Archivi categoria: Cultura e sport

Dote sport: intervento SPOT della Lega che scontenta gran parte delle famiglie

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

COMUNICATO STAMPA

Dote sport
SCANDELLA (PD): “INTERVENTO SPOT DELLA LEGA CHE SCONTENTA GRAN PARTE DELLE FAMIGLIE”

Una presa in giro per le famiglie. Un intervento che così com’è sarebbe meglio non fare, perché lascia fuori il 90 per cento degli interessati. È stato perentorio Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd, quando questo pomeriggio è intervenuto per presentare l’emendamento su dote sport, nelle more della discussione del bilancio regionale, in Consiglio regionale.

“Dote sport è una sorta di sperimentazione di Regione Lombardia che vuol dare l’opportunità di praticare l’attività fisica anche ai ragazzi le cui famiglie non possono sostenere le spese, che di questi tempi non è poco – spiega Scandella -. Ma a bilancio sono stati stanziati 2 milioni di euro, suddivisi su due anni. Da quanto ci viene detto dai Comuni, che partecipano al bando e hanno il compito di redistribuire le risorse sulle loro comunità, praticamente il 90 per cento dei richiedenti rimane tagliato fuori, perché la cifra, per una regione da 10 milioni di abitanti, è davvero esigua”.

Il Gruppo del Pd ha presentato, perciò, un emendamento “per aumentare di 4 milioni di euro il capitolo relativo a dote sport, ma la Regione ce lo ha bocciato, sostenendo di averci già pensato – racconta Scandella -. L’assessore al Bilancio Garavaglia si è vantato di aver aggiunto ‘ben’ 200mila euro, come se potessero davvero cambiare il sostegno. Insomma, dote sport è il solito intervento spot della Lega che prima fa le cose, poi ci ripensa. A questo punto è meglio non farlo perché, distribuendo briciole, scontenta la maggioranza dei cittadini”.

Milano, 23 dicembre 2015

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Eredità di Expo: diffondiamo le buone pratiche

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

COMUNICATO STAMPA

Legge sul cibo
SCANDELLA (PD): “EREDITÀ DI EXPO: DIFFONDIAMO LE BUONE PRATICHE TRA I CITTADINI LOMBARDI”

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato oggi, martedì 27 ottobre 2015, all’unanimità, la legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo. “Può essere considerato un semplice elenco di buoni propositi, ma messi in pratica uno per uno possono produrre un cambio di marcia nell’approccio al tema cibo nella stessa attività legislativa di Regione Lombardia”, spiega Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd.

“Parlare di lotta alla povertà e di diritto al cibo per coloro che vivono in Lombardia significa anche riprendere in mano provvedimenti abbandonati come quello sul micro credito o affrontare in modo diverso discussioni come quella che stiamo per trattare sul reddito di cittadinanza – prosegue Scandella -. Ma, poi, penso al diverso modo di produrre cibo di qualità, di garantire l’eliminazione dello spreco e un certo stile di vita. L’importante è che questa legge diventi una vera e propria manifestazione di volontà e che abbia un riflesso esterno per far conoscere ai lombardi quanto si intende fare. Insomma, i buoni propositi per diventare buone leggi devono assicurare uno stretto contatto con la realtà e con i cittadini”.

E i dati parlano chiaro, in questo senso, aggiunge il consigliere Pd: “Nel mondo, ogni anno, ci sono 1,3 miliardi di tonnellate di cibo sprecati che potrebbero essere sufficienti per sfamare 4 volte gli 805 milioni di persone al di sotto della soglia di nutrizione. Anche la Lombardia è una realtà sulla quale bisognerebbe riflettere: noi attribuiamo lo spreco alle filiere industriali, ma più della metà è all’interno dei nostri frigoriferi. Sono necessari cambiamenti culturali e nella vita quotidiana di tutti i cittadini. Le istituzioni in questo hanno un ruolo fondamentale. Incentiviamo, dunque, le buone pratiche, come le mense dei poveri, il banco alimentare o il refettorio ambrosiano che ha sfamato i poveri con le eccedenze di Expo. La legge ora lo permette: non ostacoliamo, diffondiamo e incentiviamo il più possibile”.

Una legge che ha ancora più significato in questi giorni, dice Scandella: “All’avvio di Expo abbiamo approvato il provvedimento sul commercio equo e solidale. Alla conclusione diamo il via libera alla norma contro lo spreco di cibo: gli strumenti, dunque, ci sono, facciamo in modo che l’eredità dell’esposizione non venga persa, ma continui anche dopo questi sei mesi”.

Milano, 27 ottobre 2015

20151023_123742

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Idee e politica, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Le cose si possono fare, ci stiamo provando

Economia e Lavoro, Immigrazione, Giustizia e sicurezza, Scuola, Pubblica amministrazione: dalla Segreteria nazionale del Partito Democratico, cinque quaderni per conoscere quello che stiamo portando avanti alla guida del paese:

economia giustizia immigrazione pa scuola

Pubblicato in Cultura e sport, Economia e lavoro, Scuola, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Legge sullo sport: il mio intervento in Consiglio

Il mio intervento in Consiglio, durante la discussione della nuova legge sullo sport.

Tre gli obiettivi che ho provato a tracciare:

  1. Allargare la base: siamo ultimi nei 27 paesi OCSE per numero di bambini e ragazzi che praticano un’attività sportiva;
  2. Più sport nelle scuole: con le associazioni sportive del territorio, con i loro tecnici, allenatori e maestri;
  3. Sì ad un “Piano di Diritto allo Sport” in ogni Comune, per mettere in rete associazioni, scuole e famiglie in difficoltà.

QUI IL VIDEO dell’intervento.

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , | Lascia un commento

Le bugie sono gratis, i libri si pagano

“I soldi ci sono, possiamo ufficializzarlo (300.000 euro per il sistema bibliotecario di Bergamo). Il finanziamento non è stato inserito nel bilancio di previsione 2014 ma a giugno (luglio) con l’assestamento di bilancio riusciremo ad averli. Evidentemente il PD non ha capito quanto è già stato spiegato e sta creando una tempesta in un bicchier d’acqua.”

Cristina Cappellini, assessore regionale alla cultura, il 19 marzo su l’Eco di Bergamo.

Il 29 luglio abbiamo votato l’assestamento di bilancio: secondo voi, eravamo noi a non aver capito, o erano loro ad aver raccontato una balla?

Continua a leggere

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , , | Lascia un commento

8 dicembre: la mia scelta per un nuovo PD

Lo scrivevo nella newsletter: “la ricostruzione di cui abbiamo bisogno passa anche attraverso i partiti: non ce ne sono di storie, se un partito raccoglie le istanze dei territori per portarle nelle istituzioni, se si rapporta costantemente con le imprese, le parti sociali, i comitati locali, se è democratico al suo interno e contribuisce a formare una classe dirigente in maniera trasparente e partecipata, beh, allora svolge un ruolo indispensabile per la nostra democrazia. Non basterà un uomo solo, non basterà nemmeno un Partito solo. Perché oggi troppe persone sono convinte che quelle organizzazioni non servano assolutamente a nulla. Ma riscoprire il senso e la forza di una comunità che si muove, e che quindi diventa utile per i suoi cittadini, è il primo obiettivo del nostro Congresso.”

Detto questo, ho scelto di sostenere la candidatura di Matteo Renzi nella corsa a Segretario del Partito Democratico. L’8 dicembre si vota per scegliere una nuova linea politica che ci accompagnerà nei prossimi anni e la leadership sulla quale essa dovrà camminare. Il minimo che si possa fare, avvicinandosi a questo appuntamento, è un’analisi di quanto successo negli ultimi mesi.

Sembra passato un secolo dalle Primarie di dodici mesi fa: la vittoria di Bersani, la coalizione con SEL, la sconfitta elettorale cui seguirono l’elezione del Presidente della Repubblica ed il governo Letta. Un piccolo focus è necessario.

Le elezioni politiche di febbraio ci hanno detto qualcosa che non possiamo ignorare: di fronte all’offerta politica esistente (Berlusconi per il centrodestra e Bersani per il centrosinistra), 1 italiano su 2 ha scelto o di non andare a votare o di votare Grillo, mentre sono stati (indicativamente) più di 8 milioni gli elettori che hanno cambiato schieramento rispetto alle elezioni precedenti. Il quadro è quello di una società frammentata, nella quale ormai più della metà dei cittadini non si sente stabilmente rappresentata da nessuno; non si sente di destra, sinistra o centro, ed è quindi disposta a cambiare idea. Magari l’ultimo giorno prima del voto.

Lo sforzo, che tocca soprattutto a chi invece vive da sempre l’appartenenza al Partito Democratico, è quello di capire che se dentro i nostri circoli ci troviamo a discutere con persone che ancora si riconoscono nel centrosinistra, nei suoi attuali leader e che, salvo eccezioni, hanno sempre votato da quella parte e sempre la voteranno, fuori è pieno zeppo di gente disposta a dare fiducia ieri a Bossi, oggi a Grillo, domani a qualcun altro. Persone alla ricerca di idee nuove e facce credibili; una fetta di elettori sempre più consistente e, tra le altre cose, sempre più decisiva.

Di fronte a questo scenario, dunque, chiediamoci che Partito Democratico vogliamo. Possiamo scegliere di rappresentare al meglio il nostro “zoccolo duro”, il nostro elettorato più fedele, composto in gran parte da dipendenti pubblici e pensionati; possiamo farlo sperando di trovare qualcuno (speranza vana, di questi tempi) con cui allearci prima delle elezioni, per provare così ad ottenere la maggioranza ed il governo del paese. Possiamo farlo dando mandato ad un candidato premier di allargare il recinto del nostro consenso, ma siamo certi che un Partito non plasmato sulle sue idee possa reggere questa sfida? In parole povere, gli faremo fare la fine di Prodi?

Io credo in un Partito Democratico diverso. Un Partito che guardi al futuro, che sappia rigenerare entusiasmo e voglia di fare politica, che non abbia paura di proposte coraggiose, di perdere consenso nel proprio elettorato, di conservare invece che cambiare. Un PD che abbia l’ambizione di tornare ad essere interlocutore di grosse fette della popolazione (giovani, prima di tutto!) che oggi non ci considerano come tale. Che sia chiaro: nessuno lo farà per noi. O riusciamo, come Partito, a riconquistare la fiducia di quelle persone, oppure non riusciremo mai a governare davvero questo Paese.

Per farlo, dicevo, servono due cose: idee coraggiose e facce giuste. In estrema sintesi, parto dalle prime citandone alcune.

LE IDEE

Lavoro e rappresentanza
Siamo il terzo partito tra gli operai, mentre tra chi il lavoro lo crea, lo inventa, siamo ancora visti con diffidenza. Eppure rivendichiamo il ruolo di partito dei lavoratori!
C’è l’universo della cooperazione sociale, ci sono le imprese che investono “green”, i posti di lavoro creati grazie a Internet ed alle nuove tecnologie, l’artigianato e la piccola impresa, a maggior ragione in bergamasca. Costruire soluzioni anche per questi mondi deve essere il nostro obiettivo primario. Che si parli di riduzione delle tasse sul lavoro o di semplificazione burocratica.

Ammortizzatori sociali
In tutta Europa, negli ultimi vent’anni, gli assegni di disoccupazione sono stati fortemente ridotti a fronte di un pesante investimento nelle politiche attive del lavoro, nel potenziamento dei centri per l’impiego e l’avvicinamento di domanda e offerta, nella formazione professionale soprattutto over 45. La scelta è stata meno cassa integrazione, meno spesa passiva che disincentiva la ricerca di una nuova occupazione; più servizi, più formazione, con una rete di protezione sociale che si allarga anche a chi oggi ne è sprovvisto e coinvolge i Comuni e il terzo settore. E’ un’impostazione diversa da quella che abbiamo conosciuto finora. E non sarà certo semplice metterla in pratica. Ma nessuno lo farà al posto nostro!

Pensioni
Altro tema scottante, sul quale dobbiamo fare chiarezza. Spendiamo quasi la stessa cifra per erogare tutte le pensioni al di sotto dei 2500 euro e tutte quelle superiori a 2500 euro, gran parte delle quali derivano dal calcolo effettuato con il metodo retributivo, consegnando al beneficiario molto più di quanto effettivamente versato nella propria carriera lavorativa. Una volta funzionava così, ora non più. Non si tratta di un privilegio ingiustificato? Possiamo dire che in una situazione di difficoltà è indispensabile chiedere un sacrificio anche a queste persone? A volte sento dire: “non innestiamo una guerra generazionale tra vecchi e giovani!”

Di fronte a quelle pensioni (a maggior ragione quelle superiori ai 5000 euro), di fronte ad una disoccupazione giovanile al 40%, di fronte al fatto che chi fra i giovani ha la fortuna di lavorare spesso percepisce meno di 1000 euro, rendiamoci conto che quella guerra c’è già! Non può più funzionare il sistema per cui la pensione del nonno mantiene il nipote, e magari pure il figlio, perché o si recuperano risorse per dare lavoro ai giovani, oppure non ci saranno più nemmeno i soldi per pagare le pensioni.

Scuola
E’ l’unico vero ascensore sociale. Dobbiamo fare di tutto per investire nell’educazione.
Nel 2011 dicevamo che “non era maturo il tempo per una selezione del personale docente da parte dei dirigenti scolastici”. Credo ci voglia più coraggio: perché non promuovere meccanismi valutativi all’interno della scuola, con l’obiettivo di motivare la classe docente e premiare gli insegnanti capaci di trasmettere passione e curiosità ai propri ragazzi?
E poi, la prossima riforma, che nasca dal basso: metteremo in atto la più grande campagna di ascolto dei nostri insegnanti, dei genitori, degli alunni stessi e dei quasi 5000 assessori alla cultura vicini al Partito Democratico su tutto il territorio nazionale.
Il tema centrale, infine, è quello delle risorse: se crediamo nella scuola, dobbiamo piantarla di tagliare laboratori, tempo pieno, mense, borse di studio… Ed in questo senso il decreto Carrozza, con i suoi 400 milioni sulla scuola, ha segnato un’importante inversione di tendenza.

Non sono per forza i più importanti, ma sono alcuni spunti sui quali mi aspetto dal Partito un coraggioso cambio di rotta. Europa, fisco, servizi sociali, ambiente: le sfide sono tante e molto c’è in comune con gli altri candidati alla Segreteria.

LA FACCIA

Perché Renzi?
Ho scelto di sostenere Matteo Renzi perché ritrovo in lui lo spirito entusiasta e coraggioso che vorrei rivedere nel Partito. Sono convinto che dietro ad alcune semplificazioni, dietro ad alcuni slogan ad effetto, ci stiano contenuti forti che ho avuto modo di leggere e studiare ad esempio ne “L’Italia dei democratici” di Giorgio Tonini ed Enrico Morando o “Più uguali più ricchi” di Yoram Gutgeld, per citare alcuni dei sostenitori più celebri. Li trovo particolarmente centrati e adeguati ad un progetto di riforma radicale prima del Partito Democratico e poi del Paese.

Quattro
Ci sono quattro motivi che rendono Matteo Renzi unico tra i candidati in campo:

Renzi è l’unico ad aver capito per tempo quanto fosse dirompente l’esigenza di cambiamento nel nostro Paese; quanto la crisi e le mancate risposte della politica nell’ultimo ventennio avessero esasperato la voglia, sempre più diffusa, di affidare a persone nuove una nuova grossa responsabilità. Dall’etica ai costi della politica, per cominciare.

Renzi è l’unico ad avere l’occasione, se dovesse vincere in maniera “larga”, di attuare davvero questo cambiamento; perché nel Partito Democratico, dal 2007, il rinnovamento ha interessato tutti i livelli: dai circoli locali, ai segretari provinciali e regionali fino agli eletti nelle Istituzioni. Tutti meno la dirigenza nazionale. La stessa che ha avuto cinque elezioni politiche nazionali a disposizione per mostrare il proprio valore e che ci ha portati, nel bene e nel male, fino a qui. “Tra 12 mesi la ruota girerà”, disse Bersani. Ecco, ora è il momento di farla girare e dare una chance ad un gruppo dirigente radicalmente rinnovato.

Renzi è l’unico in grado di esercitare una leadership forte sul gruppo parlamentare; perché non dimentichiamoci che, dentro questa esperienza di Governo, l’obiettivo del PD deve essere quello di contare di più, di farsi sentire di più. Di dettare l’agenda con le proprie idee. Renzi può farlo, a partire dalla legge elettorale. Maggioritaria, a doppio turno, partendo dalla Camera, dove il PD ha la maggioranza. Aiutiamo questo Governo a lavorare meglio, portiamo a casa quelle riforme istituzionali troppo a lungo rimandate. Se non lo faremo, se il Governo Letta mancherà questo appuntamento, non ci salveremo. Non c’è Renzi o Civati che tenga.

Renzi è l’unico, tra i candidati, ad aver amministrato qualcosa. E’ l’unico che può essere giudicato sulla base di quello che ha fatto, non solo su quello che dice di voler fare. Perché, oltre alla filosofia politica, di cui è necessario nutrirsi, ci sta un Partito concreto, comprensibile e immediato. Prima di sostenerlo, ho letto molto sul suo operato a Firenze e credo che siano indiscutibili alcuni risultati importanti raggiunti durante il suo mandato: dalle pedonalizzazioni del centro al piano strutturale a volumi zero, dagli investimenti pesanti nel turismo, nelle aperture di musei e biblioteche al potenziamento degli asili nidi. Cose concrete, cose giuste. E di sinistra, se proprio vogliamo.

Beninteso, non basta essere un buon Sindaco per essere un buon Segretario o un buon Premier. E Renzi è una speranza, non una certezza. Ma sulla base di tutte queste osservazioni, sulla proposta politica e sul suo profilo, credo meriti un’opportunità.

Pubblicato in Blog Dem, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Scuola, Trasparenza | Taggato , , , , , | 1 commento

Diritto allo studio: non ci siamo

In commissione Cultura e Istruzione arriva il primo bilancio targato Maroni.

Se la nota positiva sono le rassicurazioni rispetto all’investimento nella formazione professionale per il biennio 2014-2015, sul diritto allo studio non ci siamo proprio.

Un breve riassunto
Lo strumento con il quale Regione Lombardia finanzia il “diritto allo studio” è la Dote Scuola, che si compone di diverse parti, tra le quali:
1) il buono scuola, dedicato alle famiglie di ragazzi iscritti alle scuole paritarie, introdotto per garantire la libertà di scelta;
2) il sostegno al reddito, pensato per la permanenza dei ragazzi meno abbienti nel sistema dell’istruzione statale;
3) il merito, creato per premiare gli allievi più brillanti;
4) la Dote Scuola per l’Istruzione e Formazione Professionale, che copre le spese di frequenza dei ragazzi iscritti ai corsi regionali di istruzione e formazione professionale;

Di fronte ai numeri presentati in commissione, la scelta della giunta Maroni è quella di mantenere sostanzialmente invariato il contributo di 30 milioni di € per il “buono scuola” sulle paritarie, mentre viene completamente azzerata la voce “merito” che premiava i più capaci e soprattutto viene drasticamente ridimensionato il “sostegno al reddito”: si passa da 23 milioni a soli 5 milioni per sollevare le famiglie più bisognose dall’acquisto libri e materiale scolastico, la mensa o il trasporto.

La dispersione scolastica in Lombardia raggiunge il 15%, e questa scelta mette in seria difficoltà chi già comincia da tempo a fare fatica sul serio. E’ una decisione folle che si fatica a giustificare se non con la volontà di creare più iniquità e disagio per i ragazzi e le ragazze che provengono da famiglie meno abbienti. Anche se meritevoli.

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica, Scuola | Taggato , , , , , , , , | 2 commenti