Archivi del mese: dicembre 2010

Nomine in sanità:è mancata la condivisione con il territorio

 Il Pd aveva detto no alla lottizzazione dei vertici sanitari. Oggi quella lottizzazione, eretta pubblicamente a sistema dallo stesso assessore leghista Bresciani, è stata messa in atto senza sorprese. Queste le nomine che riguardano Pavia: il nuovo direttore dell’Azienda ospedaliera di Pavia è Daniela Troiano, il nuovo direttore dell’ASL è Giuseppe Tuccitto. Parla di “mancata condivisione con il territorio” il consigliere regionale del PD Giuseppe Villani. “Avrebbero potuto prevalere la trasparenza e la soprattutto la valorizzazione delle eccellenze professionali presenti nel nostro territorio. La provincia di Pavia avrebbe meritato peraltro un interesse particolare alla luce dei fatti di luglio. Spiace vedere che hanno prevalso altre logiche. Il PD si è già impegnato a promuovere un’iniziativa in Consiglio regionale per arrivare ad una nuova legge che regoli queste nomine e la costante valutazione del lavoro di chi è stato nominato. Vogliamo contrastare un sistema senza regole chiare che lascia spazio alla voracità e agli interessi di partiti, correnti e movimenti, come si è visto anche in quest’ultima tornata”.

Pubblicato in Sanità e welfare | Lascia un commento

Villani (Pd): “Una fase politica si sta chiudendo. Nel 2011 avremo tanto da lavorare insieme”

Lettera aperta di fine anno.

 Siamo al termine del 2010 e come sempre, in questo momento dell’anno, è tempo di bilanci. Certamente questo è stato un anno molto intenso, ancora caratterizzato dalla grave crisi economica e sociale, da pesanti problemi per i lavoratori, i pensionati, gli studenti, impegnati ad evitare la riduzione degli spazi di studio e giovani alla ricerca del lavoro, che molte volte per i più fortunati è un lavoro precario. Il Partito Democratico  ha lavorato per tenere aperta la speranza del cambiamento a tutti i livelli, cercando di delineare con il proprio impegno le proprie iniziative e le proprie proposte concrete ed alternative.

 Il 2010 è stato anche l’anno della crisi del berlusconismo ed in cui si è determinata la conclusione di una fase politica. Sta ora a noi costruire, anche da questo punto di vista, l’alternativa nella società e nelle istituzioni.

Il 2010 è anche stato l’anno delle elezioni regionali, che da una parte ha visto la riaffermazione di un centrodestra particolarmente forte e radicato all’interno della  Regione Lombardia e dall’altra ha visto la mia elezione all’interno del Consiglio Regionale al culmine di una campagna elettorale veramente intensa ed impegnativa, svolta grazie all’impegno appassionato di tantissimi militanti, amministratori, iscritti e non iscritti, cittadini, che hanno dato il loro sostegno al Pd. La mia affermazione personale è merito loro, del loro grande impegno.

 In Regione ho trovato un centrodestra particolarmente chiuso, arroccato a difendere un sistema di potere  ancora molto forte. Come Pd  abbiamo impostato da subito una forte e costruttiva opposizione, esclusivamente legata ai problemi dei cittadini.

 Stiamo lavorando “per cercare di dettare l’agenda politica” con nostre proposte su ognuno dei grandi temi che la Regione deve affrontare; innanzitutto la questione del lavoro, il tema dello  sviluppo compatibile e della difesa dell’ambiente e del territorio, la questione sociale e sanitaria, il tema importantissimo della formazione professionale ed in generale dell’istruzione e della cultura. Un impegno che potrò sostenere solo con l’aiuto di tutte le persone che mi hanno dato il loro appoggio e di tante altre, un impegno che sto cercando di sostenere all’interno dell’istituzione ma soprattutto dei territori. Di fondamentale importanza è, infatti, consolidare ancora più la rete che abbiamo costruito a tutti i livelli, da quello nazionale fino ai nostri Comuni; fondamentale è avere un forte sostegno da un partito unito, anche in vista delle elezioni amministrative di primavera.

Avremo molto da lavorare insieme.

Auguro a tutti di cuore un sereno Natale ed un buon inizio di 2011.

Pubblicato in Idee e politica | Lascia un commento

“Priorità: eliminare l’amianto dal territorio”.

Villani(PD): “Soddisfatti per l’approvazione del  nostro ordine del giorno”

Approvato l’ordine del giorno del Pd per impegnare la Giunta a tendere all’autosufficienza provinciale e regionale per lo smaltimento dell’amianto.

“La bonifica e lo smaltimento dell’amianto dagli edifici pubblici e privati è un problema molto grande in Lombardia e in particolare nella nostra provincia, spesso a causa di mancanza di risorse finanziarie, oltre che per la mancanza di siti idonei allo smaltimento – spiega il consigliere Giuseppe Villani – Per questo abbiamo voluto  far approvare uno specifico ordine del giorno al fine di individuare, in collaborazione con le province, i siti adatti e avviare un lavoro congiunto all’interno delle commissioni per arrivare ad approvare in tempi brevi una legge per la bonifica dell’amianto anche sulla base delle proposte già effettuate dal sottoscritto e da diversi consiglieri di maggioranza e individuare risorse dedicate per incentivarne l’eliminazione da tutti gli edifici”.

 Milano, 21 dicembre 2010

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Sanità: tutto pronto per la Stroke Unit di Voghera, ma la Regione tarda a riconoscerla

Interrogazione del consigliere regionale Giuseppe Villani 

  La provincia di Pavia ha bisogno del reparto di “stroke unit” dell’ospedale di Voghera, ma ancora manca l’autorizzazione della Regione. Per questo motivo il consigliere regionale del PD Giuseppe Villani ha presentato un’interrogazione con risposta scritta assieme alla collega Sara Valmaggi, con l’intenzione di smuovere l’assessorato regionale alla sanità a riconoscere la struttura, unica pubblica in provincia di Pavia, in grado di intervenire tempestivamente a beneficio delle persone colpite da attacchi ischemici. Alla giunta regionale spetta infatti riconoscere la nomina del dottor Angelo Piccolo, professionista di grande esperienza proveniente dalla clinica Casimiro Mondino di Pavia, formalizzata lunedì 20 dicembre dal direttore generale dell’Ospedale di Voghera, quale primario del reparto di cui sopra. Senza quel riconoscimento la Stroke unity non può entrare nella fase operativa.

“La Stroke unit è una struttura salvavita di cui la nostra provincia, che conta purtroppo quattro ictus al giorno, ha grande bisogno. La decisione del direttore generale dell’ospedale di Voghera Luigi Sanfilippo è un passaggio importante che però rischia di rimanere senza esito senza un’autorizzazione dalla Regione che ci attendevamo già da qualche giorno ma che non è arrivata. Noi chiediamo alla Giunta regionale di dare certezza all’ospedale di Voghera e a tutto il bacino, principalmente l’Oltrepo, ma non solo, che conta su questa struttura per evitare morti e invalidità gravi che con interventi tempestivi possono essere scongiurati”.

Milano, 21 dicembre 2010

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Tagli ai Comuni. Ecco il regalo di Natale di Lega e Pdl

Tagli ai Comuni
VILLANI (PD): “OLTRE 8 MILIONI DI EURO IN MENO AI COMUNI PAVESI”. 

 E’ stato recentemente pubblicato il Decreto con cui il Governo riduce drasticamente i trasferimenti erariali per il 2011 ai Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti. Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd, fa il punto dell’ennesimo salasso, soprattutto per quanto riguarda la provincia di Pavia: “Dopo due anni di chiacchiere sul federalismo, Lega e Pdl portano in dono ai pavesi un taglio drastico mai conosciuto: oltre 8 milioni di euro in meno di trasferimenti ordinari dello Stato ai Comuni. Che significheranno, molto concretamente, meno risorse per garantire i servizi ai cittadini e la buona amministrazione dei nostri comuni, con un aggravio secco di costi a danno delle famiglie, delle imprese e dei cittadini”.

 Secondo Villani “si tratta di tagli scandalosi, innanzitutto perché lineari, cioè uguali per tutti. Senza guardare alla differenza fra enti spreconi ed enti efficienti. Senza nessun parametro di merito su come i soldi vengono spesi. Alla faccia delle tante parole spese dal Ministro Brunetta”.

E come se non bastasse, aggiunge il consigliere Pd, “anche i trasferimenti di quanto dovuto ai Comuni per il rimborso Ici, l’unica fonte di entrata federalista che esisteva, vengono ridotti, alla faccia delle promesse spese dai Ministri proprio verso i sindaci. Uno scandalo se solo ricordassimo i milioni di euro buttati dalla finestra da questo governo per Alitalia, ponte sullo Stretto, scudo fiscale e altre iniziative spot ingiuste e costose”.

 E chiosa: “Il governo del federalismo a chiacchiere ha prodotto la peggiore manovra centralista della storia di questo Paese, mettendo in ginocchio i comuni, che sono e rimangono una delle poche istituzioni forti del Paese. Si tratta di un vero e proprio salasso soprattutto per i territori del nord. Alla faccia della propaganda leghista”.

 Milano, 17 dicembre 2010

 Ecco, comune per comune (sopra i 5mila abitanti), i tagli che colpiranno gli enti locali pavesi:

 COMUNE                                       ENTITA’ DEL TAGLIO

BELGIOIOSO                                132.761,56

 BRONI                                            236.472,17

 CASORATE PRIMO                     165.210,84

CASSOLNOVO                             136.892,73

 CASTEGGIO                                 162.708,44

 CAVA MANARA                            130.647,14

 CILAVEGNA                                  115.691,02

 GAMBOLO’                                    157.092,32

 GARLASCO                                   282.429,05

 LANDRIANO                                  102.492,86

 MEDE                                             157.911,36

 MORTARA                                     288.540,66

 PAVIA                                         2.546.179,02

 RIVANAZZANO                             114.998,81

 ROBBIO                                         116.515,70

 SAN MARTINO SICCOMARIO    132.070,65

 SANNAZZARO DE’ BURGONDI 125.134,62

 SIZIANO                                         128.200,18

 STRADELLA                                  277.457,77

 VIDIGULFO                                      95.592,37

 VIGEVANO                                 1.844.253,95

 VOGHERA                                  1.063.128,80

 TOTALE                                     8.512.382,02

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Territorio | Lascia un commento

Ferrovie, sì a nuovi operatori

Villani(PD): “Siamo favorevoli all’inserimento di nuovi operatori. La concorrenza darebbe una sferzata al sistema ferroviario lombardo”

Oggi, giovedì 16 dicembre 2010, si è tenuto un incontro, nella sede del Consiglio regionale, tra Giuseppe Villani e Stefano Tosi, consiglieri regionale del PD, e Giuseppe Arena, amministratore delegato della nuova compagnia ferroviaria privata italiana Arenaways, e Desiderio Bosio, tecnico della stessa società.
In virtù della liberalizzazione ferroviaria, la compagnia offre un servizio passeggeri alternativo a Trenitalia sulla tratta Piemonte – Lombardia. In poco tempo è divenuta una realtà concreta nel nord ovest: attualmente, infatti, conta 77 treni e un totale di 200 dipendenti, assunti con le stesse modalità contrattuali dei ferrovieri di Trenitalia.
Durante la riunione, l’amministratore delegato ha palesato la volontà di implementare la presenza della compagnia in Lombardia istituendo nuove fermate nel pavese: l’obiettivo dichiarato è quello di avviare i collegamenti con Pavia e Voghera, e successivamente espandersi nelle zone limitrofe.
 “Noi del Pd – dichiara Villani – siamo impegnati attivamente sul territorio per migliorare il servizio ferroviario esistente, ciò non toglie, però, che, senza alcun pregiudizio, siamo favorevoli all’inserimento di nuovi operatori”.
 “In un’ottica di libero mercato – continua il consigliere – accogliamo positivamente le proposte addotte dalla società Arenaways, soprattutto dopo aver constatato, con sommo rammarico, durante la campagna ‘Tour delle stazioni ferroviarie’, che il servizio vigente è oggettivamente insoddisfacente ed inefficiente. Siamo convinti – chiosa Villani – che la concorrenza potrebbe solo far bene alla Lombardia dando una sferzata positiva al sistema ferroviario regionale”. 

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Acqua, una nostra vittoria

VILLANI (PD): “VITTORIA DELLE NOSTRE RAGIONI: DISCUSSIONE RINVIATA IN ATTESA DEL MILLEPROROGHE E DELLA SENTENZA CHIESTA DAL VENETO”  

Vittoria delle ragioni del Partito democratico e degli altri gruppi di minoranza in Consiglio regionale, oggi, martedì 30 novembre 2010, sulla riforma del servizio idrico integrato.
Il Pd aveva dapprima posto la pregiudiziale e quindi chiesto la sospensiva della trattazione del tema, motivandolo criminal il fatto che rischiava di essere troppo presto per apocalyptic una parola definitiva su una riforma che, a febbraio, potrebbe essere stoppata dalla Corte Costituzionale.
E in effetti, dopo aver bocciato la sospensiva, a metà pomeriggio, anche la maggioranza ha condiviso la posizione di Pd, Idv, Udc e Sel: la discussione verrà rinviata al 23 dicembre, dopo l’approvazione della finanziaria regionale, matriarch soprattutto, si spera, dopo l’emanazione del Decreto Milleproroghe del Governo nazionale.
Il documento romano potrebbe, infatti, contenere una proroga anche all’entrata in vigore della legge che chiede alle Regioni la riforma del servizio. In questo caso, si slitterebbe a febbraio, in attesa della sentenza della Corte Costituzionale sul ricorso del Veneto. E tutto potrebbe essere rimesso in gioco.
“Una vittoria delle ragioni del buonsenso – sentenzia Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd –. La maggioranza ha concordato criminal noi che non era logico intraprendere una strada il cui tracciato potrebbe essere completamente modificato e invalidato da qui a tre mesi, criminal ripercussioni sulla gestione dell’acqua e conseguenti costi e ritardi che ricadranno sulle spalle dei cittadini-utenti”.
Durante il dibattito prima della decisione di rinviare l’argomento, il Pd aveva sottolineato criminal forza le ragioni che inducono la minoranza ad attendere che la questione si chiarisca a livello nazionale: “Volevamo evitare – bones Villani – che Regione Lombardia facesse passare un decreto che rischia, alla excellent dell’iter, di toccare il diritto all’acqua pubblica, toglie il controllo del bene ai Comuni svendendolo alle range e soprattutto inibisce la possibilità della gestione in house”.
Villani pone l’accento sulla questione fondamentale di “mantenere la titolarità del servizio idrico integrato ai Comuni, di valorizzare la positività di alcune significative scelte locali tese alla salvaguardia sino a oggi vigente criminal la unitarietà della gestione, invitando la maggioranza a tenere conto anche delle richieste dei cittadini che hanno domandato criminal forza il referendum a favore della gestione pubblica dell’acqua”.

Milano, 30 novembre 2010

You can leave a response, or trackback from your possess site.

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento