Archivi del mese: luglio 2016

Consorzi Forestali: bocciata la richiesta di rifinanziamento

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

COMUNICATO STAMPA

Consorzi forestali
SCANDELLA (PD): “VENTI GIORNI FA APPROVATA LA RISOLUZIONE PER RIPRISTINARE LE RISORSE. OGGI BOCCIATA LA NOSTRA RICHIESTA DI RIFINANZIAMENTO”

 Il Consiglio regionale della Lombardia ha respinto, a maggioranza, durante la seduta d’Aula di questo pomeriggio sull’assestamento di bilancio, l’emendamento che ripristinava le risorse di bilancio per gli interventi di gestione forestale che avrebbero salvato il posto di lavoro a circa 300 persone e sarebbero serviti agli importanti interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico. Lo fa sapere Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd, firmatario dell’emendamento, che è basito dalla decisione di Giunta e maggioranza:

Dopo aver approvato in Aula, solo 20 giorni fa, con 53 voti favorevoli, una risoluzione concernente lo sviluppo e il sostegno alla montagna, che nei primi punti del dispositivo invitava la Giunta ‘a ripristinare con urgenza le risorse di bilancio finalizzate agli interventi di gestione forestale e di prevenzione dei dissesti idrogeologici, riportando il valore dello stanziamento all’importo previsto nel 2014’, oggi il nostro emendamento che, appunto, ripristinava quei fondi è stato bocciato.

A Scandella non rimane che ricordare l’importanza delle risorse e la gravità della scelta fatta dalla Giunta Maroni e dalla maggioranza di centrodestra, che pure avevano approvato in linea di principio il rifinanziamento: “Quelle risorse finanziano, attraverso bandi emanati dalle Comunità montane, opere che assicurano la gestione forestale e la difesa del territorio montano dal dissesto idrogeologico. Ora non ci sono, dunque, più soldi per i tagli di utilizzazione, gli sfolli, i diradamenti, le cure colturali, la difesa fitosanitaria, gli interventi di realizzazione, la manutenzione ordinaria e straordinaria della viabilità agro-silvo-pastorale vietata al transito ordinario, le opere di sistemazione idraulico-forestale, i rimboschimenti e gli imboschimenti. E soprattutto si mettono così a rischio 300 posti di lavoro”.

Non solo: “La Lega si dimostra anche incapace di gestire i fondi europei, tenendo di fatto completamente congelate dal 2014 le risorse dedicate dal nuovo Piano di sviluppo rurale agli interventi forestali in territori montani. Il Psr prevede una dotazione finanziaria di 103 milioni di euro sulla misura rivolta alle aree forestali: l’unico bando emesso a oggi ha destinato 3 milioni di  euro ai pioppeti di pianura – prosegue Scandella –. Intanto l’assessore regionale all’Agricoltura Fava, in una lettera di soli due giorni fa, in risposta a una nostra interrogazione, dichiara ancora una volta che è in programmazione per il secondo semestre 2016 l’apertura delle operazioni a sostegno del settore forestale, senza dare ancora una volta tempi certi a un comparto in gravissime difficoltà, anche a causa dei ritardi accumulati nella gestione del Psr, su cui si sono persi ormai quasi 3 anni di attività”.

Scandella fa un ultimo appello: “Chiediamo al presidente Maroni e alla maggioranza di centrodestra una presa di coscienza e un’assunzione di responsabilità per i territori che a parole dichiarano di difendere”.

Milano, 27 luglio 2016

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Enti locali, Idee e politica, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Trasporto pubblico: da Regione le risorse necessarie

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

Comunicato Stampa

TPL, Scandella(PD): “Da Regione Lombardia le risorse per assicurare il servizio per l’anno in corso”

Il Consiglio regionale ha votato all’unanimità, nel tardo pomeriggio di oggi, un ordine del giorno all’assestamento al bilancio 2016 – 2018 che impegna la Giunta a stabilire annualmente le quote dei trasferimenti alle agenzie di trasporto pubblico locale al fine di garantire i sevizi per l’anno successivo. Il Partito democratico aveva presentato un emendamento ad hoc poi ritirato, in accordo con l’assessore al Bilancio Massimo Garavaglia, in quanto recepito nel provvedimento approvato in Aula. Soddisfatto il consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella: “Un’ottima notizia per le agenzie del trasporto pubblico locale con l’acqua alla gola e incapaci, in mancanza di liquidità, di assicurare il servizio nel proprio territorio di riferimento – dichiara -. Penso ad esempio a Monza e a Bergamo dove si correva il serio rischio di lasciare i pendolari del trasporto pubblico extraurbano a piedi. La Giunta regionale prende atto delle difficoltà economico finanziarie che vivono le diverse province e assicura per l’anno in corso il trasferimento delle risorse finanziate con il fondo del TPL e quindi la tempestiva copertura dei servizi”.

Milano, 27 luglio 2015

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , | Lascia un commento

Ok dell’Aula al referendum per la fusione di Cerete, Onore, Rovetta, Songavazzo e Fino del Monte

Gruppo consiliare del Partito Democratico in Regione Lombardia

COMUNICATO STAMPA

Ok dell’Aula al referendum per la fusione di Cerete, Onore, Rovetta, Songavazzo e Fino del Monte

Scandella (PD): “Progetto ambizioso per rendere ancora più efficienti i nostri comuni”

Questa mattina il consiglio regionale della Lombardia ha dato il via libera all’unanimità al Referendum consultivo per la fusione dei comuni di Cerete, Fino del Monte, Onore, Rovetta e Songavazzo in provincia di Bergamo e la denominazione del nuovo comune. “E’ un progetto ambizioso perché coinvolge molti comuni, per di più montani, che potrebbe rappresentare un esempio anche per altri -  dichiara soddisfatto il consigliere del Pd Jacopo Scandella – . Si tratta di cinque comuni che, con l’Unione dei Comuni della Presolana, hanno sperimentato una collaborazione che dura da oltre 15 anni. Un lungo fidanzamento prima di un matrimonio che non è quindi improvvisato. Parliamo di un territorio omogeneo: io stesso ho frequentato l’asilo a Songavazzo, le scuole elementari a Onore, le medie a Rovetta, ho un pezzo di famiglia a Fino del Monte e molti amici a Cerete… Questo per dire che tanti come me si sentono di appartenere alla propria comunità ma vivono con naturalezza una collaborazione tra i comuni che punta a rendere ancora più efficiente la macchina amministrativa. Giusto far proseguire questo percorso e dare la parola ai cittadini per il referendum del prossimo autunno”, conclude.

Milano, 12 luglio 2016

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Lobbying: approvato il provvedimento voluto dal Pd già un anno fa

Lobbying: “Approvato in Commissione il provvedimento voluto dal Pd già un anno fa per introdurre più trasparenza”

Soddisfazione è stata espressa dal consigliere Pd Jacopo Scandella per l’approvazione del provvedimento sulla disciplina della trasparenza dell’attività di rappresentanza di interessi nei processi decisionali pubblici presso il Consiglio regionale, la cosiddetta legge sul lobbismo. “La nostra proposta originaria era più ambiziosa ma accogliamo con favore questa legge, frutto di un confronto con le altre forze politiche e di un lungo lavoro con gli uffici del Consiglio regionale che pone una prima forma di regolamentazione dell’attività dei rappresentanti d’interesse. Non si vuole in alcun modo impedire la legittima rappresentanza di interessi – precisa Scandella – ma rendere trasparente e verificabile gli interventi sul processo decisionale. Lascia perplessi invece la decisione dei 5 Stelle di votare contro un provvedimento che non sarà perfetto, ma sicuramente rappresenta un primo importante passo verso la trasparenza”.

Milano, 6 luglio 2016

Pubblicato in Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Salvaguardare un’area di pregio come la Val Vertova

SCANDELLA (PD): “SALVAGUARDARE UN’AREA DI PREGIO COME LA VAL VERTOVA”

È stata approvata, questa sera, dal Consiglio regionale della Lombardia, la mozione sulla moratoria delle concessioni di derivazione nel bacino del fiume Serio. Favorevole anche il Gruppo regionale del Pd. “La Val Vertova deve essere salvaguardata da progetti di sfruttamento che non si addicono a un’area di pregio come questa – ha commentato Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd –. L’uso della risorsa acqua a fini energetici è importante per la montagna, ma, come in tutte le cose, non bisogna esagerare”.

Milano, 5 luglio 2016

 

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Montagna: ok alla risoluzione, ma servono 11 milioni

Montagna: SCANDELLA (PD): “OK ALLA RISOLUZIONE. MA SERVONO 11 MILIONI DI RISORSE”

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato, questo pomeriggio, la risoluzione per lo sviluppo e il sostegno della montagna. Favorevole anche il Gruppo del Pd che, però, ha tenuto a puntualizzare alcuni aspetti.

Al consigliere Mario Barboni il compito di fare il punto della situazione: “Ci sono montagne dove il turismo funziona e che riescono benissimo a sopravvivere, ma altre dove questo settore non decolla. Perciò, se vogliamo che la popolazione locale rimanga a vivere sul territorio, dobbiamo fare in modo di darle gli strumenti. Ed è importante che la gente del posto non se ne vada, se non vogliamo una montagna completamente inselvatichita, perché i residenti sono i primi a fare gli interventi di manutenzione del territorio. Questo significa preservare non solo le alte quote, ma anche la pianura che è la prima a pagare le conseguenze di una montagna trascurata”.

Come primo passo, per Barboni, “è importante dare risorse alle piccole imprese agricole montane, magari attraverso il Piano di sviluppo rurale, proprio per fare le manutenzioni: si aiuta chi vuole rimanere a vivere e lavorare in montagna e si preserva il territorio, appunto”.

Ma Barboni ha ricordato anche che la Regione ha istituito un “Comitato della montagna che non viene mai convocato, mentre potrebbe produrre valide idee da mettere sul tavolo della Giunta. Inoltre, è importante che si lavori a livello interassessorile, magari coordinati dal Sottosegretario alla montagna. E studiando delle strategie si può provare a dare una spinta in più a questo territorio e a queste genti”.

Il collega Jacopo Scandella ha calcato, poi, la mano sullo spopolamento delle terre alte, spiegando che “il nostro voto favorevole è condizionato a quattro punti: l’autogoverno della montagna, attraverso comunità montane o aree vaste, almeno per quanto di competenza; velocità nel fare i bandi sul Per: ci sono 103 milioni di euro a disposizione per le attività forestali e ancora nessun bando dedicato alle foreste di montagna; va rifinanziata la legge 31 con la dotazione del 2011, quindi non i 3 milioni di quest’anno, ma gli 11 milioni di allora, per mantenere in vita i consorzi forestali; i canoni idrici fanno introitare alla Regione 64milioni di euro, di cui 20 vanno alla provincia di Sondrio e pochi spiccioli vengono distribuiti alle altre province: serve un accordo quadro di sviluppo territoriale che li faccia diventare per tutti una risorsa stabile come per Sondrio”.

Senza questi 4 punti la risoluzione è “carta straccia”, per Scandella, che ha annunciato il voto positivo del Pd: “Se non procederete in questa direzione, racconteremo a tutti che a Regione Lombardia non interessa nulla della sua montagna”, ha chiuso Scandella.

Milano, 5 luglio 2016

Pubblicato in Territorio | Taggato | Lascia un commento