Archivi del mese: gennaio 2011

Treni tratta Pavia-Codogno: orari invariati fino all’estate

I treni della linea Pavia Codogno rimangono invariati fino alla prossima estate.

È quanto si apprende dalle risposte che l’assessore regionale alla mobilità Raffaele Cattaneo ha dato ieri in Commissione Territorio ad una mia interrogazione. L’attenzione è focalizzata sui disagi di studenti e lavoratori di Belgioioso, Corteolona, Santa Cristina, Chignolo Po e altri centri della provincia di Lodi, che si muovono in treno sulla linea Codogno – Pavia e che lamentano la scomodità degli orari dei treni di andata e di ritorno. In particolare, il problema  si pone per la questione del treno della mattina, che diventa incompatibile con gli orari scolastici ogni volta, e non è raro, che si verifichino ritardi. E poi del treno delle 13.40, troppo vicino all’orario d’uscita degli istituti scolastici per essere utilizzato da molti studenti, e troppo distante da quello successivo, che è alle 15,50.

Nessuna risposta su questo è giunta da Cattaneo, che ha annunciato una probabile soluzione con il nuovo orario, che entrerà in vigore in estate. Cattaneo ha anche ricordato che la linea, che serve 1500 utenti, ha avuto nei primi nove mesi del 2010 un indice di puntualità pari al 65%, con un miglioramento al 75% a ottobre.

In ogni caso si tratta di una performance negativa, ben lontana dall’85% previsto come accettabile dalla Regione; sottolineo inoltre che, nei due mesi successivi, la situazione è nuovamente peggiorata.

Cattaneo ha di fatto riconosciuto i problemi che gli abbiamo sottoposto, ma non ha saputo indicare soluzioni a parte una apprezzabile spostamento del treno di ritorno del pomeriggio. Ha dichiarato di aver interessato Trenitalia Le Nord, ma è chiaro che quella linea ha uno stato di sofferenza che rischia di esasperare i pendolari. Chiaramente non possiamo attendere soluzioni che non arrivano. Ci ritroveremo con gli amministratori locali e solleciteremo l’amministrazione provinciale a fare la propria parte per quanto riguarda gli orari, senza dimenticare gli altri problemi di qualità del servizio di trasporto e delle stazioni.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità | Taggato , , | Lascia un commento

Croce rossa: tregua, primo passo, ma non basta

Come prima cosa voglio esprimere la mia stima e la mia vicinanza a tutti i volontari della Croce Rossa che garantiscono buona parte degli interventi di emergenza, soprattutto nelle ore notturne. Guai se passasse il messaggio che esistono operatori di serie A e di serie B.

Detto questo, la situazione che si è creata fra Regione-AREU (Azienda Regionale Emergenza Urgenza), Croce Rossa e sindacati, ha portato ad uno stallo inaccettabile. Tutti i soggetti coinvolti devono fare un passo indietro per farne due avanti nell’interesse dei cittadini. Ieri si è ipotizzata una soluzione ponte che dovrebbe permettere a Croce Rossa di continuare senza interruzione il servizio fino a giugno 2011, senza tagliare posti di lavoro. Siamo contenti sia stata accolta la nostra proposta di prorogare fino a giugno le convenzioni, tuttavia la tregua di ieri pomeriggio è un primo passo ma non basta.

Tre sono ora le priorità per il Gruppo regionale del Partito Democratico:

  1. la Regione deve trovare altri 350.000 euro a titolo di rimborso parziale per l’IRAP.
  2. la Croce Rossa si impegni a garantire la stessa qualità del servizio erogata fin’ora e a salvaguardare le professionalità che meritano e che da molto tempo lavorano senza alcuna stabilizzazione.
  3. la Croce Rossa e sindacati avviino rapidamente un tavolo per superare le disparità contrattuali, ormai insostenibili, fra i diversi operatori dell’emergenza; in particolare dovranno essere recuperate risorse dalla revisione dell’attuale livello dei buoni pasto e dall’applicazione di un nuovo contratto in linea con quelli applicati dalle ONLUS che in Lombardia operano interventi di emergenza con simili standard qualitativi; la soluzione potrebbe proprio essere quella di trasformare i comitati locali della C.R.I. in ONLUS.

Per approfondire questi temi il Gruppo regionale del Pd ha chiesto una nuova audizione del Direttore generale di AREU e dei vertici di Croce Rossa per settimana prossima.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Taggato , | Lascia un commento

Proroga ai Comuni per approvare il PGT.La proroga è necessaria, purché sia l’ultima e si corregga il sistema

A Pavia ritardo di 145 Comuni su 190.La Regione intende prorogare di ulteriore anno e mezzo il termine per l’approvazione dei piani di governo del territorio. I comuni dovranno adeguarsi alla normativa vigente, approvata nel febbraio del 2005, entro e non oltre il 31 dicembre del 2012, anziché entro il 31 marzo 2011. La proroga si è resa necessaria per l’alto numero di comuni, oltre due terzi, che ancora non ha portato a termine l’iter di approvazione del PGT. Su 1543 comuni lombardi infatti solo 435, il 28%, ha concluso con successo l’iter di approvazione. Sotto la media il dato della provincia di Pavia, dove ha concluso l’iter il 24% dei comuni, 45 su 190 (il dato è aggiornato a fine novembre 2010).Secondo quanto prevede la modifica della legge, che è ora al vaglio delle commissioni regionali, i comuni non potranno però continuare a utilizzare i vecchi PRG approvando i relativi piani integrati se entro la fine di quest’anno, il 2011, non avranno almeno adottato (approvato in prima lettura) il proprio piano di governo del territorio. L’ennesima, necessaria proroga è motivata dal fatto che solo poco più di un quarto dei comuni lombardi ha già approvato il proprio PGT. Un problema legato alle complicazioni della legge urbanistica ma soprattutto alla mancanza di risorse, in particolar modo per i comuni piccoli. È giusto prorogare i termini ma c’è un evidente problema nel sistema se i comuni non hanno avuto modo di approvare il PGT o, peggio, se hanno avuto in alcuni casi convenienza a continuare ad approvare varianti e piani integrati sui vecchi piani regolatori, in barba alla nuova programmazione urbanistica. Noi abbiamo dato il nostro voto favorevole a condizione che sia inderogabilmente l’ultima volta e che, com’è scritto nel testo, non sia concesso ai comuni di continuare a programmare in deroga.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Si è concluso il Tour delle Stazioni

Si è concluso in questi giorni il Tour delle Stazioni. Vorrei ringraziare gli amministratori ed i circoli che ci hanno coadiuvato in questa importante iniziativa e che hanno contribuito attivamente alla riuscita dell’operazione. M anche i lavoratori delle stazioni che abbiamo visitato per l’accoglienza che ci hanno riservato ed i pendolari, grazie ai quali abbiamo potuto ben comprendere le reali condizioni del trasporto ferroviario. Siamo ora passati alla fase di aggiornamento definitivo dei dati raccolti, i quali verranno poi presentati ufficialmente in una conferenza stampa a Milano e nelle Province interessate, ma che serviranno soprattutto a dare forma ad una concreta proposta complessiva che presto faremo pervenire al Consiglio Regionale della Lombardia.

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Disguidi e ritardi rendono ancor più difficile la vita ai cittadini invalidi

Disguidi e ritardi stanno rendendo la vita difficile ai cittadini invalidi e alle loro famiglie, dopo che dal 30 luglio 2010 le competenze in merito al sistema di accertamento e concessione delle provvidenze economiche in materia di invalidità civile è stato trasferito all’INPS. Le domande per ottenere i benefici da parte degli invalidi devono essere presentate per via telematica all’INPS che le trasmette all’ASL per l’attivazione della visita di accertamento, che poi avviene in presenza di un medico inviato dall’INPS. L’INPS poi ha 120 giorni di tempo per provvedere all’attribuzione delle competenze economiche. Gli invalidi di Pavia, stanchi di aspettare ed esasperati dalle lunghe attese, si sono addirittura rivolti al Prefetto.Con l’entrata in vigore della nuova legge si è verificato, infatti, in tutte le province lombarde, un forte rallentamento sia nei tempi di attivazione delle visite, sia in quelli di erogazione delle provvidenze economiche. A Milano, per esempio, si sono verificate difficoltà nell’applicazione della  norma su cittadini affetti da patologie oncologiche, per i quali la tempistica è fondamentale e che dovrebbero avere un iter accelerato nell’espletamento delle pratiche.Per questo ho presentato un’interrogazione alla Giunta per chiedere provvedimenti immediati che evitino ai cittadini già pesantemente provati dalla malattia di dover subire ulteriori disagi causati da iter burocratici mal funzionanti e incomprensibili lacune nello svolgimento delle pratiche.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

“Sto dalla parte di chi vuole investire seriamente sulla ricerca”

 “La mozione del consigliere Vittorio Pesato (Pdl) è fuori tempo massimo e fatta sostanzialmente nella sede sbagliata. Esisteva una sede propria per sostenere una politica seria a favore dell’Università e della ricerca per sostenere e regolarizzare la situazione dei molti precari e per valorizzare la scuola pubblica pur senza contrastare ideologicamente il ruolo della scuola privata. Bastava che Pesato capisse e sostenesse come ha fatto il Pd sia a livello nazionale che regionale che anche locale una linea radicalmente alternativa alla proposta  alla “riforma” proposta dal Ministro Gelmini che è stata contrastata dagli studenti, dagli insegnanti e dai docenti, dal personale della scuola in genere e dai genitori. Sto dalla parte di chi vuole investire seriamente  per la ricerca, di chi vuole evitare la fuga dei cervelli e dei talenti all’estero, lasciando il nostro Paese per mancanza di  prospettive. Inoltre occorrerebbe sottolineare i pesanti colpi alla scuola pubblica primaria  e secondaria che sono stati effettuati con le finanziarie e con le varie manovre del Governo. Mi riferisco all’effettiva riduzione degli orari e degli spazi per le lezioni e soprattutto alla riduzione drastica di tutte quelle attività integrative pre-scuola, post-scuola  che con molti salti mortali i Comuni sostengono e che ora si vedono fortemente penalizzati dai tagli che sono stati effettuati anche in questi settori. Orami le famiglie, gli studenti, gli insegnati stanno pagando pesantemente una politica per la scuola e l’istruzione che più che rispondere a criteri di merito risponde alla volontà vessatoria del ministro Tremonti che con la sua politica di tagli sta drasticamente riducendo tutti i servizi essenziali”.

Pubblicato in Blog Dem, Cultura e sport, Scuola | Taggato , , , | Lascia un commento

“Subito un’audizione. Regione Lombardia trovi un accordo con Croce Rossa”.

 Subito un’audizione. Regione Lombardia trovi un accordo con Croce Rossa. Ne va del lavoro di decine di precari e della qualità del servizio di emergenza. Arrivare ad una soluzione in modo che venga riconosciuta la concessione del rimborso dell’Irap a Croce Rossa da parte di Regione Lombardia. E garantire il posto ai molti precari che rischiano di perderlo. E’ quanto mi auguro, in merito alla richiesta di rimborso fatta dall’ente alla Regione. Da parte sua Croce Rossa si impegni a salvaguardare la qualità del servizio erogato sul nostro territorio attraverso una presenza garantita, capillare e precisa così come a salvaguardare le professionalità che da molto tempo lavorano pur in un contesto di precarietà e senza alcuna effettiva stabilizzazione. Inoltre nei prossimi mesi bisognerà lavorare per superare le disparità contrattuali fra i diversi operatori dell’emergenza. In provincia di Pavia in particolare si parla di 100 posti di lavoro e di nove sedi della Croce Rossa. Il gruppo del Pd, su questo tema, ha chiesto il prima possibile un’audizione urgente con il dg di Areu e con i vertici di Croce Rossa Lombardia.

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento

Fonti rinnovabili:l’impianto eolico in Valle Staffora

La discussione positiva tra i Sindaci e gli amministratori della Valle Staffora e della Val Curone in merito alla proposta di eventuale costruzione di centrali eoliche, ma soprattutto relativamente alla necessità di arrivare rapidamente alla regolamentazione delle fonti rinnovabili, dimostra che molte volte dai territori e dal buon senso di tanti nostri amministratori arrivano quelle risposte che sia a livello provinciale che a livello regionale non si è ancora voluto prendere in considerazione seriamente. In particolare mi riferisco alla necessità  di arrivare come affermato anche dal commissario Asm Paolo Gramigna al più presto a definire linee guida per regolamentare in termini precisi le concessioni di centrali e impianti di varia natura, dall’eolico ai pannelli solari, al fotovoltaico, ecc. tenendo conto di non pregiudicare ancora di più i nostri territori e la loro vocazione naturale all’interno di uno sviluppo economico ed ambientale veramente compatibile. Il distretto energetico che sta prendendo corpo in termini di proposta può costituire davvero un esempio estremamente positivo. Un esempio che peraltro si lega all’interpellanza e all’ordine del giorno che ho già presentato in consiglio regionale per sollecitare una reale discussione che abbia come sbocco l’assunzione di precise responsabilità. L’iniziativa della comunità montana e degli amministratori di quella zona costituirà un importante impegno istituzionale con la massima disponibilità a lavorare come sempre insieme.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Sì al Referendum sull’acqua

La Corte Costituzionale ha espresso parere favorevole al Referendum proposto dai Comitati e dai Movimenti sostenuti dal Partito Democratico della Provincia di Pavia allo scopo di mantenere la Gestione Pubblica dell’acqua.
Si tratta di una buona notizia, che ci consente di proseguire, su un nuovo e più avanzato terreno, la nostra battaglia iniziata con la raccolta delle firme e proseguita a livello Istituzionale per modificare la Legge Nazionale ed  impedire che il Consiglio Regionale varasse, come ha fatto negli ultimi giorni del 2010, una legge profondamente sbagliata, attraverso la quale ha aperto alla privatizzazione, senza tenere nella giusta considerazione il ruolo degli Enti Locali e delle Aziende Pubbliche di gestione del servizio idrico integrato.
Da subito, quindi, si dovrà avviare il lavoro per la Costituzione dei Comitati aperti ai cittadini, agli Amministratori Pubblici, ai Movimenti e alle Forze Politiche disponibili ad impegnarsi per il SI al Referendum.
Così come si dovrà dare il via ad una grande campagna di informazione che coinvolga tutti i Comuni del territorio. Dal canto nostro, all’interno delle Istituzioni, faremo in modo che la data del Referendum sia la più vicina possibile.
Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Tutta la mia contrarietà al centro commerciale di Borgarello

Rimango contrario alla costruzione del centro commerciale di Borgarello. Abbiamo più volte affermato che insediamenti di così alto impatto con i territori debbono essere subordinati ad una logica programmatoria che la Provincia di Pavia e Regione Lombardia non hanno saputo mettere in campo. A questo si aggiunge la forte criticità dovuta alla vicenda politica che ha colpito il comune di Borgarello il quale ha subito lo scioglimento del consiglio comunale e che ora è retto dal commissario prefettizio, il quale avrebbe dovuto solo attenersi al puro e semplice espletamento dell’ordinaria amministrazione in attesa delle prossime elezioni. Le questioni prima sollevate, morali e di impatto ambientale, non possono essere superate da opzioni di tipo tecnico e burocratico. La decisione spetta ai cittadini ed ai territori.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento