Archivi del mese: giugno 2013

Archiviata l’inchiesta che mi avrebbe visto coinvolto. Resta l’amarezza e una riflessione

La Provincia Pavese di questa mattina riporta in evidenza una notizia che mi riguarda. È una buona notizia, perché si tratta dell’archiviazione da parte della Procura della Repubblica di Pavia di un’inchiesta che mi avrebbe visto coinvolto, per una vicenda di frane e di opere connesse.
L’archiviazione non mi sorprende, perché non ho nulla a che fare con quella vicenda. Tuttavia c’è un motivo di amarezza e di riflessione: chi, come il sottoscritto, riveste ruoli pubblici – sono stato sindaco, consigliere provinciale e segretario provinciale del PD, prima di essere consigliere regionale – vive della considerazione che le persone hanno di lui. La credibilità si costruisce in anni di lavoro, con i comportamenti e con le scelte, spesso anche difficili, ed è un bene che può essere messo a rischio con grande facilità. Sono grato del fatto che mi sono stati risparmiati anni di attesa e di dubbi, e tuttavia non posso che considerare che una chiacchiera, una parola fuori posto, una calunnia di chi forse nemmeno conosco, rivolta verso il mio ruolo prima che verso la mia persona, mi ha guadagnato l’iscrizione in un fascicolo della Procura, con tutto ciò che questo comporta. A volte, in sintesi, non basta essere onesti per essere considerati tali.
Comunque, è bene tutto ciò che finisce bene. La prossima volta che mi occuperò della piaga delle frane non potrò non ricordare questa giornata.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Bloccare il caro ticket e rivedere la compartecipazione sanitaria

ticketUna mozione urgente per ripristinare la gratuità dei ticket sulle prestazioni che dal 1 giugno sono diventate a pagamento e per far sì che la Giunta vari, entro luglio, con l’assestamento di bilancio, la modalità di applicazione dei ticket sanitari. L’hanno presentata il Pd e il Patto Civico in Consiglio regionale e verrà discussa domani in Aula .
Chiediamo anche che i ticket non siano modulati sulla base del valore economico della prestazione effettuata bensì in base al reddito dei cittadini, applicando il principio della progressività. La trasformazione in attività ambulatoriale di alcune prestazioni che prima venivano effettuate gratuitamente in regime di day surgery come per esempio l’intervento di rimozione della cataratta e l’intervento del tunnel carpale, già aveva comportato per i cittadini lombardi, dal 1 gennaio 2012, il pagamento di un ticket più alto per poter effettuare quelle prestazioni; ora dal 1 giugno un ulteriore aggravio di spesa è stato aggiunto per prestazioni di tipo chirurgico che fino al 31 maggio venivano erogate in regime di gratuità.
E’ ora di cambiare registro procedendo ad un ampliamento della fascia di esenzione e all’introduzione di un regime di compartecipazione alla spesa più equo.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento

Sulla questione Merck, la responsabilità deve essere anche sociale

Mentre la Regione ha chiesto il tavolo istituzionale sulla crisi dello stabilimento Merck Italia a Pavia, che si terrà il prossimo 19 giugno a Roma, vorrei che l’asse del ragionamento si spostasse anche sul tema delle responsabilità imprenditoriali. E’ vero che esiste una responsabilità politica e delle istituzioni molto forte, ma c’è anche una responsabilità del mondo economico e imprenditoriale che è di carattere sociale. Non si può abbandonare uno stabilimento senza porsi il problema delle ricadute drammatiche che una decisione come questa può riversare sul territorio e sulla società locale.

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Via libera alla fusione dei piccoli Comuni lombardi che ne faranno richiesta

Via libera alle fusioni dei Comuni lombardi che ne faranno richiesta per ridurre le spese, assicurando una migliore offerta di servizi ai cittadini.

Negli ultimi anni i mutati rapporti tra Stato e Regioni e soprattutto la diminuzione delle risorse finanziarie, ha messo in difficoltà le piccole amministrazioni, spesso impossibilitate a gestire e fronteggiare il maggior carico di compiti. Nel corso di questi ultimi mesi si è fatta dunque ancor più stringente la necessità di agevolare forme di integrazione fra piccoli comuni in modo da ridurre le spese spettanti a ciascun ente (per esempio le spese relative alla stesura del PGT).

Lo stabilisce una risoluzione approvata all’unanimità nella Commissione speciale di riordino delle autonomie, presieduta da Giulio Gallera (PDL), e che settimana prossima andrà in Consiglio per il voto definitivo.

Sono soddisfatto – ha commentato Gallera – del voto unanime perché significa che tutta la Commissione ritiene prioritario accompagnare i Comuni che vogliono fondersi per ridurre le spese e allo stesso tempo garantire efficienza ai servizi dei cittadini”.
Il Presidente ha anche sottolineato come la Regione abbia dimostrato di essere in prima linea per promuovere e facilitare questa operazione fissando tempi certi per consentire quelle modifiche che i Comuni chiedono”.

Sono circa una cinquantina di Comuni che hanno manifestato la volontà di fondersi. Oltre la metà sono nella Provincia di Como.

Il lavoro della commissione dovrà ora proseguire nel sostenere i Comuni verso l’integrazione istituzionale, nell’accompagnare in generale il processo per la costituzione di nuove unioni e nuove convenzioni per la gestione associata dei servizi e soprattutto per favorire la costituzione della città metropolitana milanese.

 

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento