sono i numeri relativi alla puntualità dei treni, con buona pace dei tanti pendolari infuriati. Condividiamo pienamente la petizione #firmapendolare lanciata qualche giorno dal comitato bergamasco, ci auguriamo che con i mea culpa arrivino presto anche le soluzioni”, concludono.

Milano, 20 luglio 2015

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , | Lascia un commento

Risultati lontani dai proclami di gennaio. Puntualità scesa dall’ 82 al 77%

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

Comunicato Stampa

Trasporto ferroviario regionale, Bilancio PD sui primi sei mesi della gestione Sorte e Farisè

Scandella: “Risultati lontani dai proclami di gennaio. Puntualità scesa dall’ 82 al 77%”

“E’ il tempo di fare un bilancio del primo semestre della nuova gestione del trasporto ferroviario regionale”. Così il consigliere regionale del PD Jacopo Scandella ha esordito, questa mattina, in una conferenza stampa convocata al Pirellone dal gruppo regionale democratico per fare il punto della situazione e per verificare i risultati ottenuti in questi primi sei mesi da Trenord. “Sulla base dei dati raccolti riteniamo che il servizio ferroviario offerto sia ancora largamente insufficiente – dichiara Scandella – rispetto al 90% auspicato da Trenord ad inizio anno  ad oggi l’indice di puntualità nei giorni festivi nelle ore di punta è sceso in tre mesi dall’82 al 77% segnando un ribasso di ben cinque punti percentuali. Per non parlare del numero delle soppressioni, che tanto fanno infuriare i pendolari, che hanno subito sempre nello stesso periodo, un incremento di quasi 150 treni cancellati. Non si può andare avanti così -  aggiunge – senza un piano industriale serio e con una gestione da parte della Regione da dilettanti allo sbaraglio: ancora oggi non si conoscono con esattezza quanti treni nuovi circolano sulla rete ferroviaria regionale e quali linee servono – precisa -, per non parlare di quelli che ancora devono essere immessi sui quali a richiesta ufficiale all’assessore Sorte abbiamo avuto solo risposte vaghe”.

Ed è proprio sull’operato dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Sorte che il consigliere Scandella rivolge la sua critica. “L’assessore è un gran chiacchierone, abbiamo lasciato sei mesi di tempo a lui e all’amministratore delegato di Trenord di insediarsi e di operare per il bene dei pendolari lombardi. Tirando le prime somme possiamo dire con certezza che il piano puntualità decantato a gennaio è fallito. Una disfatta che diventa ancor più evidente se si paragonano i dati della Lombardia con il resto del nord Italia: la nostra regione è fanalino di coda – continua – segna uno scarto negativo che varia dai cinque ai dieci punti percentuali. Ad oggi, inoltre, ancora non è dato sapere come verrà riorganizzato il sistema ferroviario una volta concluso Expo. L’unica certezza è il piano di razionalizzazione annunciato per l’intero mese di agosto che svantaggia, e non poco, interi territori: penso ad esempio alla linea Cremona -Treviglio – Milano ed ai collegamenti da Milano verso Bergamo e Brescia”.

Milano, 9 luglio 2015

Materiale

  1. Nota di stampa tecnica
  2. Le slide della conferenza stampa
  3. Articolo pubblicato su l’Eco di Bergamo di giovedì 9 luglio
Pubblicato in Mobilità | Taggato , | Lascia un commento

Treni: sbagliato strumentalizzare, bene il ripensamento

Comunicato Stampa

Sicurezza treni, Scandella(PD): “Sbagliato strumentalizzare, bene il ripensamento in commissione sul progetto di legge della Lega”

“La sicurezza a bordo treno è un tema troppo importante per essere ridotto a mero oggetto di sterile polemica politica. Se una settimana fa il presidente Maroni istigava al farwest, oggi registriamo un ripensamento della maggioranza che ha deciso di ritirare il progetto di legge che mira ad introdurre misure che vanno ben oltre le competenze regionali. Se approvato così come è, il provvedimento è destinato all’ennesima impugnativa da parte del Governo. Se questo è l’obiettivo, non ci stiamo. Se invece si intende intervenire seriamente sulla questione, daremo il nostro contributo. Per il momento il giudizio è sospeso”. Lo dichiara il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella in merito al rinvio al prossimo 2 luglio dell’approvazione in Commissione Mobilità e Trasporti del dispositivo proposta dalla Lega Nord che chiede alle società di trasporto di farsi carico di installare un sistema di videosorveglianza che si compone da una rete di telecamere, da un apparato di acquisizione e memorizzazione delle immagini e da una centrale operativa per la loro visualizzazione e controllo e di conferire alle guardie giurate specifiche potestà di controllo dei documenti e dei titoli di viaggio dell’utente.

Milano, 18 giugno 2015

Pubblicato in Mobilità | Taggato | Lascia un commento

Sono due anni che annunciano gli stessi treni!

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

Comunicato Stampa

SCANDELLA (PD): LA REGIONE NON PRENDA IN GIRO I PENDOLARI, SONO DUE ANNI CHE ANNUNCIANO GLI STESSI SOLDI E GLI STESSI NUOVI TRENI

“Sono due anni che gli assessori regionali ai trasporti ogni sei mesi annunciano con enfasi lo stanziamento degli stessi soldi. Ora basta, la Regione non prenda in giro i pendolari!”.

Così il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella commenta l’ennesimo annuncio da parte dell’assessore regionale ai trasporti Alessandro Sorte dello stanziamento di 50 milioni di euro per l’acquisto di nuovi treni.

“È dal 2013 che annunciano l’arrivo di sessanta nuovi treni che però non arrivano mai. E ha ragione il sindaco Gori, sulla Bergamo-Milano di treni nuovi finora se n’è visto solo uno. L’assessore deve darsi una mossa!”, conclude l’esponente del Pd.

Milano, 18 giugno 2015

Pubblicato in Mobilità | Taggato | Lascia un commento

Rfi, Scandella(PD): “Si investa anche sulle linee dei pendolari”

“Si investa anche sulle linee dei pendolari”. Così commenta il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella, componente della Commissione Trasporti, il piano di investimenti 2014-2017 presentato questa mattina da Rfi. “La condizione dei pendolari è sempre più disagiata dovuta al sommarsi dei ritardi ormai costanti e ad un evidente peggioramento del materiale rotabile in termini di comfort, di pulizia e di sicurezza – spiega l’esponente del Pd – Nel piano di investimenti la provincia di Bergamo è del tutto assente nonostante transitino nella sola stazione orobica 10 milioni di passeggeri annui. Sono previsti 2 miliardi per la tratta ad alta velocità Treviglio – Brescia mentre per i treni dei pendolari nulla. Insieme al sindaco di Bergamo Gori avevamo inviato non più di un mese fa una lettera a Maroni proprio per chiedere un intervento su collegamenti non secondari su cui transitano passeggeri e merci che rappresentano il cuore del sistema produttivo lombardo, decisivi anche ai fini del buon esito di Expo 2015. Ma ad oggi zero risposte e solo treni sporchi e qualitativamente insufficienti”.

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Treviglio Centrale – il video

Questa mattina siamo stati a Treviglio, 8.15 in stazione per una conferenza stampa organizzata con i consiglieri PD della commissione trasporti.

Abbiamo sollecitato le istituzioni a darsi da fare contro la cancellazione di quattro coppie di treni sulla Milano-Venezia; un problema che interessa i pendolari lombardi di Bergamo, Brescia, Cremona e Milano.

Oggi è il Veneto che toglie i fondi sui treni, ieri erano il Piemonte e la Lombardia stessa. Per questo chiediamo al governo di convocare tutte le regioni del nord e risolvere la situazione, mettendo ognuno quel pezzetto di risorse oggi mancanti.

E poi i nuovi treni che non si sa dove vengano messi, le carrozze che diminuiscono, la pulizia, gli investimenti sulla mobilità ferroviaria che non sono più rimandabili.

Insomma, la “cura del ferro”.

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento