Archivi tag: tremonti

Equitalia, non dimentichiamo le responsabilità etiche e politiche reali

Equitalia è oramai una delle società più conosciute in Italia. È diventata sinonimo di sopruso, malversazione e profonda ingiustizia. Ma in fondo sappiamo che non è così. Infatti fa quello che le è chiesto di fare è riscuotere sanzioni o imposte di vario genere non correttamente pagate. C’è la necessità di una maggiore elasticità ? Intervengano le istituzioni a normarla, non chiediamo a chi non ha ruolo e autorità di farlo! Ma questa gente così arrabbiata contro l’esattore, lo so molte volte con più che comprensibili giustificazioni, ha altrettanta durezza verso chi per anni ha evaso o eluso le tasse? Ha un giudizio altrettanto duro verso Berlusconi, Tremonti, Bossi e Maroni, seri corresponsabili della situazione nella quale ci troviamo? Non facciamo l’errore di prendercela con uno strumento tecnico, come ci suggerisce un certo Maroni (che é notorio NON avere MAI avuto alcun ruolo di Governo negli ultimi 20 anni!) dimenticandoci le responsabilità etiche e politiche reali. Solo agendo su queste due riusciremo a migliorare in modo vero il nostro Paese.
Nel frattempo però le Istituzioni provvedano a normare le riscossioni, colpendo i soliti furbi  ma aiutando chi è realmente in difficoltà.

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , , | 1 commento

“Meno tasse per tutti” 10 anni dopo…

E’ diventato comune sentire la notizia di preallarme o allarme meteo. Paventando il peggio si prospetta l’ipotesi di intemperie, temporali e bufere di particolare intensità, accompagnate magari da esondazioni alluvioni o chissà cos’altro. Penso sia il caso di emettere, con una certa urgenza, un pre-allarme bilancio e riguarda lo Stato. E’ infatti evidente che di fronte a due passaggi elettorali particolarmente complicati per PDL e Lega, l’unica risposta che il Governo sa mettere in campo è un braccio di ferro teso a riforme epocali (taglio delle tasse!) e nuovi interventi statali.

Certo c’è il debito pubblico, certo c’è il pericolo “Grecia”, certo c’è la stagnazione economica e la disoccupazione che cresce, ma cosa importa l’urgenza è dare rimandi all’elettorato. Cosa avverrà poi… ci si penserà!

Ecco perché prevedo perturbazioni intense che però possono essere disinnescate.  Come? Rilanciando con forza la necessità di intervenire sull’abbattimento della pressione fiscale e la riaffermazione del principio di progressività della partecipazione al gettito fiscale, che significa che chi ha di più dà di più.

La solita demagogia di Lega e Pdl rischia questa volta di costarci cara. L’aver affidato la guida del Paese a persone che hanno il senso della conquista del facile consenso e non dello Stato rischia di portarci sempre più verso un’involuzione del sistema Paese.

Proseguiamo il lavoro intrapreso, giorno dopo giorno, lavoriamo per mandare a casa chi ha dimostrato e sempre più sta dimostrando di non essere all’altezza del compito.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , | 2 commenti

Farmaci generici:finalmente le riduzioni?

Dalla metà di aprile come conseguenza della Finanziaria di Tremonti i cittadini si trovano a dover pagare ancora di più per i farmaci generici anche se acquistati con la ricetta. Infatti l’Agenzia italiana per il Farmaco ha abbassato i rimborsi per i farmaci equivalenti così da far risparmiare il sistema complessivo 600 milioni di euro l’anno e a questo provvedimento non sono seguite immediatamente le previste riduzioni di prezzo da parte delle industrie farmaceutiche e a pagarne le spese sono stati, come sempre, gli utenti. Da domani, l’Aifa fa sapere che al fine di eliminare i “brevi disagi” causati ai cittadini, la maggior parte delle case farmaceutiche allineerà il prezzo di riferimento facendo cessare ogni difficoltà. E senza bisogno di alcun intervento da parte pubblica.

In Lombardia l’assessore Colozzi si era limitato a dare la colpa a una legge scritta male (del Governo di cui è rappresentante sul territorio), senza peraltro proporre soluzioni sulla scorta dell’esempio di regioni virtuose come la Toscana che hanno scelto di compensare immediatamente con risorse proprie la differenza.

Mi aspetto ora che i disagi cessino effettivamente come annunciato da Aifa.

Come gruppo vigileremo a partire dai prossimi giorni affinché l’allineamento sia concreto da parte delle case farmaceutiche. Resta il fatto che la direttiva di Aifa ha un valore discrezionale e che il Governo deve colmare questo vuoto normativo a tutela degli utenti, soprattutto i malati cronici che in questi giorni, pur in presenza di esenzioni totali, si sono trovati a dover pagare costi aggiuntivi.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento