Archivi categoria: Mobilità

Autostrada Broni-Mortara: Maroni è fuori dal mondo!

Il Presidente Maroni parlando di una serie di opere che ,peraltro, dovrebbe finanziare il Governo Nazionale e’ tornato a proporre la realizzazione della “Broni -Mortara- Stroppiana .Evidentemente Maroni non si e’ accorto che il 90%dei Comuni interessati insieme all’Amministrazione Provinciale hanno espresso parere contrario. Allo stesso modo si sono opposte con determinazione tutte le associazioni ambientaliste, i comitati e le associazioni degli agricoltori.

La provincia di Pavia ha bisogno di ben altro: la sistemazione dei ponti della  becca, della gerola, del ponte di barche di Bereguardo, di Salice T, della tangenziale di Belgioioso, della super strada Vigevano- Malpensa e sopprattutto del rafforzamento della rete Ferroviaria praticamente in tutte le tratte.

Pubblicato in Mobilità | Lascia un commento

Si costutuisca rapidamente il tavolo per il ponte di Bereguardo!

Il Consiglio Regionale si e’ espresso a larga maggioranza a favore della sistemazione del ponte di barche che attraversa il fiume Ticino in localita’  Bereguardo considerandolo un importante collegamento tra Milano/ Pavia e la Zona della Lomellina in vista di EXPO.Un ponte significativo anche dal punto di vista architettonico e per lo sviluppo turistico. Al riguardo diventa decisivo convocare il tavolo di confronto tra Regione, Provincia, Parco del ticino, Comuni interessati e comitato per la difesa del fiume come affermato in due occassioni dal Consiglio Regionale.

Pubblicato in Mobilità | Lascia un commento

Disagi ferroviari.Chiesta audizione straordinaria in Commissione Trasporti.

Proseguono i disagi che da domenica pomeriggio si stanno verificando sulle linee ferroviarie del pavese a causa di un malfunzionamento del nuovo sistema informatico per la gestione dei turni del personale introdotto proprio in concomitanza con il via dell’orario invernale. Assieme ai colleghi del PD della Commissione trasporti, ho richiesto al presidente Rienzo Azzi, con una lettera, di convocare con urgenza un’audizione dell’assessore regionale ai trasporti Andrea Gilardoni per relazionare in merito ai disservizi registrati in questi due giorni e sulle misure attivate per ripristinare la corretta operatività del servizio ferroviario regionale.

I pesanti ritardi e le numerose soppressioni occorsi tra ieri e oggi non possono essere solo giustificati da un problema al sistema informatico . Parliamo di ritardi tra i 40 e 50 minuti su un ordine di percorrenza di 30km. Le scuse non bastano, bisogna fare chiarezza per rispetto di tutti i pendolari pavesi che hanno vissuto due giorni di pura passione. Siamo consapevoli che l’attività istituzionale del Consiglio regionale sta vivendo la fase di gestione ordinaria delle attività che solitamente prevede l’attenzione ai soli atti indifferibili ma la situazione straordinaria e la vicenda che ha coinvolto l’Amministratore delegato di Trenord, Giuseppe Biesuz ci spingono a chiedere, con la massima urgenza, un’audizione in Commissione V dell’assessore Gilardoni per avere delucidazioni su quel che è accaduto e  per conoscere gli strumenti che saranno messi in campo per ripristinare la gestione del trasporto ferroviario lombardo. Ci auguriamo che venga accolta la nostra richiesta.

Il consigliere del PD infine chiede che chi ha avuto responsabilità nella vicenda deve risponderne in prima persona: “Alla luce di tutto quel che è accaduto ritengo che l’amministratore delegato Biesuz debba presentare le proprie dimissioni. E’ una richiesta che come gruppo abbiamo espresso prima ancora che le vicende giudiziarie prendessero il sopravvento. Il servizio ferroviario regionale è ancora in tilt e i pendolari sono allo sbando. La regione deve intervenire immediatamente affinché venga ripristinata al più presto l’operatività del servizio”.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Trenitalia mantenga il servizio di trasporto di InterCity sulla Ventimiglia-Milano

Nell’ambito del tavolo convocato recentemente dal Ministro Barca, in merito allo stato di attuazione del Contratto di Servizio 2009-2014 con Trenitalia, è stata ipotizzata la riduzione del Servizio InterCity sulla tratta Ventimiglia – Milano in favore del ripristino di altri servizi. Se questo provvedimento diventasse effettivo verrebbero penalizzati pesantemente tutti i pendolari lombardi che quotidianamente si recano da Milano a Genova e coloro che vivono nei centri intermedi medio piccoli come Pavia. A questo proposito ho presentato un ordine del giorno.

Se dovessero essere cancellati i treni intercity della linea Ventimiglia – Milano si arrecherebbe un serio danno a tutti i pendolari lombardi e liguri. Il Consiglio regionale della Liguria ha già approvato all’unanimità un ordine del giorno il 18 settembre scorso per sollecitare il governo a rivedere il contratto di servizio con Trenitalia e a salvaguardare questo collegamento.

Al momento in Regione Lombardia il tema non è stato ancora affrontato proprio per questo con l’ordine del giorno  in linea con quanto fatto già dai colleghi liguri, chiediamo alla Regione di intervenire nei confronti del Governo nazionale affinché riconosca l’importanza strategica per la Lombardia dell’attuale servizio di trasporto di Intercity e che quindi non metta in atto nessuna manovra di riduzione del servizio erogato.

 

 

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

La Giunta immetta nuovi treni sulla Milano-Pavia-Piacenza

 I treni che viaggiano lungo la direttrice che collega Milano Greco Pirelli a Piacenza, passando per i comuni pavesi di Pavia, Stradella e Broni, versano in condizioni critiche dovute alla pessima qualità del materiale rotabile, al malfunzionamento della rete, ai guasti ai passaggi a livello e al numero insufficiente di carrozze rispetto all’utenza e quindi quotidianamente sovraffollate. Condividendo le preoccupazioni dei pendolari e fatta sua la loro nota inviata a Trenord, farò un’ interrogazione all’indirizzo dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo per conoscere quali strumenti la Regione intenda mettere in campo per risolvere i costanti problemi che affliggono la linea.

Il sovraffollamento delle carrozze è una criticità che segna principalmente i treni della linea Stradella – Milano Greco delle ore 16.46 e Stradella – Milano Rogoredo delle 17.05.

E’ un problema che i pendolari hanno più volte segnalato a chi di dovere ma che fino ad oggi non ha portato ad alcun risultato.

Per questo chiederò all’assessore Cattaneo di venire in Commissione Mobilità per riferire in che modo la Regione intenda intervenire per garantire tempestivamente il ripristino della composizione dei treni, adeguata all’utenza specialmente nelle ore di punta. Ci interessa capire soprattutto quando verranno messi in circolo i nuovi treni e su quali direttrici.

Mi auguro vista l’urgenza, che le linee del quadrante Sud Lombardia non vengano snobbate ancora una volta come è troppo spesso accaduto.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Mancato riconoscimento bonus ai titoli ‘Io Viaggio’. La Giunta non ci prenda in giro.

 

Nella delibera regionale datata 18 aprile 2012 la Giunta lombarda stabilisce che sui titoli di viaggio denominati “Io viaggio” non è riconosciuto il bonus, un indennizzo per eventuali disservizi subiti, regolarmente valido sui tradizionali abbonamenti ferroviari regionali, nonostante vi sia un ordine del giorno presentato dal PD e approvato all’unanimità dal Consiglio regionale il 27 marzo scorso, che dica esattamente il contrario. Insieme al collega Alloni ho quindi presentato un’interrogazione all’indirizzo dell’assessore regionale alla Mobilità e alle Infrastrutture Raffaele Cattaneo per capire i motivi che hanno spinto la Giunta a “disconoscere bellamente gli impegni presi in Consiglio di comune accordo tra le varie forze politiche”.

Un mese fa abbiamo votato la Riforma del trasporto pubblico locale anche perché ci avevano approvato due ordini del giorno importanti: uno che impegna la Giunta a reperire fondi in bilancio da destinare al trasporto pubblico e l’altro, che appunto riconosce il bonus straordinario su abbonamenti particolari come ‘Io viaggio in famiglia’, ‘Treno città’ e ‘Ovunque in Lombardia’, introdotti dalla Regione a febbraio 2011.

Dopo neanche venti giorni la Regione ha evidentemente cambiato idea visto che in delibera non vi è traccia dell’ impegno assunto in Consiglio. La Regione non ci prenda in giro. Quando sfugge dal controllo dell’opposizione, o crede di farlo, sconfessa tutto il lavoro fatto insieme.Aspettiamo che l’assessore ci spieghi il motivo.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Legge sul trasporto pubblico locale votata all’unanimità:ora servono risorse.

Per la provincia di Pavia un passo in avanti, ma ora occorrono risorse. Ieri pomeriggio è stato approvato all’unanimità in Consiglio regionale l’articolato che disciplina il settore del trasporto pubblico in Lombardia. È un buon provvedimento che favorirà la mobilità sostenibile e promuoverà un sistema di governance su aree vaste. Questa è la prima legge di riforma del sistema del trasporto pubblico locale.

Una legge che arriva in forte ritardo rispetto alle richieste pervenute dal territorio. La responsabilità politica è da imputare esclusivamente a Formigoni che in 17 anni non ha colto la necessità di rinnovare un sistema nevralgico come quello del trasporto regionale.

Il testo approvato è il frutto di un lavoro condiviso. Rispetto alla formulazione della Giunta, sono state apportate modifiche importanti e migliorie tecniche. Sono stati accolti nostri emendamenti che correggono punti essenziali dell’articolato. Innanzitutto è stato ridotto il numero dei bacini da sette a cinque: in particolare per la provincia di Pavia si è tenuto conto della mia indicazione e della proposta avanzata dall’Assessore provinciale ai trasporti Michele Bozzano tesa a realizzare un bacino in grado di programmare e svolgere funzioni di programmazione e gestione nel pieno rispetto delle autonomie territoriali. Una rivoluzione nella gestione del trasporto pubblico che migliorerà notevolmente la programmazione su area vasta del servizio e porterà importanti benefici economici e per la mobilità.

 Un’altra novità riguarda la decisione di trasformare le stazioni ferroviarie in punti di snodo per la mobilità sostenibile: si favorirà così lo scambio ferro-gomma creando le condizioni per una intermodalità diffusa

Esprimo particolare soddisfazione per l’accoglimento di specifici emendamenti a favore del coinvolgimento degli utenti in prima persona. Nella definizione dei contratti di servizio infatti dovranno essere coinvolte per la prima volta in forma obbligatoria le associazioni dei consumatori e i comitati dei pendolari. La legge da sola non è sufficiente a risolvere le problematiche legate ai disservizi.

Per questo ho presentato un ordine del giorno, votato in Consiglio all’unanimità, che chiede alla Giunta di reperire maggiori risorse da destinare al trasporto pubblico locale.

Sarà ora importante un lavoro comune tra Regione, Provincia e associazioni dei pendolari per una puntuale applicazione della legge.

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Pavia-Codogno:la Regione investa sulla linea!

In Commissione Territorio del Consiglio regionale si è tornati a parlare della linea Pavia – Codogno: una tratta che tocca dodici stazioni e due province, Pavia e Lodi, totalmente inadeguata rispetto al traffico di pendolari, monobinario e ancora non elettrificata. Una delegazione di sindaci del quadrante Sud Lombardia, auditi su richiesta in Commissione, ha evidenziato tutte le criticità sollevate dai lavoratori e dagli studenti che quotidianamente lamentano carrozze fatiscenti, continui e pesanti ritardi delle corse e il numero insufficiente di vagoni.  Per la provincia di Pavia erano presenti i sindaci dei comuni di Belgioioso, Corteolona, S. Cristina e Bissone, Miradolo Terme e Chignolo Po: la preoccupazione espressa è la scarsa attenzione in merito ai disagi da tempo segnalati e la richiesta di un attento monitoraggio della linea da parte della Regione.

La Pavia – Codogno è una risorsa non valorizzata. L’assessore Cattaneo in occasione dell’inaugurazione della linea suburbana S13 si era impegnato a intervenire attraverso specifici investimenti conscio delle pesanti criticità dovute all’arretratezza della linea monobinario e ancora non elettrizzata. Ma ad oggi le aspettative sono state disattese. Il territorio chiede ancora una volta alla Regione di dare una risposta concreta alle tante promesse profuse in questi anni migliorando gli standard di servizio e rispondendo in maniera efficace alla domanda territoriale.

Ho chiesto inoltre di mettere in pratica una richiesta politica formalizzata dal Pd l’anno scorso con una mozione votata all’unanimità in Consiglio regionale. Con il documento si chiedeva alla Regione di indire un bando specifico mirato alla riqualificazione delle piccole stazioni ferroviarie con un eventuale contributo di soggetti privati interessati a riqualificare gli spazi di proprietà di RFI. A quell’impegno votato all’unanimità in Consiglio la Regione ha dato risposta parziale emanando il bando come richiesto dal PD ma senza mettere a disposizione nemmeno un euro.

I sindaci durante l’audizione hanno richiamato più volte l’attenzione sul problema dei ritardi, registrati sulla linea soprattutto nella fascia oraria di punta del mattino, che costringe gli studenti a presentare continue giustificazioni scuola. Su questa questione avevo presentato mesi fa un’interpellanza ad hoc con la quale chiedevo di rimodulare la tabella oraria dei treni della tratta Pavia – Codogno tenendo in considerazione gli orari scolastici. Ma anziché ritardare di circa dieci minuti la corsa delle 13,42 o a provvedere con un bus sostitutivo in concerto con gli orari scolastici, Trenord ha anticipato di qualche minuto la corsa peggiorando considerevolmente la situazione.

Ho riproposto la richiesta, fatta formalmente attraverso un’interrogazione a risposta scritta all’assessore Cattaneo, di riunire un Tavolo di quadrante per affrontare nella puntualità il problema che riunisca tutti i portatori di interesse e che coinvolga oltre ai comuni interessati anche la Regione, Trenord e i comitati dei pendolari. In questo modo si potrebbe risolvere una questione che ricade esclusivamente sul tema organizzativo degli orari e dei flussi di traffico prima della definizione dell’orario estivo.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Treni, l’assessore Cattaneo dice no al bonus straordinario. E’ un errore.

Stamattina in Commissione territorio, indetta in via straordinaria in Consiglio regionale, l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo doveva riferire in merito ad un’interrogazione, presentata dal PD, sui pesanti disagi al servizio ferroviario regionale registrati nelle ultime settimane. Ma per motivazioni formali si è rischiato di discutere su interrogazioni presentate nel luglio scorso posticipando, a data da destinarsi, quella relativa all’emergenza treni. Dopo la fortissima insistenza da parte del Partito democratico e il buon senso del presidente di Commissione, si è proceduto alla discussione del testo del PD. L’assessore Cattaneo ha precisato che non verrà concesso alcun bonus straordinario ai pendolari lombardi in quanto i dati relativi la gestione del servizio ferroviario regionale nel complesso dimostrano un miglioramento di servizio rispetto al 2010. In quanto firmatario dell’interrogazione, sono intervenuto sulla questione. Avevamo chiesto alla Regione di garantire ai pendolari un bonus straordinario per il mese di Marzo senza aspettare la pubblicazione degli indici di affidabilità. Ci sembrava una risposta dignitosa e corretta alle tante criticità emerse sulle linee che attraversano la provincia di Pavia in queste settimane. Il quadro da lui delineato, invece, descrive una realtà parallela lontana anni luce dalla quotidianità che il pendolare affronta ogni mattina. Se si prendono in considerazione i dati nella loro totalità, senza fare distinzione tra le singole tratte, in media il servizio potrà risultare sufficiente. Ma invito l’assessore a sciorinare i dati presentati oggi ai pendolari delle tratte del quadrante sud della Lombardia: si renderebbe conto che l’efficienza lombarda non corre lungo quella direzione. La nostra insistenza nel discutere oggi del servizio ferroviario non è dovuta ad esigenze di visibilità, come afferma l’assessore, ma perché volevamo che venissero date risposte concrete e puntali ai pendolari. Risposte arrivate ma parziali e totalmente insufficienti. Ho fatto inoltre richiesta formale di essere informato delle riunioni e dei tavoli relativi al trasporto ferroviario del quadrante Sud Lombardia. Non vorremmo continuare ad essere informati solo per mezzo stampa.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità | Taggato , , , , | Lascia un commento

Venerdì commissione straordinaria sulle inefficienze ferroviarie.I pendolari partecipino all’incontro!

Venerdì mattina, alle ore 11.00, è convocata in via straordinaria la Commissione Territorio e Mobilità in Consiglio regionale per l’audizione dell’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo chiamato a rispondere alla mia interrogazione in merito alle inefficienze del servizio ferroviario regionale aggravate dalla straordinaria ondata di maltempo che ha interessato la Lombardia. Vista la gravità della problematica e l’esigenza di un confronto diretto con le istituzioni ci auguriamo che la seduta di Commissione venga aperta anche al comitato dei pendolari, i diretti interessati della discutibile gestione del servizio ferroviario. Sarebbe un’ ottima occasione per l’assessore di dare tutte le spiegazioni necessarie che la situazione richiede e discutere sui provvedimenti che la Regione intende mettere in campo, per noi di avere quel confronto che avevamo chiesto già mesi fa ma che c’è stato negato, alla luce anche del tavolo tecnico che si terrà domani a Palazzo Lombardia tra assessorato e pendolari da cui siamo stati lasciati fuori. Spero che venerdì l’assessore accolga positivamente la nostra richiesta di bonus straordinario, valido per il mese di marzo, inserita nel testo dell’interrogazione. L’audizione offre una buona occasione per discutere assieme sul da farsi. Sarebbe un peccato sprecarla.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento