Archivi tag: lombardia

Smog e politiche regionali: la mia intervista – VIDEO

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Idee e politica | Taggato , , , | Lascia un commento

Avanti per la nuova Lombardia!

Sono certo che oggi pomeriggio la Direzione Regionale darà il via libera al nostro Segretario Maurizio Martina a proseguire nel lavoro di dare alla Lombardia un programma di reale cambiamento affermando quel patto civico per cui stiamo lavorando da tempo con una candidatura forte e autorevole come quella di Umberto Ambrosoli.

Oggi, la possibilità che la Lombardia diventi un laboratorio politico vero per esprimere una nuova classe dirigente è un obiettivo concreto e reale.

In questo quadro si devono mettere al primo posto le idee e i contenuti, saldando le energie del centrosinistra lombardo ed  espresse dalla società civile, dal mondo del lavoro, delle professioni, della cultura, dell’innovazione.

Scegliendo donne e uomini che aspirino realmente al cambiamento in ogni territorio di questa grande Regione. Condivido quello che abbiamo fatto finora, apprezzo la disponibilità di Ambrosoli e considero preziose le altre disponibilità emerse.

Un progetto positivo, dunque, molto ampio che non potrà che prescindere da una vera consultazione e che sarà articolata a partire dalle primarie, promosse proprio da tutti i soggetti della società civile e della politica, che sosterranno il programma e le candidature.

Abbiamo bisogno di una squadra forte, plurale, che tenga insieme le forze migliori di questa Regione e che chiuda definitivamente la fase della personalizzazione del potere.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Se Formigoni ha il coraggio, stacchi la spina!

“Il Pd e il Governo del Paese, il Pd e la Regione Lombardia, il Pd e il nostro territorio” è il titolo del dibattito pubblico che si svolgerà questa sera a Carbonara. Altra bella iniziativa per chiedere le dimissioni di Formigoni, le elezioni subito e per costruire la Lombardia del futuro. E’ del tutto evidente, infatti, come già affermato, che non basta chiedere e magari ottenere che il centro destra che attualmente governa la Regione Lombardia vada a casa. Tutto questo naturalmente è fondamentale per fare pulizia ma soprattutto per ridare credibilità, autorevolezza e stabilità al Governo regionale.

E’chiaro che mentre ci si impegna veramente per la realizzazione di questo obiettivo, nel contempo si deve lavorare per una reale alternativa programmatica.

Abbiamo veramente bisogno di contenuti, profondamente innovativi, soprattutto per quanto riguarda il lavoro e lo sviluppo, puntando sulla green economy, sulla difesa dell’ambiente, sulla difesa del suolo, sulla valorizzazione paesaggistica e territoriale di ogni parte della nostra Regione.

Di una sanità che funzioni meglio, che privilegi il settore pubblico, con nomine e incarichi che valorizzino merito, competenze, conoscenza dei territori. 

Di uno sviluppo dei trasporti pubblici su ferro e su gomma che metta mano complessivamente al sistema viabilistico e di mobilità, tenendo conto anche delle reti, che non vengono considerate principali, ma che servono migliaia e migliaia di utenti, lavoratori e studenti in particolare.

La Lombardia, insieme allo sviluppo industriale della piccola-media impresa e dell’artigianato, è una Regione a forte vocazione agricola. Da questo punto di vista in tutti i territori si devono sostenere distretti rurali e distretti agro-alimentari, coniugando innovazione, sviluppo del’agricoltura, ambiente e turismo. Partendo da queste linee programmatiche e da una nuova progettualità possono nascere le nuove alleanze sociali e politiche della Lombardia del futuro.

Il Pd intende essere sempre di più “il motore”per la realizzazione di questi obiettivi. Ecco perché la nostra richiesta di cambiamento non presenta davvero subordinate di sorta.

Qui da noi non ci saranno governi tecnici, presidenti del consiglio di garanzia o altre invenzioni. Per noi l’unica strada percorribile è quella di ridare la parola ai cittadini. Il centro destra è chiaramente nell’angolo, per uscirne deve avere la capacità di ripartire prendendo atto della reale situazione che stiamo vivendo.

A Formigoni e al Pdl lanciamo questa sfida: per il governo della Regione  e per la credibilità delle istituzioni.

Alla Lega diciamo questo: oltre alle doverose dimissioni di Renzo Bossi dal consiglio regionale, esiste anche la questione Boni, che un passo indietro effettivo da presidente del consiglio non l’ha ancora fatto.

 Ma la sfida va rivolta anche a Roberto Maroni: non bastano improbabili manifestazioni di orgoglio padano e goliardiche dimostrazioni “scopa-alla-mano” evocando la pulizia all’interno del movimento. Dimostri di saper rinnovare davvero mettendo mano alle vicende dei leghisti che non hanno ancora lasciato il loro posto nelle istituzioni. Ma soprattutto, se proprio si vuole usare la scopa, la sia usi per spazzare via un Governo profondamente deficitario come quello di Roberto Formigoni.

Se davvero Formigoni ha coraggio, stacchi la spina.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , , | 1 commento